venerdì 18 settembre 2015

Sii viaggiare... O no?!

Il mio amico Menny è rientrato dalla Germania dell'est, che ritroverà da qui a una settimana, non prima di essersi fatto un giro in quel di Denver e dintorni.

Che ragazzo fortunato, direte.
Beh, io, tra tanti aggettivi, non gli applicherei quello per primo, ma soprattutto perché, il fatto che ci vada per lavoro e non per diletto, mi fa un po' perdere la romantica visione della cosa.

Personalmente non farei un lavoro nel quale si viaggia a questo ritmo.

Sicuramente apre la mente, allarga il concetto di "adattamento", e porta la vita di tutti i giorni su un piano di imprevedibilità a dir poco emozionante, ma a me l'idea di vacuo e di non permanente, non si scolla di dosso, pensando ai tanti aeroporti, ai jet leg, ai risvegli su cuscini sempre differenti.

Ma è cosa nota: io non sono ragazza da perdita delle abitudini.

Il viaggio mi piace, molto più della vacanza, ma con moderazione.

Non esiste ch'io non possa godere della piena bellezza del mondo, non esista ch'io la dia per scontata, e me ne dimentichi. 

Ho stilato una delle mie innumerevoli liste, sui viaggi che mi piacerebbe fare. 

La travel list, ha un qualcosa di eccelso: ti mette in moto il cervello, prima ancora dei piedi, e ti fa scommettere sul vincente delle tue aspettative, perché un posto nuovo non potrà mai del tutto deluderti.

Ma viaggiare per lavoro, stare con il trolley sempre in agguato, dover avere un'organizzazione pianificata sull'orizzontale del calendario, è una cosa che non mi sconfiffera per nulla. 

Voi?
Dove vi ha condotti la vita?
Dove avete scelto di fare campo base?

Ciò posto, ecco la mia interessantissima travel list, così che possa essere una miniera di idee per le persone che non vedono l'ora di farmi viaggiare per il mondo... 
[accetto anche bonifici...]

1- PROVENZA
mi piacerebbe incredibilmente vivere un lungo cammino in macchina, con la fioritura della lavanda che mi esplode davanti

2- GERMANIA
Non so esattamente quali città mi piacerebbero di più, ma vorrei vedere si Berlino, ma anche quelle città così canoniche e caratteristiche che la mia testa si è prefigurata. La vorrei vedere in autunno, con il grigio di una città vecchissima, ma ricca di fascinose promesse... 

3- IRLANDA
Distese di verde. Silenzi interminabili, buona birra buon cibo, energia che viene dritta dalla natura e dallo spazio infinito che mi si para davanti e che mi lascia senza fiato... 

4- ISOLE GRECHE
Ho visto Mykonos, Creta e Rodi. Ma vorrei più di ogni altra cosa una barca che mi porta a zonzo durante il giorno, alla ricerca di spiagge dimenticate dall'uomo, e splendidi hotel che mi accolgono alla
sera con tutte le comodità.

5- SAN PIETROBURGO e MOSCA
La sacra madre Russia mi attrae talmente tanto che, da quando non ci sono andata in viaggio di nozze, mi è rimasto il tarlo... Vivere lo spirito di una nazione che ha fatto della forza e della determinazione il proprio "io" sarebbe un'avventura fantastica... 


35 commenti:

  1. anche io sogno l'irlanda, mi affascina un sacco!

    ma all'apice della mia travel list ora c'è il cile del nord e la bolivia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come avrai notato FEDERICA, sono più attratta da Europa e limitrofi...

      Elimina
  2. Ho avuto modo di confrontarmi con persone che viaggiano parecchio per lavoro (roba che in un giorno si fanno andata e ritorno da paesi stranieri come nulla fosse, e magari il giorno dopo lo stesso).
    Mi raccontavano che comunque per loro è più o meno come raggiungere l'ufficio, dopo un po' di anni che lo fai. Ti abitui e piuttosto che prendere il tram o la metro, prendi un aereo. Non so, nemmeno io ce la farei sinceramente perché le mie abitudini e i miei hobby caserecci mi piacciono.
    Fra le mie mete che spero siano future e non solo immaginate ci sono l'Irlanda, la Germania e i Paesi Bassi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anche io che per certe persone poi tutto si risolva nella normalità che per noi è straordinaria, ma che per loro è figlia e frutto del quotidiano PIER... Noto che abbiamo mete simili... Partiamo?

