mercoledì 7 settembre 2016

Letture da luglio ad oggi

Ho scoperto da Alessandro Cattelan che ieri è stato il #readbookday , ovvero un giocondo totale di 24 ore durante le quali si festeggia il fatto che leggere non è poi così da sfigati, come qualcuno vorrebbe farci credere!

Giusto perché voi lo sappiate, per me non esiste estate senza un libro tra le mani... no va beh, anche autunno/inverno/primavera mi vedono particolarmente lettrice...
Comunque, dicevo, in estate, divento particolarmente fissata, ed ho letto come se non ci fosse un domani...

Allora, ho dato spazio a Chagas Freitas, e al suo top book "Prometto di sbagliare".
Non è che sia male in se e per se. 
È romantico, di grandioso slancio emotivo, ma non è un romanzo! Non c'è trama, c'è solo una serie di frasi indistinte che vorresti poi copiare sulla Smemo...

Per il compleanno, ho ricevuto l'ultimo della Gamberale, "Adesso", e mi è piaciuto moltissimo.
Partivo particolarmente ben predisposta, perché Lei, a dirla tutta, mi piace quasi sempre, ma qui ho trovato i riferimenti giusti al momento giusto... Probabilmente è proprio vero che incrociamo la lettura migliore per noi, nel momento esatto in cui va trovata... Ci sono fallimenti che vanno spigati, persone da arginare, opposti che si attraggono. E' una storia d'amore, ma è anche la rivalutazione personale di una donna che ha tanto da perdere, ma ancora di più da ricevere... 

Ah sì, poi mi sono un po' annoiata con la Zucca ed il suo "Guida Astrologica per cuori infranti". Oh, non una rivista femminile che non abbia citato questo esplosivo romanzo rosa... 
Io boh, sarà che son difficile, chi lo nega, ma proprio non ce la faccio a dargli più di un 5 e mezzo... Non per altro, ma dopo 30 pagine sapevo già come sarebbe andato a finire, ed il lessico di questa autrice non merita gli annali, perciò...evitatevelo, se proprio non potete farne a meno!

Forse il mio vero flirt estivo, l'ho goduto con "Stoner" di Williams, la storia di una vita talmente banale, che non ci è possibile non ritrovarci un po' della nostra... La rincorsa all'inevitabile rimpianto, lo strappo sulla collina dell'esistenza, quelle mille sfumature che formano i "noi" più pronfondi, e che l'autore non ci lascia immaginare, ma analizza, sempre dalle lenti opache di un normale docente universitario, che nel salire una china dal quale non era previsto passasse, perde più di quanto credesse, perché di più gli si concede. E' un romanzo di formazione, raccontato in modo geniale, moderato nella composizione ma che ha anche sprazzi di una bellezza commovente... Lo raccomando tantissimissimo!

Sotto l'ombrellone, Lichtenstein, autrice di non so quale nazionalità, alla quale Garzanti ha pubblicato "Le ricette di Chloe Zivago per il matrimonio è l'adulterio". Un libro che leggi in 3 giorni, facilissimo, non troppo originale e con una curiosa peculiarità: pare scritto da due persone! Perché se la parte centrale è quella meglio sviluppata, in un linguaggio piacevole e dallo scorrimento brillante, la prima e l'ultima parte, invece, sono pervase da noia e pesantezza, anche stilistica... Comunque non mi dilanierò per consigliarvelo, se ve lo dovessero regalare, sappiate che non vi hanno donato il manuale dei segreti...

Infine parliamo del buon Musso, autore che ho imparato ad apprezzare in due libri nell'arco di poco, che nei mesi di sudore sotto le ascelle, mi ha deliziata con il suo "Quando si ama non scende mai la notte", una piccola storia d'amore e di rinascita, di perdizione e di perdono, che mi ha dato veramente ore piacevoli... Dovete assolutamente perdervi nelle sue storie, e cercare un po' anche i vostri perché, in ambiti che non sembrano somigliarci poi così tanto... 

Ed ora sono alle prese con la Pancol, "Gli occhi gialli dei coccodrilli", che la Roby da una vita mi consiglia. Tanti personaggi, ma il ritmo è quello giusto, piacevole, non troppo ansiolitico.
Mi sta piacendo immensamente... E già sono dentro con tutte le scarpe, a "Il valzer lento delle tartarughe", che è il secondo capitolo di una
trilogia, che ha decisamente molte aspettative sulle sue spalle...

