lunedì 27 aprile 2015

Mi parlo da grande stavolta

Tra molto meno di un mese compio 30 anni.
Siccome forse non ve ne siete accorti, ve lo ribadisco, anche se, qualora non ve ne siate accorti, la cosa si spiega solo se: 
A- fingete di leggermi, ma guardate solo le mie foto, perché avete sentito che un cliente mi ha dato del chiodo con le tette, e sperate di vedere le gemelle; 
B- pensate io faccia dell'umorismo, perché il mio modo di scrivere rasenta il livello elementare, ergo non è immaginabile io sia dell'85;
C- siete convinti io sia una povera visionaria, dato che con le mie abitudini, debbo averne almeno 15 in più di anni. 

Vi rassicuro, e lo ribadisco, il 16 maggio compirò 30 anni. 

Non manca molto, e mi sto preparando.

Ho mollato definitivamente i corsi di aerobica, a favore di un allenamento strong coadiuvante alla forza di gravità impietosa. 
Ho preso l'abitudine di spostarmi in bici ogni volta che posso, il chè comprende andarci al lavoro.
Ho deciso di bere una bella tazza di acqua tiepida con mezzo limone ed un cucchiaio di miele, ogni mattino, appena sveglia. 
Ho fatto un planning delle spese domestiche, e di gestione della casa, con una tabella annessa che mi aiuti nell'organizzazione dei mestieri domestici, e che mi possa rammentare le scadenze.

Sono decisioni da persona adulta.
E mi compiaccio di me stessa per queste scelte.

Ad avvalorare ulteriormente la mia posiIone di "grande", ci si è messa una circostanza speciale ed inattesa: un ruolo attivo per la fondazione fibrosi cistica, della quale faccio parte.

Vorrebbe dire prendermi responsabilità sulle spalle, sia nei confronti dell'ospedale e del suo organico, che nei confronti dei pazienti, e non, come fatto fin'ora, limitandomi all'organizzazione di eventi con finalità benefiche e basta. 

Brivido sostiene io debba accettare, e battermi per ottenere la carica, come lui la ragiona la SuperMamma, mentre Jn è meno calda, più ponderata. 

Qualche tempo fa, sono entrata in una specie di raccordo anulare della paturnia, una maxi rotonda con più sbocchi, nella quale giravo e giravo, in modo fantoziano, nel tetro tentativo di venire a capo delle mie paranoie. 

Quei momenti lì, sono topici e atroci; pronti ad insegnarti qualcosa, e altresì, specializzati nel calarti le brache. 

Io ci sguazzo sempre con buona predisposizione, fatta come sono, della stessa materia con cui sono fatte le rotture di maroni, ma questa volta ho trovato una via e mi ci sono immessa. 

Come ho fatto, di preciso, non lo saprei dire, apparentemente non ho ammaccature, e forse, ritornano, i 30 anni e la loro pregnante importanza a dettare legge; fatto sta che, anziché parlare del problema, ho cercato la soluzione.

Ed eccomi qui.
Alle prese con una grande scelta, il mio futuro è sul piatto, nelle svariate sue forme, ed io, col mio gruzzolo titubante alla mano, devo optare per l'uno o l'altro... 

È questo "essere grandi"?
Non più solo, sognare le cose, ma avere i mezzi per renderle realtà, e decidere se vale la pena di mollare il certo per l'ignoto?! 

76 commenti:

  1. Anche io bevo una tazza di acqua tiepida con mezzo limone...a dire il vero ne metto uno intero e senza miele (che il miele dicono sappia di culo) ogni mattino. Non ne capisco il motivo dato che non vedo cambiamenti nel mio fisico ma va bene dai.

    Forse "essere grandi" è vivere senza aspettative, accettando quelli che siamo e seguire la nostra natura... Boh, a 46 anni non so ancora se sono o meno grande (a parte la zona ludica sotto l'ombelico...lì lo vedo che non sono grande...) ma la cagata appena scritta mi fa propendere per il no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se non sei grande sai CUNNILINGUIST? Si fa presto a tacciare di immaturità, solo perché una pensa scrive e recita al di fuori degli schemi. Forse tu hai imparato il segreto della leggerezza e lo pratichi... E questo, lasciamelo dire, è molto maturo

