mercoledì 18 maggio 2016

Rabbia

Diciamocelo:
Fare arrabbiare me è facile.

Sono fughina di natura, e basta un tono sopra o una parola di troppo ad incendiarmi come uno zolfanello.

Straordinariamente, complice il sonno atavico che mi ha attanagliata con la primavera, il mio "lato Hulk", se n'era rimasto silente a guardare cartoni animati, sgranocchiando biscotti, e colorando migliaia di mandala, ignaro che i giorni passassero ed il mio fegato non si ingrossasse. 

Ma è passata la poesia.
E ieri, il bel castello costruito tra i km di corsa macinati sul tapis, e le puntate registrate di "Castle", si è rivelato di carta, andando giù come niente.

La realtà è che "quelli come me" vivono al 300%, e non ammettono sbagli. 

Mi hanno insegnato che, prima di pretendere il meglio dagli altri, devi essere tu a dare il meglio di te.

E così, cerco di agire sempre. 

Non è semplice, perché essere coerenti non è matematica, ed occorre adoperare pazienza grazia e temperanza, quando si ha a che fare con le cose della vita, che non sono immobili, che cambiano.

Ma ci si riesce. 

Dare per scontato, non apprezzare la fatica altrui, essere irrispettosi, sono tutte sfumature dell'essere umano, ci siamo caduti tutto dentro, ci sono caduta anche io... 

Però, il fatto che sia male comune, non è mezzo gaudio per NESSUNO, e non mi pone nella condizione di essere minimamente comprensiva. 

Sono incazzata. 

E, una larga fetta, l'ho cucinata con le mie mani, rendendomi troppo disponibile, e non prendendo decisioni estreme, per non ferire coloro i quali amo e mi amano di più. 

Goccia che fa traboccare il proverbiale vaso... 

Lesson number one, dell'età nuova: scegli il meglio per te. 
Il resto si dissiperà. 

27 commenti:

  1. traboccato e svuotato il vaso, si riparte con la consapevolezza di avere imparato; tutto serve e tutto ha un messaggio, basta decodificarlo nel modo più funzionale possibile.
    regalati sempre un sorriso e continua ad essere fottutissimamente snob.
    unabbracciovero
    kikka

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non aggiungo altro quanto detto da Kikka.
      Capitano questi momenti. Fondamentale è capirli e imparare.
      Coraggio! Noi donne superiamo anche questo!

      Elimina
    2. la forza delle donne KIKKA e PATRICIA è proprio questa assunzione di coraggio, quel "nonostante tutto", che non ha né è retorica, ma sacrosanta realtà

      Elimina
  2. Ultimamente e fortunatamente non sto vivendo questi stati d'animo da un po'... Sono stranamente in pace con il mondo però capisco perfettamente come ti senti perchè molte volte mi sono sentita anche io così! Liberarsi da tutti i pesi, sfogarsi e ripartire!! A me la corsa ha aiutato molto :-)

    The Princess Vanilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho iniziato a correre PRINCESSVANILLA proprio per incanalare pensieri positivi e per non perdermi nel marasma di me stessa... ma ogni tanto la Hulk che è in me, sovrasta

      Elimina
  3. Brava Patalice.
    Errata corrige e si riparte.
    Abbraccio grande per te.

    P.s. pensa ho interrotto il mio stop per te...non potevo mancare...smack! ;))) ora ritorno nel mio oblio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il tuo abbraccio PIA fa bene e toglie potere alla rabbia, questo è poco ma certo

      Elimina
  4. Un passo alla volta. Svuota un pochino il vaso. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Perché sei così rabbiosa oggi? che è successo? hai ricevuto qualche orrendo regalo di compleanno? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un rapporto umano inconcludente PIETRO, grazie al cielo i regali sono stati tutti ottimi

      Elimina
  6. Anche io sono parecchio incazzata per ora. Non sei sola, sorella!

    RispondiElimina
  7. Arrabbiarsi ogni tanto fa bene, aiuta a focalizzare i propri bisogni e a fregarsene anche di essere comprensivi. Forza Pata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche secondo me GIULIALU la rabbia sa essere terapeutica...

      Elimina
  8. Anche io mi incazzo molto quando divento troppo disponibile per qualcuno o qualcosa che non lo merita affatto. Magari " a danno" di altro. Però incazzarti è un po' come un faro. A volte capisci per cosa ti incazzi e quindi impari. Altre volte non lo capisci ma impari ugualmente perché stai lì a pensare cosa ti ha fatto incazzare. Incazzarsi è crescita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è verissimo PIER che alle volte manco so perché sono arrabbiata, ma questo la rabbia non la quieta...

      Elimina
  9. Tutte esperienze cara Patalice, tutte esperienze. Bene, sbollita la rabbia, prendi le dovute distanze da chi ti ha fatto incazzare, punto e a capo. Tanti auguri per il passato compleanno, ho letto solo adesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho proprio fatto così TERRY, ho montato a neve la rabbia che si è ingigantita e poi sono andata avanti, mi hanno detto che si fa così

      Elimina
  10. all'inizio avevo letto sono funghina di natura e immaginavo questi funghi che si ribellano ai soprusi, ad abbandonare il loro luogo natio, che cambiano colore e veleno .. dare per assodato che nessuno può viaggiare su quelle linee di equilibrio così fragili, perdere un'opportunità, guardare un sorriso falso, l'idiota del villaggio prendere campo, perderne un'altra, cadere, provarne vergogna, sentire le mani fremere, imprecare, di nuovo .. è impossibile opporsi a questa sensazione, si possono solo limitare i danni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non mi ci vedo bene come funghetto CHAND, ma sicuramente l'idea di oppormi alle sensazioni non gioca a mio favore

      Elimina
  11. Capita e quando capita è meglio non tenersi dentro niente. Poi passata l'incazzatura puoi valutare se dare un calcio nelle terga a chi ti ha fatto incazzare e buttarlo in mare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una volta ero una molto più meditabonda nella rabbia, la raccoglievo e poi mi durava tanto... oggi sono indubbiamente più fughina, però XAVIER ho anche la capacità di farmela passare prima

      Elimina
  12. Sono come te. Accumuliamo e poi scoppiamo, e facciamo fuori tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. #dovetemoriremale LOLA, è diventato il mio hashtag del cuore

      Elimina
  13. Essere troppo buoni ha sempre le stesse conseguenze. Conviene speso fregarsene degli altri o, quanto meno, ricordare che si deve mettere al primo posto la propria salute fisica e psicolgica e solo dopo quella degli altri.
    Se tu stai male con te stessa non puoi aiutare gli altri, per questo curo prima me stesso: così da poter aiutare meglio gli altri dopo, senza prenderlo dall'altra parte per essermi chinato troppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il mio Strizza APPRENDISTANOCCHERO diceva sempre che il migliore dei benefattori è il più grosso degli egoisti... aveva ragione!

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!