Noi italiani, in Europa ci distinguiamo per essere i più scarsi lettori in assoluto, io cerco di tenere alta la media, ma so che qualcun altro lo fa con me...

Che avete letto, cari i miei dirimpettai, in questa gioiosa estate 2016? Quale libro coccolate in questo after #readybookday ?

28 commenti:

  1. Buondì!
    Prometto di sbagliare, opera di un autore che ha fatto indigestione di biscotti della fortuna, ammetto che non l'ho letto per intero; Adesso, forse saprai già, l'ho trovato un tantino insopportabile; la Zucca non l'ho letta, ma è una delle italiane più vendute e tradotte, e il perché è un po' culo e un po' mistero; Stoner lo voglio, assolutamente, e Musso lo trovo sempre delicato e affascinante. Questo non fa eccezione. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i fenomeni editoriali MRINK, con me non ci azzeccano sempre... e "Prometto di sbagliare", decisamente non l'ho compreso al 100%

      Elimina
  2. A luglio ne ho letti tre:
    "Stranizza" di Valerio La Martire (bellissimo)
    "Calendar girl - Gennaio" di Audrey Carlan (terribile)
    "Solaris" di Lem Stanislaw (impegnativo in certi punti, ma il finale merita tutto il libro)
    Ad agosto ho cominciato "Jane Eyre", mi mancano un centinaio di pagine alla fine.
    Mi segno qualche tuo titolo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ultimamente PERSEFONE, mi hanno parlato di "Calendar girl", ma io non sono riuscita ad andare oltre 40 pagine di "sfumature di grigio", ergo temo non essere la lettrice adatta!

      Elimina
  3. Cara Patalice, tu lo sai che non leggo libri, lo so che lo dovrei fa ma con tanti problemi lascio perdere... Sono qui per dirti che ti aspetto per il brindisi di domani, per i miei 86 anni!!!
    Un abbraccio forte cara mica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TOMASO mio caro, ognuno ha le proprie passioni, che è bello condividere anche se non ci appartengono... vengo a breve a festeggiarti!

      Elimina
  4. Stoner l'ho abbandonato a metà libro, mi ha creato uno stato d'ansia così grande da doverlo interrompere. A dire la verità lo stavo leggendo in un momento della mia vita in cui avevo già troppe ansie e paure sulle spalle, sarà stato quello.
    La Gamberale e Musso mi piacciono moltissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. effettivamente l'ansia da Stoner, MAMMEDESERTO, la capisco bene, perché monta con un grado di facilità predominante

      Elimina
  5. la gamberale, con me, quesa volta, ha toppato in pieno. Ho trovato il libro un po' irritante, un po' forzato, un po' tante cose. E dire che è una scrittrice che ho amato, perché è eccentrica, e guarda alla vita con uno sguardo originale e acuto. Eppure no, questa volta mi hè parso un'accozzaglia di frasi, e ci ho trovato ben poco. Prometto di sbagliare boh, non ce la faccio a ocminciarlo. E non so esattamente se mai lo farò :) mentr per gli occhi gialli... pensavo di leggerlo presto, in realtà, e dato che ne parli bene penso che succederà!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io alla Gamberale, sono talmente affezionata, che tendo a giustificare tante cose MINERVA, anche un libro non perfettamente riuscito, che con me diventa un'avventura da perseguire comunque...

      Elimina
  6. Di Musso ho letto un unico libro, nel quale ho ritrovato indizi su me stessa e coincidenze innegabili con il protagonista.

    Mi è piaciuto davvero molto, e non so se leggere un altro libro dei suoi possa essere deludente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ne ho letto qualcuno COMEFOSSEACQUA e non ho trovato che beltà, nel suo scrivere...

      Elimina
    2. E' bravo.
      La trasposizione cinematografica di un suo romanzo, invece, mi ha lasciato molto delusa.

      Elimina
  7. Bellissimo leggere... proprio oggi ho regalato 3 libri :) perche' io di tempo per leggere son anni che non ne ho piu' :(
    Ciao cara...... :)
    ♥ ♥ ♥ That's Amore Blog ♥ ♥ ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi è sempre piaciuto ricevere e regalare libri GRACE, forse perché per me la passione è tale, da avere perennemente voglia di condivisione

      Elimina
  8. Non sapevo della ricorrenza, anche ci ho fatto un post Lunedì 😉 Quello della Pancol ce l'ho da tempo ma non viene mai il momento di leggerlo, mi appunto gli altri titoli che meritano. Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. trova il tempo per la Pancol QUEEN, perché ti assicuro, merita tanto tanto tanto!

