mercoledì 16 dicembre 2015

Le mie 10 prime volte NON VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Una domenica sera bighellonavo sui blog di tutti quelli che meritavano di essere visti, e sono incappata nella Folle e nella sua dichiarazione sulle sue 10 prime volte capitate durante i viaggi.

Ecco, la Folle è una viaggiatrice accanita, io meno, quindi le mie 10 prime volte non possono essere tarate sui viaggi, perché rischierei di scrivere cazzabubbole o banalità...

Allargo quindi il concetto, e scrivo sulle 10 prime volte in genere... e non pensate a cose turche mammalucchi che non siete altro! 

Potete poi prendere il tag e fare un post voi stessi, o commentare qui sotto, ma mi delizierebbe sapere quali 10 prime volte vi sono rimaste più impresse...

1- la prima volta che ho visto Brivido.
Non era la prima, nel senso che dopo ho ricordato di averlo già incrociato in altre situazioni, ma la nostra prima volta è stata magica. Leggermente alcolica, in piazzale Arnaldo, un venerdì sera che avrei potuto essere al cinema, o altrove. E invece ero lì. Come lui. Che se ci pensate è una scemenza, ma io trovo sia il soave abbraccio del destino.

2- la prima volta che ho provato un vestito da sposa. 
Vorrei dirvi che è stata buona la prima, ma mentirei... la realtà è che ho trovato facilmente l'abito giusto, quello che al primo sguardo capisci appartenerti, dopo averne visto qualcuno che non mi sentivo troppo mio; tuttavia la prima prova, quella in cui entri a contatto con pizzi e un bianco così candido da far impallidire la Nonnina dell'Ace, è stata un flash, qualcosa di assolutamente meraviglioso!

3- la prima volta che mi sono ammalata. 
Ricordo che un pensiero mi pervadeva, "non si può star male a 21 anni...", invece si poteva... Si poteva eccome. Potrei perdermi nel raccontare e raccontarvi come e quanto stavo male, ma non lo farò...
Vi dico invece che quella prima volta, mi ha insegnato quanto bene mi dovevo, e quanta energia ci dovevo mettere nell'occuparmi di me!

4- la prima volta che ho perso una persona importante, a causa della fc.
Non andiamo troppo lontano nel tempo, trattasi di luglio di quest'anno...
Lei era solare e meravigliosa, mi è stato detto poi quanto stesse male, io so solo che non mi concedeva di andarla a trovare... Voglio pensare a lei come al mio angelo, quella che mi sta dando la forza di accettare, accontentandomi... Anche se perderla è stato durissimo...

5- la prima volta che ho supplicato un uomo di non lasciarmi.
Prima e unica, ci tengo a dirlo perché poi non riaccade, non per fare la fenomeno, non rinnego nulla. Fu col Patatino, eravamo in discoteca e lui, dopo l'ennesimo tira e molla, aveva giustamente deciso che bastava così... Io piansi per lui, così, spudoratamente e senza ritegno... Lui rimase fermo nella sua posizione, non credette alle promesse delle lacrime, e mi concesse una vita nuova e bellissima... 
Al solito, il diavolo non è mai brutto come lo dipingono! 

6- la prima volta che un uomo mi ha portata a letto e non mi ha più richiamata. 
Me la sono andata a cercare, lo dico subito a scanso di equivoci, e non ci ho sofferto certo le pene dell'inferno... Anzi! Mi sono goduta l'attimo, forse per la prima ed unica volta nella sua essenza, ed è stato dilettevole... Anche se l'amarezza della mancata telefonata mi ha fatta rosicare non poco! 

7- la prima volta che qualcuno mi ha detto che potevo fare il lavoro che sognavo di fare, e che esso aveva nome e cognome... 
Un'amica di famiglia, che io vedo e vivo come una sorella maggiore, mi ha ascoltata in un momento di sconforto, tra le accoglienti mura della sua splendida casa, e mi ha detto che sono brava, e che non dovevo arrendermi, ma pretendere. Punto. 

8- la prima volta che ho avuto paura.
Ero piccola, credo frequentassi la terza o la quarta elementare, ed ero alla festa di compleanno di una mia compagna, Jessica. Stavamo facendo un gioco idiota, entrando nel baule dell'auto di sua madre, e chiudendoci vicendevolmente dentro... ecco quando è toccato a me, in quello spazio angusto, al buio, senz'aria, mi sono sentita claustrofobica. Col mio solito orgoglio, non ho fiatato, ma mi sono spaventata tantissimo... tanto che ancora oggi, ho impresso in mente il senso di impotente paura che contraddistinse quel momento.

