mercoledì 16 settembre 2015

Proust is a new ideal...

questo POST è stato un assoluto spreco di makeup...
Passando da Chiara di "Appunti a margine", mi sono imbattuta nel Questionario di Proust, sapete di cosa si tratta? Molto brevemente sono una serie di domande volte a conoscere i gusti e le aspirazioni di chi vi risponde. 

Come ben sapete io A D O R O riempire righe e righe di fattacci miei, quindi non potevo minimamente esimermi dal rispondere a mia volta a queste titillanti domande, che smossero addirittura Proust...  
Il tratto principale del mio carattere: 
Sono diretta.
Parecchio parecchio diretta. 
Mi prendo sempre le responsabilità delle mie azioni e delle cose che dico, e non mi tiro mai indietro dal dire la mia e dall'esprimere la mia opinione, anche quando è scomoda e mi fa risultare fuori tono.

Qualità che desidero in un uomo:
La capacità di avere polso. 
Un uomo di potere, determinato ed ambizioso, ai miei occhi, è il più bello del mondo.


Qualità che preferisco in una donna:
Il dono di essere solidale con altre donne, senza provare invidia e rancore. 
Sono per le donne forti, quelle che vanno avanti nonostante tutto, e non reggo gatte morte, scolarette e donnicciole. 

Quel che apprezzo di più nei miei amici:
La sincerità.
Il loro appoggio, il loro supporto e la loro fedeltà sono quello che mi aspetto da loro.
Non sono un'amica facile.
Sono pretenziosa e troppo "comandina", ma in cambio do tutto.
Veramente tutto.

La mia principale qualità:
La schiettezza.
Se mi chiedi come ti sta quel vestito non ti mentirò mai.

Il mio principale difetto:
Sono una tuttologa... 
Mi beo della "so tutto io", e credo quello sia stato il freno di tante persone nei miei confronti... 
E poi sono inconcludente!
Dannatamente inconcludente... 

La mia occupazione preferita:
Scrivere e leggere, leggere e scrivere...
Guardare film e serie tv, e mangiare latte e biscotti


Il mio sogno di felicità:
Sentirmi risolta.
Finalmente e totalmente risolta.

Mai senza:
Mia sorella.


Magari senza:
Antibiotici e paure...

Se fossi un animale: 
Una cagna.
Senza il benché minimo dubbio.

Pittori preferiti:
Tamara De Lempicka.
I suoi volti di donna, le sue espressioni colorate che danno vita a emozioni che riconosco e mi deliziano... 
Non vedo l'ora di andare a Verona alla sua mostra!

Il paese dove vorrei vivere:
Se volessi trasferirmi, Parigi.

Il colore che preferisco:
Il rosa...
Sono una femminuccia!

Il fiore che amo:
Il tulipano.
Era il mio bouquet, ed è l'unico che, se di stagione, non manca mai in casa mia.

I miei autori preferiti in prosa:
Sono differenti...
Amo Jane Austen, follemente, perché è un'autrice senza pari; adoro Philp Roth e la sua dissacrante disamina del mondo americano; mi sono appassionata a Ken Follett che ero ancora piccola, e non ho smesso; mi sono follemente innamorata della Ferrante e voglio leggerla il più possibile...; trovo Shakespeare infinito...
I miei poeti preferiti:
Uno su tutti: Giacomo Leopardi.
Ma Charles Bukoswky lo trovo esilarante.
E Walt Disney, i suoi cartoni animati sono poesia.

I miei eroi nella finzione:
Gli Avengers, primo tra tutti Iron Man!

I miei musicisti preferiti:
Ce ne sono...
Comunque direi Ligabue, Tiziano Ferro e Jovanotti... 

I miei eroi nella vita reale:
I miei genitori.
E mio marito.

Quel che detesto più di tutto:
Il buonismo.
Io odio profondamente il buonismo, sono convinta che, unitamente all'ignoranza, abbia rovinato l'Italia.
Ah si, beh poi odio chi spoilera i telefilm.

