domenica 30 marzo 2014

...un tributo alla morale o un bel film? 12 anni schiavo

È impopolare considerare l'oscar al miglior film, non del tutto giustificato?

Se si, sono profondamente impopolare.

Ho visto "12 anni schiavo" e mi sono passate le due ore e mezza, senza ch'io me ne rendessi conto; il che indubbiamente gioca a suo favore. 

Alla scena madre di una [delle tante] frustrate, ho scostato lo sguardo, troppo "forte" nel senso di realistica; ed anche questo è indubbiamente un punto a favore. 

Tuttavia non c'era quella forza recitativa della quale avrei voluto godere, sapendo per altro, di trovarmi di fronte al "vincitore in carica"!

La storia, tratta dalla reale esistenza di Solomon Norton, è di quelle che portano indignazione ed una viscerale impotenza d'animo... 

Nero libero, Solomon, vive con la sua famiglia a Washinton, dove è apprezzato come cittadino e musicista professionista. 

Proprio questo suo talento gli costerà il rapimento, da parte di malintenzionati venditori di schiavi, i quali lo trarranno in inganno, vendendolo senza ritegno. 

Solomon impara velocemente che la sua intelligenza può valergli dei benefici, ma la sua interperanza, data dalla natura "libera", gli costa non pochi problemi e frustate. 

Venduto ad un mercante senza scrupoli, Solomon deve fare i conti con episodi di efferata violenza, e con menzogne e depravazioni di ogni genere e tipo. 

Sarà il suo non darsi mai per vinto, e la fondamentale fede nel Signore e nella presenza di persone buone, a farlo evadere dalle catene, permettendogli il reintegro nella società. 

Una storia sgradevole alla coscienza, ma bella nel suo finale di speranza, che non ha niente da recriminare ai bei film, ma la sua natura, tutto sommato scontatamente affascinante e disarmante, creano un chè di banale e reiterato. 

Dai, se si parla di grandiose atrocità degli uomini sugli uomini, appare scontato l'oscar, quasi fosse un dazio dovuto. 

So di sfiorare la blasfemia in questa analisi, cinica in tutto e per tutto, ma nel vedere "12 anni schiavo", non ho potuto non pensarci.

Cattivissima me?

16 commenti:

  1. Io questo non l'ho visto... sostanzialmente perchè sostengo le motivazioni che tu hai molto ben illustrato nel tuo post... e poi... molto semplicemente perchè da me non c'è più nessun cinema che lo da!!! ;) Adesso non vedo l'ora di vedere "Storia di una ladra di libri"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io anche KANACHAN parto curiosa di vederlo, e come te penso che l'oscar "a prescindere" sia un errore

      Elimina
  2. In effetti il tema è stato affrontato tante volte ma questo è cmq un film gradevole che cerca di non far mai dimenticare quello che è accaduto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NYU non dico non sia un film gradevole, ma dal qui all'oscar ce ne passa...

      Elimina
  3. Io la penso come te. Ottimo film e ottima recitazione ma credo che l'Oscar l'abbia preso il tema più che la prova attoriale e si sa che l'Academy è un po' paracula. Vuoi non premiare l'attrice di colore che interpreta un film sullo schiavismo? Insomma l'America ancora tenta di farsi perdonare. Io penso che i modi dovrebbero essere altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso che il perdono passi dai fatti e non dalle celebrazioni premianti MAREVA, e sebbene sia comunque la statuetta più ambita, temo abbia perso di veridicità.

      Elimina
  4. In effetti, la storia degli Oscar e degli Orsi di Berlino ci insegna che se si tratta un tema sociale "pesante" (nazismo, schiavitu', guerra, violenza in genere) due volte su tre si vince. Quindi la tua analisi non mi sembra poi troppo cinica e spesso i finali (soprattutto quelli made in USA) sono un po' scontati e buonisti.
    E poi... che mondo sarebbe senza cinismo? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No che Patalice sarei senza cinismo STEFANIA, questa è la giusta domanda...

      Elimina
  5. Anche secondo me non meritava l'oscar....certo e' anche vero che non ho visto gli altri film e non ce l'ho fatta nemmeno a finire di vedere "la grande bellezza" quindi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io li ho visti tutti MANU e, sebbene sia stato un film godibilissimo, non è stato quello che mi è piaciuto di piu

      Elimina
  6. Cattivissima tu. Ma film non da Oscar. Meglio i cinque minuti di schiavitù in Un maggiordomo alla Casa Bianca...

    RispondiElimina
  7. Se non fosse stato per il buonismo, Schindler's List non avrebbe mai visto l'Oscar, secondo me almeno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...a me era parecchio piaciuto PESA, ma temo che tu non abbia tutti i torti...

      Elimina
  8. Io non l'ho ancora visto ma dai commenti precedenti mi pare di aver capito che la tua opinione è tutt'altro che impopolare... e poi, quand'anche lo fosse stata, a noi ci piaci così: schietta e diretta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi piace quando mi dici che ti piaccio BRI!

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!