mercoledì 7 maggio 2014

La cuoca scrausa presenta la POLPETTA

Oggi ho fatto le polpette. 

Si, questo non fa di me un'ascesa al regno dei grandi chef/foodblogger, ma chissene.

Le polpette, con le cotolette e gli hamburger, sono tra i piatti che preferisco mangiare. 

Questo evidenzia due spiccate inclinazioni della medesima me stessa in the kitchen: 
Non sono affatto simpatizzante vegetariana;
L'educazione delle mie papille gustative, per quanti sforzi abbiano fatto i miei genitori, è rimasta piantata alla terza elementare. 

Comunque ho preparato le polpette, e condividerò con voi la banalità di questa ricetta, che è un vero insulto a Cracco, Cannavacciuolo, Chiara Maci, Csaba della Zorba, e Simone Rugiati, i miei baluardi gastronomici. 

Prendete due burger di tacchino [se dico che sono Aia mi danno le roialty e divento un pezzo grosso come la Ferragni?!] e divertitevi gioiosamente a spaciugarli con una micro confezione di ricotta [marca buona, io uso Galbani, altra marchetta?!] un uovo piccino, un quarto di zucca [lessatasi nella vaporiera] e pan grattato [quanto basta perché le polpette abbiamo una consistenza che non sia il modello Slimer di Ghostbuster] . 

Io non salo e non pepo, ma è una scelta mia, che son di gusti sciapi, a voi la scelta di rimpinzarvi di ipertensione e ritenzione idrica. 

Formate le polpette.
Per me grandezza pallina da golf. 
E di nuovo ponetevi di fronte alla scelta tra sano [e meno saporito] e insano [ma godurioso...] : la cottura.

Io non friggo, la mia religione me lo impedisce, quindi accendo il forno sopra e sotto, a 180', metto le palline sulla placca e finisco con un filo d'olio a crudo. 

Insalata mista di finocchi e carote, oltre che a kiwi e fragole, si, tutto insieme, ed il pasto è fatto! 

Accontentate tutti.
L'amica fissata di dieta, il nipotino all'asilo, la nonna sdentata...
Tutti felici!

31 commenti:

  1. Anche la mia dolce mami le ha fatte ieri! Lei sotto minaccia di mia sorella ha dovuto friggere, ma ha fatto la variante al forno per me :-D
    Il fritto l'ho abolito anch'io, per la linea e per l'odore che resta indefesso nell'aria...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ebbbbrava la mamma di WANNABEFIGA!
      Abbasso il fritto!

      Elimina
  2. Io amo le polpette in ogni modo. Fritte, al forno, alla brace in ogni modo. Però una ricetta nuova fa sempre piacere! Che poi ci si stufa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione PIER, la sfida per dare sapori e consistenze differenti alle polpette è perennemente in atto!

      Elimina
  3. Mi piacciono le tue polpette...e ti dirò, che anche a me piacciono un sacco polpette & co.
    Ciauuu !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le mie descrizioni foodbloggeristiche MARY non ti si avvicinano manco per la punta della forchetta, però hanno cuore

      Elimina
    2. Hanno tanto cuore :)

      Elimina
  4. Io quando dico che le polpette vengono buone anche in forno, nessuno mi crede -_-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece è verissimo LILA!
      Non ci sarà la scarpetta alla fine, o come la chiamiamo noi a Brescia, il puccino, ma sono godibilissime

      Elimina
  5. Oh misa proprio che le provo Socia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere se sono finite nella ciotola di Biagio Socia...

      Elimina
  6. Risposte
    1. Una vera dichiarazione d'amore MISANTROPHIA.
      Che mi sento di condividere al 100%

      Elimina
  7. Le faccio fare da mamma. Ma per forza di tacchino dev'essere?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No.
      Brivido lo trova stopposo e per lui uso macinato sceltissimo di bovino.
      Dì a tua mamma MOZ, che la variante è sempre cosa buona e giusta.

      Elimina
  8. mi piace questa ricetta!!! alla zucca e alla ricotta insieme nelle polpette non ci avevo mai pensato..! bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un esperimento in divenire ANTONELLA, ovvero per me zucca e ricotta sono sempre verdi dell'alimentazione ed averli uniti in una gioiosa polpetta non è che l'inizio!

      Elimina
  9. Pata! Non mangio polpette da più di un anno credo. Che fame mi hai fatto venire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Com'è stato possibile MAREVA?! Devi assolutamente rimediare!
      Te le faccio io

      Elimina
  10. Risposte
    1. Guarda PHIIIBI a rileggere, sebbene siano le 8,30 del mattino ed io abbia da poco fatto una ricca colazione, vien fame anche a me

      Elimina
  11. Io solo l'assaggiatrice ufficiale di polpette! Per me, però, devono essere fritte almeno un po', poi passate al forno (specialmente se vanno nella pasta al forno).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viziosetta che non sei altro CICCOLA!

      Elimina
  12. Diciamocelo: le polpette ti salvano la vita.. :P

    RispondiElimina
  13. Io mangerei qualsiasi cosa fritta ... ma fuori casa.
    In casa non friggo mai perché odio l'odore che rimane attaccato alle pareti per giorni!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero MYP ti rimane attaccato alla pelle!

      Elimina
  14. Le polpette sono uno dei pochi piatti che mia madre fa bene. In formato mignon (il doppio di una biglia, suppergiù) e rigorosamente al forno! Non so cosa ci mette, ma buttano fuori una salsina che gli si solidifica intorno e vengono trooooppo buone. Quelle due volte che le ho fatte io, nell'impasto ci ho messo una patata lessa schiacciata così vengono più morbide. Mia suocera ci mette pure della mortadella macinata.
    YUM!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le varianti sulla polpetta LIVIA sono infinite... Io la patata la uso spesso, l'affettato no, a meno di non prepararle per Brivido che richiede più sostanza nel piatto...

      Elimina
  15. Risposte
    1. È cosa buona e giusta LIBRO PER AMICO

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!