I personaggi storici che disprezzo di più:
La storia ne è stra piena... 
Da Hitler a Mao Tse Tung, passando per la Santa Inquisizione, è un infinito elenco di male e dolore provocato e mai redento.

Il dono di natura che vorrei avere:
Leggere una volta e ricordare tutto...
Quando ero studentessa avrei pagato per essere una sorta di Super Vicky all'azione!

Stato attuale del mio animo:
In evoluzione!
Ed in fibrillazione per questo!


Le colpe che mi ispirano maggiore indulgenza:
Se penso a chi, per mangiare, ruba nei supermercati, penso a loro... Specialmente se si tratta di anziani... So che non è giusto e giustificabile, ma è più forte di me...
Certo, se la domanda fosse stata, la colpa che mi ispira minor indulgenza, avrei avuto un elenco lunghissimo!

Il mio motto:
Smetti di sperarlo, di crederci, di invocarlo, datti da fare e realizza i tuoi sogni!

21 commenti:

  1. Tu sei una creaturina meravigliosa. Però shopping con te non lo farò mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti voglio troppo bene MAREVA, per sottoporti a questo supplizio

      Elimina
  2. Grazie per la citazione!
    Mi piace quando dici che il tuo ideale di felicità è il sentirti risolta. Io ci sto lavorando da anni, e non è facile per nulla. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo è no CHIARA, ma merita il tentativo...

      Elimina
  3. Mi aggrego all'essere inconcludente, ahimé...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...non ti invidio ANTICAPALAGRA, perché se potessi cambiare una sola cosa di me stessa, sarebbe quella sicuramente

      Elimina
  4. Magari lo farò anche io!!! Amo rispondere a queste domande, anche se alle volte mi mettono in difficoltà, perchè mi fermo a pensare a cose che spesso ignoro (volutamente):
    Un abbraccio!
    Life, Laugh, Love and Lulu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema del fermarsi a pensare LUISA, è proprio che alle volte ce lo eviteremmo volentieri...

      Elimina
  5. Sai che non avrei mai detto che una come te è inconcludente? A me sembri sempre così forte e determinata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È bizzarro FRANCIS, quanto la mia duplicità si riveli in tutta se stessa, proprio nel mio essere fortemente determinata, quanto inconcludente... Non so cosa farci, mi trascino questo mio essere, come un peso che mal sopporto

      Elimina
  6. Anch'io apprezzo gli uomini di polso e le donne solidali, ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tratti ai quali non so resistere PAOLA

      Elimina
  7. Uomini di polso, anche a me piacciono. Tipo Brad Pitt.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai stato il mio tipo LUDO, te lo lascio ;-)

      Elimina
  8. Che bello, anche tu hai raccolto la sfida del questionario di Proust.
    Ho trovato delle cose in comune, Leopardi e Ligabue. Poi le donne solidali e incapaci di invidia mi conquistano del tutto. Grande Pata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo questa mia capacità di apprezzare le donne alla SuperMamma GIULIETTALU, è stata lei ad insegnarmi che l'invidia non porta lontano...

      Elimina
  9. Però se poi leggi e ti ricordi tutto, ti viene più quel prurito di rileggere un libro per riapprezzarlo tutto da capo? Io me lo sono chiesta spesso!

    Sai che quasi quasi lo faccio anche io?!
    P.s. Gli uomini di polso...eh...capisco, capisco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fallo fallo G, che è cosa carina! Ciò posto sai che io non rileggo mai i libri? Giusto con il piccolo principe mi capita di sovente

      Elimina
  10. Risposte
    1. Sono io SPETTINATA, non ci posso fare alcunché...

      Elimina
  11. Ahahaha anche io a volte pecco di tuttologia. Però oh, non è colpa nostra se sappiamo una cosa e la esterniamo, no?
    Carino questo test! Mi sa che lo provo anche io! ^_^

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!