...ed anche il Natale ce lo siamo levati dai pensieri...

E' il 27 dicembre.

Questo significa che Natale e Santo Stefano, ce li siamo lasciati alle spalle.

Non ho fatto nemmeno una foto, non un selfie festoso che facesse concorrenza agli altri ottomila, pubblicati da chiunque sui social.

Non l'ho fatto con consapevolezza, non è che mi sia scordata, è che non avevo particolarmente voglia di rivedere queste feste... di vedermele riproposte in chissà quanti e quali salse nei giorni, mesi, anni a venire (...sempre benedettissimi siano facebook, e la funzione "ricordi"...), e così ho fatto a meno.

Tuttavia sono stata bene.
Ho avuto gente cara attorno a me.
Ricevuto meno attenzioni ma più presenza fissa, e questo è quello che mi devo accontentare di festeggiare... nel senso che alla fine, non si riduce un po' tutto alla famiglia che ci costruiamo con le nostre manine d'oro? Non vorrei suonasse male o strano, ma mi sono accorta che saper di poter contare sulla costante, è una cosa che fa bene... durante feste di disturbi mentali vari e variegati, di più ancora!

La mia prova da cuoca del pranzo di Natale non ha toccato l'eccellenza, ma se l'è cavata...alla fin delle finite, sebbene non ci sia stata la standing ovation, grossi errori non ce ne sono stati, e tutti se ne sono andati satolli... credo fosse la cosa più auspicabile di tutte.
La SuperNonna era stanchissima, ma felice... ha anche mangiato abbastanza di gusto, preoccupandosi di non offendermi, ad ogni boccone lasciato indietro.
Avere anche il mio Rocketman, a tavola, è stato bello... lo considero famiglia da anni, in queste feste è stato tale, senza se e senza ma!

Il mio stomaco non è stato (troppo) vessato da cenoni o pranzoni, si, sicuramente ho mangiato più del solito, ma sempre meno di quello che avrei voluto, e sopratutto, mi sono tenuta alla larga dai quintali di cioccolata che avrei ingerito, e dalle fettarde di cotechino che non mi sarei fatta mancare, ma che avrebbero cozzato con troppa violenza contro il terrore da pancreatite.

Il 26 siamo stati al cinema a vedere "Fuga da Reuma Park", la mattina ero andata a correre gelandomi le chiappe, ed il pomeriggio ho sistemato un po' casa, riposando tanto... mi ci voleva uno stacco dal Natale e dalla sua frenesia... ed anche un solo giorno di festa, è stato moooooolto apprezzato ed apprezzabile!

...certo, il resto del mondo è a casa in ferie, ed io sono già al lavoro, ma questo altro non è che un dettaglio!

Ho ricevuto dei bei regali, bellissimi, davvero.
Non sto ad elencarli, perché fa cafone, però me ne vado a Berlino e a Torino con Jn, oltre che a Bologna, perché lo abbiamo regalato alla SuperMamma noi altre, e mi pare non ci sia niente di più gioiosissimissimo!

Berlino sono ormai anni che asserisco di volerla vedere, e lo rimarco ogni volta che ci andava qualcuno di mia conoscenza... finalmente ci andrò io, e toccherò con mano la mia sensazione che il nord Europa faccia proprio per me!


A Torino non sono mai stata; dicono sia la città del libro... ergo un po' la "mia" città... sono curiosa. Tanto.

Il fatto di andarci con la mia persona, colei la quale meglio di tutti mi conosce, mi da la spinta ulteriore (tutt'altro che necessaria), per non vedere l'ora di partire... voglio essere la ragazza con la valigia... spendere tutti i miei soldini in biglietti aerei, ed i passi a disposizioni in vie non conosciute, che vorrei fossero famigliari per un po'... 

La SuperMamma mi ha regalato un mappamondo... perché c'è tanto da vedere, ancora di più da vivere... un auspicio che possa davvero accompagnarmi nel 2017.

E' stato un 2016 di merda, poi lo analizzerò nel consueto e scontato post di fine anno, ma già fin da oggi, mi sento in possesso di tutte le carte per poterlo asserire con certezza.

Per il resto, incomprensioni malumori e spirito pesante, non hanno mollato gli ormeggi, ma ho cercato di metterli in stand bye, sperando quando li riprenderò in mano, abbiano perso un po' della loro aurea antipaticissima...

Commenti

  1. Carissima, passato il Natale ora ce pure il mio compiblog e poi arriverà il nuovo anno, prepariamoci tutti al brindisi!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pronta ad invocarlo il nuovo anno TOMASO, piuttosto che a festeggiarlo!

      Elimina
  2. condivido ogni tua parola!!! ti faccio mille auguri di Buon Anno per te e la tua famiglia!! un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MIMMAMORANA, auguro anche a te un inizio che abbia un sapore di bello bello in modo assurdo!

      Elimina
  3. Bene, contento di sapere che te la sei cavata in cucina; e secondo me sei stata anche meglio di quel che dici.
    La vigilia, Natale e Santo Stefano sono comunque solo l'inizio... ora ci tocca tutto il resto^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione MOZZINO, c'è ancora una parte di festività che ci attanaglia, e solitamente è l'unico pensiero che non mi fa soffrire di depressione post Christmas!

      Elimina
  4. L'importante è averli passati in armonia e che ti sei 'divertita' almeno un po', però non è ancora finita.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...no ma quello che ho passato mi pare già abbastanza PIETRO tutto sommato... ho collezionato un numero bello grosso di film al contempo, moltissimi figli di Sky Cinema, che mi ha dato grosse soddisfazioni ammetto

      Elimina
  5. Non sei l'unica sopravvissuta al Natale :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'è andata bene in gruppo ROBERTA... ringraziamo il cielo!

