giovedì 5 novembre 2015

...ed io ora cosa leggo?

E' un peccato che, dopo una doppietta assolutissimamente fortunata, ne arrivi una che mi occupa il tempo a lungo, senza grossa soddisfazione... 
"DIMMI CHE CREDI AL DESTINO" e "L'ANALFABETA CHE SAPEVA CONTARE" mi hanno esaltata, facendomi passare ore di svago in mondi concretissimi e assurdi, portandomi a far conoscenza con personaggi semplici e ordinari o speciali e poco ortodossi... ma tutti uniti dalla capacità di dire e raccontare qualcosa... 

Poi sono arrivati "UNO SPLENDIDO DISASTRO" e "LA RAGAZZA DI CHARLOTTE STREET", e la mia buona predisposizione alla letteratura, ne è uscita un po' piegata sulle ginocchia... 

Il primo, me lo avevano consigliato in molte persone; e nel vederlo in saldo del 50% tra i libri usati del Libraccio, non avevo potuto fare a meno di prenderlo, e di leggerlo quasi subito... 

Non mi è piaciuto.

E non perché sia brutto o scritto male, ma è di una banalità tale da renderlo ridicolo a tratti; mi innervoscisce moltissimo l'approccio morboso che hanno i protagonsiti, poco più che due adolescenti perennemente arrapati, che rendono malata e ripetitiva, la più banale delle storie d'amore.

E se non bastasse tutta la ridondanza di baci infuocati, e litigi epici e pedagogici come un calcio nei denti, ci sono dei pezzi che non c'entrano un tubo di niente, messi lì a far numero, appesi come se nulla fosse, tra tragedia e colpo di scena alla cacchio...

So che è diventato un best sellers, meritevole non di uno, ma bensì di due sequel, e questo mi rallegra, perché legittima l'esistenza di noi lettori, sebbene pochi e mal considerati da un'editoria in ginocchio; ma quando ad essere tali sono libri come "Uno splendido disastro", non posso fare a meno di capacitarmi del tutto della situazione... 

Perché, non per fare la saccentella di turno, o l'intellettualoide della situescion, ma come fanno tante persone ad innamorarsi di una storia d'amore che ha delle turbe psicotiche, quasi da stalker?

Mah...

Poi c'è stata "La ragazza di Charlotte street", e devo ammettere che mi ci sono fiondata, ispirata dalla copertina ammiccante, e dal giudizio di una cara amica giornalista, che mi aveva regalato, per altro, il libro di Bianchini, letto poco prima, "Dimmi che credi al destino"... 

Un altro barboso esempio di commediola nero su bianco, con spunti graziosamente interessanti, ma che si perde nell'intenzione di essere spassoso ad ogni costo; intrattenitore laddove di intrattenere potremmo anche essere stufi, e richiederemmo di avere qualche contenuto... 

Niente, sarà che sto invecchiando e mi sono fatta più difficile, non lo so, fattost° che non mi sono proprio piaciuti per niente.

Li ho finiti.
Con difficoltà immensa, nonostante le parecchie ore di sonno saltate dal fatto I [insonnia]... 

Ed ora mi sono buttata su "Mandorle Amare", della scrittirce francofona Laurence Cossè, una lettura di integrazione tra una donna della borghesia parigina, ed un'immigrata marocchina sessantenne, analfabeta e razzista.
Non è esaltante.
Insomma, non ho fatto alcun passo avanti, rispetto agli altri due... è solo vagamente meno noioso, ma non è scritto in modo brillante, ne ha un attrattiva straordinariamente straordinaria... 

Diciamocelo: è l'ennesimo buco nell'acqua!

Ora sono parecchio indecisa...

3 libri sono in ballottaggio...
...mi aiutereste a prendere una decisione?

Muchachas della Pancol.
Autrice consigliatissima da un'amica, alla quale è stato dato in sorte dalla sua bibliotecaria una trilogia esaltante, letta anche da una mia cliente, che ha ottimi gusti in fatto di libri; io mi ero presa, ancora senza conoscerla, questo libriciattolo... ed ora mi chiedo: sarà giunta l'ora di iniziarlo!?



Altro libro consigliato dalle stesse persone che hanno caldeggiato la Pancol, "Una ragazza da Tiffany" lo iniziai, spinta dall'autrice, che è colei la quale ha dato i natali a "La ragazza con l'orecchino di perla", splendido romanzo della mia adolescenza; tuttavia, lo abbandonai, trovandolo incredibilmente noioso. Le stesse donzelle, lettrici incallite, mi hanno consigliato di non demordere, e di proseguire nella lettura, coriacea e convinta, così da innamorarmi di questa nuova storia della Vreeland.

