sabato 6 giugno 2015

Mettendoci una pezza o, meglio, un cerotto

Il cerotto è un baluardo dietro il quale nascondere le proprie insicurezze.
Ne ho preso coscienza solo ieri, sebbene sia dall'adolescenza che ne ho sfoggio innanzi...

Parlo di me.
Tutte le volte che mi mettevo le prime maglie sbracciate, mi accorgevo che, puntuale come Babbo Natale il 25 dicembre, appariva il brufolo bastardo sulla spalla o sul primo tratto di braccio a partire dalla stessa.

Un brufolo infame.
Rosso e infiammato, non ancora pronto alla spremitura folle che contraddistingueva i miei giorni, ma enorme ed evidentissimo. 

Dopo l'iniziale smacco e il consequenziale sdegno disperato, non volendo cambiare quella bellissima canotta, ta ta ra taaaaa!

Ecco che ti viene in ausilio il cerotto, solitamente quello piccolo e rotondo, che non ce ne sono molti nella confezione, e che coprivano una realtà inventata... La puntura di insetto!

Non si sa né come né perché, ad un buon certo punto venivo punta selvaggiamente e a più riprese...

"Nessuno" avrebbe potuto sospettare che sotto quegli espedienti color pelle di barbie, si celassero i crateri ormonali della mia giovane età!

Che astuzia, eh!?

Passano gli anni, e tu guardi a questi episodi con tenerezza, con gli occhi benevoli di quella che si assolve per errori di gioventù. 

Ma poi passi a pensare che, se sei cresciuta, gli ormoni si sono rimessi in fila per tre, e la tua posizione nella vita, ha qualche punto fermo in più, rispetto agli anni ruggenti dell'adolescenza, non è cambiato tutto quello che doveva cambiare... 

Guardi le mani.
Il semi permanente sbeccato sull'indice che hai usato per grattare le piastrelle della cucina, il medio imperfetto a causa dei tasti del computer...

E chi torna ad essere il Lancillotto della tua estetica?!

Sempre lui!
Il cerotto! 

Non più quel bollino tondeggiante, ma la striscetta media, che copre la nefasta imperfezione, ma ammette solo una falsa bruciatura, o un immaginario taglietto...

Sono passati gli anni, abbiamo acquisito doti, ricoperto posizioni più prestigiose, alzato coppe vittoriose di successi, ma di fronte all'ineluttabilità della mancata perfezione, ancora ci nascondiamo dietro espedienti ridicoli ed ardimentosi.

Potesse un cerotto preservarci da noi stessi.
Potesse cancellare la paura che abbiamo, di non essere chi diciamo di essere... 

Concorre tutto a mettere in bilico l'idea che abbiamo di noi.

Siamo cresciute, si, ma altresì abbastanza grandi da ammettere le debolezze di uno specchio che non rimanda la nitidezza senza macchia e senza falla? 

34 commenti:

  1. Eh, hai ragione, credo sia un po' così per tutti.
    Unica variante è che forse, all'epoca, noi maschietti ci badavamo di meno...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmmmh...
      Io MOZZINO ricordo certi tagli da barba assolutamente sospetti, a dire il vero...

      Elimina
  2. Ma sai che invece io i cerotti non li ho mai usati? Li ho sempre odiati, piuttosto mi tenevo una ferita aperta col rischio di fare infezione e prenderci contro, ma il cerotto proprio no! E odio anche io quando mi si sbeccano le unghie.. di solito le mie non durano più di 3 giorni, al primo sbecco mi prende il raptus e tolgo lo smalto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello è un vezzo femminile che ti fa onore SILVIA, io detesto la trascuratezza dello smalto sbeccato

      Elimina
  3. Sottoscrivo il buon Moz, io non ci ho mai badato, perfino a quelli giganteschi sul naso che mi facevano somigliare ad una vecchia strega con il porro sul naso.:-p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questione di sicurezza PIRKAF, che è buona cosa acquisire il prima possibile!

      Elimina
  4. Mah, che sia un cerotto o altro (abiti larghi, occhialoni scuri...) penso che abbiamo tutti debolezze sulla nostra persona, più esattamente sulla percezione che abbiamo. Poi, ci sono anche gli atteggiamenti, altre forme di protezione più subdole! Anzi, diffidare da chi dice di non avere alcuna debolezza! Però, è vero che col passare del tempo si finisce per fregarsene... magari non del tutto! ;)
    Buon week end Pata!!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si acquisisce santissima fiducia in noi stessi GIÒ, o, forse, si impara davvero a sbattersene del giudizio altrui...

      Elimina
  5. E se il cerotto si staccava?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lì iniziava il vero dramma FRANCESCO

      Elimina
  6. Io odio i certotti. Rappresentano la mia idea di imperfezione. Pensa un po' come uno stesso oggetto possa essere visto da due lati così differenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo MAREVA, ma qui, probabilmente sta il bello, il declinarsi delle cose a seconda del loro essere...

