lunedì 29 febbraio 2016

...the winner is Leo... ed era pure ora!

...avevo scritto un paio di post, pronti all'uso per oggi...
Uno ero lì lì per programmarlo addirittura, ma poi mi sono detta che avrei avuto tempo, e così niente...

Meglio.
Perché stamattina, mi sono svegliata con tutt'altro pensiero in testa.

Leonardo Di Caprio ha [F I N A L M E N T E] conquistato la statuetta d'oro per eccellenza, sbaragliando gli eccelsi avversari, e compiacendo un web esultante... 

In se e per se questa notizia può essere molto interessante, o passare totalmente inosservata, lo capisco e lo comprendo, però c'è un nesso di fondo che non può non avere un proprio peso specifico.

Mo' vi spiego...

Partendo dal presupposto che Leo è da sempre il mio favorito, e che sono anni che spero in un Oscar per lui, precisamente da "Buon Compleanno Mr. Grape", io stamattina ero sveglia di fronte alla proclamazione, e quando gli ho visto quell'ometto nudo tutto d'oro in mano ero felice come una pasqua, penso che tutti noi, esseri umani, dovremmo essere sentitamente grati per questo riconoscimento.

Esagerata dite?
Può essere, ma l'altro giorno leggevo un post facebook di un'amica, di quelle che diventano tali perché si hanno accordi elettivi simili, la quale tifava per Leo, sostenendo che sarebbe stato fantastico se a vincere fosse chi nel fallimento vedeva una seconda occasione, ed io mi sono detta che io sono Leo.

Io sono quella che butta il cuore oltre l'ostacolo, che anche nella strada più difficile e meno battuta, ci mette la faccia e l'impegno; sono quella che tutti dicono che è brava, ma lei lo vuole dimostrare; sono quella che non lascia più agli altri la responsabilità della mancata realizzazione di se stessa; sono quella che fa la matta per uno ma che con l'altro è integerrima... 

Non so se per tutti è così, ma penso che per ognuno di noi dovrebbe esserlo.

Perché, se è vero che non siamo tutti destinati a ricevere l'oscar per l'interpretazione migliore, è altresì vero che nessuno ci impedisce di sbattere la testa contro un muro, arrivando a farci dilaniare da un orso, pur di farcela... 

Perché ogni giorno può essere un giorno determinante per la nostra corsa verso la tanto agognata statuetta, val la pena di vedere se siamo disposti e disponibili a pagare lo scotto che richiede...

Perché se stamattina Leo ha alzato la statuetta è perché non ha mollato.
Ha continuato a fare film pregevoli, attorniandosi della gente giusta e delle scelte più coraggiose; non si è fermato a fare il Jack della situazione, barcamenandosi in ruoli da belloccio e poco più, ha sfidato le convenzioni con ruoli estremi, ed è arrivato a fare meta.

Non so se per tutti valga tanto la vittoria di Leonardo, ma per me, per quella ragazzina che aveva la sua faccia sulla smemo, e che adesso cerca cenno della sua grandezza interpretativa fin dai suoi primissimi lavori, è una rivalsa personale... 

Non era quello destinato all'Oscar.
Lo è diventato.
Meditate gente... meditate...

36 commenti:

  1. Con tutto il bene che gli voglio, non era il film più adatto - lui era alla fine della mia lista, un po' prima di Damon -, ma sono contento per lui. Gli era dovuto, come consolazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non esageriamo MRINK, che per come la metti giù, era un regalo riconoscente e nulla più... mentre, diciamocelo, il potere di una buona interpretazione l'ha sprigionato! che poi non fosse la migliore per la quale è stato candidato forse si

      Elimina
  2. pensa che io lo detestavo nei suo primi ruoli. Poi piano piano ho inizisato ad apprezzarlo, ha fatto una crescita enorme ed è diventato davvero uno dei migliori attori sulla faccia della terra...strameritato questo Oscar come ne avrebbe meritati altri negli anni passati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo sul fatto che non dovesse essere quello per "Revenant" il primo PAOLA, ma nei suoi confronti l'Academy ha sempre fatto ostracismo, è un dato di fatto

      Elimina
  3. Bellissime parole Pata! Simili a quelle di pensieri cannibali, Leo era l'eterno perdente, l'eterno secondo... sempre dietro a qualcun'altro... ora ce la fatta... adesso tocca a noi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...non fosse stato che l'ha pubblicato un'ora dopo dovrei difendermi dalle accuse di plagio dei suoi estimatori KANACHAN...
      ciò posto, si, ora tocca proprio a noi...
      good luck for us!

      Elimina
  4. Ho pensato la stessa cosa....grazie Leo, la dimostrazione che perseverare prima o poi paga! E comunque ti amo, dall'adolescenza in poi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...un insegnamento puro CARAMALU, per tutti quelli che si vedono ostacolati bei propri desideri

      Elimina
  5. Io sono così felice che ce l'abbia fatta!