      Elimina
  2. Cara Alice, sei sempre simpatica e spensierata, almeno così lo dimostri, ho notato il tuo compleanno al 16 maggio, peccato che in quei giorni sia a L'Aquila per l adunata nazionale degli alpini comunque se riesco anche da li ti farò gli auguri di cento di questi giorni!!!
    Par ora ti saluto augurandoti una buona settimana.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che uomo prezioso ed attento sei TOMASO, grazie di cuore

      Elimina
    2. Diciamo, che vecchietto! Oppure anziano cara Alice, un sorriso:)

      Elimina
  3. Vai tranquilla, Alice! I 30 anni sono una cosa meravigliosa! Hai ancora un fisico capace di grandi cose, ma anche la maturità e la consapevolezza per realizzarle e per fare i conti con la tua vita.
    Riprendo la tua ultima frase... per me i 30 anni (o poco prima) sono stati il momento in cui sono passata dal "sognare" al "progettare".
    Augurandoti che per te sia lo stesso, e naturalmente il pieno successo dei progetti che vorrai portare avanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so perché, AURYN, ma sento sotto pelle che è davvero arrivato il momento di agire

      Elimina
  4. buttati... che siamo ancora cccciovani!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un salto tappandomi il naso per arrivare nel profondo FEDERICA, e poi siamo ccciovani, no?!

      Elimina
  5. in realtà non dipende certo dall' età, quanto dal modo di approcciarsi alla vita.
    conosco ventenni che sognano e realizzano e cinquantenni che ancora sognano e sono fermi al palo
    dunque è solo questione di testa, di capicità personali e sopratutto di grandissima autostima...ho visto
    ragazzi, senza alcun mezzo, realizzare grandi cose, che se pensa solo i "ricchi" possano avere e costruire...e ricchissimi ragazzi consumarsi e frantumarsi nel nulla, perchè avevo bruciato tutti i sogni
    non saranno i tuoi 30 anni a fare la differenza, sarà, è il tuo modo con cui pensi di avere le capacità di assumerti la responsabilità di arrivare in fondo ai tuoi sogni o solo banali quotidianità.
    ciao Patalice
    p.s. accetta l'importante carica nella fondazione, con la tua leggerezza e carica vitale, saprai non solo
    essere un ottima organizzatrice ma motivatrice e tu sai quanto quei bambini/ragazzi e famiglia ne abbiamo bisogno. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se non sia fatto di età S, un po sinceramente credo che un traguardo immaginario e pregnante come quel 3 davanti, sia la scusa per non tergiversare più, per prendere le cose più di petto, senza fare che il tempo voli via!

      Elimina
  6. Quando la vita ci fa capire che è arrivato il momento di agire, che non si può rimandare, fare finta di nulla e che accontentarsi non basta, è arrivato il momento di varcare la soglia della "grandezza", che per ognuno di noi è diversa. Forse è arrivato il momento per te, ed io ti auguro con tutto il cuore di riuscire al meglio in tutto cò che deciderai di fare!
    Un abbraccio!
    Life, Laugh, Love and Lulu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una scelta che sono pronta a fare LUISA?! Mi pare quasi di si... Anche se le circostanze non le decido io soltanto, mi impongo di non demordere!

      Elimina
  7. Io quest'anno ne farò 25. Un quarto di secolo. Direi che stiamo per arrivare entrambe ad un bel traguardo.
    Ma tanto noi siamo GGGiovani inside, quindi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il quarto di secolo lo salutai con pienezza e consapevolezza, un bel traguardo MISA, ma non con l'ansia che ho per il trentesimo... Decisamente no!

      Elimina
  8. Ti capisco benissimo...
    Ne ho 27 e mi fanno paura i trenta....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so perché quel numero abbia un così forte spettro che ci si rivolta contro MARCOARBITRO, ma è così...

      Elimina
  9. Per come la vedo io, nella vita, si può scegliere di maturare e poi maricre o di passare dall'acerbo al marcio senza essere mai diventate mature.
    Vedi tu.
    Io però preferisco la prima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh CIACCO, messa come l'hai messa tu, come si fa a non dire che si vuole la prima? Io però la vedo meno semplicistica e ariosa, la faccenda

      Elimina
  10. Delle resolution di tutto rispetto.

    Ma la domanda è: che cosa ti regali per i tuoi primi 30 anni?

    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Due giorni via sola con R-Dog PIPPA!