      Elimina
  6. Bene, il Natale è passato e meglio così !! non sopporto molto i regali, i pranzi, ecc... Buon viaggio. Torino la conosco abbastanza bene, è una bella città. Berlino non l'ho mai vista ma sarà senz'altro fantastica.Ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no va beh MIRTILLO, okey non amare il Natale, ma come si fa a non apprezzarne manco i regali?!

      Elimina
  7. Divertirsi e passare il Natale serenamente è già tantissimo sai... Berlino e Torino rientrano da anni e stabilmente nelle maggiori delusioni di "visita città". Berlino decantata da tutti, e non riesco a capire perché (a me è piaciuto solo il cimitero ebraico antico, te lo consiglio, e alcuni tratti di "muro", residuo di tempi oscuri.. per il resto colonne doriche a gogo', e stradoni e stradoni.. se uno ha visto e ama Londra, Berlino gli apparirà come la stazione Termini di Roma....)
    Torino città del libro? Vacci a maggio quando c'è il Salone allora. Si salva quello. Adesso ti ci puoi fare una ottima cioccolata calda, almeno...
    In comune con Berlino, una provincialità palpabile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh mamma FRANCO, me le hai ammazzate! ed io che le sogno da anni ed anni... no va beh, non sono decisamente ancora persuasa del fatto che non mi piaceranno... comunque il cimitero ebraico lo vedrò di certo!

      Elimina
    2. Madonna Franco!
      Io amo entrambe ma forse perché io amo stradoni e casermoni! (Se hai bisogno di dritte scrivimi!)

      Elimina
  8. Le roi est mort vive le roi..ergo.. viva il natale che è passato.
    Ormai con la figlia grande, compie 27 anni oggi, tra 5 minuti, natale è un giorno come un altro.
    Poi, solo noi 4.... che differenza c'è da unadomeniba qualu que?
    Quanto al 2016 vada pure affan... bagno con c
    Biglietto di sola andata.
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono felicissima di essermi lasciata quasi alle spalle il 2016, e non vedo l'ora di affrontare un 2017 meno pesante PATRICIA, e mi auguro il prossimo Natale sia migliore

      Elimina
    2. Ce lo auguriamo tutti Patalice, è stato un anno veramente pesante
      Bacio stella

      Elimina
  9. Berlino è affascinante, sono curiosa di leggere le tue impressioni post viaggetto.
    Torino, non la amo molto, ma è parere fin troppo soggettivo il mio.
    Natale è passato, finalmente oserei dire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...un natale a luci quasi spente KTML, come lo cantò il Liga...

      Elimina
  10. quando verrai a torino se ti fa piacere scrivimi... mi farebbe paicere prendere un caffè insieme e farti vedere un po' della città
    (ps. proprio oggi ho scoperto un angolo che non conoscevo di Torino e ne ho parlato sul blog: trovi un link che può darti spunti utili per visitare la città!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio della dritta, e ci sentiamo quando vengo FEDERICA, che vedere le città con chi ci vive, è tutto un altro cinema!

      Elimina
  11. Questo giro sono felice anch'io,che sia finito tutto. Poco spirito natalizio sin dalle prime battute di dicembre.non so perchè..forse concentrata su un "problema "che sto ingigantendo, di fatto. Comunque ho lavorato, spero di aver reso piacevole il Natale di altri....culinariamente parlando. ..pochi regali, ma Vabbè...quelli si possono fare senza festa ed è forse, la cosa più bella. Che il 2016 sia stato bisestile e pesante lo testimonio..eppure..guardando bene, si può trovare del buono. Bel,proposito di fare la ragazza con la valigia! Un tempo mi chiamavo così..e viaggiavo il giusto. Ecco.., ne farò il mio proposito per il 2017. Torino non l'ho vista mai, sebbene vi abbia dei parenti. E poi...Spagna, Sicilia, e Parigi. Che dici ? 😊 un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Questo giro sono felice anch'io,che sia finito tutto. Poco spirito natalizio sin dalle prime battute di dicembre.non so perchè..forse concentrata su un "problema "che sto ingigantendo, di fatto. Comunque ho lavorato, spero di aver reso piacevole il Natale di altri....culinariamente parlando. ..pochi regali, ma Vabbè...quelli si possono fare senza festa ed è forse, la cosa più bella. Che il 2016 sia stato bisestile e pesante lo testimonio..eppure..guardando bene, si può trovare del buono. Bel,proposito di fare la ragazza con la valigia! Un tempo mi chiamavo così..e viaggiavo il giusto. Ecco.., ne farò il mio proposito per il 2017. Torino non l'ho vista mai, sebbene vi abbia dei parenti. E poi...Spagna, Sicilia, e Parigi. Che dici ? 😊 un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Anch'io mi sono cimentata come cuoca natalizia, anzi sottocuoca!

    RispondiElimina
  14. Carissima Pata, la mia arte in cucina, per questo Natale, si è esplicata nella tradizionale preparazione dei cappelletti... tirare la sfoglia, riempirli, chiuderli... poi basta! (e ti pare poco!?!?)
    Berlino e Torino sono due tra le mie città del cuore, vedrai che te ne innamorerai pure te!!!
    Buone feste!

    RispondiElimina

Posta un commento

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!

Post popolari in questo blog

..." cuore in arresto favorisca i sentimenti"

Nessun obbligo di commento

cara Chiara ti scrivo