      Elimina
  9. secondo me, dovresti entrare nel "mondo" di Kent Haruf.

    la sua "trilogia della pianura" è assolutamente meravigliosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'ha consigliata anche Cattalan, JEANLOUPVERDIER, pensa...

      Elimina
  10. I tanti progetti estivi per le letture imperdibili (così avevo deciso XD) sono virati verso un volumozzo che sto adorando, anche se contemporaneamente ho portato avanti la lettura di esordienti molto interessanti! Il tomo (siamo sulle mille pagine) scorre ed è incredibilmente avvincente: si tratta de La baia di Michener, una storia romanzata degli States, partendo dalle colonie inglesi fino al periodo del Watergate ( credo, visto che non l'ho ancora terminato). Incredibile come i personaggi riescano a vivificare la narrazione, ripeto, affatto pesante! Si toccano moltissimi temi (dalle difficoltà iniziali, al rapporto coi nativi, alle divergenze religiose, alla diffusione della schiavitù e delle piantagioni di tabacco...) con una maestria assoluta.
    Tra i tuoi letti bramo la Pancol da molto *_*
    Ciao Pata! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai che a me non riesce di leggere più di un libro alla volta GIO? mi è capitato con Harry Potter, ma avevo la testa talmente presa da Hogwards, che mi distraevo con troppa facilità... il tomo che stai leggendo non lo conosco, ma potrebbe rivelarsi una piacevole lettura, amo gli States dopotutto

      Elimina
  11. Ciao Pata, sto leggendo "Nessuno scompare davvero" di Catherine Lacey..un po' pesante ma è una di quelle storie che mi serviva leggere in questa fase della mia vita in cui non so bene che pesci pigliare..Ho letto Adulterio di Coelho e Tutta colpa delle stelle: bello il primo, per niente il secondo, uno di quei rari casi in cui è decisamente meglio il film..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io e Green, autore de "Tutta colpa delle stelle", CARAMALU, non ci becchiamo proprio! ho visto, e molto apprezzato, il film, ma nel libro non mi ci impegno... sarà perché ne ho letti altri due dell'autore, e mi ci sono annoiata a dire poco!

      Elimina
  12. Non è estate se non c'è Montalbano, quindi "L'ALTRO CAPO DEL FILO" di Andrea Camilleri, poi il primo libro del bresciano Massimo Tedeschi , "Carta rossa", un giallo ambientato sul lago di Garda, in realtà poco più di un racconto, ma ben scritto ed infine il bellissimo e interminabile Shantaram dello scrittore australiano Gregory David Roberts, uno spaccato d vita e dell'India che viene voglia di partire. Ieri sera iniziato "L'ombra della montagna" il seguito di Shantaram

    RispondiElimina
    Risposte
    1. BAFFOBP io e Shantaram ci siamo talmente amati, che il seguito, sebbene ce l'abbia a casa da mesi, non riesco nemmeno ad iniziarlo! Montalbano mi ripeto sempre che lo vorrei leggere, ne ho un paio di volumi, che non ho mai aperto... forse arriverà il loro momento questo inverno, quando sentirò la mancanza dell'estate! il libro del mio concittadino, non lo conoscevo... ma prendo nota

      Elimina
  13. io mi sono innamorata di Stoner. e sotto l'ombrellone ho letto (anzi iniziato a leggere tra una pennica e un tuffo) il cimitero di Praga di Eco.
    Ne ho già presi altri quattro..vedremo come sono. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eco non lo leggo da tantissimo, compare, ma lo apprezzai molto, quindi potrei prenderlo presto in mano!

      Elimina
  14. Adesso, l'ho letto un po' di mesi fa e l'ho amato. Pur non essendo Lidia, mi sono ritrovata in lei, nei suoi timori, nel suo coraggio, nelle sue riflessioni e mi ci sono affezionata così tanto che ho comprato il romanzo nel quale il suo personaggio fa il suo esordio [La zona cieca].
    Tra le prossime letture mi segno Stoner ;-)

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!