lunedì 7 settembre 2015

Fanatismo di vedute in un angolo di me

È un giorno da unghie nere.

Non nel senso dello sporco, ma dello smalto.
La mia estetista sostiene non sia un colore, infatti si rifiuta, più o meno, categoricamente di applicarlo.
Ed io me lo metto da sola.

Ci sono fattori, nell'esistenza femminile, che dicono molto più di quel che non possa sembrare...

Dall'ormai risaputa duplicità di significato del taglio di capelli, alla sconfinata miniera di doppio senso, dello shopping.

La donna, anche quando acqua e sapone, non è mai semplice, è sempre un intricato oggetto di studio, che sbatte a più riprese contro se stessa ed il mondo che la circonda.

Smalto nero dicevamo.

Parlavo con la mia amica Micky della capacità di apparire, prima ancora di essere; della bravura di certe, di tramutarsi in qualcuno che ci piacerebbe essere, dimentiche di noi stesse quel tanto che basta a snaturarci.

Mi piacerebbe bere tanti caffè.
Avere la pelle candida, chiazzata di occhiaia e rughe impercettibili.
Farmi tatuaggi colorati sulle braccia: rose scarlatte, teschi azzurri, e pin-up pettorute ed ammiccanti. 
Mi piacerebbe il piercing mucca, quello tra le narici, e le mani piene di anellini ed anelloni.
Vorrei la voce rauca, e fianchi più larghi.
Indossare jeans incredibilmente stretti, e ballare tutta la notte con un coca e jack in mano. 
Passare da un letto all'altro, con facilità, decongestionata dalle emozioni, baciando tante bocche, morbide ed emozionate, rudi e coperte di barba.
Conoscerei i gruppi indie, e quelli dal rock impegnato, le canzoni di protesta e quelle ermetiche senza un filo.
Declamerei Bukosky, girerei l'Europa con lo zaino, vivrei in un appartamento caotico e colorato, kitch e con tanto incenso.
Fumerei aggrappata ad un'intenzione, affacciata ad un balcone piccolo con gerani rinsecchiti, con una canzone di Caposela, che risuona da chissà dove.
Sarei iscritta a un circolo di cinema, vedrei muti film francesi, con sottotitoli svuotati, e discuterei di scelte registiche e di introspezione in omaggio al Pasolini o al Mastroianni di turno.
Praticherei yoga, e lo farei due sere a settimana, in uno studio damascato e fuori città. 
Cenerei tardi, dopo lunghi aperitivi, in locali multirazziali, avrei sempre fame, ma più di vita che di sostanza. 
Saprei cucire bene, e mi realizzerei quegli abiti divertenti ed unici, dalle texture ridicoleggianti ed i tagli imprecisi.
Porterei i capelli lunghi, un po scombinati, tanto legati.
Studierei le religioni, con una predilezione per il buddismo, ma sposerei il mio uomo in una villa meravigliosa, ed avrei un deejay rubato ad Ibiza, per il ricevimento. 
Avrei un lavoro socialmente utile, oppure sarei creativa. 
Sarei un mix tra new age e rockabilly, una personalità costruita e complessa, ma anche compressa e stretta, che si sa che tanto più una costruisce, quanto più diventa difficile per i mattoncini che stanno in alto... 

Per il momento mi stendo lo smalto nero.
Fa a pugni solo in parte, con il tween set giallo canarino e le perle. 

Sono un cliché. 
Il migliore al quale potessi aspirare.

33 commenti:

  1. Cara Pata, golfino e perle è la mia "divisa"... tanto che c'è una coalizione tra Ego e le mie amiche più care per non farmi più comprare i "golfini d'ordinanza" come li chiamano loro. siam nate eleganti, che dobbiamo fare? anche io quando fantastico sulla prossima vita sogno più o meno tutto quello che hai scritto. aggiungo peculiarità varie di socializzazzione con il prossimo... vorrei essere superultra integrata in ogni luogo dove mi fermo anche solo per un po', una di quelle che salutano cani e porci e lo fanno con entusiasmo, saltando al collo con grandi sorrisi, mica con ciao composti e timidi sorrisi come faccio in questa vita qui. una tipa piena di amici, che ha solo l'imbarazzo della scelta. e amici di quelli che fanno casino, rumore, sempre festa.
    però nella prossima vita, in questa va anche bene così. (e ci ho messo trent'anni a convincermene)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sulla socialità non mi lamento di me stessa MICOL; sono consapevolmente stronza, quindi chi mi sta vicino è perché, temerario, ha saputo guardare oltre la cortina e mi ha vista. Mi piacerebbe essere come non sono? Si o forse, quella è tanto fascinosa perché non sono io

      Elimina
  2. Io sono il contrario: sono quella da anelloni da strega alle mani, lo smalto nero, i capelli neri cortissimi sempre tutti ingellati, le gonne lunghe (rigorosamente nere) con le canotte di pizzo, le collane con le borchie, i tatuaggi massonici e i teschi, la musica gotica.
    Però sono anche quella che, conciata così, è piena di amici, piena di cose da fare, dalla mostra da vedere al corso di fotografia, dalla gita culturale al castello da visitare. Sono quella che è rimasta fedele per anni ad un fidanzato e che ora, single impenitente, passa da una bocca all'altra assaporandone i sapori. Sono quella che vorrebbe fare palestra e si iscrive in piscina, che vorrebbe mangiare ed è a dieta, che vive in simbiosi col proprio cane.
    Non siamo clichè.
    Siamo noi stesse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quanto bella sei KATIU? ma non nel senso "da figa" del termine... Quello non mi piace, non sono da complimenti lezioso, piuttosto godo di queste donne con la consapevolezza di essere tali, di vivere e ricevere il proprio regno dai cieli, e, soprattutto, dalle proprie mani...

