lunedì 14 aprile 2014

Attraversando la paura

È giunta l'ora, disse il primo. 

Abbiamo oltrepassato la metà di aprile, ergo, volenti o nolenti, c'è da mettersi a fare il cambio di stagione. 

Anche perché inizia un caldo da ascella pezzata indolente, che mal si coniuga con il dolcevita e il cachemire. 

A me l'inverno è passato alla velocità della luce, ed il fatto che certa roba non sia manco riuscita a metterla, non è colpa del fatto che ho una sovrabbondanza di capi, ma della mancanza di vero e proprio freddo. 

Mi piace moltissimo fare il cambio degli armadi, è un po' come se mi regalassero tanta roba nuova, lasciando riscoprire a me stessa, chi sono stata nei bei mesi ormai trapassati, pronti ad essere soppiantati da nuove avventure dal sole nel cielo. 

C'è anche un sentore profondo e coinvolgente di rinnovamento e novità che avvolge questo caos, come in un incantesimo immobile eppure etereo. 

C'è la danza del tempo che passa, e non si cura di noi e di chi siamo. 
C'è la rimembranza di un nostro ieri, a tratti meraviglioso e a tratti dimenticabile.  

Come se tutto fosse mosso dalla mano di un arguto artigiano, un'orologiaio antico, che si diverte a confondere le masse con uno scatto in meno o uno in più... 

Ho imparato ad imparare, a guardare negli occhi le paure senza scapparvi a gambe levate, e le paure sono state indulgenti nei miei riguardi. 

Il tempo.
Ecco a me il tempo fa paura.
Avrete presente il Bianconiglio, quello del Paese delle meraviglie, quello perennemente in ritardo?
Io mi sento quel bianco, stressato ed ansioso animale munito di orologio da taschino. Gigante. 

Come lui, sono spesso nel posto e sulla strada meno adatta, con 5 minuti minimo di nevrosi da gestire...

Un lungo percorso per arrivare.
Che poi il dove è ancora un'incognita troppo bislacca, e poco prevedibile. 

E, quindi niente, temo di non fare in tempo, temo di non riuscire, temo che mi passerà sopra le orecchie la vita, ed io non avrò mezzo e modo per starci dietro. 

Colpa della data di scadenza anticipata
Colpa della mia natura inquieta ed irrequieta
Colpa di me stessa medesima.

E mi ritrovo a fare la cavaliere della Mancia, in perenne polemica con dei mulini a vento che non cambieranno, ci saranno perdite di tempo e lacrime, ma sarà sempre quello. 

Inutile incaponirsi, sperando in un miracolo che nemmeno mi gioverebbe. 

Allora, siccome sono astuta, ho imparato ad attraversare la linea del fuoco e a scottarmi con la paura, che alla fine è un attimo e tutto passa... 

Eroicamente intrapresa la strada del tentare di fare mia la strada che percorro, con le sue gioie e coi suoi dolori, con le sfumature prevedibili, e con quelle cose che non ti aspetti, e che manco immagini possibili.

Lei, la paura, rimane comunque lì, ostinata nella sua bellezza ed immutata nel suo carattere, ma io non soccombo più al suo giogo accanito, prendo atto, faccio un grande respiro e cammino. 

E son passare le mezz'ore e non me ne sono nemmeno accorta.

31 commenti:

  1. L'irrequietezza. La paura di di vivere senza accorgermene. Ché a volte è tutto così veloce e io vorrei rallentasse per poterne guardare ogni sfumatura e incorporarle per sentirle davvero.
    Poi mi accorgo che anche con l'orologio dell'ansia sempre in mano la vita mi sfila davanti perché sono troppo preoccupata e occupata a pensare di non viverla.
    Ogni tanto, invece, mi trovo nella meravigliosa condizione di equilibrio che mi fa capire che ci vuole così poco. Basta respirare.

    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...a fondo...
      Annusando il profumo e sentendo quello che ci lascia dentro MAREVA, che ci vuole un solo istante per goderne, ma pare volerci sempre troppo tempo...

