lunedì 5 ottobre 2015

...libro usato accettasi ...

Ho preso ad innamorarmi dei libri usati.

Non sapevo si potesse cadere in questo perverso gioco di innamoramenti evolutivi, eppure è successo, quindi lo subisco attonita e felice, come accade sempre quando ami davvero.

Ne ho acquistato qualcuno per lavoro, di quelli sul social media marketing di Hoepli, che sono semplici e complessi al contempo, pensavo di non poter godere della narrativa usata, invece oggi sono proprio quelli usati ad ad attrarmi maggiormente.

Mi affascina il loro essere usati, il fatto che prima di me avessero già una storia, la loro complicità affine già educata nei confronti del lettore, quella ventata di vissuto che emanano.

Chissà chi decise di acquistarli, e poi li abbandono a loro stessi, convintosi che facessero solo ingombro, nelle librerie o sulle scrivanie... 

Me lo chiedo ogni volta che ne prendo in mano uno, sono tenuti benissimo, non sottolineati, senza pieghe o orecchie, banalmente perfetti e vissuti quel tantino.

Li guardo con occhi indulgenti, promettendo loro che non li abbandonerò, che io i libri non li so gettare ne rivendere, e mi pare capiscano di essere i benvenuti. 

Ultimamente popolo il piano superiore del Libraccio, a Brescia, molto spesso.
Sto lì un po', mi trastullo tra la narrativa, gli storici, le biografie, i trattati, ed anche se non sono le ultime uscite, anche se non sono in vetta a nessuna classifica, non mi pare abbiano una data di scadenza, così li porto a casa, coccolandoli come se fossero nuovi, scattando loro foto da instagrammare, e sentendomi soddisfatta della piega che sta prendendo la libreria del mio studio: un marasma di attrattiva moderna e antica alla quale affidare il mio diletto.

Sono stata, peraltro, agevolatissima in questa mia passione, visto e considerato che c'è "Librixia" la fiera dedicata alla passione per i libri, e la lettura, con interventi, incontri con gli autori e tani tantissimi libri in ogni dove!

Oggi ho riflettuto sul fatto che, secondo la scienza, il mondo è stato creato dal caos.

Mi piace questa cosa, mi piace che dal disordine, dal marasma, dal casino, dall'esplosione, può nascere un qualcosa di estremamente bello come il mondo; mi piace perché sono convinta che sia declinabile, questa teoria, a mille esempi della vita quotidiana.

Siamo ammassi disordinati di tutto e niente, che per trovarsi devono emergere con veemenza ed intenzione, dalla loro inerzia caotica e senza senso.

La mia libreria,: i volumi distorti e dissonanti, le cornici che pensolano e le piante grasse in gabbia, le mensole che mancano, la Divina Commedia che fa spessore, la scrivania anonima e strabordante, i collage di inutilità che mi animano; tutto fa parte di questo immenso progetto di vita nuova, che mi sta convincendo e coinvolgendo, un'azione zen proiettata nel più totale buio di una che traballa su tacchi a spillo, ma non ne vuole sapere di toglierseli.

39 commenti:

  1. Io invece amo i libri nuovi, sono molto possessiva per quanto riguarda la lettura, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io PAOLA sono possessiva punto, infatti non vendo mai i miei libri, e capisco talmente poco chi lo fa, da spronarmi a salvare piccoli libri innocenti

      Elimina
    2. Potrebbe essere lo spunto per un romanzo, la salvatrice di romanzi, cosa ne pensi?

      Elimina
  2. Condivido questo tuo amore! Io è da diverso tempo che, in realtà, frequento mercatini dell'usato e fiere varie per accaparrarmi di tutto! Vado da Sveva Casati Modignani a Giorgio Bassani, dai libri di architettura che mi servono anche per il lavoro a quelli più leggeri! Qualcosa ho preso anche online su comprovendolibri.it e mio fratello su amazon.... ma quello che preferisco è, comunque, girare per bancarelle e sfogliare... uno dei migliori affari l'ho fatto mentre un signore stava chiudendo la bancarella, avevano anche staccato la luce e io che continuavo a sfogliare!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai dato una buona dritta web per trovare copie sfiziose... Però la bellezza del contatto KANACHAN, non me la toglie nessuno! Mi rendo conto di avere un rapporto veramente fisico con libri e lettura, ma non voglio ne posso farne a meno!

      Elimina
  3. Frequento anche io i mercatini dell'usato e come te ritengo che sia bellissimo il fatto che dietro ci sia già una storia, il che rende gli oggetti ancora più affascinanti.
    Bel blog comunque :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il complimento SUMMERBEA; per quanto riguarda la lettura, che venga influenzata dal vecchio o che venga preposta al nuovo per me ha poca importanza, ma più fascino!

      Elimina
  4. Libri nuovi o usati... basta che siano libri. Se hanno una storia loro, leggendoli me la racconteranno forse. Altrimenti gliela fornisco io.
    Purtroppo qui in città non c'è molto del genere. A Torino è più facile trovare i mercatini. Mia figlia aveva comeprato un libro di Trilussa. Peccato che io ero a casa....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dicono PATRICIA, che Torino sia proprio la città del libro, con angolini sfiziosi dai quali attingere con gioia infinita... Chissà se è così

      Elimina
  5. Invece i libri per me devono essere nuovi, altrimenti non li sento "miei".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa CRILÙ che a lungo ho pensato anche io che dovesse essere così, ma mi sono convertita

      Elimina
  6. Io amo i libri, nuovi! Io li vivo, li consumo, annota pensieri, frasi e li tengo per me!!
    Lalu