9- la prima volta che mi hanno dato del lei. 
Al lavoro, alla reception in palestra. Avevo 23 anni, e veniva a fare ginnastica rieducativa un soldo di cacio di 6/7 anni. Ecco, questo piccolo gaglioffo mi ha dato del lei, ed io mi sono sentita precipitare nel baratro... No, all'inizio è stato quasi figo, nel senso che mi son sentita grande... ma quella sensazione di figherrimamento, è sbiadita nell'arco di altri due saluti referenziali...

10- la prima volta che mi sono sentita brava.
Ero alle superiori, ed in parrocchia stavamo mettendo in scena "Fame - Saranno Famosi", anticipando la De Filippi & company... ricordo che a me era stato assegnato il ruolo di Doris, e che avevo una scena parecchio difficile, perché emotivamente coinvolgente. Beh, alle prove tutti rimasero fermi, immobili, in attesa di noi che recitavamo, e alla fine, si è sollevato un applauso tutto per noi... ecco è stata la volta in cui mi sono sentita brava, la prima vera volta.

35 commenti:

  1. Cara Patalice, in fretta ti lascio un mio saluto con un abbraccio, augurandoti buona feste dal mio cuore.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accolgo il tuo augurio, che so essere sincero TOMASO, con gaudio

      Elimina
  2. Ah ah... mi ero perso il "NON" del titolo e mi ero immaginato chissacché :P

    V.

    RispondiElimina
  3. Che bel post...Questa FC è proprio rognosa...la conosco poco...Con calma ne voglio fare uno pure io!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fallo MANU, sono curiosa di conoscere le tue prime volte... Ma solo quelle a luci non rosse please!

      Elimina
  4. La 5): mi ci rispecchio moltissimo. Ho pianto come una disperata e senza ritegno davanti a lui, ma dopo due giorni ho iniziato a capire quanto fosse meglio così e dopo pochissime settimane ho incontrato quello che ora è mio marito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sensazione che mai più nessuno come lui, l'ho provata e ci sono stata talmente male MIKY... ed oggi, so che la SuperNonna ha sempre avuto ragione nel dire che il diavolo non è mai brutto come lo dipingono

      Elimina
  5. Figo questo post!Potrei rubartelo presto :D
    Ehh... i pianti per amore, li ho provati anch'io, e anche provocati. Bella merda in entrambi i casi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che io ho pianto davvero poco per amore CERVELLINO!? Sono sempre stata fortunata con i maschietti... Prima ed unica volta col mio ex, ma era uno che valeva la pena

      Elimina
  6. Al momento pagherei ora per sentirmi dire che il lavoro che sogno (o uno di pochi) è quello che fa per me e che devo continuare su questa strada.
    Sarebbe una botta di autostima fondamentale.
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato che chi mi ha parlato del lavoro giusto avesse ragione CRISTINA, ma solo marginalmente... Ciò che faccio a tempo pieno è un'altra cosa... Purtroppo!

      Elimina
  7. Mi confronto, le mie prime volte lunghe e la tua top ten. Mi hai riacceso la fiamma, non vedo l'ora di riprenderle anch'io. Prima mi riprendo, magari anche questa fase finisce nelle "prime volte". Non finiscono mai cara Patalice ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una delle cose migliori della vita SANTA, avere sempre la possibilità di vivere una prima volta e saperne ancora godere

      Elimina
  8. leggere le tue mi basta :)
    io annoierei, anche me stessa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma smettila S!
      avrai una prima volta che ha fatto faville... Non credo al contrario...

      Elimina
    2. si, ma siccome è sempre quella, essere diventata mamma, ecco che poi finisco sempre a tessere lodi sul mio bambinone ops...due bambinoni ora.
      insomma alla fine sono una chioccia, lo confesso!

