lunedì 13 giugno 2016

non avere paura del per sempre, ma temi l'infinito...

...che poi una pensa che deve stare buona, non si deve arrabbiare, che gli vengono infarti e pressione alta, ma ogni tanto l'è dura!

ho comprato una gonna carinissima, da portare con una camicia jeans che non ho è che devo acquistare...

non ne avevo bisogno, ma mi andava parecchio di coccolarmi, pensare a me stessa e viziarmi come se non ci fosse un domani... 

solo solo bella vita

le persone mi piacciono a compartimenti stagni: sono sempre di più quelle che escono dalla categoria "accettabile", per entrare in quella dei "perché no", ma mi risulta sempre più facile far valere la  propensione naturale verso l' "anche no"...

non sono stronza.
o forse sì, lo sono.
e snob.
e antipatica.
parecchio.

due dei tre tatuaggi in cantiere li ho fatti.
uno, sul tricipite sinistro non lo capisce quasi nessuno, è una gru origami, l'abbiamo fatta io e Jn, uguale, perché lei è la mia fortuna e la mia motivazione per essere grata, imprimermelo sulla pelle non è che una conseguenza diretta di una cosa che non fa paura da tanto...

...il per sempre...

mi piace pensare che avrò sempre qualcosa su di me, non solo perché lo riconduco ad una persona che amo tanto, ma anche perché parla di me senza parole, solo con il tratto leggero ma deciso, nero in contrasto con la barca di lentiggini...

l'altro è sul polso
c'era un piccolissimo segno dell'infinito che non mi appartiene, e che non vedevo l'ora di veder sparire!
ora non c'è più, al suo posto un mezzo mandala, segno di serenità e fede.
mio, molto più mio.

è stato doloroso, è un tatuaggio complicato, pieno di inchiosto, sul mio piccolo polso traversato da un mare di vene... non è ancora guarito, ma ogni giorno è più bello...

tatuarmi è un modo di indicare a me stessa la mia via...
vorrei farmene tanti altri, alle volte mi pento perché indietro non si torna, ma non ho mai avuto paura della definitezza, perché debbo averla proprio ora? perché tirarmi indietro di fronte a quelle debolezze che mi caratterizzano?

stamattina mi sono vestita bene.
senza un motivo che sia altro al di fuori di un'apparenza che ha sempre più voglia di esplodere, come se la bellezza che ho acquisito fosse la pedana di partenza per qualcosa di più...
...ho solo voglia di quel "qualcosa di più", perché fatico a riconoscerlo, seduta qui dentro...

26 commenti:

  1. tatuarmi è un modo di indicare a me stessa la mia via..." - Questa frase è bellissima, mi ci riconosco e la sento molto vera!
    Un grande abbraccio, è sempre bello coccolarsi un po', mettersi in tiro solo per se stessi!! *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è bello si ALENIXEDDA, è bello prendersi cura di noi stessi, del modo che abbiamo per arrivare a essere noi

      Elimina
  2. L'importanza è stare bene con se stessi.
    Ti auguro un buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quella CAVALIEREOSCURO è sempre la mission numero uno

      Elimina
  3. farsi un tatuaggio per questo motivo, per trovare la via, è proprio quello che vorrei fare anche io... ma per ora forse ancora non sono entrata nell'ottica del "per sempre"...
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bisogna essere predisposti AMRITA, non per altro se non che fare pace con qualcosa che non è più tuo poi diventa una sfida che è difficile supportare

      Elimina
  4. Questo è un periodo un po' strano per me. Faccio fatica a trovare un equilibrio e mi ritrovo a fare e disfare pensieri più o meno contorti che molto spesso non portano da nessuna parte. So solo che sono ridondanti. So solo che vorrei riuscire a fare delle cose, ma non perché le voglio davvero, ma perché devo...devo perché "è giusto così". Comunque io amo i tatuaggi...ne ho due ed entrambi hanno segnato momenti molto importanti per me. Guardarli mi fa ricordare cose che non voglio dimenticare, anche se mi hanno fatto male. Ma i momenti di grande dolore, poi, mi hanno portata a cambiamenti importanti, strettamente legati al mio modo di vivere e vedere la vita. Ho già in mente il terzo tatuaggio ( l'ho in mente da un anno, in verità)...sto temporeggiando solo perché non trovo un momento per andare a farlo...ma già lo sento sulla pelle. E' già mio.
    Buona serata e a presto :)
    p.s. a me il "per sempre" non fa paura...anzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho quasi passato la giusta causa per la quale, se ti tatui è perché hai un motivo fondato e fondante, sono al "perché lo sento" M4RY, ma non escludo a breve si tramuti in "perché mi piace"...

