venerdì 6 febbraio 2015

Da che punto guardi il mondo tutto dipende

L'amore per le piccole cose.

Il letto rifatto con la biancheria fresca di bucato, che quando ci entri fai addirittura fatica tanto è rigida, ma che ti fa sentire pulita e al sicuro.

A poco importa se R-Dog decide che vuole provare l'ebrezza lui pure, e mentre dorme, ti scalcia via, e tu passi una nottata pessima.

Un buon romanzo, una coperta di pile, la vostra tazza preferita piena di tisana fumante. 

Non fa niente se poi, vostra madre vi richiama all'ordine perché state cazzeggiando, vi parte il libro che fa un carpiato e si stacca dalla copertina, vi si rovescia la tisana bollente sulla coperta, finite al pronto soccorso per ustioni, ed avete anche frantumato la tazza tirandola contro vostra madre. 

Un giorno al lago, a prendere il sole con gli amici, giocando a carte, facendo un tuffo ogni tanto, arrivando al tramonto con un bell'aperitivo in compagnia.

Che non ci si aspetta che uno beccasse un'insolazione il giorno prima di convolare a nozze, un altro si tagliasse il piede sulle rocce e non potesse gareggiare alle olimpiadi della settimana dopo, e tutti fossero presi dal cagotto fulminante post rustici da aperitivo, senza poter fare nulla contro le 6 ore di coda per fare 25 km?

Tutta questa duplicità di significati, all'interno di una scenografia unica per spiegare un concetto [a me stessa prima ancora che a voi] : le cose vanno guardate da prospettive multiple e differenti. Che l'apparenza inganna, ed anche la situazione più deprecabile, può nascondere in se inattese positività! 

Non è il manifesto del compianto Tonino Guerra al profumo della vita, ma un gioioso esperimento che ci mette sullo stesso piano di quei libri che, se li giri, portano alla luce la stessa storia, dal punto di vista di un altro personaggio, è così quella storia appare nuova ed inattesa, e la differenza di visione fa si che si vegga un nuovo mondo.

Tutti noi meritiamo di essere incoerenti, vale la pena di vederci arrendevoli attraverso strascichi di cose non dette, ci possiamo permettere il lusso di cambiare idea, ma, soprattutto, dobbiamo aprire al punto di vista differente. 

Non è tanto un obbligo in quanto tale, è più un dono che consiglio di farsi...

Che se è vero che chi pensa male non sempre sbaglia, è altresì vero che partite pensando positivo non può costare più fatica del pensarla negativamente... 
O no!?

53 commenti:

  1. Tutti noi meritiamo di essere incoerenti...
    E non sai quanta fatica costa tornare ad essere coerenti, ammettendo che la coerenza vada di pari passo con la maturità.
    Ah, che dilemmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'incidenza come immaturità VALE, ma come ammissione di un concetto semplice meraviglioso ed altresì difficilissimo, cambiare idea! Non parlo di banderuola, a mo' di politico, ma penso a quelle situazioni in cui si dice "no, io mai" oppure "per sempre". Concetti piccoli, eppure scardinanti realtà assodate, che noi viviamo come tali, alla luce del punto di partenza.
      Il modo di vivere e vedere le cose è una scelta, ma se ci fossilizziamo, sulla coerenza di un concetto espresso è dura!

      Elimina
  2. Ci credi che è da più di un anno che vorrei fare un post su questo argomento? Questo perchè ho trovato una foto bellissima che spiega benissimo il concetto del pensiero...e non posso che darti ragione (a te ed anche a Jarabe): da che punto guardi il mondo tutto dipende!!! :)
    Life, Laugh, Love and Lulu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo aspetto, perché saprai caratterizzarlo come solo tu LUISA, sai fare...

      Elimina
  3. più fatica no.....però il positivo di default non mi ha mai convinto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, chiariamo FRANCESCO, se mi impianti il sorriso ebete il mattino, e lo stacchi la sera, e cerchi di convincermi che, non lo so, l'uragano Katrina fu, si una tragedia, ma anche un buon modo per conoscere il picco massimo di solidarietà che potesse mostrare l'America, ti scaglio addosso una molotov, ma se uno si approccia, senza pensar per forza male, credo quest'uno abbia una marcia in più

      Elimina
  4. Che bel post!!! Mi ha fatto riflettere!!! E' come quando guardiamo la vita di qualcuno da fuori e ci sembra invidiabile, poi invece magari conosciamo meglio quella persona e ci racconta che non è felice per un sacco di motivi....è tutto mooolto relativo, e i punti di vista spesso fanno la differenza! Io ci provo a essere positiva, in quanto sagittario di solito mi viene naturale...anche se le batoste sono sempre dietro l'angolo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un piccolissimo esempio ELLIE, una ragazza che conosco, poco più che ventenne, ha un figlio dal suo moroso col quale convive da poco. La invidiai, come forse potrai immaginare, perché a lei tutto pareva semplice! Pochi mesi fa la storia ha avuto un drammatico epilogo, ci sono avvocati, denunce ed assistenti sociali... Eppure l'angolatura dalla quale facevo da spettatrice era così rosea...

