venerdì 7 agosto 2015

Le riflessioni delle immagini riflesse

Devo tagliarmi i capelli e comprarmi un turbante.

Le cose non sono strettamente collegate, ma l'una mi riporta inevitabilmente all'altra. 

Il baratro decisionale nel quale vago, non è facile a dipanarsi: aspetto fine agosto o vado tra oggi e domani dal barbiere?!

Quando ti tagli i capelli è così: crescono.
E se li vuoi in ordine, sai che devi accettare sedute extra ordinarie dal coffeir.

Mentre ci penso su, lavoro.
Si, ancora, ma solo per oggi.
Che i miei amichevoli amici, ieri hanno finito, graziati da un venerdì di relax, ed io son qui che preparo i pannelli con le foto per la prossima stagione.

Ho scelto io le foto, le ho scelte guardandomi una trentina di cartelle in memoria sul pc. 
Cinque anni di corsi speciali, pizzate, Zumba day, feste di carnevale, giornate S porte aperte, look improponibili, invecchiamento evidente e gente sempre uguale. 

Quando lessi "l'arte del riordino", apprendendo che anche tra esse c'è il superfluo, non fui capace di metterlo in pratica; ho due cassetti stra-colmi di foto, e non voglio separarmene. 

Fa strano rivedere noi stessi, negli anni passati...
È una sensazione forzatamente nostalgica, quella che affiora, e che ci fa tentennare; una carezza bugiarda, alle volte malevola, quella che sentiamo sul cuore; e non c'è via di redenzione, nessun peccato che non sia "mortale", nessun'anima a tenderci la mano, le fotografie parlano mute, e ci gridano mille e più verità, rispetto a quelle che siamo disposti ad ammettere, rispetto a quelle che un signor nessuno, può vedere dentro quegli specchi rovesciati. 

Ho sempre amato moltissimo farmi fotografare, mi sono sempre piaciuta tanto, ed ho sempre trovato piacevole ricordarmi di me. 

Il mio egocentrismo ha radici lontane e ben piantate.

Ricordo che, con Jn, qualche volta, facevamo mille cambi d'abito, e ci fotografamo in posa da modella: con le labbra socchiuse, strizzando l'occhio, imparando che il profilo migliore esiste. 

Lei è sempre stata più timida, ed ha sviluppato maggior bravura nel fare, io sono un animaletto da fiera, e se mi metti al centro dell'attenzione mi rendi felice. 

La cosa strana, riguardando quelle foto a 15/10 anni di differenza, é che non mi vedo poi tanto cambiata. 

Brivido, quando ha visto le foto di me bambina ha detto che sono ancora pressoché uguale... Tutto sommato posso essere d'accordo... 
...se togliamo rughette, macchie, occhiaia... 

Jn no, Jn ce la vedo poco in quel bozzo che non riusciva a schiudersi... Dentro stili vestiari che non le appartenevano, con i capelli perennemente in cerca della condizione migliore, con la costante paura di spiegare le ali. 

Abbiamo ancora i medesimi difetti:
io malata di riflettori;
lei uccellino spaventato.

Abbiamo anche fatto enormi passi avanti: io ho capelli corti che mi stanno benissimo, sto attenta al sole che mi rende fucsia, non metto anelli che ho le mani obbrobriose, faccio vedere le gambe e mi sbizzarrisco tra converse e stiletto come se non ci fosse un domani.

Jn si è resa conto di essere bella, mette colori che la identificano, non disdegna qualche abitino che la modelli e segni, ha scelto di scegliere un hair style vero lasciando crescere la chioma, prevede di marchiarsi sulla pelle la sua unicità, e non le importa più troppo di chi le dice che è ridicola o inadeguata. 

Apparire non è solo e semplice mostrarsi, apparire è il modo futile che tutti noi abbiamo, per farci strada nel mondo.

C'è chi sceglie di indossare una maschera, chi si veste di un personaggio tutto suo, chi investe nella propria immagine, chi la studia a tavolino, chi la subisce inerme. 

Credo che, l'unica cosa nel look che accomuna me e mia sorella, sia il fatto che il nostro apparire sia lo specchio più fedele del nostro essere. 

