lunedì 11 gennaio 2016

Le somme dell'essere donna

Non tutti i giorni possono essere buoni.

Cioè, gli scazzi esistenziali che fa Batman ad Alfred, vogliamo parlarne?

Quindi, anche io che non sono esattamente un super eroe, ma quasi, vivo quest'ultima parte dell'anno, nell'incerta concinzione che passerà...

Da donna, posso darmi un sacco di pretesti, tutti regolamentari, tutti plausibili: il ciclo, il taglio di capelli sbagliato, la pesantezza post abbuffate... 

È un vantaggio che non consideriamo abbastanza spesso, ma è un vantaggio.

La differenza tra noi e gli uomini, è che a noi la debolezza è concessa con più magnanimità, ma è altresì un'arma a doppio taglio, perché veniamo sottovalutate di sovente, proprio in nome di questa vera o presunta debolezza che ci portiamo appresso.

Essere donna vuol dire che è scontato che tu sia un po' puttana, ed è preteso tu sia anche santa.

Essere donna è sinonimo di casa pulita, e accuratezza nel vestire, di leziosità nei discorsi, e di facilità al pettegolezzo; ma anche di aperitivi alcolici e sputtanamento a tutti gli uomini che ci hanno prese e buttate, ma a letto facevano quanto la biografia di Santa Rosalia.

Essere donna è tacco alto, e culo marmoreo, però è anche avere forme da lasciar toccare, ed è avere paura della tavola. Sempre e comunque.

Essere donna è provare istinto materno, è carezzare un cucciolo di cane ed avere l'occhio lucido, è vedere un film con Jennifer Aniston, ed immedesimarsi; ma è anche sputare su "50 sfumature di grigio" e preferire una carriera alla Carrie Bradshow, piuttosto che due cuori una capanna e pannolini dall'olezzo incontrovertibile! 

Essere donna è guardare ad Audrey Hepburn, e pensare che prima di lei e dopo di lei nessuna, ma è anche pensare che come Madonna non ne fanno più, e che in quei panni ci avresti voluto fare l'amore con Sean Penn, almeno una volta.

La donna è tutto ed il contrario di tutto.

Un uomo ci ha scritte dolcemente complicate, ed una donna lo ha cantato dando alle parole anima e forma.

Oggi mi sento spenta.
Capita anche ai grandi eroi che salvano il mondo, capita anche a me.

Ma, nonostante questo spegnimento tutto rosa, non potrei mai pensarmi diversamente donna. 


34 commenti:

  1. Essere donna è tanto, è tutto, a volte è troppo. E si, anche per noi che non siamo di certo supereroi vale la regola delle giornate storte. Facciamocene una ragione, siamo umane.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ragione fatta DAMABIANCA, mi accontento di essere chi sono, felice di non essere nulla di differente

      Elimina
  2. Questa presunta debolezza alle volte è un marchio a fuco che ci rende impermeabili, lo detesto.
    Vorrei che la gente non sia sorpresa quando raggiungo un obiettivo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la gente si sorprende nel vedere una donna vincente FOFFY, ma è bello anche così, con l'incertezza negli occhi di chi ci guarda!

      Elimina
  3. Essere donna è sapersi rialzare dopo che il destino cerca di buttarti giù a colpi di mazzate.
    E farcela, alla faccia sua.
    Un abbraccio,
    Elsa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche ELSA, essere donna è certamente anche questo!

      Elimina
  4. Perché generalmente ignorate, o dimenticate, quanto vi adoriamo in questi momenti ;)
    E poi comunque puttane tutta la vita... io non vorrei neanche una madre santa, figuriamoci!

    Viaggiatore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che avere una madre del tutto santa VIAGGIATORE, cozzi con l'idea stessa di madre

      Elimina
  5. Nemmeno io potrei pensarmi diversamente donna, ciao Pata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarà che chi siamo, alla fine e nonostante tutto, ci piace parecchio PAOLA, non trovi?

      Elimina
  6. ieri mi sentivo non spenta, ma depressa e facilissima alle lacrime. non mi piace quando mi sento così, per niente, però ogni tanto dobbiamo passarci. però poi ci riaccendiamo, questo è l'importante. ti auguro di riaccenderti prestissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. succederà alla veloce MIKY, per il momento mi crogiolo nel l'incertezza del momento, e faccio buon viso a cattivo gioco, come solo noi donne sappiamo fare

      Elimina
  7. ...che bello..dire altro sarebbe superfluo. Che bello..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è bruttissimamente bello PAOLA, nulla da ridire

      Elimina
  8. Io ho risolto lo spegnimento con un completino di yamamay, rigorosamente in saldo! :) bella descrizione dell'essere donna... cento vite a rinascere così. ♡ un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. penso non ci sia nulla di meglio che rinascere così ANNASTELLA: shopping e botta in testa che ci salvi dal ricordarci le cose brutte, che a momenti, ci spengono..

      Elimina
  9. Grande post , scritto sempre con leggerezza e ironia sottile, ma profondo come il mare..In questo momento di pensieri contorti verso Bowie io ho lasciato una persona solo conosciuta, ma che perfino poteva anche piacermi, sbattendogli la porta in faccia, con la più stupida delle motivazioni,. Spesso le donne fanno pure questo, sanno benissimo rovinarsi ancora di più la vita da sole!
    Un bacio notturno Pata mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh CROSIGLIA, che brave siamo a rovinarci con le nostre stesse mani! dei fenomeni [da baraccone] dell'infelicità auto-imposta...

      Elimina
  10. Ciao,sono un uomo da sempre appassionato al genere femminile,quel genere che usa l'intelligenza e l'indipendenza per affascinare e concordo con te essere donna non è per niente facile,forse è questa la ragione per la quale le Donne con la D maiuscola non sono molte.
    Un caro saluto,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no sono veramente poche FULVIO, e penso che se un uomo ha la fortuna di averne una accanto, deve ringraziare e festeggiare questa fortuna immensa!

      Elimina
  11. Mmm, chi dice donna... dice danno??!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perché no PERSEFONE? dopotutto cosa c'è di brutto nel danno? ha una sua [forte] identita, ed una sua [complessa] indipendenza

      Elimina
  12. Hai detto tutto, non c'è nulla da aggiungere....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...pensa DRUSILLA ch'io credo ci sarebbe ancora tantissimo da dire...

      Elimina
  13. E poi decidi di essere donna un po' come ti pare, perché nessuno ha il diritto di decidere come dovrebbe essere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. abbiamo la fortuna della sfaccettatura LOLA, e della sua corroborante capacità mutevole... non è che sia poco...

      Elimina
  14. Ma che bello questo post, sì è vero le donne sono dolcemente complicate e sanno essere uniche come Audrey e Madonna. Ma anche noi nel nostro piccolo non siamo niente male :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. direi che ce la caviamo GIULIALU, non sempre bene, spesso facendo danni, ma sempre con la speranza di fare qualcosa di buono per noi stesse

      Elimina
  15. Interessante leggere questo post e anche tutti i commenti ricevuti! :D

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!