lunedì 2 novembre 2015

si va di qua per la felicità?

Avere a che fare con me non è la cosa più piacevole di sto mondo.

Diciamocelo.

Sono piuttosto lunatica, e parecchio irritabile, e le giornate no, sono praticamente tutte quelle nere sul calendario.

Così, giusto per farvi un'idea.

Ultimamente ho sviluppato un atteggiamento più serafico, quasi di muta accettazione, nei confronti della realtà...

A T T E N Z I O N E

Questo non vuole certamente dire che mi lascio vivere, e tutto va come deve andare, significa piuttosto che ho smesso di prendere a testate i muri per entrare dove non sono accettata, banalmente preferisco andare a fare un giro altrove...

Questo non mi depenna dalla lista delle acide, ma ha reso la mia esistenza decisamente più gradevole... 

Pensavo a questo, sistemando casa ieri mattina, post clamore festivo da Halloween. 

Cambiare è proprio fattibile.
...però deve venire da noi, da una nostra esigenza, da un desiderio profondo; non dal semplice malessere passeggero che ci fa fare quelle promesse da marinaio, del genere "cambierò per te".

Non puoi cambiare per nessuno, devi cambiare per te.

Sono consapevolissima del ritrito discorsetto che vi sto propinando, ma pensateci solo un istante, un istante solo, vi siete mai sentiti a disagio nei vostri panni?

Se si, grazie della visita, andate pure oltre e buon lunedì a tutti [che cagotto vi colga, rimortacci vostri...] altrimenti...

Mi è sempre piaciuto molto leggere la posta del cuore. 

"Cara Kitty, ho dato un bacio alla mia amica, senza lingua eh, sono lesbica?" Saffo
o ancora 
"Cara Kitty, mia mamma non mi lascia prendere la pillola, posso chiedere al pusher di mio fratello?" Orsacchiotta00
e c'era pure
"Cara Kitty, il mio ragazzo vorrebbe io fossi più disinibita, ma a me il morso in bocca fa male alle gengive... che posso fare?" Moana-mini pony 

Ecco, io le leggevo sul Cioè, su Top Girl, su Minnie... un po' come ora le leggo su Vanity Fair e Marie Claire o Elle... con spasmodica curiosità fanciullesca.

Ciò che mi rendeva totalmente fan di queste rubriche, era che, chi rispondeva, si lanciava in invettive pazzesche nel confronti del girlspower, e del potere dell'auto-affermazione, che ne hai bisogno a 40, figurati a 16...

Tra tutte le risposte, almeno una volta a settimana, spiccava la frase 
NON CAMBIARE MAI PER NESSUNO

ed io ci ho creduto tanto!

Perché dovrei tingermi di rosso i capelli biondi che ho, o indossare solo maglie accollate? Chi l'ha detto che solo io devo tenere a freno la lingua? A che proposito io non posso più andare a ballare, se ci siamo conosciuti in discoteca?!

La ribellione la si inizia da piccole, ergo bandire c - a - t - e - g - o - r - i - c - a - m - e - n - t - e l'idea di essere diverse per qualcun altro.

Mi hai conosciuta così? 
E allora se ne volevi una diversa, perché non te la sei andata a pigliare?!

Scroscianti applausi, mani che sventolano corone d'alloro, champagne, fiori, chiuso il sipario.

Poi però il sipario cala davvero, si spengono le luci, gli amici se ne vanno, e tu inizi a pensare.

No, non a lui, che se ti vuole segregata in casa è proprio un coglione, pensi a te bionda... 

Le bionde son bionde dentro, tu al massimo sei castana chiara... ma forse addirittura corvina!

Forse forse domani vado dalla parru, e le chiedo... perché voglio vedermi bella, voglio vedermi diversa! 

Cosa voglio dire?
Che molto spesso gli stimoli per un cambiamento di noi, ci vengono dati dall'esterno, ma noi molto spesso ci chiudiamo a riccio, pensando giustamente di non dover nulla a nessuno... 

