mercoledì 10 giugno 2015

A stecchetto? Anche no!

Una volta feci la dieta a zona.

Me la propose Paparotto Gigiotto, perché ero talmente un'integralista dell'alimentazione, che metterla in regola con un bilanciamento di carboidrati gli parve una gran bella intuizione! 

Ricordo che per me fu disastrosa!
Era un tripudio più finito di frutta e verdura a tutte le ore ed in quantità industriali...

Il mio stomaco prese a gonfiarsi come una mongolfiera... 

E poi un mese intero di aperitivi ad acqua e limone, fu traumatizzante per i miei weekend da viveur bresciana! 

Oggi, io ed il cibo, si va piuttosto d'accordo. 

In passato non è sempre stato così... ossessioni e contrizioni hanno avuto il loro bell'alternarsi per rendermi la vita difficile, e mettere a repentaglio la mia salute, in un modo che oggi sento come la parte più stupida e scriteriata di me, l'unica sfera della mia esistenza nella quale ho reputato più importante il giudizio imbecille di un ragazzo qualsiasi, della mia autostima. 

Sono una sportiva, mi piaccio magra, ma con muscoli, e osanno forme, che non mi vengono nemmeno a pregare in cinese...

Mangio in modo salubre, e cerco di non strafare, ma, benedetto sempre sia il weekend; la mia parentesi, nella quale mi concedo di sbizzarrirmi con prelibatezze più "cicciose" e poco sane!

Purtroppo non potrò mai essere una di quelle che seguono con seria abnegazione il sano/biologico: non posso fare a meno delle cotolette, ho una gravissima dipendenza da Estathe al limone, ed adoro latte e biscotti, a qualsiasi ora del giorno [e della notte].

Sebbene, io viva col rischio che il mio diabete, incombente e bastardo, degeneri, faccio già troppi sacrifici quotidiani, per mettermi nel crapino anche l'astinenza da sostanze tossiche! 

Abbiate pietà di me!

Comunque, da quando vivo da sola [c'est a dir con Brivido] sono molto più brava varia e variegata; ho una specie di planning settimanale, che seguo con diligenza certosina, così da non farmi mai mancare la carne rossa, quella bianca, il pesce e le fibre. 

Sono un buon esempio.
Perché l'equilibrio, anche a tavola, non è per forza sciapo è inconsistente, ma anche cosa buona e giusta!

...ma le mie zone d'ombra sono davvero improprie e putridamente putride...

Per farvi un esempio: sabato sera, pre partita della juve contro tutto il resto dell'Italia che gufava, al di là di Messi, eravamo tutti a casa nostra.

Puta caso, era anche il compleanno del mio adorato cognatino Rocketman, il quale ci ha deliziato, portandoci la cena.
O, per meglio dire, il tripudio della schifezza gastronomica della peggior specie, e per lo stomaco più scafato: polletto speziato/bigmac/crocchette/alette pepatissime/patatine fritte, ed anche una strepitosa cheesecake, fatta in [mia] casa. 

Il tutto è sparito tra le mie fauci.

E'stata proprio una bella serata sapete?
...e  mi sono detta che la felicità ha un sapore... quello del junk food! 

39 commenti:

  1. Intoccabile sia il week-end, sempre!
    Anche io, come te (tolta questa dieta pre matrimonio...) ho un "programma alimentare" settimanale per mangiare bene, sano, light il giusto...ed arrivare alla fine del week end senza sensi di colpa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh in occasione di matrimoni e cerimonie importanti STRONZABROOKE, tocca un po di spending review delle calorie...

      Elimina
  2. Il post casca a cecio, visto che sono quindici giorni che seguo una dieta senza carboidrati (mamma diabetica=per supportarla la faccio anche io)... e tu mi metti la foto delle patatine fritte?! Pata, almeno tu aiutami!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Casca a cecio, che buffo modo di dire... Sempre usato il fagiolo io G! comunque anche il mio diabete imporrebbe una riduzione drastica delle patate... Nella prossima vita, giuro che la attuo!

      Elimina
    2. Ognuno ha il suo legume del cuore! :-)

      Elimina
  3. Oh quanto ti capisco, specie sul junkfood!
    Anche io non mi reggo né mi regolo, cerco di fare quel che si può (la palestra aiuta molto). Ma a breve davvero bici e corsa, e soprattutto mangiare più sano^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono oggettivamente una peccatrice MOZZINO, che ci posso fare?!

      Elimina
  4. Tendo a non mangiare schifezze abitualmente. Abitualmente, significa che quando ho voglia o capita, MANGIO qualsiasi cibo-schifezza, anche se prediligo il salato!
    A stecchetto no, fare attenzione va benissimo! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo GIÒ, rispettare il proprio organismo non inzuppandolo di calorie e schifezze è sacrosanto...