      Elimina
  11. Ciao Pata,ùsi può essere giovani adulti a 60 anni e vecchi bambini a 20.
    Dipende anche dal carattere.
    Tu resterai una giovane adulta a lungo, da quello che capisco leggendoti. E poi non è mica male, sai. Prendersi le proprie responsabilità da adulto ma affrontare le cose con le capacità dell'adulto e lo spirito del giovane. Fa sì che le cose pesino meno e divertano di più.
    Tu intanto buttati nella nuova impresa. Sono convintissima che l'affronterai nel modo migliore e riuscirai pure a trovare quella divertita soddisfazione tipica dei giovanissimi (vecchia tu non se, io .... ehm ehm)

    Mettiamola così. Tutti prima o poi dobbiamo crescere, maturare... diventare adulti insomma. Cosa ci mantiene bene però è la capacità di non perdere lo sguardo dei ragazzi. Divertito, trasognato, un po' ingenuo (in sennso buono ovvio). Non dico sempre sempre ma ogni tanto, ci vuole anche quello,
    Ciao da una che i trenta non li ricorda nemmeno più ma nonostante questo non vuole arrendersi !!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che Dio ti abbia in gloria PATRICIA! Per la tua sete di vita, innanzitutto, e poi anche per quel sorriso acceso che hai!
      Credo anche io che "grande" lo è chi ha imparato a fare della leggerezza un'arma, e che sia, questo, di buon auspicio per me...

      Elimina
  12. Io ti dico: accetta. C'è bisogno di tante voci per ricordare tutte quelle malattie di cui ci si dimentica sempre perché tanto le hanno gli altri. Tu puoi fare la differenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È probabilmente sempre stato ciò che volevo per me dalla vita MAREVA, sai? Saper fare la differenza. E che questa possa essere l'occasione che mi auspicavo, è una tentazione dalla quale lasciarsi travolgere, un treno da non perdere!

      Elimina
  13. Io direi di buttarti...hai grinta e forza, quanta forza, cara pata!
    Faccio il tifo per te...! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei una personcina di quelle belle vere DIANA, graxie

      Elimina
  14. Io ti consiglierei di accettare. Il cambiamento apre sempre nuove porte, siano esse belle, brutte o a metà ci costringe comunque a darci una svegliata e a respirare aria pulita. In un certo senso anche il passaggio ai 30 per te sarà una novità e quindi il momento giusto per cambiare le carte in tavola. Io il 22 maggio ne farò 25 di anni :( ...l'altra sera ho comprato crema e detergente antirughe. Che depressione! :D Baci cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia... tu pensa che a me non bastano moltiplicandoli per due...
      25 anni... li ha mia figlia!!!!!!!!

      Elimina
    2. Lo so, ho esagerato 😁 E' che dopo i 18 gli anni volano via.

      Elimina
    3. GIULIA è vero... Hai esagerato!
      Ma scherzi a parte, anche io ho constatato che, dopo i 18, vanno velocissimi, non ci stai dietro! Dove cavolo è finita quella ragazzina che aveva la smania di essere adultA?

      Elimina
  15. Qui dai 30 si sta bene...ti aspetto...saremo coetanee per pochi mesi;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ci si sente un po meno "cazzone" LIZ!?

      Elimina
  16. Io sono d'accordo con Brivido, accetta!!! È una bella sfida e un modo per inaugurare i trent'anni con una cosa nuova e stimolante!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi io nella sfida ELLIE, do decisamente il meglio di me... Inutile dire il contrario!

      Elimina
  17. Se non ora quando!!!!!!!!?!?!? Sei giovane e hai tutto l'entusiasmo per queste attività...che ne hanno bisogno e soprattutto ti senti coinvolta causa di forza maggiore!!
    Quindi Buon lavoro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Se non ora quando"...
      Ci ho pensato tanto a questa frase MANU, forse perché raffigura una fetta di realtà davvero notevole

      Elimina
  18. guarda che noi ti leggiamo quindi non scrivere qualunque cosa pensando che non ce ne accorgiamo.. :-P
    30 anni??come averne 29 anche io ogni tanto faccio bilanci e mi metto a far liste di buoni propositi..mi aumenta soltanto l'ansia di non riuscire a far tutto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa bizzarra MARIAFELICIA, è che so perfettamente che dai 29 ai 30 non c'è chissà quale cambiamento, eppure non mi sono mai vista tanto cantiere come in questo momento della mia vita

