mercoledì 21 settembre 2016

Fuori dalla zona di comfort

...ci sono serate che non vorresti, che piuttosto che uscire, ti faresti picchiare brutto...

...ed altre che pianifiche, e attendi, ed agogni e non sembrano arrivare mai...

Poi le prime risultano successi senza pari, e le seconde ti deludono, lasciandosi dietro tutto l'amaro che c'è... 

È quella schermaglia chiamata vita a fare la differenza, e a far propendere l'una cosa e quell'altra, che tu ti stai ancora riprendendo, che il dado è tratto ed il treno ha lasciato la stazione...

Fritto misto o insalatona.
Non sono buoni uguali, ma uno fa male anche se fatto bene, e l'altro no, anche se fatta alla cazzo.

Farsi un tatuaggio vuol dire che ricorderai in eterno una cosa, ma devi essere disposto a non aver paura del "per sempre" e delle sue conseguenze sulla mente, se ti lasci incidere il corpo, se no trasformi la libertà del colore nella costrizione dell'obbligo e da lì non scappi più. 

Scegliere di inseguire i tuoi sogni significa indossare scarpe comode, ed avere tanto fiato nei polmoni, anche per quei sogni che reclamano tacchi 12 e sussurri, perché ai sogni si deve rispetto, e dedizione. Tanta tanta dedizione, sempre. Sempre e comunque.

E qui casca l'asino.
Il solito asino che sperava di farla franca, che era convinta che nessuno la vedesse mentre creava per se stessa la condizione più comoda, e la comodità non ha nulla a che vedere coi sogni, perché se hai sogni comodi non ti spingerai mai al di là.

Ed è lì, al di là, che si trova la sorpresa della scoperta, la forza di un pensiero che va al contrario.
Nel ballo da sola che non sapevi di poter fare, nel pomeriggio a zonzo con il naso per aria e nessuna meta in mente, nell'ultimatum che non pensavi avresti accettato, ed in quello che decidi di non imporre, ecco, nelle zone grigie, trovi la risposta ai perché, e ti sorprendi di essere chi sei, e di piacerti.

La vita è un sistema complesso di assurdità.
Ed anche se hai sposato la coerenza, anche se pensavi al per sempre e al mai come conditio sine qua non, anche se avevi delle certezze, il bello è quando si strappa tutto, come un cerotto inutile, come un rapporto logoro... così si fonda la bellezza di una serenità al quale impari a dare forma, volto e colore... solo così. 

13 commenti:

  1. È proprio così, Pata. Puoi programmare la tua vita usando il miglior file del mondo, con un colore per ogni giorno della settimana e un profumo per ogni umore ma poi no, non sei tu a decidere cosa farai. E ti ritrovi a cantare canzoni che non conoscevi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...stonata ed ispirata come nessuna LOLA, come volontà crea ed azione dispone...

      Elimina
  2. Mi ha colpito la frase in cui dici di cercare la strada più comoda, anche per gli stessi sogni costruiti (nella nostra mente almeno) con tanta fatica.
    L'ho sempre fatto, e mi a che ho sempre sbagliato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...anche io, pur di non abbandonare la comodità, o declinato i miei sogni ad essa PIER, con la naturale conseguenza che i sogni non sono mai diventati realtà, ed i miei 31anni impegnati nel rendere si scomoda la realtà che vivo, ma più vicini al vero i sogni che faccio

      Elimina
  3. Letto d'un fiato: meravigliosa !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio RITAB, sono una serie di pensieri strampalati connessi da perché invisibili...

      Elimina
  4. I miei piani sono andati a monte tantissime volte. Ti fai un'aspettativa, la coccoli, ti impegni, lotti, abbandoni la tua zona di comfort, corri eppure, nulla. Niente. Ci sono sogni che per forza di cose ho dovuto appendere a un chiodo, e sono quei sogni per i quali ho comunque lottato in modo arduo, fino allo sfinimento...ma in quello sfinimento, rischiavo di perdermici io e allora, fortunatamente ho scelto me stessa. Mollare non sempre è una sconfitta, a volte è una salvezza. Ci sono altri sogni, più simili a desideri, che ancora rincorro...ma anche per la riuscita di questi non basta la mia determinazione, la mia insistenza, il mio fare tutto ciò che c'è da fare...Il fatto è che a volte alcuni desideri, sogni e obiettivi che ci poniamo non dipendono solo da noi. In fin dei conti non siamo soli su questa terra. La nostra è una vita fatta di relazioni e tante, troppe volte queste relazioni impattano sul nostro percorso, lo deviano e ci portano fuoristrada. A volte la mia perseveranza e determinazione mi fa paura. Altre volte, invece, cambio idea da un momento all'altro. O meglio, in me qualcosa cambia nel momento esatto in cui qualcosa fa click nella testa. Detto questo, io sono una sognatrice. Sogno ad occhi aperti e a volte mi rifugio nella mia realtà parallela. I sogni costano fatica. Sanno fare male, perché il risveglio può essere atroce...però i sogni alla fine non ci tradiscono mai, non ci deludono, anche se non riusciamo a realizzarli, restano comunque sogni, i nostri sogni, e li custodiremo gelosamente nella nostra testa e nel nostro cuore per sempre, probabilmente. E alla fine di tutto questo posso affermare che no, che la coerenza non mi appartiene.
    (Grazie per questi spunti di riflessione...questi tuoi pensieri sono anche i miei da qualche giorno...sono in cera di una via d'uscita da qualcosa che fatico a lasciarmi alle spalle :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...la tua ragionevolezza non ha per niente il sapore di una sconfitta M4RY, anzi, sono una presa di coscienza forte di quella barriera invisibile ma spessissima chiamata "limite". Che alle volte la ignoriamo, perché speriamo di bastare noi stessi per realizzare un sogno, ma non basta l'amore a fare una relazione, figuriamoci...
      Grazie a te per aver analizzato con tanta bellezza i miei pensieri

      Elimina
    2. Credimi, grazie a te...avevo bisogno di tirar fuori ❤️

      Elimina
  5. Bello davvero. Io ci penso spesso alla mia di comfort zone. A quanto mi piaccia, a quanto mi faccia - ovviamente - sentire protetta. A quanto mi dia la forza di vivere. Poi, a volte, mi rendo conto che diventa anche un vetro che mi rende faticosa l'interazione con gli altri e quini cerco di sradicarmi. Ma che difficile vivere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...troppo [bello] MARE...
      ma ci siamo noi... le vicissitudini e le verità, ed eppur qualcosa, forse, si muove!

      Elimina
  6. Mi piacciono questi tuoi pensieri alla "rinfusa"... alla fine hanno sempre un senso logico, e tanto veritiero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. meno male SPEEDY che qualcuno ci vede un minimo di senso...

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!