mercoledì 17 febbraio 2016

Perfettamente consci di essere sconosciuti

Sono stata al cinema ieri.

"Perfetti Sconosciuti" ha sbaragliato "Zoolander" e Tarantino, vuoi non vederlo? 

La storia ormai è nota: 7 amici di vecchia data, riuniti intorno ad un tavolo, decidono di partecipare al gioco della sincerità, asserendo di essere vicendevolmente cristallini, ergo di non temere l'altrui biasimo, perché nulla hanno di che farsi biasimare; dunque via, tutti i cellulari sul tavolo, per la durata dell'intera cena, telefonate, mail, notifiche facebook, messaggi e whatsup, sono alla mercé comunitaria. 

Nel giro della cena, votati ad una sincerità esplicita, e mai palesemente condivisa, si dissolvono le maschere e resta la mestizia di una verità bugiarda e ipocrita; il vestito buono di una festa al massacro, dove vittima e carnefice, vinto e vincitore, sono solo il concatenarsi, più o meno esplicito, di un reticolo infame . 

C'è la coppia di novelli sposi sovverchiata dalla parvenza; i problemi psicologici della strizza; le terribili ombre della coppia apparentemente inattaccabile; la morosità sentimentale del divorziato. 

Genovese, il regista, arpeggia le scene con tatto ed ineluttabilità, in un dramma corale dove, una volta aperto il vaso di Pandora, ciò che esce non è controllabile. 

Lo spettatore ride parecchio e si indigna quanto basta; perché pur comprendendo dinamiche e sospetti, inorridendo di fronte alla grettezza reciproca, non è messo lui sotto i riflettori della rivelazione...eppure non può esimersi dal pensare ai propri scheletri nell'armadio, ai segreti celati, alle bugie che si racconta essere "bianche"... 

Figli dei nostri tempi, siamo soggiogati dai nostri stessi cellulari, scatole nere delle nostre retrospettive, ordigni pronti a brillare sotto la pressione del sospetto.

Io, non lo nego, sono uscita dal cinema col magone a livelli esponenziali...

Quando vedemmo il trailer, poco prima di "Point Break", ero con la Cougar-Cumpa, e proposi di fare lo stesso gioco; e mi stupì immensamente, che gli unici due a non accettare, fossero i due single; mentre gli altri quattro, in coppia tra loro per altro, non avessero reticenze [apparenti]. 

Dopo ieri sera, dubito fortemente che insisterei per mettere in scena questo dramma del moderno, non perché nell'arco di una sera io mi sia fatta un amante, ma perché terrorizzata dalle ripercussioni di un eccesso di libera confidenza. 

È giusto che nei rapporti resista una sorta di mistero, è legittimo non mettere in piazza tutto di noi stessi, ma quanto è sano dispiegare il privato alla pubblica conoscenza? 
E quanto è vero che il segreto non sia tale, anche in coppie scafate, e dalle sembianze autentiche e felici?
Siamo davvero figli e genitori di inconfessabili crateri?

40 commenti:

  1. Ho guardato anch'io questo film... La vigilia di San Valentino. Ho riso si, ma ho anche pianto tantissimo. L'ho guardato da sola, ed è stato meglio così. Perché no, nel mio cellulare non c'è nulla di compromettente (a parte la app che mi ricorda quando sto per avere il ciclo), ma nel profondo di ogni essere umano si nascondono segreti inconfessabili anche a noi stessi, segreti che fanno male come pugnalate nello stomaco, e trattenere le lacrime sarebbe stata dura (premesso che io ho pianto anche con Alvin Superstar - Nessuno ci può fermare, quindi forse sono un caso patologico).
    Il finale a mio avviso ha due interpretazioni, quella tecnica (ciò che il regista ha raccontato per tutto il film non è mai accaduto nella realtà perché in molti si sono opposti) e quella profonda, che ci disegna come esseri umani deboli e creati per ignorare, persino quando in realtà non ignoriamo. Siamo esseri abitudinari, incapaci di reagire alle delusioni, tristemente ipocriti. Preferiamo vivere le persone intorno a noi per come le vogliamo, e non per come sono realmente...
    Dopo tutte queste parole, sento di non aver ancora espresso ciò che ho provato alla fine del film.
    Una cosa è certa. Sono stata tutta la sera incazzata con il mio fidanzato. :)

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...beh non ci fa forse più comodo vivere ipocritamente la facciata superficiale di situazioni di comodo dalle quali non uscire, per non fare un passo più lungo della gamba? quante donne accettano compromessi pur di sfoggiare una famiglia perfetta MAIRA? quanti uomini accettano lavori indegni solo per amore di una "posizione"?!

