lunedì 24 agosto 2015

Rampe di lancio e montagne che ispirano

Ortisei ci è piaciuta talmente tanto, in quel weekend di metà luglio, che ci sono tornata ad agosto.

Ho raggiunto i miei che se ne sono iti a vacanzeggiare in totale libertà, facendo la figliola spaccaballe! 

La montagna mi piace un sacco, ultimamente mi piace proprio da morire... 

Che stare al sole è un supplizio per me, mi scotto con la 30 di protezione pure all'ombra!

Certo, amo avere la pelle abbronzata, ma se il prezzo da pagare sono ore di sdraiaggio con il sudore che mi cola, anche no, grazie.

E poi l'aria purissima, deumidificata dalla natura, i 10 gradi in meno rispetto a quelli dell'affannatissima Città, la scoperta della frittata dolce con la conserva di mele o la marmellata di mirtilli a pranzo, le camminate infinite con i panorami tutti differenti della Val Gardena, la sveglia presto al mattino per tutti, la cena non più tardi delle 20, la buonanotte alle 23 al massimo... La mia vita ideale insomma!
Sport - insonnia - dolci

Comunque Agosto è quasi finito, e si porta via l'estate.

E qui, parte in sottofondo "l'estate sta finendo", che, insieme alle cose di scuola già esposte nei supermercati, erano motivo di vero fastidio per Jn...

Comunque, l'eccitazione da lunghe giornate, da "respira questa libertà", da "cosa facciamo questo weekend?!", sta giungendo a compimento, e si tirano i remi in barca aspettando settembre e le sue novità.

L'ho detto spesso, lo dico adesso, settembre è il nuovo gennaio! 

Il momento ideale per pianificare e progettare, la rampa di lancio perfetta per ideare come realizzarsi. 

Credo sarà questa la mia mission per la stagione 2015/2016... 
R E A L I Z Z A R M I

Mi pare una scelta azzardata e giusta, no?! 
Oltre alla serenità, ad un passo dalla felicità, ci sta quell'angolo di cielo dall'aria sottile, quel posto assolato dove si impara ad essere. 

Non è una strada che manca di impervio, realizzare noi stessi è la mission, quella con la lettera maiuscola; che spaventa e in realtà, neppure si sceglie, c'è. 
E punto, e basta.

Eppure, non è che piova dal cielo, la realizzazione personale, è un percorso da fare, costruire per distruggersi, mettersi in pasto a noi stessi, per destrutturare le certezze di un cammino lungo più o meno tempo, per me trent'anni tondi.
E non è così divertente e beato come scrivo!

Ma deve valerne la pena, perché se ti guardi bene intorno, le sai riconoscere le persone che hanno percorso quella strada, hanno negli occhi la luce di chi ha trattenuto il fiato per una giusta causa, quel guizzo di chi è andato oltre, per raggiungere la cima.

E non è solo il viaggio ad esaltare, ma anche la fine di esso, la consapevolezza, la compiutezza. 

Che siamo soliti dire che, spesso, val più la pena il viaggio, della destinazione, ma, per una volta, datemi il brivido di vedere il compimento, e vi faccio vedere io, come si esalta ed esulta una fanciulla! 

35 commenti:

  1. Se devo scegliere mare e montagna, scelgo sempre l'ultima. Forse perché vivendo in una cittá di mare, la montagna mi affascina sempre.
    Concordo con te: settembre é il nuovo gennaio. Anche per via che per 18 anni, si vive a seconda di un calendario accademico.
    Realizzarsi... Sempre. Tutto nel viaggio é importante, dalla parte iniziale a quella finale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero che tutto il viaggio è importante MARZIA?! No perché, a sentir parlare la maggior parte delle persone, ciò che conta davvero non è certo il finale, al quale io invece sono abbonata con gioia!

      Elimina
  2. Anche per me settembre è a tutti gli effetti paragonabile a gennaio, ti auguro che il tuo percorso di realizzazione porti molti buoni frutti, a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo auguro, non limitandomi all'augurio PAOLA, ma facendomi in quattro affinché io mi possa realizzare

      Elimina
    2. Vedo che la mostra della De Lempicka è ancora nella tua wishlist, mancano pochi giorni, verrai a Torino?

      Elimina
    3. Subito dopo la spostano a Verona, ed andrò li. Mi spiace non essere venuta a Torino, non conosco la città, e mi ci sarei immersa volentieri...

      Elimina
    4. In effetti Torino merita, sarà per la prossima mostra!

      Elimina
  3. Anche per me il vero inizio è a settembre (in sardo infatti il nome del mese è Capudanni!!) e mi piace la tua voglia di metterti in gioco per renderti la migliore versione di te stessa che possa esistere!! Ti abbraccio e spero che tutto vada per il meglio!! ~ Good Vibrations ~

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni good vibration è molto ben accetta ALEXNIDDA! sento la spinta verso il lungo, spero mi porterà lontana!

      Elimina
  4. Ciao Pata,
    prima di tutto montagna forever! Peccato solo che le camminate che facevamo una volta ormai diventino risìcordo e malinconia per me... pazienza! Almeno le ho fatte.
    Due la realizzazione personale.
    Duro lavoro che si fa giorno per giorno, battaglia dopo battaglia, vittoria o sconfitta dopo vittoria o sconfitta.
    Semplice no! Faticoso, a volte irritante, a volte dall'apparenza di utopia, ma non impossibile.
    Coraggio e avanti tutta!
    Bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non voglio arrendermi PATRICIA! Sono una rinunciataria, una che procrastina tanto e conclude poco, ma sto lavorando molto su questo, molto molto!