...quindi mi sa che vado a tagliarmi i capelli! 

30 commenti:

  1. Quando ci si taglia i capelli corti tutto cambia. So che sembra una scemenza ma da quel lontano giorno del 2008 io mi sento più bella e sicura. (settimana prossima vado anche io ché i maledetti tagli corti si sminchiano in poco più di un mese!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La menata è effettivamente il mantenimento MAREVA, ma sono perfettamente d'accordo: il capello corto cambia tutto!

      Elimina
  2. Io sono una fifona. Non ce l'ho proprio il coraggio di osare un pixie cut.
    Belle voi <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io l'ho fatto, strutta dall'esacerbazione di una chioma sfibrata su occhi vuoti PIPPA, mi ricordo la me stessa illuminata davanti ad un taglio corto...

      Elimina
  3. Sorelle... ho deciso che voglio osare pure io col corto! ;) una mia amica sostiene che io somigli a Michela Marzano, la scrittrice e filosofa... per scherzo ho preso una sua foto e l'ho impostata come immagine profilo di facebook... non hanno fatto altro che dirmi quanto stessi bene con i capelli corti!! ;) aspetto che apra il parrucchiere per chiamarlo.... e prendere appuntamento per martedì!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Clap clap clap
      Applausi a scena aperta KANACHAN!
      Attenta!
      Col capello corto non si scappa da noi stesse... Sappilo!

      Elimina
  4. tra corto e lungo meglio lungo. però poi ognuno faccia come crede, pata compresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che voi maschietti avete una spiccata preferenza per chiome lunghe e fluttuanti FRANCESCO, ma io sono io col corto

      Elimina
  5. Credo che i capelli corti sia adatti a chi ha un bel viso, lineamenti dolci, candidi, sottili.
    Io ho avuto i capelli veramente corti da piccola e no, non stavo bene. C'era addirittura chi mi scambiava per un bambino, all'età di 5 anni.
    Da lì ho sempre guardato il mio viso con disprezzo, anche se sono cresciuta, se un po' è cambiato.
    Mi piacciono i tagli medi, l'ho fatto e mi stava bene, scalato, più lunghi davanti. Ma sono difficili da gestire, rispetto a quelli lunghi.
    Prediligo la comodità, la possibilità di acconciature.. adesso li voglio più lunghi possibile!!!
    Mi sbizzarrisco un po' con gli shatush, i riflessanti, quello sì...
    Fine agosto vado a farli sul rossiccio ;)
    Ok, ho fatto un poema.
    Scusami Pata, ma come vedi, sull'argomento capelli quando comincio non smetto più!!!!
    Sarei curiosa di vedere il taglio!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace che tu riesca a riflettere leggerezza ILARIA, non lo fai spesso, e mi fa piacere ci sia un argomento che la suscita in te. Per quanto mi riguarda, ho amato i capelli lunghissimi; quando mi sposai sfioravano i reni, ma mi sono riconosciuta solo con i capelli corti... Mi sono sentita io, con il mio viso senza tratti a nasconderlo

      Elimina
  6. Inevitabilmente i capelli parlano di noi. Dicono se ci trascuriamo, se ci trattiamo bene, se abbiamo un carattere forte o se preferiamo delegare tutto al caso. È molto bella l'immagine di queste due sorelle che nel tempo si scoprono: l'altra unica, e l'altra rafforzata. Ci vuole coraggio. Per tagliare i capelli e per essere sicuri di sé. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono certa che la vita passi attraverso la futilità QUELLADELLALOLA, perché solo attraverso essa siamo in grado di parlarci da grandi. L'ossimoro invisibile che condivido con Jn, ci sta dando tanto e togliendo poco e nulla... È una favolosa relazione

      Elimina
  7. Ciao,capelli lunghi o corti,tutti abbiamo una maschera a beneficio degli altri ma più spesso per noi stessi..........io il problema dei capelli non c'è l'ho,i miei capelli sono assenti e allora cappello si cappello no.
    A presto,felice domenica,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il termine "maschera" ha quasi sempre una connotazione negativa, FULVIO, eppure a me piace molto pensare che ci siano maschere atte a farci sentire bene ed in pace... Inteneriscono i pensieri, o ci fanno uscire da gusci automatici... Io sto bene con la mia maschera