      Elimina
  2. Io sposo quotidianamente il tuo stato d'animo, l'irrequietezza penso che sia parte della nostra generazione, frutto del nostro tempo.

    un abbraccio
    www.welovefashion.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente ELISA è come te, esseri irrequieti, a tratti spaventati da noi stessi...

      Elimina
  3. dobbiamo viverlo il tempo, attimo dopo attimo, togliere ciò che non ci serve e tenere il resto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai assolutamente ragione ERNEST... Godere di un tempo nostro che abbia le nostre sembianze e conosca qualcosa di noi

      Elimina
  4. io odio il cambio degli armadi, per fortuna, qualche mese fa abbiamo comprato un super armadio e ora non mi serve più cambiare tutto perchè ho già tutto diviso per stagioni , olè !!!
    ciao bella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. BORDERLINE in realtà è un qualcosa di bello... Lo apprezzi quando hai finito e ti godi il risultato...

      Elimina
  5. Ammazza Socia, mi hai fatto (quasi) venir voglia di ficcare il mio testone nell'armadio e iniziare a darmi da fare. Mi concedo però ancora una mezz'ora di cazzeggio al pc :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No guarda Socia, io ora lo descrivo tutta bella giuliva, ma ieri è stata una coppata!

      Elimina
  6. ciao,
    il ho una fortuna pazzesca, non faccio cambio di stagione, ho un armadio gigante.
    Ma la paura...quella purtroppo è una cara amica in troppe situazioni. dovrò sfrattarla.

    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Armadio grande, ma non abbastanza da far spazio alla paura, mi raccomando!

      Elimina
  7. io ho un armadio a sei ante tutto per me e non mi serve fare il cambio stagione :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...eh va beh CHARLIE, ma sappi che ti perdi un qualcosa...

      Elimina
  8. Ecco, io odio il cambio di stagione, sarà che non ho nulla da mettermi e quello che ho non mi entra e di nuovo non compro se prima non dimagrisco...chiaro no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiarissimo 2RANOCCHI, ma sappi che lo shopping è terapeutico, sempre e comunque!

      Elimina
  9. Come ti capisco, anch'io ho un Bianconiglio che alberga in me. Sempre di fretta, non so dove andare, ma devo arrivarci velocemente. E in anticipo, così posso riordinare le idee davanti a un caffè...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono perennemente in ritardo WANNABEFIGA e capacissima di perenne ritardo...

      Elimina
  10. C'è la protagonista di "Mangia prega ama" che, quando racconta dell'Italia, dice più volte che la sua parola preferita italiana è ATTRAVERSIAMO.
    Non so perchè, ma mi hai fatto venire in mente questo. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace il paragone lessicale... Forse MYP, perché, è davvero tutto un divenire

      Elimina
  11. Ciao Pata! Ti ricordi di me?
    Come stai cara?
    Io sommersa dalle cose da fare e da vivere, mi sono un po' persa... Ed ho anche perduto le redini delle vite di voi amiche bloggers! Ma ora prometto di recuperare :)

    Intanto ti abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono già passata a vedere come te la cavi LYLA, e ti ho trovata incasinatamente bene

      Elimina
  12. Condivido con te l'irrequietezza....è più forte di me. Il cambio dell'armadio l'ho già iniziato, ma non con tanto gusto..bò, quest'anno va così...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sono divertita ELLIE, ma forse un po è ancora colpa del fioretto pasquale, secondo il quale ho solennemente promesso di vedere con ottimismo tutto quanto

      Elimina
  13. Ah,e per quanto riguarda la mail eccola qua: giulia17@libero.it! Scrivimi, ti aspetto!!!

    RispondiElimina
  14. Il tempo da un anno a questa parte mi scappa letteralmente di mano, così il bello come il brutto (almeno).
    So di non aver fatto un corretto uso dell'italiano ma tu mi perdoni, vero?

    Tanti muahs

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'italiano è una lingua da impugnare e con la quale sollazzarsi VERO, ti perdono di certo!

      Elimina
  15. Mi piace moltissimo questo tuo post!

    RispondiElimina
  16. In questo periodo di tempo ne ho davvero poco..
    Ma non riesco a capire se è lui che scorre più velocemente, o se sono io che non riesco più a gestirlo.. :(

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!