tutti quanti vogliono un FENOMENO

Mi attribuiscono una forza che non ho.

E' tipico delle persone sane, quando hanno a che fare con una che non lo è del tutto: 
guardano a lei con quel misto di misticismo compassionevole, e stima preconfezionata, 
elementi sintomatici di chi sente filantropico affetto, nei confronti della forza mostrata dal debole.

Personalmente non credo proprio per nulla di essere chissà quale pazzesca e speciale guerriera, anzi, francamente non so nemmeno quale sia l'entità delle fatiche che vado combattendo, perché non conosco l'entità di quelle altrui, e mi guardo bene dal partecipare alla guerra tra poveri, che vede impegnata tanta gente che ama crogiolarsi nell'autocommiserazione.
Cosa che io schifo per partito preso.

Non faccio la fenomena.
Sono una persona che alle griglie di partenza, è partita svantaggiata.
Punto.
Il fatto è che non sono l'unica, e non ho lo svantaggio peggiore, e negli anni, tra scelte sbagliate, cazzate commesse, e tempo perso, ho peggiorato la mia situazione quanto quella di qualsiasi cristiano in terra.
Con l'aggravante che io l'aggravante ce l'ho incorporata, e a comportamenti stagni, con i suoi ritmi, il suo tempismo da brufolo per primo appuntamento, e la sua imprevedibilità incontrollata ed incontrollabile, ha rotto le palle, le rompe e le romperà tutta la vita.

Mi attribuiscono una sensibilità fuori dal comune, 
una partecipazione attenta e puntuale all'altrui disgrazia, 
una volontà d'animo encomiabile,
uno stoicismo da romanzo russo...

Eppure sono solo una ragazza,
nell'età peggiore per essere una testa calda,
che peggiora la sua situazione avendola di cazzo, non solo calda, la testa.

Ca va sans dire?

Le persone sane, amano poter guardare a chi è svantaggiato, con un misto di rispettoso commiato, nel senso peggiore del termine, ed io trovo che sia parecchio ma parecchio spiritosa come cosa.

Sono una donnaccia.
Un pessimo carattere alla mercè di un pessimo temperamento.
Ho pessime idee che cerco di giustificare con le peggiori intenzioni.
Sono una cattiva dei cartoni animati.
Una Izma, una Crudelia DeMon, una Ursula, una Maga Magò,
e non farei a cambio con tutte le Rapunzel, Anna o Jasmine del mondo...

Però le persone mi guardano con occhioni sberluccicanti,
"Sei coraggiosa!", "Sei un esempio", "Sei splendida"

...ma che cazzo?
State davvero parlando di me?
No, dai, fate davvero?
Io?

Su da bravini... 

Commenti

  1. Mi hai persino commossa tanto mi rispecchio in questo tuo quadro che mi appartiene in tondo...
    Ci vestono di vestiti che non sono della nostra taglia, ci considerano quelli che non siamo proprio, non so se lo pensano veramente o è una scusa per non aiutarci poi mai...Non mi sento proprio tutte le Crudelie dei cartoni, ma mi hanno un po' tutti sfiancato con l'essere brava, sensibile, forte( parola che odio_) altruista e sensibile..Magari posso anche esserlo ma non scassatemi più!
    Piccolo sfogo sul tuo blog..
    E' permesso?
    Baci di comprensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è concesso CROSIGLIA, anzi mi fa molto piacere tu ti sia sentita libera di farlo...
      non so se mi dicono "brava" per non aiutarmi, tante volte sono io la prima a non concederlo...

      Elimina
  2. L'importante è essere una bella ed onesta persona, e credo che tu lo sia già ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu si che sei una donna, onesta non lo so, sopratutto con te stessa, con te stessa forse no...
      mi dedico le parole di Vasco, perché il tuo aggettivo me le ha portate alla memoria

      Elimina
  3. Cara Patalice, un quadretto che ci porta indietro nel tempo quando le favole ci facevano sognare a occhi aperti!!!
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non penso proprio in questo caso ci sia nessun genere di quadretto TOMASO

      Elimina
  4. hahahaha non sò perchè... ti ci vedo come una 'DeMon' :p
    Vengono guidicate forti tutti quelle persone che han il buon gusto di non lamentarsi pubblicamente o di lagnarsi in generale ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello BOH in effetti mi appartiene pari a zero: detesto la gente che fa la guerra ha chi ha la vita peggiore, non paragono mai la mia sfiga a quella altrui, anche se detesto chi si racconta di vivere un mondo brutto e cattivo

      Elimina
  5. Il "tempismo da brufolo al primo appuntamento" è bellissima come immagine ahahah. Non so, forse è perché tendiamo a sottovalutare quello che facciamo, tendiamo a non sentirci mai soddisfatte e non ci rendiamo conto che agli occhi degli altri DAVVERO, e non per finto buonismo, risultiamo forti e in gamba anche in mezzo alle difficoltà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse è quello SERENA... forse non mi appare come più meritevole la mia battaglia quotidiana e non mi capacito di come ci sia chi la vede come un mio merito

      Elimina
  6. "Mi attribuiscono una sensibilità fuori dal comune,
    una partecipazione attenta e puntuale all'altrui disgrazia,
    una volontà d'animo encomiabile,
    uno stoicismo da romanzo russo...