      Elimina
  3. La Provenza mi è rimasta nel cuore, anche se non ci sono potuta andare in periodo di fioritura della lavanda ma in agosto, resta il fatto che è stato un viaggio bellissimo! L'Irlanda è stupenda, anche se non l'ho girata in lungo e in largo ma un'idea me la sono fatta... Berlino mi è piaciuta molto anche se ci sono stata pochissimo, mentre San Pietroburgo e Mosca sono due mete che incuriosiscono molto anche me... I viaggi sono fantastici, ma nemmeno io vorrei viaggiare per lavoro. Mio marito è andato in Giappone a fine agosto, una settimana in cui ha visitato qualcosa per mezza giornata e una sera, e tutto il resto del tempo lavoro e super jet-lag... una sfaticata per non vedere praticamente nulla, mi mangerei le mani se mi capitasse! E comunque per quanto a un certo punto io senta il bisogno di partire e andare in un posto mai visto, anche io amo le mie abitudini...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Giappone per altro MIKY, deve essere proprio incantevole... Comunque non tutti siamo programmati per avere la valigia perennemente pronta

      Elimina
  4. Io per lavoro non viaggio, ma mio zio ha passato la vita viaggiando per lavoro e si è affaticato molto, dalla tua lista scarterei solo la Germania, che non mi affascina, quando partiamo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che io invece, nella testa PAOLA, la vedo come una meta irresistibile, ma anche le altre sono meritevoli di attenzioni, quindi partiamo anche subito

      Elimina
    2. Faccio la valigia e arrivo

      Elimina
  5. Io sono abbastanza da campo-base ma poi se c'è da spostarmi amo viaggiare.
    Soprattutto amo anche piccole o piccolissime gite; pomeriggi on the road esplorando zone poco battute.
    In ogni caso, tra le mie mete ci sono
    SNOQUALMIE/NORTH BEND (OSSIA TWIN PEAKS)
    MESSICO
    GIAPPONE
    NEW YORK

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Giappone ispira molto anche me MOZZINO, New York l'ho vista, ma non vedo l'ora di tornarci con Jn, in un classico road da turiste femmine e fissare... Un musical a Brodway, foto sulle scale dell'appartamento di Carrie, cornetti mangiati di fronte a Tiffany... Cose così...

      Elimina
  6. Il viaggio, inteso come diletto dell'azione, io lo farei ovunque, intorno al mondo. Se vuoi proprio una lista, scegliendone tre (cerco di limitarmi perchè la lisa è veramente lunga) ora vedrei volentieri la Provenza, Lisbona e New York. Per quel che riguarda il viaggio inteso come necessità di spostamento per lavoro, per quanto so che a lungo andare potrebbe darmi noia e sofferenza, è una cosa che nella vita proverei per un periodo, e ti dirò: mi piacerebbe molto! Non per sempre, ovviamente, ma per un periodo limitato si!
    Un abbraccio e buon week end!
    LuluC

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non so neppure se, anche fosse un periodo limitato LUISA, sarei in grado di reggere la distanza lavorativa quotidiana... Per me viaggio è evasione e relax, non lo concepirei troppo con un distaccamento del quotidiano, lontana da "le solite cose"...

      Elimina
  7. Irlanda... Connemara che dicono sia ancora molto "rustico" e incontaminato.
    Per il resto viaggiare mi è praticamente impossibile per casini vari ma... ma se potessi un viaggetto almeno me lo farei.
    Viaggiare per lavoro in quella maniera??? Sclererei dopo un mese... troppo abitudinaria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco il concetto di abitudinario, perché ne ho fatto un precetto di esistenza PATRICIA, ogni tanto, nel pensier mi fingo qualcuno che non sono, ma è una parentesi tra le parole tran tran...