      Elimina
  5. Ora che sono in Italia non toccatemi il week end! E poi la dieta inizia sempre di lunedì, giusto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre e comunque MAMMEDESERTO! Senza discussione!

      Elimina
  6. Io ho un rapporto pessimo col cibo. Sono passata dal sovrappeso all'anoressia, dall'anoressia alla bulimia, dalla bulimia all'anoressia e poi ancora alla bulimia e adesso sto cercando invano un equilibrio che possa dirsi tale. Anche a me piace mangiare sano, come a te. Anche io pero' non riesco ad essere integralista. Ho letto il tuo post e mi sono ritrovata analogie che francamente mi sono piaciute. Vorrei anche io un giorno trovare un equilibrio se non proprio stabile quantomeno non troppo traballante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Analisi SPETTINATA!
      Con uno Strizza e con me stessa.
      Soddisfazioni continue che mi strappo, unghie e denti, dalle cose della vita che concorrono nel farmi male a tratti... Resa? Mai! Perché sono stata, sono oggi e sarò somani, più forte io! Ne ho la certezza! E mi sentirei di mettere la mano sul fuoco anche per te

      Elimina
  7. io ho un bellissimo rapporto con il cibo, ci amiamo molto, io lo divoro lui non mi fa ingrassare (troppo), ma con l'età, anche se non sono vecchia, le cose cambiano, si sa: una volta potevo sbafare qualunque cosa, ora insomma, devo stare un po' più attenta (dico anche per la digestione), per fortuna ho ripreso a fare sport e il cane mi costringe a lunghe camminate. Però ho la "fortuna" di amare le schifezze solo di tanto in tanto, e di amare invece frutta e verdura sempre, soprattutto d'estate. Ma anche le torte e i biscotti, e i gelati eccetera eccetera. E mangio come uno scaricatore di porto, tanto che a volte finisco io i contorni di mio marito, perché lui non ce la fa. :) però anch'io durante la settimana sto più attenta, tanto più che quando non si ha tantissimo tempo, avere un simil-programma settimanale aiuta (anche quando si fa la spesa...).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La spesa è una passeggiata se attuo il planning, sono sempre di corsa MIKY, e devo organizzarmi bene coi tempi e con le e congelature varie e variegate!

      Elimina
  8. Le schifezze ogni tanto vanno bene, se si fa una vita equilibrata, altrimenti saremmo proprio nati per soffrire
    Io non riesco a dire no alle patatine Lays, ad esempio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me le patatine da sacchetto invece non fanno gola PAOLA, il mio problema sono biscotti e fette di torta delle quali faccio incetta sconsiderata... Senza considerare che è ormai spalancata la stagione del gelato...

      Elimina
  9. L'immagine dell'header è un colpo al cuore... E ho detto tutto... Ora ho voglia di patatine fritte e non potrò mangiarle...

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara che mi sta venendo il ciclo MAIRA, che sono così attratta dal ciccioso?!

      Elimina
    2. Non lo so... Se così funzionasse l'organismo femminile universale io sarei sempre in fase pre-ciclo :)

      Elimina
    3. io ed una mia amica, che lavora con me, abbiamo sancito che il nostro pre ciclo dura circa 25 giorni

      Elimina
  10. Condivido in pieno questo post!
    Anche per me il passato è stato pieno di ombre per quel che riguarda il cibo.. oggi va molto meglio. Le paranoie restano, ma difficilmente mi nego qualcosa che mi piace perché come hai saggiamente detto tu c'è già da sangrinarsi a sufficienza perché ci si debba privare di quella meraviglia che è il cibo!
    Qualche mese fa la mia soddisfazione più cheap e easy era abboffarmi di frutta guardando quella poracciata allucinante de "Il banco dei pugni".
    Quanto amore!
    L'unica differenza tra noi è che non mangio junk food se non fatto in casa perché essendo vegetariana mi sarebbe difficile reperirne nella mia mini città.
    Mi devo industriare e produrmelo, quindi finisce che ne mangio meno per pigrizia..
    ciao Patalice!

    ps: Presto o tardi verrà fuori che l'Estathé al limone ha sostanze che stimolano l'assuefazione e lo proibiranno. Troppi sono caduti già tra le sue spire ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti svelo un segreto KORE: nel centro diabetici è già considerato il demone numero uno, senza esclusione di colpi!

