mercoledì 2 settembre 2015

Gratissimamente io

Basta.
Ferie finite ufficialmente.
Si rientra alla base.
Si torna alla normalità.

Ho sonno.

Sabato sono stata all'expo, ed ho dilapidato le mie energie tra un kebab, un hot dog e lo yogurt gelato, ah si, va beh, c'erano anche i padiglioni.

La cosa che più mi è piaciuta son stati i timbri!

Ma non ho preso il passaporto ufficiale, ho fatto apporre tutto sulla cartina omaggio, risparmiando 5 euro, per leccornie o spese varie.

Ma dopo aver visto, in Russia, che una T.shirt di Putin, costava 99 euro, ho ridotto a zero gli acquisti.

L'Expo è una cosa molto figa, certo, ci sono code, e starci tutto il giorno è distruttivo, ma è talmente ben organizzato, da non apparire come  italiano, e, addirittura l'inflazionatissima foto, durante lo spettacolo dell'Albero della Vita, regala emozioni. 

Però ora sono al lavoro, ed anche se si tratta di pochi giorni fa, è un file archiviato nei meandri del tempo.

Quest'estate [c'est a dire agosto] ho fatto un gran tribolare di planning e programmazione, e mi ero fatta una lista  di cose da fare, che avrebbe fatto invidia a Excel. 

Caselline non spuntate ce ne sono, ma, e questo è il vero successo, sono più importanti le altre!

Parto con un nuovo anno/stagione, che mi vede determinata e convinta, trabocco di entusiasmo senza macchia e senza paura, e mi faccio carico di una nuova sensazione da impormi:

Gratitudine.

Parola chiave che apre questo 2015/16; perché Patalice è sempre stata accusata di non essere mai soddisfatta.

E perché ha subito questa infamia?

Ovvio, perché non ha mai mostrato di essere grata!

Ergo, ho stabilito con me stessa tanta di quella gratitudine da perderci il sonno, e, sebbene per molti si tratti di un gioco da ragazzi, per me è una sfida.

Vi siete mai sentiti ingiustamente accusato di qualcosa, che però, a ben pensarci, vi appartiene molto più di quel che non eravate disponibili ad ammettere?

33 commenti:

  1. A quanto pare anche a me appiccicano l'etichetta di incontentabile. Mah.

    RispondiElimina
  2. Me lo hanno sempre detto e ho sempre dato ragione a tali voci: sono perennemente insoddisfatta!
    Infatti la mia "missione" è proprio questa, non accontentarmi, imparare a dare il giusto valore alle cose. Capire cos'è realmente importante, una sopratutto per me stessa, per stare bene. Provare a mettere in atto ciò che mi fa stare bene mi dovrebbe far sentire soddisfatta.... torna, vero?
    Tu invece, da quello che scrivi, mi sei sembrata una persona piena di gratitudine e riconoscenza!!!
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono alla ricerca del modo migliore per mostrarmi grata ILARIA. Ho vissuto per anni nelle condizioni di chi cerca sempre quel qualcosa in più, con la boria di un non accontentarmi neppure delle piccole eccellenze che mi assicuravo... Poi ho cambiato compagine, mi sono allineata ad un grado superiore di umiltà, ed ho visto il bello anche nella piccolezza. Si vive un sacco meglio!

      Elimina
  3. Anche io sabato ero a expo.
    Era la seconda volta e ci sono andata solo per vedere Kazakhstan e Giappone. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande ELE781!
      Anche io voglio tornarci.
      Almeno una volta serale, e se scappa anche la seconda giornaliera, non dico di no!

      Elimina
  4. Io abito a pochi chilometri da Expo. Da casa mia riesco a sentire la musica dell'Albero della Vita, quindi la sera apro la finestra della camera da letto e lascio che mi faccia da sottofondo mentre leggo un libro. Credo che sia stato uno dei momenti più rilassanti di questa estate, per me. Comunque ho visto lo spettacolo sia di giorno che di sera e per quest'ultimo ci devo assolutamente tornare! Ho trovato bellissimo il padiglione Russia e mi sono anche fatta fare il tatuaggio all'henné al padiglione Qatar!
    Anche per me agosto rappresenta un momento in cui fare un piccolo bilancio (la wishlist della mia agenda, tuttavia, è ancora in fase di lavorazione, ma i punti più importanti sono stati fissati) e stabilire come lavorare su me stessa per poter ricominciare l'anno al massimo!
    Complimenti per il blog, è davvero bellissimo!
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che gentile LADYSCREENPLAY...
      Una cosa meravigliosa poter godere della beltà dell'expo in differita, a casa propria!
      Per quanto inflazionato, l'albero della vita, ispira sensazioni meravigliose, molto evocative e rilassanti: le musiche ed i colori, sembrano calibrate appositamente per farci sognare!

      Elimina
  5. Io ho riempito la mia agendina di timbri! Correvo da un padiglione all'altro come una pazza ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah CICCOLA, allora non sono la solita ad aver esaminato ogni padiglione con il timbro-radar?!