      Elimina
  5. Settembre è sempre un mese bellissimo, dal sapore forse malinconico, ma tanto piacevole e, in effetti, può considerarsi un novello gennaio. Uno dei mesi che preferisco. In bocca al lupo per la tua piena realizzazione, che tu possa conquistare lo sguardo consapevole e sereno che descrivi così bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi GIULIALÙ!
      Comunque anche a me settembre è sempre andato parecchio a genio... È un mese ricco di sfumature e possibilità, c'è una rinascita data dalla forzatura della ripresa del tram tram, ma anche l'abbandono di cattive abitudini che ci hanno negativamente influenzato... Insomma è perfetto!

      Elimina
  6. Settembre è il nuovo gennaio, o il nuovo lunedì... perchè come il lunedi ti porta anche quella tristezza addosso, a gennaio invece siam ancora festosi ... comunque armiamoci di forza e coraggio e riprendiamo a combattere le nostre battaglie quotidiane! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh beh FRANCIS, ma io sono un soggetto a dir poco atipico, perché adoro il lunedì, mi ricarica sempre! Ergo, vivo settembre come l'opportunità che aspettavo...

      Elimina
  7. Io il mare non lo sopporto proprio, ed anche per me il vero inizio dell'anno è sempre settembre e mai gennaio.
    Con la fine della festa patronale e l'ultimo botto dei fuochi d'artificio, si apre un nuovo inizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un nuovo inizio PIRKAF...
      chissà che tu non abbia ragione da vendere

      Elimina
  8. Io sono nata di primavera e mi piace la primavera ma, Settembre , se si può dire , lo trovo un mese dolce e rilassante . Vivo al mare , quindi montagna.
    Sono stata a Selva di val Gardena . Splendidi anche i dintorni .
    Tanti auguri x quello che cerchi , ma non dimenticare quello che hai già .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perchè a me non hai risposto ? forse perchè sono brutta e cattiva ?

      Elimina
    2. No LAURA, affatto, è che rispondo dall'iPhone e, complice le agostane ferie, i giga hanno detto bye bye...
      Comunque se sei stata in Val Gardena, vuol dire che sai di cosa parlo, e che conosci la bellezza dei paesaggi che mi ha accolta, con tutta la sua naturale dirompenza!

      Elimina
  9. Sto via un mese e al mio ritorno il tuo blog è pieno di post (come sempre del resto). Che bello, leggerò con calma durante le pause in ufficio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben tornata VIOLAAFRICA!
      Tante cose sono accadute, nel bene e nel male ci hanno portate esattamente dove siamo ora, quindi, bene bene

      Elimina
  10. Settembre è lì per ricordarti che l'inverno sta arrivando, e per chiederti se sei stata cicala o formica. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figaro che disagio QUELLADELLALOLA...

      Elimina
  11. Mi ha sempre entusiasmato Settembre.
    Lo vedevo - e lo vedo tutt'ora - come una rinascita, un periodo per cambiare, per migliorare e migliorarsi.
    Forse ripongo più speranze in tal mese rispetto che a Gennaio!
    Comunque è bellissima Ortisei.
    Io personalmente non ci sono mai stata, eppure mi affascina troppo la montagna, le sue cime, il silenzio, il verde intorno...
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ortisei ILARIA, è da lasciarci il cuore... Se ti dovesse capitare, vai e inebriati della sua bellezza!

      Elimina
  12. Un po' di mare, un po' di monti. E sempre occhi aperti, braccia larghe, capelli al vanto :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i capelli al vento GIOIA, valgono anche se corti corti?!

      Elimina
  13. I dieci gradi in meno delle Alpi rispetto al "trattamento termico africano" del resto d'Italia sono una goduria dell'umanità. :)
    Sì, settembre e gennaio sono un bel po' gemelli. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma, UOMOINCAMMINO, a differenza di gennaio, settembre non ha un carico di aspettative da corve... Non è obbligato a portare cose buone e giuste, per intenderci, ergo, è molto più apprezzabile!

      Elimina
    2. Beh, diciamo che il capodanno settembrino è meno formale.
      Ma ci sono aspettative su nuovi corsi, su nuove fasi al lavoro e per tutto ciò che è "annata 200n/200n+1".

      Elimina
  14. Adoro la Val Gardena! La montagna mi permette di rinnovarmi completamente!
    Anche io da settembre voglio percorrere sentieri nuovi!

    RispondiElimina
  15. Non sono mai stata ad Ortisei, ma amo la montagna! :-) anche io sono del fototipo "una scottatura per ogni lentiggine" ), e il mare è mio nemico da sempre!

    RispondiElimina
  16. Credo di averlo gia'scritto proprio qui, io mi impegno nel cercare di essere una donna migliore. Attualmente ho subito una seria battutta d'arresto.

    RispondiElimina
  17. Io ho percorso i tempi partendo da giugno, quest'anno con i buoni propositi e ti dirò, sono a buon punto, riuscendo a mantenere, finora tutto ciò che ho scritto in elenco. Sono fiera di me!

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!