      Elimina
  19. Patalice cara, mi sembri una ragazza di carattere e sai tu meglio di qualsiasi altro quello che preferisci attuare. Per mio conto potresti anche sfidare l'ignoto ne risulteresti vincitrice..
    Da dove arriva tutta 'sta certezza ? Mah..sensazioni...
    Un bellissimo compleanno con te e mille auguri da parte mia, adorabile amica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacciono le sensazioni CROSIGLIA, le tue parlano forte e chiaro... Una lingua che probabilmente non conosco, ma che non ho paura di imparare

      Elimina
  20. L'"essere grandi" è un po tutto, sono le scelte che si ponderano e si prendono, è la consapevolezza che da quelle scelte ci saranno delle conseguenze per sé e per gli altri che ci sono vicino, il crescere è affrontare la vita in tutte le sue sfaccettature, senza arrendersi mai e all'occorrenza rialzarsi se si cade, contando sempre sulle proprie forze. Non credere che i 30 siano l'arrivo, possono essere anche l'inizio di un viaggio stupendo Pata ed io ti auguro di prendere tutte le decisioni buone e/o cattive di questo mondo, perchè è questo che fa la differenza nella crescita di noi stessi.
    Forza Pata che ci sei quasi!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...non l'arrivo ma un inizio FETTADIPARADISO...
      Potrebbe davvero essere questo quello che mi aspetta... L'inizio di un'avventura da vivere...

      Elimina
  21. Accetta, accetta, si tratta di una bella sfida!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu di sfide MAMMEDESERTO ne sai, eh?!

      Elimina
  22. Mollare il certo per l'ignoto a volte può regalare piacevoli ed inaspettate sorprese cara Patalice!!! Ti capisco bene, io 30 anni li compirò a settembre ma già sono in piena fase di bilanci :-)
    Un bacione

    The Princess Vanilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse quel 3 davanti PRINCESSVANILLA, pesa più di quanto non siamo disposte ad ammettere con noi stesse!

      Elimina
  23. Io i trent'anni li ho compiuti nell'ottobre del 2011, e credimi, considerando com'era la mia vita ai tempi, sei molto più matura tu di me. Io annegavo nella precarietà professionale e sentimentale. Mi sentivo fuori dal mondo perché non riuscivo a dare un senso alla mia vita ma ora, che annego fra queste quattro mura d'ufficio, penso che in fondo fare un cazzo non era poi così male. Ne avessi almeno approfittato per scrive...

    P.S. Mia sorella, che compirà 30 anni il 10 di giugno, fa gli stessi ragionamenti tuoi. :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo paranoiche senza speranza noi CHIARA, o eri senza traguardo immediato tu CHIARA? Difficile a dirsi... Ammetto che avere Brivido, la nostra casa, il nostro R-Dog, ha una certa cassa di risonanza che non tace...

      Elimina
  24. Sogno di fare qualcosa di grosso per i miei 30, mi mancano ancora due anni e mezzo :) ma il chiodo con le tette?? Davvero?! Un gentiluomo questo qui -___-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e pensa che è pure il mio parrucchiere FOLLE!
      Ho fatto tanto di quel ridere che non ne hai idea!

      Elimina
  25. Ecco, diventare grande. E' una bella domanda che credo mi porrò il prossimo anno quando anche io approderò sulla sponda dei 30enni ma essere grande in fondo è uno stato mentale, per me significa essere maturi e coscienziosi e sapere di poter valutare le cose con obiettività. Io sono per il team #buttatinellanuovaavventura :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che "essere grandi" sia una condizione della quale, forse, nemmeno ci rendiamo conto BRIDGETRICCIO, come se non ci appartenesse e non fossimo noi quelli del fatto, non so se mi spiego...

      Elimina
  26. Ti dirò che ai miei 30 anni non ho parlato tutto il giorno.
    Mi hanno fatto una pizza i miei amici con le candeline dei 30, mi veniva da piangere, non per il gesto ma per l'età.... l'ho presa malissimo.
    Ma.. sono stati gli anni migliori della mia vita (per ora)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io amo i compleanni TRISPORTLIFE, e sono sempre ben lieta e disponibile ai festeggiamenti... Ma quest'anno ho come una spada di Damocle sulla crapa!

      Elimina
  27. Auguri per i tuoi 30 anni.
    Una nuova sfida, non c'è modo migliore per iniziare una nuova decade

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dite in molti SEMPREMAMMA... Finirò per crederci...