Ma ci dimentichiamo che noi siamo qualcuno!

Qualcuno che non ha le radici e deve sempre stare nello stesso posto; qualcuno che non è una foto su instagram che non si può mutare; qualcuno che merita di essere migliore!

ps.azione pubblicitaria... leggetemi anche qui e condividetemi, così divento famosa come la lucarelli, e la d'urso mi invita a Pomeriggio5

43 commenti:

  1. pure io ero fan della posta del cuore!
    e son ancora fan del non cambiare mai per nessuno. solo che ho capito, come dice Jovanotti, "se non avessi voluto cambiare ora sarei allo stato minerale". La differenza la fa il voler cambiare e non lasciarsi trasportare dalle mode e dai venti del momento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh beh FEDERICA, il rischio di voler assecondare il momento e la sua volubile schiera di manie momentanee, è una spada di Damocle che ci pende sulla testa... Quello si

      Elimina
  2. Anche a me piaceva la posta del cuore e sono d'accordo su tutto il discorso dei cambiamenti, che non è affatto trito, dovremmo ricordarcelo più spesso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. penso anche io PAOLA, che sia quel tipo di discorso che non fare sia meglio...

      Elimina
  3. Hai ragione ma pomeriggio 5 no., non ti mortificare così 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...eh va beh dai, se divento famosa dalla D'urso non ci vado FABYAPOIS, promesso!

      Elimina
  4. Si può cambiare e continuare a rimanere se stessi, perché altrimenti saremmo pigri e non cercheremmo di migliorarci. Naturalmente, come dici tu, il motivo non devono essere gli altri ma te stessa... Io ho cambiato alcune cose di me che non facevano bene né a me né agli altri, e penso che chi dice "sono fatta così se non ti vado bene affari tuoi" non si rende conto che si sta perdendo molto: l'occasione di scoprire che nel profondo si può STARE MEGLIO. Oh, è più difficile, e la strada in genere è in salita, ma saremo mica noi a mollare???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no MIKY, qualcosa mi dice che io e te nello specifico, non saremo quelle che abbandonano la partita, anzi! la giocheremo con armi sguainate e la forza vittoriosa che solo noi e nessun altra!
      commenti ho un recondito odio per chi dice "sono fatta così"... facile... molto molto facile!

      Elimina
  5. Ahaha l'ho sempre detto che quelle rubriche fanno danni XD
    Però non cambiare mai per nessuno se non per te stessa :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti è esattamente quel che conto di continuare a fare MOZZINO...

      Elimina
  6. sei così caruccia (le foto di lato) che vuoi cambiare? bionda saresti volgare.
    ovviamente condivido tutto tutto.Odoro la posta del cuore, ma mi manca, erano giornali che acquistava mia madre, ricordo in particolare una che curava la Boralevi, non ricordio il giornale, mi piacevano tanto le sue risposte.
    Ancora adesso, quando mi capita di vederla in qualche Talk, esporre così serenamente e con calma le sue opinioni mi vieni in mente tu...
    ecco se potessi cambiare, mi piacerebbe essere come lei, tranquillizzante. io metto paura anche ai gatti neri per strada.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no bionda io no sarò mai... essere bionde è uno stato dell'animo, non del capello, ed io non ho la giusta portata di ironia per farcela S...

      Elimina
  7. Non dirlo a nessuno, ma la posta di giornali come Cioè ed affini, quando potevo la leggevo anch'io. :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e chi non la leggeva PIRKAF?! è come la cioccolata... impossibile resistere!

      Elimina
  8. Ma sai che in 'sti giorni pensavo: chissà come starei bionda? Ma quel biondo che vira al bianco. Un po' punk un po' cretina ecco.
    Ogni tanto anche io vorrei dare una sferzata alla mia immagine che mi sembra così ordinaria. Poi non so. Ma solo per me <3

    La posta del cuore è un must.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ti ci vedo, all' Annie Lennox degli ultimi tempi...tu non sei affatto ordinaria.:)

      Elimina
    2. Grandissima S, anche io non vivo MAREVA, come persona ordinaria... Tutt'altro!
      Il biondo è state of mind, bisogna adoperarlo come un mantra, ed io sono certa che poche oltre a te potrebbero...