    RispondiElimina
  6. Quando ero ragazzina non mi piaceva. O meglio, non mi piaceva esteticamente, però avevo già imparato ad amare alcune sue interpretazioni. Crescendo, e crescendo lui, ho visto che stava diventando un attore davvero bravo. E mi è piaciuto sempre di più, come attore, s'intende. L'oscar anche secondo me non è tanto per questo film, ma per tutto ciò che ha fatto finora, perciò è meritatissimo. Io tifavo per lui, e stamattina è la prima cosa che ho cercato su Google! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh io non sono riuscita a dormire MIKY, e la sveglia intrinseca non ha smesso di ticchettare incessantemente, fino quando alle 4 non è esplosa, ed io mi sono trovata con due abominevoli occhiaia di fronte alla TV accesa

      Elimina
  7. Felice anche io per lui... lo meritava da tempo ed è una splendida persona :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...mi è piaciuto che sia venuto accompagnato dalla madre, PAROLEPERARIA, e che abbia rivolto i ringraziamenti a Scorzese, che è il regista che l'ha meglio diretto nella sua carriera...

      Elimina
  8. come te avevo la sua faccia sulla smemo e non solo (leggi poster appesi ovunque, di cui uno a grandezza naturale). con gli anni da idolo di teenager è diventato un attore che stimo e di cui ho apprezzato tantissimi lavori - quello che citi tu, buon compleanno mr grape, è un film in cui interpreta uno dei suoi ruoli meno conosciuti ma più impegnativi e degni di ammirazione. quindi sì, che leo continui a farci da monito: arrendersi, mai. perseverare, sempre :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nel piccolo, magari senza Oscar, ma con la medesima determinazione del fare e non mollare TIZI, mi auguro che per tutti noi si capitoli "alla Di Caprio"...

      Elimina
  9. Anche a me all'inizio Di Caprio non piaceva...forse perchè appartengo alla generazione che amava gente come Sean Connery o Paul Newman ;)
    Sicchè, quando è uscito Titanic, non son certo corsa al cinema a vederlo: figuriamoci, un polpettone del genere!
    Poi però mi sono convinta a guardarlo in TV in un ennesimo passaggio e...mi è piaciuto!
    Cooooomunque Pata sono d'accordo con te, dovremmo essere tutti un po' Leo. Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...effettivamente, nascere sotto la sua stella crescente SONTYNA, spinge ad apprezzarlo particolarmente...

      Elimina
  10. Finalmente adesso può rilassarsi e fare un film per cazzeggio *__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...quasi mi spaventerebbe in un ruolo leggero leggero EMMEGI, anche se ha spesso portato sullo schermo una sottile ironia, anche se finalizzata a tutt'altro... Come in "Prova a prendermi", o "Django" o "The Wolf of Wall Street"...

      Elimina
  11. Appunto, era ora (e concordo su Buon Compleanno Mr. Grape)!

    RispondiElimina
  12. Non ha mai voluto perdere l'occasione di vincere, si è sempre rialzato più forte e più deciso ed ora che ha vinto son sicuro continuerà a ri-provarci ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. provare e non mollare, non cedere alla pressione di una statuetta che non arriva, ma che tutti gli caldeggiano PIETRO... un vivere tutt'altro che quieto questo PIETRO! eppure Leo non ha mollato, ed è restato un punto di riferimento hollywoodiano, senza se e senza ma

      Elimina
  13. "Perché ogni giorno può essere un giorno determinante"
    Winner solo per questa frase!
    Si' contentissima per Leonardo Di Caprio: attore immenso,credo amato da tutti!
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non da tutti tutti RITAB, ho letto di suoi detrattori che hanno sottolineato soprattutto il calo di braghe dell'academy

      Elimina
  14. È vero, anch'io l'ho vista da questa prospettiva la vittoria di Leo, è una bella lezione di vita, chi non molla prima o poi arriva. Penso che per questo motivo la sua vittoria ha fatto chiacchierare tanto. Bravo Leo. *_* (ormai mi prendo da sola la confidenza di chiamarlo per nome) =P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo anche FRANCIS, la sua vittoria risponda bene alla perseveranza e al non mollare, è una vittoria caricata di interpretazione positiva, che va al di là delle telecamere, e forse per questo vale tsnto

      Elimina
  15. Bellissimo post!!!! Anche io sono un po' Leo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...mi auguro LUTHIEN, tutti si sappia essere un po Leo, nel non mollare, nel non sottoporsi alle riduzioni del destino, e nell'emergere comunque, anche quando quasi non appare fattibile farlo

      Elimina
  16. meditare su Di Caprio è sempre un piacere ;P

    RispondiElimina
  17. Contenta, contenta, contenta.

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!