      Elimina
  11. Ma se sei anche sportiva, veramente, evita qualunque menata! Mi sembra che la tua dieta sia proprio varia ed equilibrata, e concedersi qualche schifezza ogni tanto non fa mica male, l'importante è non strafare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti SILVIA, ormai la menata è ridotta proprio al minimo sindacale! Sono donna, e come tale, alle volte, ho la paturnia vigile, ma non è un cruccio imperante

      Elimina
  12. Meglio non rovinarsi troppo la vita o, meglio, non roviniamoci il piacere di mangiare.
    Nessun eccesso, s'intende, e sport come fai tu credo sia perfetto.
    Noi in famiglia avevamo "la serata delle schifezze" oltre alla "serata degli avanzi". La prima cadeva di venerdì mentre la seconda di lunedì. I giorni della settimana non erano scelte casuali.
    Per il resto della settimana comandavo io in cucina.
    Praticamente ci si disintossicava.
    Parlo al passato perchè ora i miei figli sono tutti fuori casa e, da quel che ho notato, hanno buone abitudini alimentari o almeno discrete.
    Equilibrio credo sia la parolina magica.
    Ciao e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sera delle schifezze, quando stavo da SuperMamma, che è una cuoca eccelsa, era relegata alle uscite del weekend

      Elimina
  13. io ho una dipendenza da taralli: levatemi tutto ma non i miei taralli patate e rosmarino.

    Così per intenderci, un anno in Argentina e in valigia tra amici e parenti che son venuti a trovarmi abbiamo stimato di averne portati giù più di 50 pacchetti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I taralli patata e rosmarino non lo avevo mai sentiti FEDERICA... Oh d'altra parte ognuno ha la dipendenza alimentare che vuole! 😁

      Elimina
  14. Pensa, "Dio" ci ha fatti imperfetti, quindi non disperiamo :-) e poi anche i più Bio dei Vegani ogni tanto sgarra... viva l'equilibrio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io e vegano nella stessa frase, proprio non possiamo stare! Son nata carnivora QUELLADELLALOLA, e morirò tale!

      Elimina
  15. Dopo tanto vagare sul cibo
    io sono approdata alla teoria del boia di un giuda (come si dice da noi) ,salvo patologie\allergie\condizioni di salute particolari ovviamente. La teoria del "alla boia di un giuda" è quella che vai a naso nella direzione migliore. Ma perchè dico questo: perchè su base personale ed empirica, eccezion fatta che per RARISSIMI soggetti, ogni manipolazione del'alimentazione è degenerata in nemmeno troppo pococ tempo in altro di ben più grosso di un paio di kg in più o in meno. E su me stessa vedo che quando vado a naso , o a stomaco, l'istinto alla fine difficilmente mente.
    (con questo non dico carbonara e torrone ogni giorno....istinto ma anche un minimo di buon senso!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu hai fatto un commento carico di buon senso JUSTVICKY, e a me è venuta una voglia astrusa di torrone... Ma si può!?

      Elimina
  16. Io ho un rapporto altalenante col cibo. O meglio, lo amo ma fatico a trovare uan via di mezzo. O mangio tanto o poco. Per fortuna vario molto. Schifezze e cibo sano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un equilibrio MAREVA, ora, non so dirti se sia quello migliore, ma tra il bene e il male, il meglio w il peggio, alle volte non so bene dove si possa andare a parare...

      Elimina
  17. io non faccio testo, dopo una vita passata a combatterci... ora cerco di averci un rapporto più sano... e le mie merende sono costellate da mele, pesche e frutta varia (ho avuto una fortissima dipendenza dalle ciliegie, non riuscivo più a smettere di mangiarle!) ogni tanto le schifezzine ci stanno, il mio punto debole sono gli aperitivi, soprattutto quelli a buffet che sono pieni... di carboidrati vari!! ora cerco di muovermi molto... vedremo se riesco a buttarli giù questi 5 chili che sto odiando!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sono una grandissima sostenitrice dell'aperitivo a buffet. C'è chi dice che disincentivi, perché fare la coda per un piattino è noioso... Mah KANACHAN, io lo adoro e lo faccio almeno una volta alla settimana! Con buona pace della bilancia, per altro!

      Elimina
  18. io invece devo essere rigorosa come un soldatino e ci riesco pure! Perchè lo sgarro- magari minuscolo, magari uno sgarrettino- non riesco a concedermelo: se faccio uno sgarrettino vado poi avanti all'infinito con sgarri più grandi!
    Allora sono molto rigorosa, avendo 56 anni e tenendo ai miei 50 chili. Però, siccome adoro cucinare, sono anche la MAGA delle ricette ipocaloriche ma buone buone....
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto buone buone EMANUELA, ed io ci credo che lo siano, eh, nessuna mai può sostituire cose di cicciosità straordinaria e buonissima come, ad esempio, le salsicce lesse col pure... Ecco quella è una cosa che mi fa impazzire, e come faccio a farla light!? Impossibile

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!