      Elimina
  5. La vedo esattamente come te. E anche nei contrattempi (che portano inatteso stress) si nasconde qualcosa di buono, che riusciremo magari a vedere solo a medio-lungo raggio.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tempismo nella vita è tutto MOZ, ma anche saper riflettere a distanza di tempo, fa il suo sporco lavoro, nella conta delle cose

      Elimina
  6. Abbiamo pubblicato un post sui punti di vista lo stesso giorno :) bello vedere che non si è soli!

    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Affinità non solo di nome ALICEOFM

      Elimina
  7. Io purtroppo parto sempre negativa, con la speranza di ricredermi successivamente.
    Sono pessimista inside.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un peccato perché secondo me perdi gran parte del bello MISANTROPHIA

      Elimina
  8. :) marcì cara
    capitolo n. 1 ?
    sará dura...ma già sono sulla buona strada ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non te l'ho promesso S, ma ogni tanto butto lì... Tu prendi appunti mi raccomando!

      Elimina
  9. Secondo me non è questione di coerenza, ma di buona fede, capacità di immedesimazione e consapevolezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si come no PRINCEJOHNNY, nel senso che, a parer mio, l'angolatura che scegli per mettere a fuoco l'obiettivo, fa da sola il primo passo

      Elimina
  10. anche nei contrattempi si nasconderà qualcsoa di buono..io la vedo così..
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed è verissimo MARIAFELICIA, dobbiamo solo avere la pazienza di aspettare, e la forza di spingerci un po più in là

      Elimina
  11. Tutti noi meritiamo di essere incoerenti...quanta verità in parole tanto semplici! Come mi piacerebbe poter donare la serenità di questa consapevolezza alla me di qualche anno fa, intenta a rientrare in una qualche sottospecie di coerenza...

    Buona tisana bollente+libro a testa in giù ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una piccola frase che, quando la scrivi non ci pensi che sia portatrice di una verità, che sei tu la prima a dover apprendere e mettere in gioco NORA... Alla fine purtroppo, è sempre così, quante cose vorremmo regalare oggi alle noi di ieri...

      Elimina
  12. "Ci possiamo permettere il lusso di comunque aire idea ed essere incoerenti..." Chapeau! Il tuo consiglio lo prendo al volo e ne faccio tesoro. Anzi, me lo ripeterò ogni giorno che non sono lunatica, come vogliono farmi credere, solo,perché ho diversi punti di vista e cambio idea almeno un paio di volte alla settimana.
    Buon weekend consigliera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto diventando la guru della cumpa ANNATHECLOUDS, comunque... Io credo che i fossili ci siano, e siano proprio strepitosi, ma è un po' come la ricotta, la amo, ma non vorrei somigliarle!

      Elimina
  13. "Tutti noi meritiamo di essere incoerenti..." MI sono emozionata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SFOGLIANDOVITA un plauso alla tua capacità di emozionarti...

      Elimina
  14. A me piace essere positiva, cerco di guardare sempre il bicchiere mezzo pieno. Quando le cose si fanno nere nere, l'unica cosa che mi consola è proprio esserci partita ottimisticamente (un po' tautologico, ma funziona) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, il pensiero è tortuoso G e va scomodata un po di filosofia liceale, ma il concetto c'è, è chiaro e l'ho pure capito!

      Elimina
  15. Incoerenza....
    Sai, sono stato accusato numerose volte di incoerenza. Ci ho riflettuto, davvero, in ogni occasione. Ogni occasione l'accusa era infondata, perché reazioni differenti in risposta ad azioni uguali sono considerabili incoerenti solo se estrapolate dai differenti contensti e differenti stati d'animo.
    Ogni istante è unico.
    Ogni istante ha migliaia di fattori che incorrono a determinate azioni e reazioni.
    Chi non riesca a capire ciò, può pensare che sia semplice incoerenza, certo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo, a distanza dalle tue parole troppo ridondanti per le mie becere orecchie APPRENDISTANOCCHERO, che l'un coerenza sia un'accusa che dobbiamo far crescere con positività. Nel senso che io non sono così convinta che, una situazione incoerente, non possa essere il biglietto per un viaggio di conoscenza dell'altro... Certo, non solo non è facile, ma è anche impegnativo, eppure merita.

