mercoledì 15 febbraio 2017

ieri era San Valentino

Esageratamente.

Voglio tutto esageratamente, altrimenti non ne vale la pena.

Ieri è stato San Valentino.
La festa degli innamorati, per i pochi alieni che mi leggono e che non sanno a cosa corrisponda il 14 febbraio.

Beh, che dire o dirvi dirimpettai belli, io ieri mi sono goduta una giornata da innamorata di me... non del tutto, avrei potuto fare di più per me stessa medesima, ma suppongo di poter sopperire in questi giorni.

Ho lavorato, mi sono allenata di bestia, sono stata dal parrucchiere per il colore, ho finito un libro e mangiato un dolcetto a forma di cuore, e alle 22 e poco più mi sono persa tra sogni e coperte.

Avrei voluto cenare con del sushi, farmi fare un massaggio al viso, comprarmi un bel regalo e vedere un film che facesse piangere...

Un San Valentino poco poco de merda, oggettivamente parlando, ma comunque buono da vivere.
Non quello che avrei voluto, ovviamente, ma quello che mi è stato dato, e l'ho preso con spirito benevolo.

Perché fosse stato per me, avrei voluto eclatanza.

Scatola a forma di cuore con cioccolatini, post con una canzone d'amore sul profilo facebook, un pacchetto da scartare, una cenetta romanticosissima con tanto di ristorante gremito di palloncini rossi che accolgono le coppiette...

Cose di una banalità stravolgente, di quella banalità che serve alle persone ciniche come me, per rimettersi in pari con il mondo, perché il cactus che sono ha la sua parte carina e coccolosa che necessita di avere un abbraccio ogni tanto.

E quell'abbraccio deriva da queste cose qui.
Da queste piccolezze, stupide e superficiali, io prendo la forza per essere "cattiva" come sono, perché di pancia agisco, ma con la testa continua a rullare sulle solite questioni.

L'amore è una cosa semplice.

L'avrò scritto mille volte nei miei post, su facebook, ed anche parlando o confrontandomi con gli amici; perché lo penso seriamente!

E' un sentimento talmente pieno di implicazioni, che se non lo si tratta con la leggerezza che merita, rischia di sovrastarci... mentre lui è dentro, e se noi non lo percepiamo come tale, il problema c'è.

Ed io un problema ce l'ho.

San Valentino è passato.
Si è lasciato alle spalle una quintalata di messaggini da Bacio Perugina, settemila e ottocento post al veleno di bieca invidiosa ironia, e un incontrollato numero di spermatozoi finiti chissà dove...

Con me il cioccolato, non rimane alle spalle, al massimo mi rimarrà sui fianchi.

27 commenti:

  1. "L'amore è una cosa semplice"
    Già

    RispondiElimina
  2. Ma menomale che è passato, comunque per me è stato un giorno come un altro..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non so se mi piace che sia stato un giorno come un altro PIETRO, che alla fine non trovo nulla di male nel festeggiare l'amore...

      Elimina
  3. Beh, quindi comunque ti rimane addosso :)
    L'amore è la cosa più semplice che ci sia, lo complichiamo noi ANCHE con queste ricorrenze, forse^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no dai MOZZINO, non mi fare anche tu quello che detesta San Valentino, che io già sognavo una spaghettata con polpette modello Lilli è il Vagabondo

      Elimina
  4. voglio l'abbraccio di mia madre, voglio un'ora d'aria, voglio silenzi che non pesino, voglio le corse col mio cane e voglio anche un caffè .. voglio definire il mio concetto di banalità, voglio che tu esca dalla doccia e capisca il momento per rientrarci con me, voglio la luna in fondo al pozzo e infiniti baci perugina senza stupidi bigliettini.
    Voglio un San Valentino al giorno per capire che l'amore è nei dettagli ..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma l'amore non è solo nei dettagli CHAND... è anche nei gesti eclatanti che tengono melanconici quelli che non ne possono godere...

