...c'è scritto oggi, ma è stato ieri...

Oggi sono stata felice.

FELICE con le lettere maiuscole.
Tutte le lettere maiuscole.

Per una fatta come me è una cosa enorme,
una cosa straordinaria.
Addirittura inattesa.

Si, perché io e la felicità abbiamo questo rapporto d'amore ed odio,
che ve lo raccomando...

E' un po' come tra Duffy Duck e Bugs Bunny,
si sopportano poco e si stanno sui nervi molto,
eppure si cercano reciprocamente...

Ecco,
io e la felicità facciamo così.
Io sono incazzosa e parlo strano come il papero,
lei è paracula ed ha sempre un asso nella manica come il coniglio.

Ma torniamo a parlare di oggi.
Oggi avevo la prima gara di corsa agonistica:
un trail di 10 chilometri, sali scendi spaccagambe tra i monti,
che mi ero ripromessa di finire in meno di 2 ore.

...per i profani voglio sottolineare che è un tempo da pippa,
ma io sono estremamente pippa,
ergo ho scelto di trovare il compromesso tra essere il meno pippa possibile,
senza mettere a repentaglio le mie già sfigatissime condizioni di salute.

E ce l'ho fatta.
L'ho più camminata che corsa,
ho scambiato amabili battute con tutti gli "omini" che segnavano il percorso,
ho fatto training autogeno convincendomi a non fermarmi quando non ce la facevo più,
ho inspirato e respirato nel giusto modo senza svenire o vomitare o avere un attacco cardiaco,
ho sorriso ai fotografi sul tracciato,
ho indossato i colori della squadra con orgoglio, su un corpicino cosparso di protezione 30,
non ho mai mollato il berretto, nonostante poi i capelli fossero da pazza.

1,51 minuti
Terzultima.

La soddisfazione è stata immane quando ho oltrepassato il gonfiabile dell'arrivo,
sotto gli occhi prima di tutti del mio migliore amico Olly, che poi mi ha mandato un messaggio fotonico di orgoglio.

Mi sono sentita bene,
perché da sola, grazie alla mia forza di volontà prima ancora che della potenza delle mie gambe,
o della resistenza dei miei polmoni, ho portato in fondo un piccolo grande progetto...
la mia PRIMA gara!

...e non era un gara come un'altra,
perché era dura davvero,
non così per dire...

E lo so, perché me l'hanno detto altri miei compagni,
che la gara è stata dura.
Me l'hanno detto tutti.

Siamo una bella squadra,
ci divertiamo,
ci sosteniamo,
ridiamo e stiamo bene insieme.

Farne parte è un motivo di orgoglio e di gioia.

Fare cose nuove, cose che faccio io perché sono io,
è una figata pazzesca!
...capire che io, in quanto io,
posso essere in grado di cose che non pensavo di poter fare,
è una figata pazzesca!

Non credete a chi dice il contrario.

Commenti

  1. Bravissima! Sei riuscita a finire la prima gara, hai dato il massimo e ti sei divertita: fai benone a essere orgogliosa!

    RispondiElimina
  2. Bravissima! Perché ti sei divertita, l'hai finita nei tuoi tempi e perché ti ha dato queste magnifiche sensazioni!

    RispondiElimina
  3. Mi piace da morire questo post!!! Brava bimbaaaa!!!!!

    RispondiElimina
  4. Complimenti!!!!! Se sempre troppo forte.....

    RispondiElimina
  5. per me è ovvio il commento

    BRAVISSIMA!

    RispondiElimina
  6. 1 ora e 51 minuti dieci chilometri.. Francesco te doppiava tre volte...

    RispondiElimina
  7. Fare cose nuove e non temere le sfide è sempre un'ottima cosa!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!

Post popolari in questo blog

..." cuore in arresto favorisca i sentimenti"

Nessun obbligo di commento

La forza di accettare ciò che non puoi cambiare