      Elimina
  16. Io ho iniziato a partire positiva sempre e spesso ci guadagno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La partenza, dicono DUERANOCCHI, faccia la metà della strada... Io non so se sia vero, ma Val la pena di provarci

      Elimina
  17. Piacere di conoscerti!
    Credo che ciò che qui tu chiami sana incoerenza possa essere definito anche "leggerezza", secondo quell'accezione positivissima del vivere senza sovraccaricarsi di zavorre inutili.
    Bello il tuo blog, mi piace. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È la cosa a cui ambisco maggiormente LUZ!
      Mi hanno fatto dono di carichi corposi, fin dai blocchi di partenza, e cedere alla negatività della vita e delle circostanze, sarebbe la cosa più semplice...

      Elimina
  18. Quanto hai ragione! Mio malgrado ho sperimentato in questi giorni che o si fa cosi' o si muore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...purtroppo non penso se ne muoia TINA, ma si vive un gran male, quello si...

      Elimina
  19. Hai ragione! Bisogna guardare sempre il bicchiere mezzo pieno, altrimenti il GrumpyCat che è in noi prende il sopravvento. Ogni tanto ci vuole un po' di spirito di Pollyanna, o no??:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io non lo vedo come spirito Pollyannesco BRIDGETRICCIO, semmai come una rivincita contro la faciloneria con la quale, spesse volte dobbiamo misurarci!

      Elimina
  20. E cosa del genere succedono ogni giorno! Quindi vedi quanto abbiamo da scoprire! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tanto tanto tanto AHV, credere di essere arrivati, di sapere tutto, è da personcina

      Elimina
  21. Leggerti è sempre una ventata fresca. Mi piace molto la tua positività. Dovrei riuscire a impararla, almeno un pochettino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È difficile a tratti è mai impossibile VIOLET! Io faccio il tifo per te

      Elimina
  22. Sai che non avevo mai pensato a quest'argomento? Eppure faccio una cosa simile quando voglio raccontare una cosa in modo ironico, guardo il positivo e poi lo prendo in giro guardando la cosa da un altro punto di vista diciamo più pessimista. Curioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lo si sa che io sono collezionista di banalità FOLLE... quindi quando le propino sembrano cose "di spessore" perché le persone che lo spessore ce l'hanno non ci stanno davvero a pensare

      Elimina
  23. Quanto mi trova d'accordo il tuo post stamattina. L'ho gemellato col precedente che mi ero persa. Come diceva qualcuno, guardare sempre tutto con mente e cuore aperto e da diverse prospettive. Mutare ci consente di crescere... a volte perdiamo qualche dente;) Ma sto con la tua positività!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai SANTA, maturare non mi ha mai fatto paura, ho sempre cercato di vincere l'inerzia dell'età armandomi di bastone chiodato contro lo stare sempre immobili, intenti a subire l'esistenza e le sue sfumature...

      Elimina
  24. Sono ottimista di natura. Mi piace l'incoerenza a volte anche mia. Ma la mal tollero dagli altri. Perché chi cambia troppo spesso idea sembra particolarmente senza spina dorsale, senza personalità, come se volesse compiacere gli altri.
    Comunque sia ciò che può essere meraviglioso da fuori, può avere invece spiegazioni che così belle non sono.
    A volte penso che la vita degli altri possa essere immensamente bella, se non che, addentrandomi scopro che esistono sfumature che mi fanno comprendere che i problemi esistono ovunque, in varie misure e direzioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuno di noi ha la sua storia KTML, e le sfumature sono particolarmente intense e significative, sebbene alle volte chiudere gli occhi facendo finta di non vedere sia più bello che mai!

      Elimina
  25. A posteriori un pochino mi riesce di vedere il lato positivo. Ma sul momento la mia natura pessimista ha quasi sempre la precedenza. Però in generale essere più positivi toglierebbe qualche gastrite e mal di fegato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sto imparando a gestire il pessimismo NILY, e la cosa mi viene anche piuttosto semplice...

      Elimina
  26. sarà che le tisane le vedo sempre bollenti, le copertine in pile troppo sintetiche ed un romanzo troppo banale.....cazz non mi accontento mai.... Gianni l'ottimismo è il profumo della vita....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace un po per te TRISPORTLIFE... Ciò nel non accontentarsi mai c'è il disegno più bieco e strenuo dell'infelicità...

      Elimina
  27. Mi pare un ottimo consiglio Pata!

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!