      Elimina
  2. Mmmmmm devo cercare di vederlo!

    RispondiElimina
  3. Voglio vederlo assolutamente. Sono felicissimo che abbia battuto due film così sputtanati. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...che poi io rimango in debito solo si Tarantino MRINK, ma non vedo l'ora di vederlo...

      Elimina
  4. L'ho visto pure io sabato sera... il mio cinismo è stato ulteriormente amplificato dopo aver visto questo film, fai te!
    E comunque... non penso che pure io sarei favorevole a mettere il mio telefono così a disposizione... non perchè abbia dei segreti chissà quanto inconfessabili... ma perchè, per certi aspetti della mia vita, sono particolarmente riservata... e non mi va che siano messi così in piazza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è perfettamente comprensibile KANACHAN che il tuo cinismo abbia avuto una botta di adrenalina con sto film... io stessa, convinta come sono della solidità dei miei rapporti più veri, ho fatto di quelle ragionate...

      Elimina
  5. Siamo tutti dei perfetti sconosciuti, anche quando crediamo di sapere tutto di una persona e invece non la conosciamo affatto...siamo fatti così ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...pensa a quanta gente sposata da una vita, PIETRO, un bel giorno si rende conto di avere un perfetto sconosciuto in casa..

      Elimina
  6. Questo film mi incuriosisce sempre di più...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono curiosa di sapere cosa ne tirerai fuori tu MARCO

      Elimina
  7. Nooooo, niente cellulare da mostrare eccheccavolo!Ma un po' di cazzi miei potranno restare miei? Almeno quelli!
    Ciao Patalice buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. capisco che tutti abbiano segreti e che non sia obbligatorio mostrarli RITA, però c'è anche da dire che io non avrei davvero nessunissimo problema... Sarà che sono sostanzialmente noiosa

      Elimina
    2. Pata ti spiego! Io ho un cellulare preistorico, mi serve solo per comunicazioni! Ma usualmente chiamo mio marito "cicci"! Ah ah! Se poi un suo amico lo vedesse finirebbe a sua volta per chiamarlo cicci e la voce si spargerebbe a macchia d'olio e ovunque lo vedessero direbbero:" Guarda Cicci!"
      Adesso spero che non passi alcun conoscente di qui ah ah " Ciaoooo!

      Elimina
  8. Ps Dimenticavo: il film lo vorrei vedere comunque,mi interessa!Ciao!

    RispondiElimina
  9. Mi è piaciuto da morire, adoro il cinema italiano, i film di Genovese, quegli attori in particolare, e la trama è congegnata in modo leggero, profondo, pericoloso, ambiguo, diabolico. Lo rivedrei

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuramente è una commedia corale amara, molto ben recitata QUEEN, ed anche io la rivedrei volentieri

      Elimina
  10. Purtroppo ciò che hai egregiamente recensito è lo specchio di una realtà
    amara e in rapida decadenza, complici, sopra tutti, i dispositivi elettronici. Siamo tutti affetti da un moderno voyeurismo, ma, al tempo stesso, nascondiamo parecchi scheletri nell'armadio. Insomma, nulla di cui rallegrarsi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no davvero SILVANA, dobbiamo solo tenervi stretta quel po' di dignità che non ci faccia passare troppo per ridicoli, ricordando che ci si può far male a giocare col fuoco...