    RispondiElimina
  7. Io amo i libri, nuovi! Io li vivo, li consumo, annota pensieri, frasi e li tengo per me!!
    Lalu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io non riuscirei mai a rivenderli o a prestarli LALU, ma anche sottolinearli per me è faticoso alquanto

      Elimina
  8. Non mi è' mai capitato di comprare libri usati...la prossima volta provo a fermarsi in qualche bancarella e vediamo che effetto mi fa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Testati e vedrai che ne vale la pena MANU... Sentì il loro vissuto anteriore, che può inquinare te e chi ti sta vicino, o lasciarti un'aurea di autentica bellezza intorno

      Elimina
  9. I libri usati non mi piacevano.
    Poi sono entrata nel gruppo delle staffette letterarie, dove ci passiamo sempre libri iper-scritti ed iper-vissuti, ed ora li adoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vuol dire scambiarsi pezzi di vita KATIU, è un dato di fatto

      Elimina
  10. Non faccio distinzioni, se capita compro tranquillamente nei mercatini dell'usato, dove spesso e volentieri si fanno i migliori affari.
    E dove soprattutto a volte capita di fare il botto trovando libri fuori catalogo da tempo immemore. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. puoi dire giuro PIRKAF, a 5 euro Jn, mia sorella, ha preso una biografia di Walt Disney introvabile!

      Elimina
  11. Trovo affascinanti i libri usati. Ho sempre e solo amato i nuovi libri con quelle pagine bianche e candide ma mi piace l'odore e la ruvidità dei libri usati che nascondono delle storie. E poi, anch'io, mi chiedo come sia possibile lasciar andar via dei libri... io non li venderei mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ero una di quelle per cui dev'essere tutto nuovo, tutto immacolato MAMMEDESERTO, poi il colpo di fulmine che non ti aspetti... e tutto comincia a girare in un'altra direzione!

      Elimina
  12. Ciao cara Pata,
    capisco la tua passione per il disordine, per ciò che può essere evocativo, per il contatto che si puo creare con altre anime anche acquistando un libro usato. Io mi perdo per le navate delle chiese immaginandole popolate in epoche lontane!!!! Però sui libri, aimè, sono tremenda: non riesco ad acquistarne di usati. I miei libri devono essere impeccabili, uso il segnalibro per non fare nemmeno un'orecchieta... non sono una lettrice molto generosa lo ammetto...un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuno ha il suo CINDYSKY, e non mi pare che possa esserci giusto o sbagliato, banalmente penso che le malattie mentali siano personalizzabili

      Elimina
  13. Adoro il loro profumo e anche la polvere che si è accumulata dentro e fuori.
    Ho cambiato casa da poco, e sono ancora alla ricerca di nuove librerie da affiancare a quelle esistenti. Ma ce la farò. Adoro il loro disordine perché dice tutto di me e di quello che amo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai poi MARIELLA il disordine è sempre molto relativo. Credo sia elemento imprescindibile che parla di noi, chiacchierando amabilmente di quel più o meno che rende preziosa una giornata anonima

      Elimina
  14. Un buon libro è per sempre anche dopo anni ha sempre il gusto dell'avventua letteraria.
    Grazie della visita graditissima
    Il mio abbraccio Patalice
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. UIPFW una visita che fa sempre piacere, la mia nei tuoi confronti

      Elimina
  15. Anche io amo follemente andare a ricercare ai mercatini dell'usato il "mio" libro...è un po' come adottare un gattino abbandonato, lo vedi, lo "riconosci" e lo porti a casa!! Oltretutto più sono titoli sconosciuti e vissuti (ma non rovinati) e più mi piacciono!! Una volta ho anche trovato una dedica tenerissima in mezzo alle pagine!! ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono colpi di fulmine vedi ALENIXEDDA, istanti appesi e sospesi, che non chiedono altro che essere vissuti...

      Elimina
  16. I libri che hanno già una storia hanno il loro fascino, ogni tanto mi capita di comprarne ai mercatini, una volta ho ritrovato un libro letto e amato tanti anni fa che non potevo trovare in libreria, è stato come ritrovare un vecchio amore :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...che magica sensazione GIULIALU... invidia libraia!

      Elimina
  17. Adoro il caos, un po' meno il disordine, anche se non ti nascondo che regna sovrano in casa mia, ma un luogo dove tutto è suddiviso per genere e per amore sviscerale per le parole, è la mia mega libreria, dove fanno capolino classici e moderni, in un susseguirsi di copertine colorate, profumi paginose, parole chiavi e amore senza fine.
    E' li che un po' ritrovo me stessa, tra quelle pagine usate, lette e rilette, e quando entro in questo posto, mi ritorna in mente la biblioteca che consultai a Pavia per la mia tesi di laurea: io, piccola umana, al centro di un mondo di parole in scaffali sopraelevati, con scale a circuito che slittavano sulle pareti stracolme di testi di ogni dove. I <3 i libri!
    Capisco il tuo status.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comprendo dalle tue parole FETTAPARADISO, che mi capisci davvero... Occhi a cuore per noi!

      Elimina
  18. PArli di libri e sono contenta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...beh allora leggimi che sto pensando di recensire STEFANIA!

      Elimina
  19. Oh, sì, anch'io libri usati, da sempre. E le librerie dell'usato, luoghi meravigliosi, pieni di sorprese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incontri che non credevo, colpi di fulmine che mi hanno tolto il fiato... Eh sì SILVIA, io amo leggere...

      Elimina
  20. Anche a me piacciono le cose che hanno una storia. . Per altro tra i libri usati tanti sono nuovi, magari regali non apprezzati

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!