Pezzo di una collezione, che mi è stata donata da un parente del Paparotto Gigiotto; "Mia madre non mi ha mai spazzolato i capelli" mi ha subito incuriosita dal titolo, sebbene sia vecchio come il cucco e non tenuto particolarmente bene! Voi lo conoscete? Io non l'ho mai sentito nominare, ma ha un chè di molto attraente per la sottoscritta, e mi è venuta una gran voglia di approfodirne la lettura... sarà forse questo libro a trascinarmi fuori dall'inerzia delle letture pessime?

Aspetto, con trepidante predisposizione dell'animo, un vostro parere... su questi tre libri, certo, ma anche su altri titoli che vi hanno sollazzate, e che, mi auguro, possano riportarmi a leggere qualcosa di bello e coinvolgente, visto che questo autunno, non è decisamente iniziato con questa predisposizione!

39 commenti:

  1. Uhmm non saprei proprio che consigliarti, non li conosco, diciamo non sono proprio nelle mie corde. Io in questi giorni ho letto però due mini romanzi di autori indipendenti, che sono pure due blogger, e si intitolano Gli ulivi non piangono al plenilunio e Imperial. Ora sto leggendo l'ennesimo di Neil Gaiman, che mi fa impazzire in genere, ovvero Nessun Dove. Beh, te li suggerisco tutti e tre xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed io accetto di buon grado il consiglio CERVELLINO, sebbene tutti e tre mi siano totalmente sconosciuti!

      Elimina
  2. Dal titolo opterei per il terzo ma non li conosco!
    Se non hai letto "Io che amo solo te" sempre di Bianchini te lo consiglio!Se non hai visto il film!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo andare ieri a vedere il film MANU, ma poi abbiamo optato per una cosetta casalinga, causa primo giorno di ciclo!

      Elimina
  3. Io, a pelle, voto il terzo!
    Gli altri non li ho letti, quindi non saprei dirti!!
    P.s. Io sto leggendo Fight Club, 'na cosetta leggera proprio eh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siete quasi tutti pro terzo PERSEFONE, quindi, sebbene sia un bel mattoncino, seguirò il consiglio, e mi ci butterò da stasera stessa

      Elimina
  4. Io questi libri non li ho letti, ma mi ispira di più il terzo, ha un titolo interessante! Un libro molto bello che ti consiglio è "Il fantasma dell'opera" di Gaston Leroux! Se vuoi un libro contemporaneo ti consiglio tutti quelli di Dan Brown, sono molti avvincenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco Dan Brown VANESSA, ma è una vita che non lo leggo... Recupererò...

      Elimina
  5. Io tra i tre sceglierei l'ultimo, ma solo così, perché mi attira il titolo.. Io ho appena terminato "Finché le stelle stanno in cielo" di Harmel Kristin, un libro a cui non avrei dato una lira e che invece mi ha piacevolmente sorpreso. Posso poi consigliarti "Perdersi" di Lisa Genova, una storia che mi ha fatto parecchio riflettere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che anche qualcun altro viene attratto anche solo dai titoli FEDERICA... Molto molto bene!
      Accetto ovviamente i consigli, non conoscono nessuno dei due libri che mi hai proposto, ma sono sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo e stuzzicante...

      Elimina
  6. La ragazza di Charlotte Street io non l'ho nemmeno finito.
    Mi ispirano parecchio i primi due, quelli che hai divorato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono effettivamente molto belli ELE781, godibili e pure ben scritti!
      Ora aspetto di emulare leggendo qualcosa di altrettanto ben scritto!

      Elimina
  7. Non saprei darti consigli perchè non conosco questi autori, ma La ragazza con l'orecchino di perla non è di Tracy Chevalier? O ricordo male, io l'avevo letto e mi era piaciuto, un po' lento, ma interessante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrei sbagliare PAOLA, sono due notti che non dormo, ed ho i neuroni un tantino arrostiti!

      Elimina
    2. Mannaggia! Bruttissima cosa non dormire

      Elimina
    3. ...ormai sono abituata...

      Elimina
  8. Leggi io sono di legno, oppure il mio inverno a zerolandia. Poi ne discutiamo :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volentieri LUDO, non ne ho nessuno dei due... Ora mi attrezzo!

      Elimina
  9. La ragazza di Charlotte Street l'avevo preso con BookMooch. Dopo mesi sullo scaffale, tempo fa l'ho preso in mano e l'ho chiuso dopo una cinquantina di pagine. Sono con te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una lettura un tantino inutile MAREVA, altroché storie...