    Eppure sono solo una ragazza,
    nell'età peggiore per essere una testa calda,
    che peggiora la sua situazione avendola di cazzo, non solo calda, la testa."

    Al posto di ragazza metto ragazzo (o 38enne) e hai parlato per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 38 anni sono perfetti per tirare gli ultimi da ragazzo ANDREA, vanne fiero

      Elimina
  7. Humm.. dici che devo raccontarti tutte le impressioni sbagliate che le persone hanno di me? No va bè.. e comunque viva le cattive dei cartoni.. sai che palle fare sempre la parte delle principesse?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ci riuscirei mai è poi mai CLAUDIA, mi ci troverei dannatamente a disagio

      Elimina
  8. Peccherò di scarsa originalità e me ne scuso in anticipo ma devi essere quello che sei e ti senti di essere quindi né un fenomeno o un'eroina ma neanche una "ragazza cattiva" per bastian contrario. E' una lotta difficile ricercare se stessi ma è una sfida che merita di essere raccolta e portata fino in fondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai perfettamente ragione ROCKPOETA: in totale controtendenza rispetto al generalizzato bisogno di vedermi eroina guerriera, ho scelto di indossare il mantello della malvagità

      Elimina
  9. Ognuno ci crede qualcosa, pensa che noi siamo qualcosa.
    Lo sappiamo solo noi cosa siamo davvero. L'importante è essere leali :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io mi sento più reale che leale MOZZINO...

      Elimina
  10. Se le persone che ti conoscono realmente ti definiscono così, non puoi che essere fiera. Accoglie ogni parola nel tuo cuore e in semplicità vai avanti ! Un abbraccio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai, in un certo senso, ragione ANDREAA, dovrebbe inorgoglirmi l'opinione positiva che hanno di me; ma la verità è che mi mette un po' (troppo) sotto pressione

      Elimina
  11. Conoscessero i miei veri pensieri...Sono la strega cattiva dell'Ovest o la matrigna di Cenerentola!
    Anche se le mie preferite sono Crudelia e Ursula

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo sulla scelta delle cattive MANU, inserendo anche Izma

      Elimina
  12. La percezione degli altri è sempre diversa dalla nostra, perché ovviamente vivere dal di dentro è diverso, ma non per questo quello che gli altri pensano di noi è tutto sbagliato ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no non lo è per forza, ma a certi livelli invece PIER, ti assicuro che non solo lo è, ma crea anche guazzabuglio mentale ardito come poche altre cose

      Elimina
  13. La percezione altrui, non sempre ma spesso, è più corretta della nostra. Io, senza conoscerti e da quel poco che so penso che in effetti tu abbia una gran forza. Ma da persona che come te è partita un po' svantaggiata credo sia normale: quando la vita ti da merda tu cerchi di pulirla, mica di lasciarla lì. Però c'è chi pulisce bene e chi male, e a quanto pare la gente pensa tu sappia farlo al meglio!

    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io credo lo svantaggio ai blocchi di partenza ALICEOFM non mi abbia dato una connotazione poi tanto meritevole, anzi! non sai tutte le volte che, rifugiandomi nelle difficoltà che incontravo, cercavo alibi per rabbia e cattiveria

      Elimina
  14. anch'io mi riconosco nelle tue parole... forse ci vedono così perché percepiscono l'entusiasmo nell'affrontare la vita di ogni giorno, nonostante la fatica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non lo so MATEMATICAECUCINA, come non so come possiate, non sapendo cosa vivo io, paragonare con tanta facilità le vostre vite alla mia.
      non lo dico con sprezzante atteggiamento, ma perché io fatico a paragonarmi alla difficoltà altrui

      Elimina
  15. Sei quel che sei. Soprattutto sei trasparente. Tu non ti nascondi, ti mostri come sei realmente. Ed è per questo che le persone "sane" ti guardano con occhio diverso. Chissà, forse loro trasparenti e sincere non lo sono del tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo di NATALIA: non fingo e non simulo, perché mi voglio concedere il lusso lento del non doverlo fare! perché di assecondare il disegno altrui non mi va affatto!

      Elimina
  16. Io penso che tu cara sei una bella persona, ti abbraccio!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per il parere positivo SPEEDY... chissà che tu in fondo non abbia ragione, ed io torto

      Elimina
  17. Le persone sane non mi pare mi attribuiscano chissà quale forza, o mi guardino con rispetto o stima preconfezionata... devo incominciare a preoccuparmi? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no MARCO, anzi forse fai banalmente parte di quel gruppetto lì

      Elimina

Posta un commento

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!

Post popolari in questo blog

..." cuore in arresto favorisca i sentimenti"

Nessun obbligo di commento

La forza di accettare ciò che non puoi cambiare