      Elimina
  7. Bhè io dovrei incerottarmi tutto il viso visto che pur avendo 22 anni non ho ancora sconfitto del tutto questa maledetta di acne, ma di cerotti o metodi per coprire la mia insicurezza non ne uso più. Piuttosto ho imparato ad accettare le mie "vergogne" e rafforzare i miei punti forti. Ce ne ho messo ti tempo, ma ci sono arrivata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che splendida risposta da parte di una fanciulla tanto giovane!
      ANELLOAPOIS, mi sei proprio piaciuta tanto tanto!

      Elimina
  8. Il brufolo come suggello adolescenziale.
    Ecco, poi passa, eh!?
    Un po' come l'adolescenza che non e' una malattia, non piu' di quanto sia l'essere ne' carne ne' pesce.
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è una malattia UOMOINCAMNINO, è piuttosto un male dell'essere, che però va affrontato e va accettato... Come tutti gli altri mali alla fin delle fiere!

      Elimina
  9. Per fortuna non ho avuto questi scoppi ormonali in gioventù, ma, per non solo quale ragione, oggi più che quarantenne mi escono di quei brufoloni in viaso da paura e non posso mettermi il cerotto. AZZ!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, SEMPREMAMMA, ormai il tempo del cerotto pazzo è morto e sepolto... Però l'idea che la piena giovinezza ti sia rifiorita addosso non ti aggrada?!

      Elimina
  10. Genio. GENIO. Questo trucco del cerotto per lo smalto sbeccato mi cambierà la manicure!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma davvero non l'avevi mai visto su nessuno LUDO?! per me ormai è una sorta di norma... Ed è anche un tantino orrido...

      Elimina
  11. Il cerotto per il brufolo infame sulla spalla? (non sono l'unica allora ç_ç) Sai che sei un genio vero? Non ci avevo mai pensato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. RICCIOBRIDGET sono vetusti ricordi di gioventù che, ancora oggi, si affollano sulla concezione di bello che abbiamo

      Elimina
  12. Io non ho mai avuto acne o altro da dover nascondere con cerotti , ma , avevo il complesso di labbra
    piene e importanti . Non potevo coprirle con cerotti !!! Da quando le labbra piene sono diventate di moda
    e pagano pure x riempirle , vado orgogliosa delle mie labbra naturali. Tutto cambia . Magari verrà di
    moda pure l'acne o i cerotti in vari punti del corpo . Laura A. P.S. Nel tuo precedente post , ho letto
    trenchcollection e sono andata a cercarla . Simpatica e divertente. Un pò ti assomiglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trenchcollection LAURA?!
      Comunque, ognuno ha i propri fantasmi estetici... Certo, labbra generose sono un gran bel fantasmino da esibire

      Elimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Adorabile come tu sia passata dal brufolo all'ideale di perfezione (mancata) che ci manda tutti in palla.
    Davvero ben scritto.
    Comunque per fortuna non ero un'adolescente brufolosa, sono troppo tonta per pensare ad un espediente simile.. ricordo un boom pazzesco di frangione cavalline per mascherare i foruncoli sulla fronte con risultati ancor più disastrosi a causa dell'assenza di traspirazione.
    In risposta all'ultima domanda dico solo: passami la scatola di cerotti maxi, grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un'idea che frulla, quando pensi al disastro che, ognuno di noi, impara dall'essere se stesso... Inacettarsi KORE, non è che una frangia dell'accettazione stessa! Sto dando un qualche numero di troppo, sarà il caldo... Passatemi un estathe!

      Elimina
  15. "Potesse un cerotto preservarci da noi stessi". Magari bastasse un semplice e piccolo cerotto rotondo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Potesse un cerotto preservarci da noi stessi.
      Potesse cancellare la paura che abbiamo, di non essere chi diciamo di essere..."

      Ecco, abbiamo sottolineato le stesse parole...
      Magari può davvero bastare, a volte, un cerotto. Almeno per un po', il tempo di renderci conto di come risolvere il problema. Poi, trovata la soluzione - che nella maggior parte dei casi è la patacchetta di dentifricio e tutto passa - si torna ad essere liberi, s-cerottati e felici!
      Grazie di esser passata da me!

      Elimina
    2. MAMMADESERTO, POLEPOLE, che debbo dirvi? Forse oggi saremmo ancor più liete di poter nascondere il cuore del problema dietro un foglietto appiccicato sulla pelle... Soprattutto se funzionasse con problemi che vanno ben oltre un inestetismo

      Elimina
  16. ma magari si potesse mettere una pezza/cerotto anche nella vita...ahi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CINDYINTHESKY non sono pochi quelli che ci provano comunque

      Elimina
  17. Io sono come sono: con un cratere sulla fronte lato sinistro che se nasceva più decentrato mi sarei padroneggiata ad unicorno e la ricrescita dello smalto a gel delle unghie che sembra non condurmi all'estetista da mesi, quando invece sono le mie unghie che crescono alla velocità della luce, per non parlarti della peluria incolta perché aspetto l'appuntamento di fine mese dall'estetista appunto per fare la ceretta ed oggi al medico farò l'effetto 'nature'... mai nascosta dietro un cerotto, da che ricordo, sono così come sono e mi piaccio assai ^_^ .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molta personalità FETTADIPARADISO, invidiabile sangue freddo davanti ai drammi [estetici] della vita... in una parola: stima!

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!