      Elimina
  10. Nessuno dei tre. La maggior parte delle volte mi fido solo del mio istinto. Bianchini top:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io MARIELLA, ma devo ammettere che mi hanno anche dato ottimi consigli...

      Elimina
    2. Anche a me! Ma alla fine vince solo la mia pancia:-)

      Elimina
    3. No io alle volte mi sono approcciata a libri consigliati da altri, solo sulla fiducia data... La quadrilogia de "L'amica geniale" la devo a MAREVA ad esempio...

      Elimina
  11. Anch'io ti consiglio "io sono di legno" letto qualche anno fa, molto bello.
    Hai letto "La tentazione di essere felici" ? E "Il bordo vertiginoso delle cose"?
    A me sono piaciuti molto entrambi. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendo tutti i titoli GIULIALU, che qualche opzione in più nei consigli di lettura mi fa sempre comodo

      Elimina
  12. ciao cara, sono onesta non conosco nessuno dei tre, della Pancol mi hanno suggerito caldamente la trilogia che inizia con "Gli occhi gialli dei coccodrilli" < che ho su uno scaffale da anni e non è mai venuto il momento di leggerlo io ho appena iniziato l'ultimo di Federica Bosco "Tutto quello che siamo" e per ora mi piace ;) un bacino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Là Bosco è una furbastra letteraria QUEEN, che non ha mancato di intrattenere anche me!
      La trilogia della Pancol è quella che mi ha consigliato la mia amica, ma questa volta parto con il librone sul rapporto madre e figlia...

      Elimina
  13. Dico subito che non ne ho letto nemmeno uno XD Però...
    La Pancol sembrerebbe interessante, ne ho sentito benissimo anche io. La Vreeland dovrebbe essere un buon passatempo, non pesante e non banale. L'ultimo titolo deve essere più impegnativo: una lunga saga femminile tra emigrazione e tentativi di realizzarsi, detto molto sbrigativamente; vorrei leggerlo - prima o poi!
    E ti stra-quoto su determinati titoli da top delle vendite... :P
    Ciao Pata! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine ho optato per il mappazzone sul femminismo GIO, però è scritto in tono leggero parrebbe...

      Elimina
    2. Ho scritto un nuovo post su Leonardo DiCaprio, Titanic e Matthew McConaughey. Se vuoi leggilo, altrimenti fa lo stesso, sei sempre la benvenuta sul mio blog gattaracinefila.blogspot.it

      Elimina
  14. Hai già scelto, sono in ritardo? Non conosco i libri sui quali sei indecisa ma una cosa è certa: se qualcuno ti consiglia unlibro che non t'è piaciuto decisamente avete gusti diversi, perchè dare una seconda opportunità??? :D un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo CINDYSKY è vero... Ma ho anche scoperto che, all'interno della bibliografia di uno stesso autore, posso innamorarmi di un titolo ed odiarne un altro...

      Elimina
  15. Non è facile per nulla consigliare delle letture anche perchè ognuno di noi ha i propri gusti.
    A fiuto come topo da biblioteca, l'ultimo dal titolo lunghissimo e con una copertina abbastanza datata, mi intirga particolarmente..
    Ora me lo segno, vado nella solita libreria di un amico e lo cerco..
    Bacio serale amica bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho scelto esattamente quello CROSIGLIA, ed un po' per gli stessi motivi... In due giorni 140 pagine... È veramente affascinante questo malloppo che parla di 4 generazioni di donne in un'America decisamente fascinosa

      Elimina
  16. Non ho letto nessuno dei 3 libri, ma fra i 3 credo che mi ispiri di più il terzo.

    Buona serata 😊

    Giulia ☀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha avuto un plebiscito il terzo GIULIA, ed io l'ho scelto e mi ci sto voracemente innamorando!

      Elimina
  17. Il mio consiglio cade, senza ombra di dubbio, sul primo libro dei tre di cui sei indecisa, anche a giudicare dalla casa editrice.
    Per quanto riguarda i due che ti hanno delusa, io non ho alcun risentimento nel dire che, invece, a mio parere sono proprio libri brutti e scritti male e che non possono fare parte di nessuna lettura, se non quella d'intrattenimento, che non ho mai considerato letteratura, perché priva di logica.
    :) Buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...piacere è condividere con una lettrice che non ha peli sulla lingua ANTO! e pensa che giusto ieri, in un bar, una ragazza leggeva il seguito di "Uno splendido disastro" e temo di averle lanciato un'occhiata del genere "poverina che sei..."

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!