in post che mi ricordano ricordi...

Mi imbatto in una blogger che, per mea culpa mea culpa mea grandissima culpa, non sapevo fosse una scrittrice di quelle toghe, di quelle che viene pubblicata nientepopodimenoche da Bompiani...

...e pensare che mi ha pure commentata più di una volta, corpo di mille balene...

E' un po' come quando Mirko Ronzoni e La Pina mi hanno messo il like su un commento alle loro foto Instagram, ero gasata senza un vero motivo...

O quando commento un articolo sulla pagina Facebook di Vanity Fair, e gente di tutta Italia si complimenta o mi da man forte...

Cioè, hai il solo merito di stare ore ed ore sui social, e di saper mettere insieme due pensieri e quattro parole in italiano corretto... e mica sempre, e mica per sicuramente!

Comunque, dicevo, leggo e seguo e mi interfaccio con una blogger che ha pubblicato un libro che pare essere molto caruccio (ma mi riprometto di investire dei soldini, nell'acquisto dello stesso) e che parla di dolci ricordi, e di quelli che terrei con me più volentieri se domani la mia testa andasse in pappa.

Lei è TiAsmo che poi si chiama Enrica Tesio, ed il post celebrativo sul suo libro lo trovate cliccando qui, ed io oggi scriverò un post pensando al post che ha scritto lei.

Che cosa vorrei ricordare?
Quali sono i ricordi più da ricordare?
Quelli dai quali non ho voglia di separarmi e che lo so che mi staranno addosso, e dentro fino a quando non saprò più chi sono, perché loro sono me...

La SuperNonna che imbocca me e Jn sul divano.
Una cucchiaiata di latte e biscotti al Plasmon a me, una a lei.
Lo zucchero talmente abbondante, da rimanere intero sotto i denti.
Il rivolo liquido che viene raccolto amorosamente dal piccolo mento.
Il sapore che continua a tornarmi in bocca, e nella mente.

La paura del chiuso,
alla festa di compleanno della mia compagna Jessica,
che aveva ideato quell'innocente ma terrorizzante gioco,
che prevedeva che stessimo a turno nel baule della macchina della madre.
Ed io che sentivo il terrore salire,
la vista appannarsi,
ed il respiro annullarsi.
Sono uscita da gradassa, senza fare la minima piega,
e poi la sera nel letto ho pianto tra le braccia della SuperMamma,
perché ero stra-convinta che sarei morta.

Il richiamo di Quella voce.
Quell'estate in Sardegna,
dove l'anoressia ed una polmonite terribile mi stavano rimandando al Creatore,
ed in spiaggia mi ero addormentata,
ma non era sonno,
e Qualcuno, Qualcosa, non so,
mi ha chiamata,
ed io non volevo riaprirli gli occhi,
ma poi li ho aperti,
ed ho combattuto,
ed ho vinto,
cazzo se ho vinto.

La varicella,
che il Paparotto ci ha scoperto un sabato pomeriggio,
mentre facevamo il bagnetto,
e poi è andato a comprarci zucchero filato che ha steso sul giornale,
ed una VHS delle Tartarughe Ninja,
perché era la festa di san Faustino.

La SuperMamma che non c'era mentre io facevo la maturità,
lei, la mia roccia, lei che si sgretolava,
lei, che mi obbliga a diventare grande,
mentre avrei diritto di essere piccola, superficiale ed egoista, 
e che devo mettere la testa a posto, crescere a 360 gradi, 
smettere i panni della ragazzina...

Il viaggio in auto per arrivare a Mendrisio, 
mentre scorrono canzoni demenziali alla radio,
io e Jn ci prepariamo a mangiare nell'autogrill più bello d'Italia,
a fare shopping in uno dei centri commerciali più favolosi d'Europa,
e a trascorrere il primo di tanti fantastici weekend tutti nostri!

Giocare a "nomi cose fiori e città"
con i compagni di banco del liceo,
e la Beba che scrive Torsola come nome femminile con la T
dando come motivazione san Torsola...

Il primo ti amo di Brivido.
Detto come un ricatto, dopo nemmeno un mese che ci conoscevamo, 
una sera d'estate che c'era un clima perfetto ed una piazza gremita ad aspettarci... 
E' stato perfetto, perché esattamente come noi: anti-convenzionale, fuori luogo, 
folle a tratti e speciale... 

Il messaggio della mia dottoressa, 
che mi dice che la mia amica Marta non c'è più...
ed è stata la prima persona della mia vita ad andarsene.
Ed è stata durissima, veramente difficilissima da digerire...
E non c'è giorno che io non pensi a lei,
alla mia Marta, a quella piccola grande donna per la quale ho promesso di impegnarmi 
a vivere con la V maiuscola... 

...e mi fermo...
perché ci sono tantissimi altri ricordi che mi affollano la mente,
ma questi sono quelli che mi piace ricordare adesso,
in questo preciso momento... perché sono quelli che mi fanno sentire me.
Non lo so mi sento strana,
perché ci sarebbero altre mille cose da ricordare ma qui

Commenti

  1. San Torsola, voglio morireeeee XD
    Comunque la scena del bagagliaio è da film comico, se vogliamo sdrammatizzare :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si in effetti è da sdrammatizzare...
      ma MOZZINO sapessi che paura la tua Pata ai tempi...

      Elimina
  2. Sono ricordi personalissimi! Per alcuni, leggendoli, possono sembrare insignificanti, ma per te sono tutto. E' la tua Vita. Trascorsa. Ma che resterà sempre dentro di te.

    RispondiElimina
  3. Cara Patalice, anche io ho scoperto molte cose di noi blogger, spesso delle persone molto importante nella società vengono a farci visita, e lasciano il loro commento, questo è la realtà dei blogger, mi fa piacere che sei rimasto sorpresa di quella tua visita, immagino di come fosse la tua faccia sapendo!!!
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Mi piacciono i ricordi, anche perché io vivo di ricordi che non mi lasceranno mai ;)

    RispondiElimina
  5. ciao sono passata per un saluto e per ringraziarti delle tue visite da me ^_^ buona serata!

    RispondiElimina
  6. Non la conoscevo, grazie per la dritta Pata :)

    RispondiElimina
  7. Proprio oggi la scrittrice Melissa Hill (autrice di "Un regalo da Tiffany") ha messo un Like ad una mia foto che ritraeva il suo libro "Innamorarsi a New York" e non ci potevo credere!😊 Bellissimi i tuoi ricordi.

    RispondiElimina

Posta un commento

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!

Post popolari in questo blog

..." cuore in arresto favorisca i sentimenti"

Nessun obbligo di commento

La forza di accettare ciò che non puoi cambiare