      Elimina
  9. Molto carino questo post di prime volte!
    Credo che ti copierò l'idea!!!:-)

    RispondiElimina
  10. eh abbiamo un pò di prime volte condivise...ti dirò una mia: la prima volta che ho visto mio padre triste perchè andavo via...credo non la dimenticherò mai...avevo 19 anni e provavo a trasferirimi a Milano, poi dopo poch mesi sono tornata, non era quella la mia strada evidentemente e solo dopo 5 anni ho veramnte lasciato la mia famiglia per venire qui a roma...insomma, ricordo quella mattina di settembre, in stazione a Lecce io e papà e quando il treno è partito... Lui si è morso il labbro e aveva gli occhi lucidi...mi sembra ieri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto una scena simile la sera del mio matrimonio CINDYSKY, solo che piangevamo tutti come coglioni puri!

      Elimina
  11. Ma sai mia cara che non so se ho tante prime volte o non ne ho nemmeno una..eppure cavolo tutti le nostre prime volte le abbiamo avute.
    1)La prima volta che mi sono lasciata intrigare da un cretino su di una chat( finita a tarallucci e vino)
    2) la prima volta che ho visto l'uomo della mia vita e ho detto con questo mai.
    3)La prima volta che mi sono fatta fare i tarocchi e logicamente non hanno indovinato nulla
    4)la prima volta che mi hanno assunta al giornale e non ci credevo
    5)La prima volta che ho visto un concerto nel backstage e credevo di essere in paradiso
    6) la prima volta che ho avvicinato una rockstar e credevo di morire
    7)la prima volta che ho veramente amato una persona e poi l'ho perduta
    8) la prima volta che mi hanno regalato un cane e ho toccato il cielo con un dito
    9) la prima volta che ho scoperto cosa significava avere delle vere lacerazioni
    10) il primo balletto da solista e mi sentivo divina
    etc etc etc..B
    Bellissimo questa prima volta
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che di prime volte ne hai avute parecchie, e mi piace un sacco CROSIGLIA che in tante siano collegate al tuo lavoro, che ami e ci fai amare... Domanda: chi fu la prima rockstar?

      Elimina
    2. David Bowie che in quel momento amavo alla follia..ma non leggi i miei post adorabile , l'ho raccontata bissata molte volte per concessione di" fabbrica"..
      Un vero disastro..ma com'era bello!

      Elimina
  12. Ciao Patalice... ricordarle le mie prime volte!
    VEdiamo...
    La prima volta che ho guidato la fiat 600 di mio padre e svoltando ho centrato in pieno lo spigolo di cemento che era la base di una cancellata.
    La prima volta che sono andata a ballare in balera. Valzer? Mazurche? Tutte uguali per me.
    La prima volta che ho preso lo stipendio. Centomila lire!!! Toccavo il cielo con un dito ma non ti dico quanti secoli fa!!!
    La prima volta che ho visto morire una persona. Avevo 25 anni. Era mio papà.
    Poi... poi se mi viene in mente qualcosa ritorno!
    Ciao stella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vita è costellata di prime volte PATRICIA, questo è poco ma sicuro... Quel che è ancor più certo è che non finiscono mai, e la prossima volta che torni raccontami della tua ultima prima volta

      Elimina
  13. Riguardo al punto 9...la prima volta che mi hanno lasciato il posto a sedere sul tram...avevo 22 anni, avevo dato un esame all'Università e stavo tornando a casa e due ragazzine di quinta ginnasio mi hanno detto 'Si sieda lei'....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le avrei prese a testate a due a due finché non diventavano dispari PAOLA!

      Elimina
  14. ...la prima volta che vidi la cellulite sulla mia coscia...sembra una scemenza, ma son quei segnali del tempo che passa che te la fanno prender proprio a male...un pò come il bimbo cattivo che dice <>
    Ciao Pata, latito abbastanza in questo periodo (da giugno in effetti non scrivo più...) ma è sempre bello passare da te! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. so che è tantissimo che non scrivi DIANA... spero riprenderai quanto prima, ma per il momento ti auguro feste serene

      Elimina
  15. * è saltato l'inciso...riprendo qui:
    ...un pò come il bimbo cattivo che dice "scusi signora..."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...pensavo fosse un messaggio emoticon criptato io...

      Elimina
  16. Anche a me hanno dato per la prima volta del lei a 23 anni!! Ero a un concerto e mi sentivo tanto teenager, sentirmi dare della "signora" da una quindicenne con i capelli fucsia mi ha fatto sentire davvero fuori luogo xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una delle cose che turba di più noi donzelle LOLA, la faccenda del lei, a 30 anni compiuti, ancora non l'ho digerita davvero

      Elimina
  17. Buone feste Patalice! Bel post!❤

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!