sabato 4 luglio 2015

Dammi tre parole NASO CUORE ODORE

Ci sono giorni nei quali i profumi mi mancano. 

Da un annetto circa, come effetto collaterale di non so quale farmaco assunto, non sento più odori.

"Beata te!" esclamano i nasi altrui, imbattendosi in una flatulenza, in un gorgoglio ormonale, o in una stradina di campagna. 

"Provate voi!" vorrei esclamare io, esacerbata da questo inutile, se non che delizioso, orpello in mezzo alla faccia. 

Svegliarsi una mattina e non sentire più niente di niente, che sia bello oppure brutto, le mie nari sono andate in pensione anticipata, ed io mi percepisco vetusta, mentre leggo nei miei ricordi le fragranze alle quali ero più legata. 

La biancheria che la SuperNonna stendeva fuori, nel grigiume di giorni tutti uguali, erano la bandiera bianca che sapeva di candore ed innocenza. 

Quell'eau de parfum, che usava la mia cliente, che solo sulla sua pelle aveva quella nota inconfondibile ed irresistibile, quel misto di peccato e redenzione, che solo le donne che hanno vissuto, sanno sprigionare.

Il caffè ed il tabacco, due squarci gentili all'olfatto, che a me riportano l'uomo e la sua interezza di caposaldo, e che cerco sempre, in vana attesa, ogni qual volta entro in un bar.

La lavanda, il rosmarino, la salvia e il basilico, che hanno stampato addosso il mio bisogno di fuggire e la mia quotidianità più domestica, in quel loro mondo astruso di Provenza e giardino di casa. 

La fabbrica delle brioches del paese, qualche ora prima che piova...
L'aria si riempie, inquieta ed incostante, di dolcezza, di promesse, di carezze alla vaniglia; e ti pare di essere traghettato da Willy Wonka, in chissà quale strano e straordinario percorso... 

Il primo passo dentro una biblioteca, o una libreria old style... Niente a che vedere con Mondadori o Feltrinelli, ma, piuttosto, il mondo ideale per perdersi tra parole e sensazioni... Che siano libri nuovi o usati, non importa, il loro livore, la passione barricadiera che portano seco, ha impregnato le pagine, rendendole boccette di ricordi e di polvere, di aspettative e lacrime...

La torta fatta in casa...
Quel l'attimo perfetto in cui gli ingredienti, non si amalgamano solo nel fisico, ma anche nell'animo, come se gli scrigni più delicati di farina/uova/burro/zucchero, aprissero al bussare insistente del naso, lasciando scivolare impermeabili emozioni, facendoci gola senza vista e senza gusto, in un preliminare crudelmente appetitoso. 

La pioggia...
Quella del l'odore della pioggia, è una maledizione agrodolce, che nessuno può scalfire...
Non è tanto l'odore in se, quanto l'universo sensoriale che sa spalancare... Con le sue dimensioni reali, anche nello sprigionarsi soltanto, non è possibile non associare questo odore, non trattenerlo nel bandolo della matassa dei ricordi, come una luce a far chiarezza.

Il vasetto della Nutella, avete mai aspirato fino in fondo, appena aperto? Quando togliete la carta alluminio protettiva, prima che un coltello infranga il perimetro perfetto, e vi pare che da naso vi siano salite minuscole particelle di crema nocciola? 

Il fritto del mercato e della pizzeria, che qui, qualcuno potrà dirsi che son matta, che non dover sentire certe schifezze, non è poi tanto male... Ma mi manca l'associazione inconscia dall'effluvio, alla situazione; mi manca andare al mercato il venerdì, e non poter evocare inconsciamente, tutte le mattine trascorse a mangiare bastoncini di pesce alle 10... E mi manca non sentire più l'odore di sogliola o di pizza, post domenica sera, quando i miei ci portavano alla solita pizzeria, che quando ci passo, non è più lei, e non riesco nemmeno a scavare per trovarla.

Perdere l'olfatto è questo.
È brancolare un po', nel buio delle tue emozioni, ritraendosi al ritmo del motore che rulla dentro, ma che non ce la fa ad accendersi. 
Intendiamoci, ci sono cose assai peggiori, ma destabilizza e rende nostalgici.

Si sa, le cose, quando le si ha, si tende a darle per scontate, ma fatevi un piacere: una volta, o un'altra, datevi tempo per respirare profumi che amate, perché racchiudono tutto il succo del vostro essere, la parte della quale non avete memoria e che se non vi manca, o se non vi fa scattare qualcosa, è perché non la ricordate, ma c'è... e vi aspetta!