      Elimina
  8. Anche io porto i capelli corti (da un paio di anni). Ci ho pensato su per un bel po' di tempo e alla fine ho deciso. Avevo paura di non essere femminile, e ora con i capelli corti, paradossalmentei sento più femminile di quando li portavo lunghi. Comunque credo che il taglio corto non sia per tutte, e soprattutto bisogna farlo quando ci si sente pronte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna farlo al momento giusto e con tutte le ragionate che si competono, perché è facile pentirsene 8 secondi dopo che la forbice ha compiuto lo sporco lavoro.
      Però sulla storia della femminilità, la vedo proprio come te SILVIA, è come se, col taglio corto io abbia acquisito maggior fiducia in me stessa

      Elimina
  9. Ciao Pat , tu mi stupisci sempre e mi fai molto sorridere . Riesci a scrivere
    ( diciamo un articolo ) sui capelli lunghi o no . Ma te le inventi tutte ......
    Io ho portato per diversi anni la coda di cavallo con la frangetta .
    A 25 anni mi sembrava di essere vecchia per portare i capelli lunghi così
    ho adottato il taglio Vergottini . Non so se sai chi erano . Da anni li porto
    lisci ben sotto le orecchie . Tutti mi dicono che è il mio taglio , adatto al mio viso .Nè lungo nè corto . Per quest'ultimo ci vuole il viso adatto
    perchè evidenzia qualsiasi difetto , tipo naso lungo , occhi non ben distanziati , labbra , zigomi .... Poi ogni uno è libero di fare quello che vuole ,deve solo piacersi . Bye Bye Good Night .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh lo conosco si LAURA, ed è un taglio sofisticato e per poche, devi essere veramente ben fatta per portarlo, e stai sicura che ti accorgeresti se così non fosse...

      Elimina
  10. Io sto molto bene con i capelli corti, cortissimi ma per proteggermi dalla sinusite mi tengo un po'di "pelliccetta" in testa.



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le donne che stanno bene coi tagli estremi, cortissimi per intenderci, sono poche, ma sanno farsi notare SARA

      Elimina
  11. ciao
    preferisco il taglio corto, più semplice da lavare e da asciugare. Buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah beh ROBBYROBY, se riduciamo ad una questione di praticità, vinci su tutta la linea!

      Elimina
  12. E' vero, i capelli corti sono impegnativi, anche a me piace conservare le foto, solo che le tengo come te nei cassetti, mentre effettivamente sarebbe più ordinato un album, ma in fondo siamo già abbastanza perfette, troppo ordine sarebbe noioso, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ordine ed il mio nome PAOLA, non andranno mai totalmente d'accordo... Sono circondata da caos, che mi piace e mi sollazza, non posso proprio farne a meno e, paradossalmente, nemmeno lo voglio!

      Elimina
  13. Ma sai che hai proprio centrato il segno con la storia dei capelli? Io li ho tagliati poco tempo fa, dopo anni di boccoli lunghi una quaresima, ed ora, con questo caschetto mosso e sbarazzino, mi sento molto più me di quanto non mi sia mai sentita. Credo che il fuori a volte sia il modo migliore per amplificare quello che da dentro non riusciamo ad esprimere... :)
    Un bacione Pata, e scusa la lunga assenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stata lunga anche l'attesa della risposta al commento G, quindi sei più che perdonata.
      Il taglio è terapeutico, non vi è dubbio alcuno.

      Elimina
  14. Diffido dalle persone che non hanno una sana dose di egoismo e di egocentrismo.

    RispondiElimina
  15. Per il taglio da me scelto dovrò aspettare qualche altro mese, magari per dicembre insieme alla nuova me, intanto l'ho scelto il che è per ne una grande Cosa.
    La maschera?l'ho tolta tempo fa e credo sia stata una delle scelte migliori della mia vita.

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!