Today is the (christmas) day

Che il Natale è bello.
Perché esprimi desideri che puoi credere davvero vengano ascoltati.
Perché se non c'è magia al 25 dicembre e dintorni, quando caspiterina ci puoi far affidamento?!

Certo, la storia del desiderio, della speranza, della richiesta, deve avere un certo fondato fondamento, non è che puoi esprimere alla calcio cavallo, strizzando gli occhioni e sussurrando "ti prego-ti prego-ti prego..." che non avviene nessun miracolo sulla 34esima strada, che non c'è Frank Capra che tenga. 

E nulla, stavo su facebook, e riflettevo su questa cosa, ed ho pensato al tempo e al tempismo, concetti imprescindibili, e ho postato due righi semplici:
Il presente.
Io mi concentro sul presente. 

Promemoria caustico, senza se ma o però. 
Semplicemente un perentorio, ricordati di te, adesso e qui.

Mi piace.
Mi piace l'idea che, ovviamente, dovrò occuparmi e preoccuparmi per il futuro, ma no oggi no, da qui alla fine dell'anno, giorno per giorno, sempre ballando, non prendere mai questa vita ne poco ne troppo sul serio. 
E che il passato resti e rimanga al posto suo, con i suoi propositi falliti, le promesse non mantenute, i dilemmi eccessivi ed introspettivi.
Che tanto niente, è quello che posso e ci posso fare, e quindi scrollo le spalle, rifiuto rimpianti e previsioni e sto con l'oggi. 
E viva Dio. 

Fuori fa molto freddo, però c'è il sole.
È una mattina nuova che non chiede altro che una tazza di cioccolata con panna, a scaldarla.

Commenti

  1. Molto volte pensiamo al futuro, dimenticandoci di vivere il presente. Fai molto bene a vivere l'oggi.
    Serena e dolce notte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi ci impegno... il futuro, d'altra parte CAVALIERE, è talmente oscuro che chi può dire che sia davvero quello che ci apprestiamo a vivere per il meglio!?

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  2. "hic et nunc" come dicevano i latini, e fai bene. Nel passato a me è capitato di scartare determinate opportunità perchè pensavo al futuro, "un domani poi..." e invece NO! Anche perchè come dice mia nonna "da cosa nasce cosa" quindi mai pensare che una cosa che c'è oggi valga per sempre -nel bene o nel male-, tutto cambia e si trasforma. Fai benissimo, se ci riesco lo voglio fare anch'io come buon proposito per l'anno nuovo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...anche io l'ho eletto a personalissimo buon proposito numero uno FRANCIS, anche perché riuscirci è la cosa più perfetta che possiamo fare per noi stessi!

      Elimina
  3. La penso come te. Da quando sono diventata mamma penso solo al presente, anche perché non ho proprio il tempo di pensare :-)
    Molto meglio così.
    Ti seguo cara
    http://marycosmesi.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MARYCOSMESI, io non sono mamma, ma credo la maternità concentri le forze sul presente con un occhio iper critico ed attento al futuro, sbaglio?!

      Elimina
  4. Dio, adesso devo per forza andare alla ricerca di una cioccolata calda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vedi REALTADICARTA, se vivessi con me, dovresti aprire giusto un'anta dell'armadio per trovarla!

      Elimina
  5. E che il passato resti e rimanga al posto suo SEMPRE. Ormai è passato concentriamoci sul presente. Sono perfettamente d'accordo. Il passato fa parte di noi, siamo quello che siamo anche perché abbiamo vissuto gioie e dolori passati. ma passati, appunto. soprattutto i dolori. ne resterà il ricordo, a volte anche costante. ne resteranno i segni, le cicatrici, ma ci ricordano che è passato o che comunque abbiamo avuto già modo di elaborarli. Il presente è altro. Il presente è ora. e noi possiamo fare in modo che sia meglio di ieri :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e, soprattutto FABYAPOIS, dobbiamo fare in modo che il passato non inquini la fetta di presente da vivere... è la condizione ideale per essere in pace sotto la luce giusta!

      Elimina
  6. Adesso ho capito perché ti piace tanto il Natale, l'essere coccolati dai regali, dagli amici, dall'atmosfera ma soprattutto dalle cioccolate calde ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. avere amore, espanderlo facendo il bene per noi stessi per primi PIETRO, è il primo passo per la felicità? forse si...

      Elimina
  7. A volte ci perdiamo di vista, farò memoria del tuo post. Ti auguro un bel presente ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...errore madornale perdere di vista noi stessi, e le nostre priorità SANTA, è un erroraccio da non ricommettere!

      Elimina
  8. Io vivo nel presente. Il passato, ormai è passato !! Il futuro non si sa come sarà, viviamo nel presente !! Ciaooo

    RispondiElimina
  9. Che bella positività e giuro ti invidio la spensieratezza di quel giorno...Insegnami come si fa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ci si sforza FEDERICA, perché niente, ma proprio niente, viene dal niente...

      Elimina
  10. Hai ragione bisogna vivere l'oggi...anche se per me a volte è difficile...bellissimo post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo è LAURA, indiscutibilmente difficile... ma ho scelto che ne vale anche la pena

      Elimina
  11. Giorno per giorno come canta il Liga, sì è quello che bisogna fare per essere sereni e apprezzare la vita. Io l'ho imparato tardi perchè sono stata a un passa dalla morte nel lontano 2002 (che poi mi sembra ieri, oibò!) buona domenica cara Patalice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esattamente lo stesso motivo per il quale l'ho imparato io pure GIULIALU, unitamente alla dipartita di un'amica che ho amato tanto

      Elimina
  12. Il Natale è ormai diventata una festa commerciale: meglio vivere le atmosfere che si riescono a creare giorno dopo giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    2. io REMIGIO, a questa cosa della festa commerciale, ancora non mi sono convertita del tutto... è come se avessi bene in mente quanto e come si possa essere felici sotto luci artificiali

      Elimina
  13. Ciao Alice!Io sono una rimuginatrice del passato del "se avessi fatto questo e non quell'altro" delle cose non dette e che avrei dovuto dire a suo tempo! Si sta da cani a rimuginare e proprio nei periodi come questo tornano questi pensieri a rompere le palle!
    Cerco di concentrarmi sul presente e spesso ci riesco ma con una sorta di timore di compiere altri sbagli! Adesso non è che ho commesso delitti, vorrei specificare, ma si cambia e cio' che un tempo ci pareva giusto, ora non piu'!

    Serve accettarsi anche con i nostri errori e se appunto fanno parte del passato è giusto e salutare concentrarsi sul presente!
    Ciao Alice!

    RispondiElimina

Posta un commento

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!

Post popolari in questo blog

..." cuore in arresto favorisca i sentimenti"

Nessun obbligo di commento

La forza di accettare ciò che non puoi cambiare