43 commenti:

  1. Questo post è bellissimo, evoca odori dal mio schermo del portatile! L'odore dei panni stesi è anche uno dei miei preferiti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo era anche per me, ovviamente LUDO

      Elimina
  2. oh Pata, non lo sapevo... tra tutti i sensi forse l'olfatto è quello che trascuriamo di più... o perlomeno per me è così... io non so cosa farei se perdessi la vista, ho il terrore di diventare cieca... però non mi è mai venuto in mente che si possa perdere il senso dell'olfatto... forse la prima volta in cui ho davvero riflettuto è stato seguendo una puntata di Scrubs... per un effetto collaterale di un farmaco somministrato da JD, un paziente perdeva l'olfatto... e diceva a JD qualcosa simile: "Mi dica come sarà avere il primo nipotino e non riuscire a sentire l'odore che emana?"...
    un saluto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me è l'effetto di un farmaco, ma, sebbene quello negativo sia parecchio antipatico KANACHAN, ha avuto altresì beneficio su di me, quindi rinuncio agli odori, per il momento, mio malgrado

      Elimina
  3. Vedo che anche con questo caldo, riesci a fare sempre dei post interessanti
    ciara Alice. Buon week end con molto caldo.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero sia vero TOMASO... anche il mio cervello mi pare colare, in realtà!

      Elimina
  4. Ciao Patalice. noooooo!!!! Che cosa brutta!
    I profumi, gli odori, gli aromi sono parte inntegrante della nostra vita. Evocano come hanno fatto a te ricordi, emozioni sentimenti.
    Se non riuscissi più a percepire odori di nessun genere mi sentirei come privata di un qualcosa di mio, importante e che mi dà richezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero PATRICIA, c'è molta ricchezza, molto sapere, negli odori... Averli persi è stato un distacco da una forma di realtà leale e mai di pochezza

      Elimina
  5. Molto significativo questo post, e il valore aggiunto è che ti metti sempre in gioco, raccontandoci di te. Proprio per questo risulta così efficace quello che ci racconti.
    La chiusa fa tanto madeleine proustiana *__*
    Ciao Pata! ^^ Buon pomeriggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...beh lusingarmi così GIO, mi fa aumentare l'auto stima del 20/30%... Come se già non abbondasse! Mi hai fatto un complimento straordinario, grazie

      Elimina
  6. Non pensavo fosse un effetto collaterale di qualche farmaco. Cavolo mi dispiace, immagino sia difficile perché l'olfato alle volte è il senso più bello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso sia fantastico.
      Forse perché perdendolo MARZIA, non ne posso più godere e rimpiango il tempo in cui era cosa assodata e mai in discussione

      Elimina
  7. No ma che brutto :( Mi spiace tantissimo. L'olfatto è importantissimo. Al di là della piacevolezza di certi profumi, ci aiuta anche a distinguere il commestibile dal non, i pericoli ecc. Pata, cavolo :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero MAREVA, è il nostro allertatore d'eccezione, ed io debbo mettere in moto tutti gli altri sensi, affidandoli con perizia per difendermi... Ma, che ci posso fare? Si va, come sempre, avanti!

      Elimina
  8. Non ho mai fatto caso all' importanza dell'olfatto... Grazie al tuo post ho oensato a quei profumi importanti per me, alcuni uguali ai tuoi, e penso che non vorrei privarmene mai!
    Il mio preferito è l'odore del mio cane appena lavato...profuma di biscotto :)

    RispondiElimina
  9. Io ho ripreso l'olfatto progressivsmente dopo aver smesso di fumare. Della carellata di odori che hai menzionato, compilata per altro molto bene, n. 10 per la descrizione del profumo della tua cliente. La nutella invece non mi piace...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora esistete davvero voi non adoratori di Nutella SARA, pensavo ad una leggenda!

      Elimina
  10. L'olfatto è il nostro senso più legato alla memoria e per questo la penso come te sul fatto che averlo "perso" sia una cosa triste.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È verissimo BAOL, non c'è momento più evocativo, di quello nel quale alla memoria mi si associa un odore...

      Elimina
  11. Appena ho letto le prime righe ho pensato subito alla nutella la mare alla pioggia agli odore del mio Alieno tutti...Eh si mancherebbero proprio!
    Tu sempre eccezionale nel raccontarci le tue "sfighe" Un bacione e buon Lunedì

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah MANU, sai cosa? È bello raffrontarsi con una come me, perché ti fa apparire la tua vita più bella...