      Elimina
  28. Pensavo tu fossi già sui 35/36..
    Bello che testimoni le tue buone pratiche di vita, come andare in bici che è una delle cose più intelligenti, sane, piacevoli ed ecologiche.
    Ancora qualche giorno e partirà un nuovo anno da vivere appieno! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...visto che non mi vedi UOMOINCAMMINO, credo il tuo sia un bel complimento!
      Ho imposto a me stessa queste regole di vita sana, nella speranza di rendermele quotidianità... Vediamo se ce la faccio!

      Elimina
    2. Ci vogliono diciamo poco meno di un mese di pratica quotidiana per far abitudini delle novita',
      In questo periodo e' oggettivamente molto gradevole andarsene in giro pedalando, no!?
      E' un buon momento per iniziare.

      Elimina
  29. non sei grande non sei piccola
    non sei chissà cosa o quello che non diresti mai
    sei tu. null'altro che tu alla tua età. :-)

    <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare già qualcosa K... Sarò esagerata nel percepirmi, o mi sottovaluterò, non so, ma mi pare che sia già qualcosa!

      Elimina
    2. nel tuo caso è tantissima roba, pata. ma tanta tanta.
      :-)

      Elimina
  30. Che darei per ritornarci alla tua eta'...ho i ricordi piu' belli..di quel tempo...
    alla tua eta' le sfide si vincono..buona fortuna..

    RispondiElimina
  31. Che darei per ritornarci alla tua eta'...ho i ricordi piu' belli..di quel tempo...
    alla tua eta' le sfide si vincono..buona fortuna..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...le sfide si vincono dici?! Beh ENZA che sia di buon auspicio il tuo verbo mia cara

      Elimina
  32. Direi che sì anche questo è essere grandi :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso alzare l'asticella CAROLINA allora?

      Elimina
  33. Anche io ci provai a bere limone ogni mattina a stomaco vuoto… ma il bruciore di stomaco ebbe la meglio :P
    La proposta di cui hai parlato sembra interessante, oltre che molto bella dal punto di vista umano! Mi unisco a quelli che ti dicono di accettare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ora lo stomaco tiene botta MECHANICALROSE, ma il fatto di mangiarmi fette biscottate e Nutella, subito dopo, rende iniqua l'acqua col limone?

      Elimina
  34. Secondo me si può essere grandi e continuare lo stesso a sognare, almeno un pochino.
    Adoro le persone affette dalla sindrome di Peter pan, se ne fregano dell'etàe se la godono tutta la vita. Per carità, certo a volte nella vita serve anche avere un po' di polso e di serietà, però ci sono anche i momenti in cui possiamo permetterci di "sciallare" un po', e non rinuncero' in futuro a quei momenti solo perché avrò raggiunto una certa soglia d'età.
    Ah! E accetta tutto quello che ti capita, che la vita è una sola, e tutto fa' esperienza! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io FRANCIS, a differenza tua non ho tutta sta passione per i peter pan, sebbene il mio migliore amico ne sia fulgido esempio...

      Elimina
  35. Mollare il certo x l'ignoto ? Una delle mie due figlie l'ha fatto ed è contenta. Io sono diventata adulta a
    17 anni . Orfana di padre ho scelto di andare a lavorare , studiare , vivere all'estero. Oggi ne sono orgogliosa della scelta fatta . A che età si diventa adulti ? Non è l'età che conta è lo stato mentale.
    C'è chi non lo diventa mai adulto , ma tutti dovremmo avere il bambino che eravamo dentro di noi e
    a qualsiasi età , sorridere alla vita . Felici 30 anni Laura A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace la tua analisi LAURA, chiara, senza artifizi che alterino le cose, e con una risposta, secca precisa, senza giri di parole... Eh si, l'età non conta

      Elimina
  36. Visto che tu e il Doctor Kram siete coetanei ci hai messo una strizza con questo post. Cioè, a cavallo dei ventinove parte 2 hai un'organizzazione ragguardevole.
    I piani che invece tu (tu nel senso del Dottore) c'hai per la prossima decade sono:
    -parlare di sè in seconda persona singolare.
    -farsi un amico immaginario che è un Godzilla che lavora al supermercato.
    -comprarsi una moto.
    Panico.

    RispondiElimina
  37. Io arrivo al tuo post, guarda caso, proprio oggi, e quindi mi sento di dirti solo una cosa: tantissimi auguri!!! :) in bocca al lupo, per tutto :)

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!