...a me questo, e a voi?

Sapete a me ci sono cose che mi stanno sulle palle.

Tipo chi dice "a me mi", o comunque sbaglia l'uso del congiuntivo, inventa parole astruse, cercando di fare bella figura non usando i 20/30 vocaboli che gli sono rimasti appiccicati dall'abbecedario scolastico, o ignora i basilari della terza persona singolare, che... udite udite, può essere maschile/femminile/neutro... e chi l'avrebbe mai detto?!

Sono una razzista della grammatica.
Lo sono da sempre.
Quando decisi di fare il liceo classico, i miei mi mandarono ad un corso preparatorio da una professoressa temutissima e temibilissima; una di quelle che fanno venire i brividi alla domenica sera, quando si sa che si ha lezione con lei il lunedì mattina.
Al test di ingresso di grammatica presi 9.
Più preso un voto così alto in 5 anni.
Ma mi è rimasta un'insana fissa che non mi si è più scollata di dosso.

Che altro?

Ah, si, mi innervosiscono le coppiette che parlano al plurale.
Che poi è nuovamente una questione di linguistica.
Però io mi chiedo e mi domando che problemi abbiano?
Da loro così fastidio, ma davvero così noia, il fatto di rivolgersi a se stessi come un'entità unica?
Si sentono così soli? Hanno così tanto bisogno di "pisciare" sul proprio coniuge, in modo da renderlo intoccabile per gli altri? Che cosa gli succede in testa?

Va beh, io lo so che sono l'opposto totale, ma lo vedo come una forma di rispetto nei miei confronti.
C'è chi ha lottato affinché io avessi diritti, nonostante la TERRIBILE COLPA di essere nata con una vagina, non potrei mai sottostare in modo totale ad un uomo, tanto più se lo amo!

Cioè, ragionateci un cicinino: se vi legate ad una persona, e quella persona si lega a voi, vien da se che lo fa scegliendo voi in quanto voi, non in quanto estensione del suo bisogno di controllo, o della sua esigenza di possesso.

Ma io sono un soggetto strano.
Lo riconosco.

Sono una che si incazza, e che fa di cose basilari questioni di principio.

E mi incazzo.
Per questo mi incazzo.
Non solo per questo in realtà, ma queste due cose mi sono venute in mente subito, senza pensarci nemmeno, e sono tra quelle che mi innervosiscono maggiormente...
...perché io mi incazzo...
L'ho detto che mi incazzo?

Commenti

  1. Mi dispiace che ti incazzi,la serenità la trovo più divertente e si vive meglio.
    Per gli strafalcioni nell'italica parlata,non darei,tutta, la colpa al parlante,ma in parte alla sintassi ,molto complessa,nella nostra bellissima lingua. (L'inglese docet).
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pensa che a me l'inglese FULVIO, è stato particolarmente ostico proprio perché non mi era fattibile comprenderne una grammatica tanto semplicistica, prima che semplice!

      Elimina
  2. Mi incazzo pure io per questi motivi. Ed è vero che la serenità è decisamente migliore sotto molti punti di vista, ma se non mi incazzassi per queste cose comincerei ad avere il sospetto di essere morta senza saperlo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io la serenità la stimo, come stimo tanto chi la vive incorporandola nei suoi giorni e nei suoi gesti NADIA, però, di contro, io non riesco a farla completamente mia; abbonata come sono, a quell'idea che sereno è bello, ma felice è meglio!

      Elimina
  3. Cara Patalice, incazzarsi è forse giusto, ma spesso fa male a se stessi, io direi che prima di incazzarsi chiedersi se se ne vale la pena!!!
    Ciao e buona giornata se anche è piovosa con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come sempre hai totalmente ragione TOMASO, ma è più forte di me! non riesco ad esimermi dall'incazzatura!

      Elimina
  4. Cara Patalice,
    io di solito mi ritengo piuttosto paziente, ma oggi hai parlato di due cose che infastidiscono anche me, quindi per stavolta ti capisco :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io invece SILVIA non conosco la vera valenza del termine "pazienza"...

      Elimina
  5. Mmmmm. Ma ti incazzi? :) <3

    RispondiElimina
  6. Comunque a me le donne con la esse sibilante. E che camminano sui tacchi come cammelle. Gli uomini con la catenone d'oro. E che ti parlano con gli occhi sulle tette.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. praticamente odi me GIOIA. no, sui tacchi me la cavo bene, e non mi è ancora cresciuto un pene che inneggia alle tette, però la s sibilante ce l'ho eccome!

      Elimina
  7. Queste cose no, perché per me rientrano abbastanza sotto la categoria "affari loro, che s'arrangino", quello che mi fa incazzare sul serio sono quelli che non si mettono mai MAI MAI in discussione (e quindi non ci puoi ragionare perché tanto hanno ragione loro e basta) e quelli che passano da casa tua senza uno straccio di telefonata d'avvertimento. Questi ultimi per me sono i peggiori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarà che da me passa poca gente MIKY, ma no non mi fa imbestialire chi non avvisa... al massimo fingo di non esserci!

      Elimina
  8. M'incazzerei pure io, anche se in verità non me ne importa niente, affari loro ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh io invece sono fumatina di inclinazione PIETRO, quindi a fregarmene del tutto non ce la faccio proprio...

      Elimina
  9. Una volta mi arrabbiavo anche io per tutto... c'è stato un periodo che mi davano persino fastidio le emoticon...! Poi ho scoperto che lasciarmi scivolare tutto addosso sia più comodo ;) (da notare l'emoticon finale).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...perché se riesci a vivere una realtà "scivolosa" NAT, la vita diventa più semplice (e bella!) da viversi!

      Elimina
  10. eh sì sei proprio incazzata, visto che hai dimenticato un accento...o forse sono una somara io...
    ciao!
    Ps leggo sempre i tuoi post, molto interessanti e divertenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no va beh AZZURROCIELO, un accento può pure darsi che scappi

      Elimina
  11. Anziché incazzarti prova a divertirti di quello che vedi e/o senti 😉 molte volte è impossibile, ma almeno non ti avveleni!

    RispondiElimina

Posta un commento

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!

Post popolari in questo blog

..." cuore in arresto favorisca i sentimenti"

Nessun obbligo di commento

cara Chiara ti scrivo