      Elimina
  12. per me sarebbe come avere il cuore cieco...

    ma non ti hanno detto niente?
    prospettive di un ritorno?

    buona settimana.
    Viaggiatore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è danneggiato, quindi non escludono che possa ripristinarsi, ma per il momento VIAGGIATORE, non posso sospendere il farmaco

      Elimina
  13. Uh... Anosmia? E come mai? O_O
    Deve essere orrendo... <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Colpa di un farmaco che prendo SPETTINATA. Non s bello no, ma ci si abitua quasi a tutto nella vita...

      Elimina
  14. Hai scritto meravigliosamente di una cosa spiacevole. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh non è un po il compito di tutti noi, quello di alleggerire il carico che abbiamo nelle nostre vite, privandolo della connotazione dolorosa e negativa che ha SILVIOPELLICO?!

      Elimina
  15. C'è un verso di una canzone di Baglioni che fa "...ed ogni odore è un ricordo che torna a bruciapelo..." è effettivamente così. Dei 5 sensi forse quello dell'olfatto è il più sottovalutato, ma a pensarci bene non deve essere bello. Non saprei dirti se cerco di associare ad ogni odore un ricordo, o se viceversa per ogni ricordo associo un odore, ma è così. I ricordi olfattivi fanno parte del nostro bagaglio emotivo e sensitivo. Mi dispiace davvero, sai che non avevo mai riflettuto su quanto possa essere spiacevole non sentire più odori? Ma c'è un modo per venirne fuori?
    Ti abbraccio forte
    Life, Laugh, Love and Lulu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non nell'immediato LUISA...
      La convivenza, comunque, ha placato la sua carica arrabbiata, ed ha finito per starsene in disparte, mentre io mi smezzo la vita di ogni giorno

      Elimina
  16. Sicura che sia l'effetto collaterale di un farmaco?
    Mi dispiace molto.
    "E l'unico pericolo che sento veramente è quello di non riuscire più a sentire niente".
    Ho sempre interpretato questa frase in più significati, legandola ad ogni senso del nostro corpo... la vista, il tattoo, l'udito, il gusto e l'olfatto. Aggiungendoci poi il cuore... un cuore che si spenge e non sente più niente...
    Ti mando un abbraccio Patalice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già ILARIA, purtroppo è così... Il non sentire niente, di contro, impone di aver cura di ciò che è stato, e che daremmo per scontato

      Elimina
  17. Hai veramente ragione, diamo per scontato sempre tutto, soprattutto quando stiamo bene, io credo che se non potessi più sentire gli odori mi semtirei molto triste, proprio ieri sentivo il basilico della mia terrazza e mi sembrava di essere in vacanza, i nostri sensi ci regalano emozioni impagabili e l'odorato non è inferiore alla vista o all'udito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure è un senso minore PAOLA, come il tatto...

      Elimina
  18. Una mancanza preziosa, perchè se tu non ce ne avessi potuto parlare, quante di noi ci sarebbero passate sopra con la nostra tanto liberatoria quanto a volte limitante leggerezza?
    Stasera mi respiro la crema per i capelli che passo ogni sera, le fragole raccolte ieri, la pelle di marito... te lo prometto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fai onore, così facendo MARGHE! Accorgersi di quanto valga la potenza di un ricordo, che lascia minuscole impronte nel nostro naso, è un viaggio bellissimo

      Elimina
  19. accidenti! mi dispiace... hai detto bene spesso diamo per scontate delle cose che poi ci rendiamo conto essere importantissime

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È il nostro essere umani ERNEST, che ci porta a non dare abbastanza rilievo a ciò che c'è stato dato

      Elimina
  20. Ma i sapori? Cosa accade ai sapori senza odori?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nulla FORTUNASFORTUNATA, nel senso che non ho subito alterazioni del gusto... Per fortuna!

      Elimina
    2. Fiuuuu!
      Te l'ho chiesto perché ho sempre pensato che fossero indissolubilmente legati...e meno male che no!
      Direi che già è un bel guaio così...

      Elimina
    3. Non è simpaticissimo, no... Ma perdere il gusto sarebbe stato mille volte peggio!

      Elimina
  21. L'olfatto è un senso non mediato ovvero è un senso emotivo, dell'istinto.

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!