      Elimina
  11. Vorrei vederlo, ma ne ho sentito lungamente parlare. Una volta una situazione del genere, non solo mi avrebbe messo in imbarazzo, ma anche in una situazione molto scomoda: ero parecchio birichina. Ora praticamente potrei accettare "quasi" tranquillamente una cena di quel tipo lì... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chiunque di noi ha scheletrì nell'armadio SARA, bisogna solo accettarne la gravità, con senso oggettivo, e vivere di conseguenza

      Elimina
  12. Egregia recensione. Devo recuperarlo. Ho imparato a mie spese che le bugie bianche ci salvano, ipocrita o meno che appaia la cosa. Senza questa ribalta e retroscena inevitabili, per dirla alla Goffman, credo sarebbe impossibile vivere. Siamo fatti di acqua e inevitabili 'bugie' .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da un lato LIZ, sono profondamente d'accordo con te: ci sono bugie bianche, omissioni, che salvano i rapporti e le persone quando sembra impossibile farlo accadere; dall'altra credo che una brutta verità sia preferibile ad una bugia, e lo credo con forza... insomma mi vedo spiazzata in una bivalenza che riconosco come totalmente ottenebrante

      Elimina
  13. Risposte
    1. vedremo se anche a te ALESSANDRA farà lo stesso effetto...

      Elimina
  14. Io voglio vederlo in effetti.. Per quanto mi riguarda non avrei problemi.. io son sempre stata e sono un libro aperto nei rapporti di coppia.. so che non è sempre così.. ma meglio una verità che fa male.. che vivere nella menzogna e paura di essere scoperti... Credo che con mie coppie di amici se ne vedrebbero delle belle! hihihih

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...anche io sono una fan della verità anche quando è brutta sporca e cattiva... Ho mandato al diavolo diversi rapporti CLAUDIA in nome della sincerità...

      Elimina
  15. a me questo cinema italiano non interessa. soggetto troppo semplice per essere vero. la realtà è molto più articolata delle due ore (e forse meno) di pellicola. non andrò a vederlo. per partito preso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e per partito preso FRANCESCO sbaglierai! non mi precludo niente un tanto al chilo

      Elimina
  16. Risposte
    1. io ero certa che gli attori scelti, nonostante Edoardo Leo che proprio non mi piace, CINEPILLOLE, fossero all'altezza di un bel film...

      Elimina
  17. Ciao Pata!!Per quanto esilarante possa essere questo film penso che farei fatica a guardarlo visto che in un certo senso il dramma del tradimento l'ho subito e vissuto sulla mia pelle.Complice il cellulare del mio compagno lasciato incustodito.Quando scoprì i messaggi del fedifrago mi sentivo mancare,una sensazione davvero sgradevole.Che dire sono stata proprio male,per molto tempo ho lottato con l'idea di mollare tutto o continuare per non gettare tutto ciò che di bello si era costruito.Che dire...morale della favola l'amore ha prevalso e la storia continua.Ma ferite del genere vuoi o non vuoi rimangono :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che andare oltre ad un tradimento GWENDY sia maturità non da tutti... e lo dico senza scherno o retrovie, non è facile accettare che questa macchia non dilaghi affondando totalmente i sentimenti reciprochi... tuttavia direi che no, questo film non fa per te

      Elimina
  18. Sai come la penso ormai Patalice mia...la privacy prima di tutto, delitti inconfessabili a parte...Se io voglio tu tocchi, altrimenti col piffero..Anche perchè se mi fa sparire qualche applicazione..poi sono c..zi amari..
    Scusa la volgarità!
    Bacionissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. maneggiare con cura: hai scritto questo sulla confezione CROSIGLIA

      Elimina
  19. Fan della verità a tutti i costi e senza scheletri nell'armadio, personalmente non avrei problemi a mostrare il mio cellulare, ma non so quante altre persone che conosco farebbero altrettanto.
    Buona serata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...in una tavolata di 5 oltre a te DANIELA, pare tu non ne possa proprio avere...

      Elimina
  20. Mi hai fatto venire voglia di sapere i fatti di quei personaggi, adesso.
    Non vedo film italiani da un po', ma questo film e Lo Chiamavano Jeeg Robot, credo proprio che li vedrò.

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!