      Elimina
  6. Minchia ma veramente una maglietta di Putin viene 99 euro! Comunque l'insoddisfazione offre sempre molti spunti per migliorarsi, a volte può essere un'arma.

    Leggendo questo post riflettevo sul fatto che in realtà per noi il primo dell'anno coincide con il primo giorno di lavoro e non con il 1 Gennaio... non so se hai avuto la stessa impressione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente la stessa impressione PRINCEJHONNY, e credo questo dica molto di noi e del nostro modo di essere e di rapportarci

      Elimina
  7. Io mi offendo quando mi danno della permalosa.. non aggiungo altro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai SOFASOPHIA, non ci faccio nemmeno più bado... Il mio grado di essere permaloso, svetta orgoglioso e senza ritegno

      Elimina
  8. L'insoddisfazione aiuta a migliorarsi, perché come dice il Liga "chi si accontenta gode" ma "così così"
    Io sono una insoddisfatta "cauta" per la serie se proprio non si può di più va bene e sono grata. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono pienamente d'accordo con te GIULIALÙ: ho imparato piuttosto che essere grati per le piccole cose, prepara il campo per le cose maggiori, quelle che non ti aspetti

      Elimina
  9. Felice di sentirti così carica! :-)buon rientro Pata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono una bella macchinina da guerra G, non c'è che dirs

      Elimina
  10. Sovente,, stella! Sovente! Ma dopo oltre 50 anni ho imparato a fregarmene.
    Gli altri mica sono perfetti!

    ps 99 euro una tshirt con Putin???? Ma ne compri una del colore che vuoi e te la fai tu... risparmio 90 euro minimo!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La stessa cosa che ha asserito Brivido, che di lavoro fa personalizzazione ed abbigliamento PATRICIA!
      Ergo, mi metterò con un banchetto fuori dai tornelli dell'expo, e venderò le T.shirt con un ricarico minore!

      Elimina
  11. Sinceramente no, comunque hai ragione essere grate è una sfida, ma una sfida decisamente bella, la gratitudine è una sensazione importante per il nostro benessere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una missione PAOLA.
      Perché dimostrare gratitudine, spesso coincide con l'accertamento e l'accettazione dei propri limiti

      Elimina
  12. A me han sempre detto di essere insicura. Ho sempre creduto il contrario e invece sono 'na poraccia!
    All'Expo noi andiamo il giorno prima di partire per le vacanze. Ma non hai mangiato gli insetti?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'erano insetti, ed il padiglione con l'hamburger di coccodrillo e di zebra, era proprio inaccessibile! Però torno una sera per godermi la movida dell'expo, impossibile da gustare dopo una giornata intera di tour MAREVA, e mangiare in Oman...

      Elimina
  13. ero partita molto scettica su expo, ancora non ho deciso se andarci... ma ammetto che son molto tentata e alla fine credo che andrò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe un peccato FEDERICA, se te lo perdessi... Quando ti ricapita?!

      Elimina
  14. Le autocritiche son sempre le cose piu' difficili da accettare :)
    Anche io sono tornata, all'expo non ci andro'. Il mio file excel vacanziero conteneva una sola casella che e' stata spuntata alla grande: relax (e ti assicuro che con due pupe e un marito non sempre il relax e' assicurato... anzi... :P)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SPETTINATA, due pupe ed un marito? Il relax è chimera! Comunque penso sia anche un ottimo modo di godere le meritate ferie...

      Elimina
  15. Ma io sono l'unica che, a differenza degli anni passati, quest'anno non riesce a pianificare un beato niente?? :(
    Comunque, #begrateful è stato il mio hastag estivo. Una cosa che dovremmo ricordarci di essere sempre! Ed è l'augurio che faccio a te!
    Un abbraccio
    Life, Laugh, Love and Lulu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grandissima LUISA!
      Penso seriamente che la gratitudine sia una cosa per gente immensamente intelligente

      Elimina
  16. eh già..chi con lo studio chi con il lavoro..ma ormai quasi tutti sono tornati alla realtà..
    mi trovo d'accordissimo con te sull'expo..l'ho trovato fantastico soprattutto ho adorato il fatto di trovare il mondo lì, e non mi riferisco solo ai padiglioni che ti danno un assaggio de vari paesi..ma parlo delle persone che incontri sia visitatori che persone che lavorano lì..di tutte le culture, di tutti i paesi..stupendo *_*
    se ti va passa da me nuovo post..

    http://theunbearablelightnessofs.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non farmi pensare allo studio CHERRYROSSI: tutti i settembre penso che potrei riprendere seriamente a studiare, e poi mi lascio fuorviare da mille e più cose...

      Elimina
  17. Ciao spero anch'io di visitare l'Expo....non sapevo dei timbri....mi incuriosisce anche questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un'iniziativa molto carina, ideata da quelle teste d'uovo geniali ROBBYROBY!
      pensa che, alla fine, stremata, entravo nei padiglioni solo per accaparrarmi un timbro in più!

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!