martedì 22 dicembre 2015

Dal cinema alla vita vera, differenze e soliloqui

Siamo alle battute di arresto del periodo pre natalizio, ed inevitabilmente lo stress si fa più pressante e le cose da fare più numerose. 

Come vedere il maggior numero possibile di film natalizi.

La Rai, solitamente, inizia prima con i cartoni Disney propinati a qualsiasi ora, mentre quest'anno ancora latitano i vari Mulan, Bianca e Bernie, e La bella e la bestia. 

Da ieri, invece, su Mediaset Extra, campeggiano pomeriggi di Fantaghirò a tutto spiano...con grande gioia dell'emisfero facebookiano che la reclamava a gran voce.

Sky si è preoccupata di creare un intero canale "Christmas", ma non è ancora passato ne "Il piccolo lord" ne "Una poltrona per due", né tantomeno "Love Actually", quindi ancora non è davvero Natale! 

Domenica sera io e Brivido abbiamo visto "Serendipity", escludo mio marito lo avrebbe scelto, se non fossi io a fare gridolini elettrizzati pur di guardarlo.

Non per la prima volta, ma è passato davvero tantissimo tempo.

Guardandolo ho riflettuto su una cosa molto poco natalizia, ammetto...

Le aspettative cinematografiche.

La storia di "Serendipity" la conoscete tutti, vero?

C'è un ragazzo che vuole acquistare l'ultimo paio di guanti neri, che aveva già adocchiato una fanciulla.

Scatta un simpatico parapiglia tra i due, alla volta del giusto acquirente. 

Per siglare l'accordo i due si fermano in un grazioso locale chiamato come il titolo del film, e scoprono un'affinità reciproca che non si può spiegare... 

Tuttavia, ambedue sono fidanzati, e la ragazza ha stretta l'idea che fato e destino abbiano molto potere, quindi, affida ad un libro e ad una banconota, i reciproci recapiti, ovvero scrive il suo sulla prima pagina del volume, immediatamente rivenduto ad un rigattiere, e fa in modo che il nuovo amico faccia lo stesso su una banconota da spendere immediatamente.

Se è cosa, i due si rincontreranno.

Ovviamente, è un film dei primi anni 90 ambientato a New York, dai risvolti a dir  poco improbabili, e dal finale lieto...

Paradossale e romanticissimo.

Così ben congeniato, tuttavia, da creare una serie di aspettative pazzesche, nell'anima e nella mente di una povera ragazza.

Cioè, nel rivederlo, io stessa, concreta è abbastanza stronza, ho pensato a quanto è o sarebbe bello, se si incrociasse l'anima gemella, quel l'essere perfetto del quale innamorarsi senza se e senza ma, nonostante magari ci sia in ballo un'altra persona, per la quale si prova amore, amore puro... Che però magari non è altrettanto incendiario, similarmente totalitario ed irragionevole.

I film sono solo film, come mi diceva la SuperMamma di fronte a It, e non danno che una faccia della possibile realtà, non lo sono fino in fondo...

Ma io, che esiste quel tipo di amore lì, che non ti ci capaciti di quanto ti faccia battere forte il cuore, anche se non sai niente di quel lui, che non è quello stesso lui, col quale dividi bollette e quotidiano, secondo me un pochino esiste... e che faccia male questa presa di coscienza, non me lo leva nessuno dalla testa! 

Anche se è "solo" un film, io credo nei miracoli, e se ci credo è anche perché non ho mai smesso di credere nella magia, e se esiste magia nella mia vita è anche perché ho visto tanti film, ne sono sicura! 

16 commenti:

  1. Dici che possono esistere in contemporanea i due tipi d'amore? Non so...ma non lo escludo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io mi sento di escluderlo CARAMALU, né di condannare una persona che non riesce a mollare la stabilità per una zona inquieta...

      Elimina
  2. I film ci rendono persone migliori, questo è indubbio... Io vorrei guardarne tanti ma non ne ho mai tempo, mannaggia a me...

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io, complice l'insonnia MAIRA, ne vedo un sacco, e mi piace affondarci dentro col naso, trovando le cose più indicate per me!

      Elimina
  3. La penso anche io così. Punto.

    RispondiElimina
  4. Io amo i film natalizi tant'è che li guardo anche durante l'anno, se possibile. Il mio preferito del periodo resta "Miracolo sulla 34° strada" :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...che quest'anno, DAMABIANCA, ahi noi, non hanno ancora trasmesso!

      Elimina
  5. Lo sai che tutti i film prenatalizzi me lo guardo tutti,
    parecchi me li devo registrare, e poi me li guardo quando Ho del tempo, io mi trasformo come fossi un bambino.
    Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo TOMASO siamo del tutto simili, anche io mi perdo sognante nei film che regalano speranza e magia, e non mi sento per nulla adulta

      Elimina
  6. Ho visto il film almeno due volte e quello che mi piace è proprio l'intreccio improbabile del destino che propone. Io ci credo parecchio, perché a me è capitato di uscire una sera che proprio non ne avevo voglia e di incontrare colui che ti stravolge la vita. Auguri Pata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma credo tu sia quel l'eccezione che conferma la regola GIULIALU, anche perché raramente ho sentito di persone che vivevano una tale romanticheria... Di contro, penso che i film si ispirino alla vita reale, dunque qualcuno deve averle vissute queste situazioni... Mumble mumble

      Elimina
  7. Nemmeno a me verrà mai tolto dalla testa che esiste quell'amore, quel colpo di fulmine che ti rovescia le budella e ti incasina la tua vita così sui binari della "tradizione"..convivenza (forse), matrimonio, figli (forse) magari un cane e una vacanza all'anno..insomma è bello crederci..al principe azzurro ^_^
    Buone feste Pata e non farti troppe pippe mentali eh?!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no CONSU, nessuna pippa mentale! che non ero nemmeno in ferie, quindi non ho avuto tempo di perdermi nei meandri di tutto quello che vorrei ma non si dice...

      Elimina
  8. Sai che non ho mai visto questo film? ...di fama lo conosco, ma non lo sò, mi ha sempre dato l''idea di pesantezza, non sò spiegarti il perchè. Comunque sul discorso dell'amore, quello vero, non sò darti una risposta, io vado a giorni alterni, alle volte ci credo cecamente, altri invece ho i miei dubbi... ma alla fine secondo me, c'è un destino diverso per tutti noi, e non è detto che tutti lo incontreremo.

    Ps. Buon Natale Pata e buone feste. :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sinceramente FRANCI, pesante proprio no, anzi...
      ma deve piacere quel genere lì, molto sospeso, di quel romanticismo targato 2000 o giù di lì, nel quale ci sentivamo tutti un po' in brodo di giuggiole...

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!