lunedì 27 giugno 2016

di un post che non arriverà a dire nulla di più di quello che non viimporta di sapere

...dire che ho scritto dei brutti post, da rientrata dalle vacanze, non è dire proprio proprio la verità...

diciamo che sono andata un po' in sbattimento, e la mia vena artistica si è seccata...
...non nel senso che è incazzosa, nel senso che non aveva più una goccia di linfa piuttosto!

mi sto conoscendo moltissimo ultimamente, perché ho avuto più voglia di guardarmi dentro, ma vi risparmio l'ennesimo post dedicato ai miei mutamenti d'animo e pensiero, che mi rendo conto di star diventando interessante come Marzullo in camera da letto!

e allora vi dico che sto facendo un sacco di passi avanti per cercare di neutralizzare i pochi neuroni che ancora funzionano floridi come le fronde in primavera: dormo ancora meno, consumo dosi massicce di zucchero, un po' di grassi idrogenati e tanto cioccolato, che a mancarmi veramente è l'alcool ma, post pancreatite lo sdegno un pochetto...

ho messo su qualche chilo di felicità e paranoia, che quando la finirò con le pare, probabilmente sarà perché sono morta e non lo so, fattostà che ora ho tette più grosse, e questo è un fatto. 
positivo? 
beh, Dio, schifo non fanno.

a proposito delle paranoie, io mi chiedo come si possibile che una, che ha tutte le carte in tavola per poter vivere di simil certezze, riesca ancora ad esserne sovrastata, tanto da trasformare le certezze stesse i punti deboli, e farsi menare da aria viziata... 
sarà che c'ho sto talento pazzesco?
fatto sta che una non può cagare il cazzo alla vita, appesa ad un sms che non arriva, o ad una mail sbarellant...
[...e scusatemi il francesismo...]

ah, già che questo post, come spesso accade nel mio blog, è andato bellamente a ramingo, vi regalo qualche spunto sparso su me stessa medesima, nella speranza di ritrovare il bandolo della matassa dei miei pensieri, che definire ingarbugliati e far loro un complimentone...

*venerdì sono uscita con i gnari della p.p. (pausa pranzo), è stata una bella serata, anche se dovevamo andare al karaoke e alla fine siamo ci siamo trovati a bere cocktail in centro, fino alle 3 del mattino... mi sono simpatici. tanto basta.

*ho trascorso un weekend di shoppng particolarmente intenso, e questo per il buco dentro, un vecchio amico che si ripropone a scadenza regolare... beato chi ci capisce qualcosa, io non ne sono capace.

*sto vivendo un dramma interiore per il 24 di settembre, e non è ancora finito giugno! la figlia di una mia carissima amica si sposa a Roma alle 11, ma io ho il concerto del Liga la sera, a S.Siro... sto cercando di attuare il dono dell'obiquità... dura durissima direi...

*sto leggendo un sacchissimo e vedendo pochissimi film, camminando tanto tanto e pensando decisamente troppo... non sto seguendo le partite degli Europei, e preferisco star fuori di casa che dentro... 

*giro con la Smart della Jn, perché la mia auto mi ha bastardamente mollata, ed ora non ci voleva, ma è vero che, l'unica cosa che va seguendo i piani, è l'ascensore, quindi adattiamoci al fatto che ci si debba adattare a non decidere... che la vita è adesso, ma io c'avrei da fare...

è un'estate che va via da noi, e allora come spieghi questa maledetta nostaliga...
[...so che la Malika parlava di inverno, ma io mi sento così ora, e declino...]

20 commenti:

  1. Chiara e schietta, cara Patalice, così mi piaci.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono prerogative che mi appartengono TOMASO, non dico di no!

      Elimina
  2. Direi che è tutto regolare Alice. Alti e bassi, pensieri e superficialità, dentro e fuori. Va benissimo così. Ti abbraccio. (Però venire a Rimini e non dirmelo è una porcata!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. irregolarissimo MAREVA in verità... una vita di titubanza che non ha fine, veramente

      Elimina
  3. Sarò arida ed insensibile, ma di tutto il tuo post mi è saltato di più agli occhi il tuo desiderio di ubiquità per i due eventi nel medesimo giorno!
    Non vorrei essere nei tuoi panni....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, perché arida ed insensibile SONTYNA, che per altro hai toccato il punto che maggiormente mi dà grattacapi...

      Elimina
  4. Comprendo il dilemma tra matrimonio e San siro...Se trovi la soluzione fammela sapere!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nessuna soluzione magica MANU, solo l'idea di fare una coppata vera e propria, andando e tornando da Roma in giornata, per essere a Milano la sera... non so se ce la farò...

      Elimina
  5. Ah, non è che non lo trovo: viene cancellato. Avessi detto qualcosa di offensivo, capirei, ma ti ho semplicemente fatto notare un errore che, da grande fan, è un po' grossolano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...io però non ho cancellato alcunché...

      Elimina
  6. ma per fortuna che in una estate così, c'è la pata. :-)

    <3

    RispondiElimina
  7. Oh, come lo capisco questo stato semi confusionale e vorticante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. solo che è a forma di vortice GIOIA, e alle volte, ti strappa dentro un pochino...

      Elimina
  8. Mai lamentarsi delle tette... mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh beh FRANCO, un po più grandi farebbero comodo...

      Elimina
  9. Pata io ho il problema contrario, non ho voglia di fare acquisti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no dai SARA, non parli sul serio...

      Elimina
  10. Piena solidarietà dilemma wedding- san Siro :-)
    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un dramma ALEPINK che mi attanaglia atroce... uffa!

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!