      Elimina
  3. Saresti davvero un personaggio interessante. Lo smalto nero a me piace e lo uso spesso, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarei un'altra PAOLA, soprattutto, e questa cosa alle volte appare a dir poco affascinante

      Elimina
  4. ciao! Volevo dirti che dopo un bel po' di tempo sono tornata a scrivere sul mio blog e che mi farebbe molto piacere che tu gli dessi un'occhiata...
    Ho voluto dargli una nuova veste! A presto! :)

    LoStraordinarioMondoDiUnaStudentessaSottoEsameDiLuisaNapolitano

    RispondiElimina
  5. ma no dai, saresti noiosissima! ;)

    Viaggiatore.

    RispondiElimina
  6. Ciao Patalì.

    Ti invito  a partecipare al mio Giveaway! In palio un bel libro fantasy!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai partecipato ad un giveway MURIOMU, sarai forse tu la mia prima volta?

      Elimina
  7. Ciao Patalice, a me basterebbe avere trent'anni di meno e poi.... poi farei tutto quello che all'epoca non avevo fatto!!
    Smalto nero? No, alla mia età il nero non mi piace ppiù. Smalto rosso scuro! Colori vivaci. Fiori.
    Il nero.. lo abbandonato come ho abbandonato i miei vent'anni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh ma certe cose che hai PATRICIA non ne hanno nemmeno ancora venti anni!
      Hai uno spirito che ti avvicina ai fiori, solo perché il nero sarebbe il peggior investimento pensabile!

      Elimina
  8. Io lo smalto non lo metto,ma,nero, mi piace,fa molto "Dark" o filogotica,soprattutto se ti abbronzi al chiaro di luna.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho un pessimo rapporto con l'abbronzatura FULVIO, io non prendo lei, ma lei si prende me... Comunque il lato dark lo esprime bene

      Elimina
  9. Ciao Pata! Smalto nero e giallo canarino legano bene ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praticamente una Titti incazzata GIULIALÙ, che ne dici?

      Elimina
  10. Si nasconde una vita dietro un colore. Sarà per questo che ci sono persone come me (e te?) che li cambiano sempre? Certo, abbiamo sempre i nostri preferiti nel cuore. Anche io ho sempre sognato essere un cliché, ma poi col tempo ho capito che non c'è niente di meglio che essere come ci gira di essere giorno dopo giorno. E lo smalto nero è una corazza meravigliosa, alcuni giorni. :-)

    Ps: Lola è tornata ♡ bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SEMPERLOLA, mi fa piacere assai questo intervento. Innanzitutto perché non fai aria alla bocca, ma dici una cosa sacrosanta, e poi perché mi annuncia che sei rientrata alla base!

      Elimina
  11. Io non porto quasi mai lo smalto, ma quando me lo metto e' rigorosamente o nero o un colore che assomiglia al nero :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un donnino da tinte forti SPETTINATA, eh?!

      Elimina
  12. Un tempo, usavo lo smalto blu, sai che figata su un tailleur modello praticante legale. Ora che non sono più praticante (e nemmeno legale) metto lo smalto rosso sulle unghie, quando i denti non le prendono d'assalto!
    Vorrei essere anch'io un paio di cose che hai elencato tu...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo smalto rosso è sempre stato il mio preferito MARINA.
      Elegante, consapevole, vagamente snob.
      Urge una consapevolezza così a volte, no?
      Quest'estate però, non l'ho scelto mai... Chissà perché...

      Elimina
  13. Ma sai che alcune di quelle cose non cozzerebbero con ciò che sei tu? Quanto stupirebbe il piercing al setto su una "divisa" elegante come la tua? I contrasti sono meravigliosamente fuori dall'ordinario. Ti assomigliano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...mi piace perché mi vedi in un modo che io non vedo...
      MAREVA che voglia di conoscerti... Lo diciamo troppo

      Elimina
  14. vedo ragazze che sanno apparire e, ammetto, a volte le invidio. è un dono e io non ce l'ho purtroppo... ma ci sto lavorando ;-)
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...guarda che io ho una sconfinata considerazione di chi bandisce assolutamente l' "acqua e sapone" AMRITA, ci vuole molto molto impegno!

      Elimina
  15. Anch'io in qualche momento ho voglia di essere diversa, io ad esempio ho sempre "invidiato" quelle un pò gipsy (nei vestiti e nell'animo) ... però a parte imitarle con qualche accessorio, non posso essere quella che non sono e quindi ritorno ad indossare i miei panni. Però sì, lo smalto nero una volta ogni tanto ci stà, e poi il nero stà bene con tutto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E snellisce FRANCIS... il chè, post feste, non è un male...

      Elimina
  16. Adoro lo smalto nero tanto quanto quello rosso! Ho una fenice tatuata sulla caviglia che ogni paio di anni mi fa risorgere dalle ceneri (tanto per precisare), e il piercing al naso (un piccolo brillantino non il piercing mucca) che uso di tanto in tanto. Per il resto vedremo...
    Buona giornata Alice,
    (da una vecchia amica virtuale conosciuta su style.it) ;)

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!