      Elimina
  5. L'amore è una cosa semplice, che complica tutto il resto.
    Oppure:
    è tutto così complicato, che una cosa semplice come l'amore è fuori posto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io certe domande non accetto di farmele VIPERO, che poi vado in depressione marzulliana ed è la fine

      Elimina
  6. Io ieri ho lavorato... E bon, quasi ignorato del tutto il Vday...

    RispondiElimina
  7. Cara Patalice, ora che San Valentino è passato e tu ai voluto esagerare io dico che ai fatto bene!!! Come vedi ho iniziato a girovagare nei vostri blog per portare un mio caro saluto con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma che gioia TOMASO!
      sentivo la mancanza dei tuoi dolci commenti

      Elimina
  8. Ahahah il tuo post è fenomenale e l'ultimo pezzo la realtà dei fatti ahahahaha
    p.s. anche a me il cioccolato rimane sui fianchi ahahah
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh meno male che c'è sempre il male comune a consolare ROSALBA... ma perché l'hanno fatta tanto buona?

      Elimina
  9. Ciao,almeno il cioccolato aiuta ad essere positivi,dicono!L'amore è bellissimo,io ho passato una vita da innamorato,anche se non sempre della stessa donna,ma San Valentino per me,che non amo le feste consumistiche,lo considero solo il protettore degli epilettici.
    Una felice giornata,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io FULVIO, che invece sono consumista nel midollo, trovo che ogni festa sia una scusa perfetta

      Elimina
  10. Io ho un grosso problema con San Valentino, ma in realtà con tutti i tipi di festività, pensa che maltollero anche il mio compleanno. Capisco, però, il tuo bisogno di zuccherosità per arrivare al punto di equilibrio, credo che sia lo stesso principio per il quale a me piaccia leggere i romance. Certo solitamente se virano al clichè o al diabete comatoso non fanno altro che alimentare il mio lato insaziabilmente critico però capita ogni tanto di trovare quello giusto che trova la fenditura nella scocca da cinica e allora riesce ad addolcirmi proprio come succede a te con il cioccolato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rifuggo la mediocrità SOFASOPHIA, ma inevitabilmente mi ci trovo in mezzo tanto quanto capita ad altri... e mi innamoro di idee e piccole cose

      Elimina
  11. mi ha fatto troppo ridere la chiusa del tuo post!
    sappi che anche a me resta lì il cioccolato :)

    RispondiElimina
  12. Grazie mille per essere passata:).
    Per quanto riguarda San Valentino non sono tra quelle persone che lo festeggia sia perché ormai e' diventata una festa consumista,sia perché in quella data ricorre un evento triste per mio marito (la perdita di una persona cara)e sia perché siamo convinti che l'amore va dimostrato e coltivato giorno per giorno..
    .ho letto con piacere il tuo post e l'ho trovato coinvolgente con un finale divertentissimo ,mi piace molto il tuo modo di scrivere!:)
    Baci
    Rosy

    RispondiElimina
  13. Io non sono abituato a festeggiare San Valentino. Nno come una coppietta, almeno.
    Certo, un regalo alla fidanzata si fa ma non perché è San Valentino, bensì perché mi va di farlo.
    Quest'anno no, in realtà, perché le mie giornate nin mi hanno permesso di avere il tempo necessario per uscire di casa e cercare qualcosa (qualsiasi cosa) di carino.
    Ma ehi, non ne faremo una tragedia.

    RispondiElimina
  14. Io ho passato San Valentino mangiando pizza fatta da tedeschi che si fingono italiani in Svezia. Dai che c' è chi sta peggio 😂

    RispondiElimina
  15. Ahhhhhhhhhh sei troppo forte!!!

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!

...sappiate la mia...

Una ragazza che segue il blog mi ha mandato una mail. Non succede spesso, ma quando succede mi sento fica. Cioè, non so se sarà capita...