      Elimina
  8. Il Connemara è una di quelle "cose" - assieme ad Achill HEad e a Kilemore Abbey - che ti entra sottopelle e non ne esce più.
    al punto che ti ritrovi poi, 22 anni dopo, ad andarci una volta all'anno.
    Per me vale lo stesso discorso con la Bretagna, il Canada, certi punti della Sicilia, Mont Saint Michel, la campagna tedesca, il Tirolo. Solo che qui non ci torno tutti gli anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace che i luoghi sappiano vivere sotto pelle, costringendoci a tornarci per ritrovare pezzi di noi che abbiamo lasciato in loco PILLOW... La Bretagna mi ispira molto, vedo quelle segnate e ci vado!

      Elimina
  9. Irlanda Irlanda Irlanda Irlanda!
    <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e G levò un urlo verde a forma di trifoglio!

      Elimina
  10. Il babbo della fidanzata di mio fratello è costantemente in viaggio per lavoro e per lui, alla fine, non ha più nulla di speciale. Se per me farmi 12 ore di aereo ha qualcosa di magico per lui è come scendere a prendere il latte sotto casa. Ecco, per quanto vorrei un lavoro del genere, l'idea di perdere la magia mi atterrisce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai MAREVA, penso che alla lunga, il fatto che diventi consuetudine, finisca per uccidere il fascino, e non vorrei mai perdere quel brivido da aereo porto che ancora ho

      Elimina
  11. Sono un cazzo di fotoreporter, purtroppo anche decente, sto fuori di casa 150 giorni all'anno, una volta ho pensato di tatuarmi le bandiere degli stati del mondo da me visitati, anche a farle piccole mi ci sarebbero voluto due schiene e quattro gambe per farcele star tutte.... domanda di riserva?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preferisci latte e biscotti o the verde senza zucchero RES?

      Elimina
  12. E vero quello che scrivi. Le persone che sono sempre in viaggio per lavoro perdono la magia dell incontro con un posto nuovo. Io ho bisogno di un posto fisso dal quale ogni tanto spostarmi per guardare il mondo. E bello.partire però e' anche tanto bello tornare...
    Berlino e la Provenza anche nella mia lista!
    Lalu www.ilquadernodilalu.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un porto certo, che ci ricordi sempre che siamo a casa LALU, credo sia una condizione imprescindibile dalla quale partire...

      Elimina
  13. Figurati!chi si occuperebbe delle mie piante?!
    Pero'in qualche isola greca ci vivrei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah SARA, tu dici "piante" io penso alle mie che attuano un suicidio preventivo, consce del fatto che moriranno comunque, vivendo con me!

      Elimina
  14. Credo che se si rilevi a prendere il ritmo sia molto bello viaggiare per lavoro..certo dipende anche che lavoro sia fa..ma è bello conoscere persone sempre diverse e di diverse nazionalità. Anche io adoro la Provenza. .in generale mi vedrei bene a vivere in Francia. .hahah le isole greche le amo..il mio obiettivo vederne il più possibile :)
    Se ti va passa da me a dare un occhiata al mio nuovo post. ..

    http://theunbearablelightnessofs.blogspot.it/?m=1

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Francia, anzi Parigi, l'ho sentita molto casa mia, per un periodo CHERRYROSSI, ma non avrei potuto starci in pianta stabile, non sono fatta per la lontananza.

      Elimina
  15. Anch'io amo viaggiare con moderazione. Del resto ho viaggiato diverse volte per lavoro e in questi casi non hai tempo di vedere niente e, se lo fai, quelle poche cose che riesci a vedere le vedi di corsa e non te le godi pienamente. Io non amerei un lavoro che mi portasse sempre in giro. Amo tornare a casa mia la sera, nei miei spazi. Per quanto riguarda la tua lista vorrei tanto visitare l'Irlanda, mi manca proprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I propri spazi sono il territorio della felicità GIULIALÙ, e non esiste che li si escludano o trascurino

      Elimina
  16. Lo dici a me? A me piace viaggiare, si si, ma non nella quotidianita'. Adoro la mia quotidianita' e le mie certezze. NOn riuscirei a lavorare come Menny, no no

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono interrogata su me stessa SPETTINATA, arrivando alla medesima conclusione

      Elimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!