venerdì 10 giugno 2016

a proposito della Pata

Sto parlando di me parecchio.

Nel senso che mi ritrovo ad essere quella che va svuotata, e cerco orecchie che facciano da recipiente, e la cosa non mi spiace.

"La tua vita va dritta e lineare, ti meriti un'esplosione" mi ha scritto la Ludo, commentando il post precedente.

Ha ragione.

Quella brava, che faceva sempre la cosa giusta, che ha posposto se stessa per i comodi altrui, l'ho un po' mollata in mezzo al mare, ma non in quello della crociera, in quello dei mille dubbi della cifra tonda abbandonata.

Benedetto 31esimo compleanno.

Stamattina ho postato sulla bacheca Facebook del Paparotto Gigiotto [...nella vita ero convinta questa fase non l'avrei scritta mai...] la storia di un sessantenne neo modello, che si è trovato ad esaudire un desiderio nel momento meno credibile per i desideri, quello in cui sembra troppo tardi esprimerli... 

"Non è mai troppo tardi per esaudire i propri sogni"

Sarà vero?

Nell'incertezza credo a quella mia amica che mi ha detto che le botte di culo capitano...

Forse ha torto, ma magari ha ragione, è un gioco che non puoi sempre perdere, per cui giochiamoci... 

Io i sogni che facevo quand'ero piccola, li ricordo tutti bene bene, è per questo che mi vien difficile credere di essere diventata grande... perché nella mia testa non è passato un granché da quando li ho fatti!

O forse è anche un po' perché assomigliano a quelli che faccio oggi, quando mi capita di starmene lì, appesa al nulla per cercare il mio tutto.

Com'è strano trovarsi a faccia a faccia con un futuro incerto... 

Non riconoscere che quella faccia forse è la tua, ed io mi auguro di avere tanta voglia di conoscerla bene.

8 commenti:

  1. La tua amica ha ragione da vendere. In maniera del tutto casuale e inaspettata, le botte di culo arrivano. Sai, mentre parlavi dei tuoi sogni da bambina, mi è venuto in mente Hillman (ultimamente onnipresente nei miei pensieri, chissà perchè) con le sue idee di Daimon che ci accompagnano fin dalla nascita e ci guidano, senza che noi ce ne rendiamo conto, a realizzare i nostri obiettivi. Guarda il bambino e ci ritroverai l'uomo che diventerà. Forse per certe strade ci sei dovuta passare proprio per riuscire ad abbandonare la vecchia Patalice in mezzo al mare, per riuscire ad arrivare alla soglia dell'esplosione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è interessante AILFINN, perché se butto occhio alla Pata bambina, c'era già una gran voglia di emergere, come se si fosse formata a partire da lì la donna che sono riuscita ad immaginare di diventare

      Elimina
  2. Mah...in fondo non si diventa mai "grandi" veramente, e c'è sempre un sogno da sognare.
    Le botte di culo esistono, eccome!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i sogni da sognare sono bellissimi SONTYNA

      Elimina
  3. I sogni e i desideri non si esauriranno mai, alle botte di culo ci credo..peccato che a me non capitano mai ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me fino ad ora non ne sono capitate PIETRO, ma la vita è un intenso "mai dire mai"...

      Elimina
  4. Non bisogna mai pensare che sia troppo tardi, è vero! Però bisogna avere il coraggio di lottare per realizzare i propri sogni. Io spesso sono troppo realistica per credere di poterlo fare, ma in questi giorni sto proprio pensando che è ora di uscire dal zona del "non ce la farò mai" e buttarmi. Al massimo cado!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...che poi ci hanno davvero messo troppa paura delle cadute CICCOLA, che un paio di chiappe a terra non possono far tremare il mondo per davvero!

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!