      Elimina
  9. No dalla D'Urso no ti prego!!
    Cambiare...Io spesso vorrei essere un bel po' diversa e pr molte cose si cambia ma la vera essenza di te/me resta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me resta quel sottofondo di noi stessi che non muta, ma si modifica a seconda del nostro grado di maturità, oltre che di soddisfazione MANU, perché è ovvio che chi vive la sua favola, non vorrebbe un castello diverso come scenario...

      Elimina
  10. Proprio qualche giorno fa pensavo chi cavolo potesse leggersi i deliranti quesiti e le altrettanto deliranti risposte della posta del cuore?
    Cioè, chi oltre me?
    Perché mi piace proprio, mi ci immedesimo oppure mi chiedo cosa consiglierei all'interlocutrice di turno (non funzionerebbe, avrei uscite tipo "giustiziali tutti!", non scriverebbe più nessuno).
    Ma procediamo.
    Ho pensato spesso al cambiamento; ne avverto sempre la necessità, sono camaleontica e a volte vivo periodi di revival estetici, musicali, letterari. Roba che è già stata me e che torna ad esserlo.
    Ho provato ad assecondare qualcuno talvolta, ma i risultati erano davvero pietosi.
    Non posso, non è nella mia natura! Poi odierei chi mi voleva diversa, è inevitabile.
    Finisce sempre in rissa con me!

    Ps: Bionda no! Coloratissima, piuttosto ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non consiglierei a nessuno di scegliermi per rispondere alla posta del cuore, la diplomazia decisamente non rientra nei miei talenti, e sempre più spesso vengo ingannata dal mio caratteraccio KORE. sul cambiamento la penso come te, è necessario piegarsi alla vita quotidiana quel tanto che basta a renderla speciale, e chi non sa accontentarsi, spessissimo è chi sta lì, alla finestra a guardare i giorni che passano e le cose che finiscono.

      Elimina
  11. Io credo che si è sempre in mutamento, dalle piccole cose ad altre più profonde quali parti di carattere e comportamenti. È naturale. Anche perché crescendo la vita la si vede sotto diversi punti di vista o si da più importanza ad altro rispetto a quando si è adolescenti.
    Io personalmente sono cambiata molto, soprattutto dopo i 20 anni, ma tutte le mie evoluzioni sono avvenute perché io le ho lasciate avvenire. Gli stimoli? Vari. Il mondo intorno a me, la famiglia, quello che all'epoca era il mio ragazzo. Fatto sta che sono stata io a decidere di cambiare e lasciarmi cambiare da cosa, come e quando io ero pronta.
    Quindi si, di base dico che i cambiamenti devono avvenire per nostra volontà e per noi stessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero è che abbiamo bisogno di stimoli ELISA, ma quando leggo forte determinazione al pari della tua, immediatamente capisco perché le donne hanno una marcia in più [non ne abbiano i maschietti...], perché fa parte di noi e del nostro modus vivendi, non accettare le cose in quanto tali, ma battersi alacremente affinché intorno a noi le cose somiglino sempre più al mondo che vogliamo abitare!

      Elimina
  12. Anche se non cambiamo, la vita ci cambia ..
    Un abbraccio ti ringrazio della visita gradita, a presto
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio ricambiato MAURIZIO, che poi sono anche d'accordo: alle volte non abbiamo la possibilità di decidere di cambiare, la vita ce lo impone, e tanti saluti al secchio!

