lunedì 10 ottobre 2016

Pizzicotti sognanti, fuori dall'anagrafe

Ho perso l'occasione di partecipare alla "Deejay Ten" di ieri mattina.
I miei amicici della palestra, mi prendono un po' per il naso, perché sembravo tanto tanto carica, fino a fine luglio, e poi mi sono iper arenata.

La corsa è infida e bastarda.
Ti fermi per un mesetto, dopo aver ottenuto grossi risultati, ed è subito terrore da sesto chilometro.

Ne avevo sentito parlare parecchio dagli atleti che si allenano veramente, ed io non ci credevo quasi, tutt'altro... 

Invece ora sono bloccata come una cucuzza. 

Eh va beh, niente "Deejay Ten".
Almeno a Castello Quistini, in quel della provincia bresciana, tra sabato e domenica, c'è stato uno strepitoso mercatino vintage all'aperto di grandissimo pregio, con food track d'eccellenza, e tante bancarelle strapiene di handmade sollazzante, ma non ho potuto consolarmi manco con quello, perché sto in bolletta ed ho spese impreviste, ergo non era il caso di spendere i miei sudati soldi per un adorabile cactus morbido d'arredamento, o per una spilla vintage americana natalizia, ma nemmeno per una pochette gigante trapuntata a mo' di Chanel... e questo solo per citare le tre cose che non ho preso, e che ho sul gozzo dall'infelicità causa shopping mancato!

Ah, mi hanno sfregiato la piccola Kimi, o Fragolina, la mia nuovissima 500 rossa fiammante, che mercoledì ho ritrovato con un rigazzo bianco sulla portiera.

Maledetti bastardi!
Tutti in "Imodium" devono spendere i soldi che guadagneranno da qui all'eternità...

...ed ecco che sopraggiunge l'infida spesa imprevista, OVVIAMENTE non coperta da franchigia dell'assicurazione!

...che ve possino...

Chiudendo questa terribile e lacrimosissima parentesi dedicata alla mia sventura, mercoledì era il compleanno di quel bel donnino della SuperMamma, abbiamo pranzato insieme in centro, chiacchierando amabilmente, e godendoci dei buoni manicaretti.
Ed abbiamo continuato a mangiare famigliarmente, anche sabato, alla cena da lei offerta in occasione del trapasso dell'ennesimo anno... un tortino di mele caldo con gelato alla cannella, che, se dovessi essere nel braccio della morte, non potrei non volerlo come ultimo pasto!

Stiamo facendo molte ragionate io e la SuperMamma, rispetto al nostro domani, ed è decisamente bello vedere quanta abbondanza di futuro lei stia immaginando, per se stessa. 

È una cosa bella vera, vedere che non c'è mai un punto fermo forte che fa da intercalare alla fine della possibilità del futuro... 
Una cosa che mi ingolosisce ed inorgoglisce, è scoprire che c'è forte il pensiero che, passati i 50, ancora mi ritroverò a fare sogni ad occhi aperti, preoccupandomi del mio domani!

So che è contraddittorio, perché ci sta che possa coerentemente fare paura l'idea di non smettere mai di tremare, al netto dell'età, ma trasformarsi in adulti è una magia più bella, se trattiene la realtà di continuare il sogno!

18 commenti:

  1. Che bastardi, tutta invidia la loro, mi dispiace davvero per la tua macchina :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...li odio tantissssssimo PIETRO, non hai idea...

      Elimina
  2. Cara patalice, sono passato per augurarti un buon inizio della settimana.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Qua a Roma ho smesso di contarle le righe sulla mia Pulcina :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no ecco io vivo in paranoia per una riga, figurati PIPPA, nella capitale non ci abituerò mai

      Elimina
  4. ottima scelta, schivare una mezza maratona ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...anche secondo me, al netto della gioia K, ho fatto un gran bene ti dirò...

      Elimina
    2. <3= flatulenza Covacciana: ma va a cagher, covacci dei miei stivali!!!

      Elimina
  5. Come dicono in Pulp Fiction, a chi riga un'auto bisognerebbe sparagli direttamente. Niente processo, niente di niente :)
    Ah, ora tocca a me con la corsa e la palestra, che da quando ho smesso di lavorare (una settimana, oggi) ho già ripreso tutti i chili...! XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. paffutello il MOZ ci piace comunque, ma un po' di sport fa l'uomo fico ancor più fico!

      Elimina
  6. Secondo me una 10 km è persino troppo per "iniziare".
    Non so dalle tue parti, ma qui da me è pieno di garette da 5/6 km massimo, che sono un ottimo compromesso per cominciare a tirare un tempo-gara, anche perché vuole dire che ti puoi allenare un'oretta tranquilla facendo un paio di km di riscaldamento e poi cinque o sei forzando di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo di dover fare così SPIRITODEIMORTI, inizialmente volevo fare la 10 della Deejay, fondamentalmente perché è una gara che fa figo, ma ora non credo più sia una buona idea francamente

      Elimina
  7. Ciao Alice non mi parlare di soldi, spese impreviste e shopping mancato che potrei avere una super crisi isterica singh singh.
    È una bella prospettiva quella di avere ancora molti progetti e sogni anche dopo i cinquanta e poi ma perché mai si dovrebbe smettere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma giammai e poi mai, forse CAROLINA, siamo più noi trentenni a credere che i sogni facciano "picio" ma chi li trattiene e ne produce fa gran cosa, a parer mio!

      Elimina
  8. E' molto bello questo sentimento che tua mamma sa accendere in te. A volte si ha l'impressione che in quanto adulti non si abbia più bisogno dell'aiuto dei genitori, poi ti accorgi come delle piccole cose sappiano rassicurarci se fatte da loro.
    Mia madre, ad esempio, mi ha insegnato a non sperare mai che accada qualcosa di orrendo a chi mi fa del male; ma in caso di riga all'auto, è lecito augurare al malefico un bell'attacco di colite quando si troverà al concerto dell'anno.
    Spero che il tuo abbia trovato i biglietti per quello dei Coldplay. In prima fila.

    Alice

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!