      Elimina
  5. Per me tatuarmi è mettere nella parte esterna di me stessa come io mi percepisco. Insomma un modo per essere più simile a me stessa.
    Brava Pata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esattamente quello che ora sono arrivata a percepire io di me stessa MARE, e capisco bene la sensazione

      Elimina
  6. ecco, pensa che è proprio quel "per sempre" che detesto! quando si potranno fare tatuaggi a tempo ? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in realtà FRANCESCO già esistono, ma per me non c'è grigio, nelle cose o bianco o nero

      Elimina
    2. uh marò, ma la vita è tutto un grigio....

      Elimina
    3. ...e già nella vita lo applicò con tale difficoltà...

      Elimina
  7. Tu cercherai anche orecchie che ti ascoltino ma non sai che mettendo i tuoi pensieri a nudo sul blog sei un ottimo spunto di riflessione per i tuoi lettori, quindi è per questo che amo leggerti.
    Io ho proprio un problema con il "per sempre", è una cosa che cerco di combattere da una vita ma alla fine mi ritrovo sempre punto e a capo.
    Ho progettato mille tatuaggi, che puntualmente non ho fatto e ho interrotto mille relazioni perchè mi sento soffocare dal maledettissimo "per sempre".
    Diciamo che dovrei lavorarci un pochino di più su questa cosa. Per il momento mi limito ad ammirare il tuo tatuaggio che è fighissimo, mi ricorda un po' l'origami di Prison Break. Per quanto riguarda il "qualcosa in più" è una sensazione famigliare, io lo sento sempre nell'aria è come se tutto in torno a me mi dicesse "dietro l'angolo c'è qualcosa, devi solo trovare la svolta giusta". Anche io fatico a capire di che cosa si tratti però non è una spiacevole sensazione, tutt'altro. È una sorta di incentivo che mi porta a guardare ogni cosa con curiosità, magari prima o poi mi salverà anche dalla fobia del "per sempre".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io vorrei si limitasse ad essere un entusiasmante viaggio, senza la controparte sempre più pesante, delle menate che ne deriva SOFASOPHIA, solo che non sono capace a far sì che così sia, e le situazioni divengono pesanti

      Elimina
  8. MI piacciono i tatuaggi sugli altri... ma io non lo farei mai, mi conosco, sono molto eclettica e finirei con lo stancarmi presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ma se ti stanchi di una cosa non smetti di amarla SPEEDY, magari la evolvi!

      Elimina
  9. Essendo una vecchia bisbetica sono contraria ai tatuaggi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ti metto in coppia con la mia vecchia bisbetica prediletta SILVIA, la SuperMamma

      Elimina
  10. Io sono contrario alle mode e il tatuaggio è ormai diventato l’ultima moda. Chissà perché dobbiamo sempre copiare i comportamenti di massa. Scrive Guido Ceronetti: «Il tatuaggio era il segno dell’uomo in carcere, l’arte lugubre dei reclusi e dei condannati. Che sia diventato arte e fenomeno di massa senza distinzioni può indicare questo: che la carcerazione perpetua è ormai una condizione stabile, che non ci sono più differenze tra la prigione, la via di fuori, la casa. Gioventù tatuata è gioventù che si vuole ammanettata, che ha terrore essere libera».

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non cercherei tutta questa dietrologia sociale in un tatuaggio REMIGIO... non che non ne sia pregna, ma è altresì vero che la leggerezza che accompagna il gesto stesso, non è altro che voglia di perpetrare qualcosa... come in ogni cosa, vedere il lato negativo è un attimo

      Elimina
  11. Bella la mia Patalice con la sua gru tatuata, che io avrei riconosciuto benissimo perché durante i miei trascorsi di Aikido e Kendo è la prima cosa che ho fatto in origamki...Segno di feicità di fortuna di leggerezza. Sarei curiosa sapere cosa hai tatuato al polso
    E vorrei pure sapere chi dice che tu sei antipatica, un cieco, sordo , muto, ignorante che non vede cosa brilla dentro quella testina pazza che mi fa sorridere sempre?
    Ti stringo fortissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi fa bene dentro quando mi commenti tu CROSIGLIA, e si, lo ammetto, forse è perché mi scrivi sempre cose belle... o forse è perché ci accomuna un gran pezzo di mondo al quale non abbiamo rinunciato, fatto di cose diverse e differenti da quello che chiunque può capire

      Elimina
  12. Non amo i tatuaggi, ma mio marito si ne ha diversi sul corpo.Un bacione e buona giornata Fabiola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...mai troppo tardi per convertirsi FABIOLA...

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!