      Elimina
  13. Probabilmente sono una pessima femminista, se dico che a me tutte le tiritere sul Girlpower che si leggono in giro non mi fanno alcun effetto?
    Non So, mi affido più agli esempi viventi...
    Però il tuo atteggiamento serafico mi piace e penso che sia molto saggio! :) e vorrei seguire il tuo esempio, se mi riesce! :D
    Bacio, Pata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS. Se avessi il coraggio di cambiare, mi farei riccia e rossa, come Merida, per intenderci, almeno per esprimere fuori come mi sento dentro :-) e invece accetto i miei boccoletti castani e cerco di esprimere tutto senza "rossitudine"! :-)

      Elimina
    2. Sai G, il girlspower è una condizione alla quale bisogna sentirsi portati, non è immediata o scontata, fa parte di una revisione personale del proprio stare e del proprio essere... ma non è nemmeno detto essere la scelta più opportuna!

      Elimina
  14. Sarà una gran cretinata ma ogni volta che sento il bisogno di cambiare tutto parto dai capelli: Tagli tragici, colori insoliti... É come se dessero il via.

    Un saluto
    E complimenti per il blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie OVERTHERAIN, e comunque io non penso per niente sia una cavolaia, anzi... dal capello partiamo sempre, per avere tutta un'altra visione di me stessa e della mia natura, è un inizio importante

      Elimina
  15. Ahahah io la scrivo la posta del cuore sull'Angolo! Che dirti sei arrivata prima di me alla conclusione che se non vi piaccio non mi meritate! Brava continua così e avanti tutta:-) ps: mora, rossa, platino? Come vuoi cambiare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che ero convinta di essere iscritta al tuo blog da anni e invece no? Ho rimediato;)

      Elimina
    2. Questa mancanza ti perseguiterà MARIELLA... Scherzi a parte, io e l'hairstyle, viviamo da circa un anno, in suprema pace reciproca... Mi sono fatta un taglio che amo, ed il mio colore, naturalissimo, non verrà toccato... Fino all'apparire del bianco! A quel punto diverrò rosso mogano!

      Elimina
  16. Non credo al cambiare per qualcuno, perchè il cambiamento reale è quello per se stessi, il resto poco ma sicuro che non è duraturo e non porta serenità. Ma non credo nemmeno nell'io sono così che ti piaccia o no, perchè mi sembra una di quelle verità assolute adolescenziali - almeno messa in questi termini. Poi ok, niente da dire sul non stravolgere e snaturare quello che si è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho avuto modo di apprezzare che non siamo mai abbastanza sicuri di noi stessi e dell'aspetto che dimostriamo NILY, e questo indipendentemente dalla vanità o dalla forza caratteriale, banalmente siamo tutti fragili, quando si tratta di noi; e questo porta noi stessi a sistemarci dentro il vestito migliore!

      Elimina
  17. Anche io leggevo e legno le rubriche, anche io sono incuriosita dalle risposte..d dicono che anche io dia cambiata! Sei coraggiosa Alice, esposta alla pubblicazione condanna dei vegani!
    Lalu
    www.ilquadernodilalu.it

    RispondiElimina
  18. Cambiare per gli altri non serve, l'unico cambiamento che conta è quello fatto per se stessi, perché solo quando sentiamo di voler cambiare per noi il cambiamento funziona e ci rende più felici o semplicemente più sereni.
    Comunque cambiare taglio o colore dei capelli può essere un punto di partenza, per noi donne è una sfida è un piacere ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ed un dolore iniziale, quasi sempre GIULIALU... io non mi ci sono mai sottoposta ma lo farò!

      Elimina
  19. E io credo che quel che scrivi è giusto,cambiare per qualcuno è indossare un abito di taglia sbagliata,il disagio è assicurato,il non sentirsi a posto è assicurato,alla fine tutto questo malessere prima o poi esplode.
    Ciao :-))

    RispondiElimina
  20. ...e poi c'è il grande classico: "ho dato un bacio al mio ragazzo... Sono incinta?" :D

    Buona domenica :)

    Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Giulia :-)) un classico, ogni tanto guardando le ragazzine di oggi mi chiedo se scrivono le stesse cose o se sono più avanti di quelle di ieri.

      Elimina
    2. Potremmo comprare un cioè e scoprirlo ;)

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!