mercoledì 26 marzo 2014

Amore che vieni da dove nemmeno ti sto cercando

Passeggiavo sulla riva del fiume domenica, un'assolata e bucolica domenica che lascia il passo ad una primavera in orario perfetto.

Stare sola coi pensieri a mezz'asta, che frullano senza confondere, senza i disturbi tipicamente molesti della solitudine indotta, ma con la gioia che da quella che ti scegli. 

R-Dog è il compagno perfetto, mi impegna ad essere vigile nei confronti del mondo, perché debbo proteggerlo, così mi rendo conto di ciò che mi attraversa ed accompagna. 

C'è una ragazzina sulla bicicletta, 8/9 anni, vestitino lilla, fiocco tra i capelli lunghi color ebano, occhi a mandorla e carnagione d'oriente, "Amore, aspetta la mamma" le urla una signora appena dietro. 
Non hanno gli stessi occhi, non vengono dalla stessa porzione di mondo, ma sono madre e figlia lo stesso. 

Sto tanto pensando a questo. 
Al decidere di diventare madre oltre la gravidanza, accettando di partorire un individuo ben oltre i nove mesi, e scegliendo che le nostre pelli non abbiano lo stesso background genetico. 

Ci penso tanto. 

Sono una che ha detto "mai", in passato, gelosa di un'unicità egoistica e, francamente, piuttosto ridicola. 

L'amore che ho voglia di dare a qualcuno che oggi non c'è, e che porterà avanti la mia storia con le sue scelte e la sua personalità, oggi non mi sembra più un mero egoistico ed unidirezionale, atto di consecuzione di geni miei e di brivido, ma più un gesto d'amore scelto con l'anima e partorito con la testa, che, se avrò il coraggio di compiere, mi ripagherà più di qualsiasi ovulo fecondato. 

Perché c'è di certo che non avrà gli occhi miei o di Brivido, ma so che guarderemo tutti insieme nella medesima direzione. 

Ed io penso. 

29 commenti:

  1. Ho sempre ammirato chi sceglie la strada dell'adozione. Ci vuole tanta forza d'animo per sopportare la lunga attesa, le trafile burocratiche, per sopportare che la propria vita di coppia venga analizzata e giudicata per capire se si è idonei o no.
    Ma è una scelta d'amore. E' un modo per dare la vita. Un modo bellissimo, secondo me, di dare la vita a qualcuno.
    Si è genitori quando si ama un figlio e lo si aiuta a crescere, indipendentemente che questo figlio abbia gli stessi nostri occhi o no.
    Continua a pensarci :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un pensiero stupendo STREGABIANCA, che, come dice la Patty, nasce un pochino strisciando per davvero...

      Elimina
  2. Un progetto bellissimo che può essere realizzato anche se si hanno o si avranno esseri col nostro DNA.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La penso allo stesso modo CRISTIANA, e spero di aver la forza di accogliere ciò che il destino avrà in serbo per noi...

      Elimina
  3. Io non solo ci penso Socia ma in cuor mio ho già deciso. Aspetterò Giugno e il nostro terzo anniversario, poi farò qualcosa. Basta immobilismo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Socia che meraviglia sentirti combattiva e reattiva anche nel progetto. Non ti voglio solo bene ma ti stimo moltissimo ancge

      Elimina
  4. Personalmente ho sempre creduto che se esistono così tanti genitori che non possono avere figli è perchè al mondo ci sono tantissimi figli che non hanno genitori; c'è un equilibrio disegnato dall'amore.
    Il problema è che, molto spesso, il desiderio di avere un figlio è più una necessità inconscia di dare un proseguimento ideale a se stessi, alle proprie caratteristiche fisiche, piuttosto che una scelta d'amore dettata soltanto dal desiderio di allevare una piccola anima alla vita, tramandando valori ed affetto invece che geni e dna.
    In ogni caso è una scelta troppo personale ed intima perchè qualcuno, da fuori, possa dire cosa è "giusto" e cosa è "sbagliato".
    Bisogna guardarsi dentro e chiedersi sinceramente cosa è più giusto per noi.
    Un caro saluto ed un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se un disegno dell'anima e del destino si compì anche attraverso l'impossibilità di un normale concepimento e l'abbondanza di vite sperdute, ma sono sicura MRLOTO, che l'amore difficilmente possa trovarsi attraverso un bagaglio genetico dettato dalla forzatura del DNA...

      Elimina
  5. ufffi ti avevo lasciato un commento ma è sparito -.-'
    Io ci ho pensato tante volte. Secondo me adottare è un atto d'amore doppio.
    Tanta gente desidera ardentemente un figlio e non può averne, cosi quell'amore che vorrebbe donare resta sospeso e poi ci sono quelle persone che hanno i figli cosi, senza nemmeno chiederlo, e non accettando quel dono se ne libera. Quel bambino ha bisogno d'amore e quelle donne che non posso darlo ( o che vorrebbero darne altro) possono fare una cosa bellissima, trovarsi e amarsi. Perchè i figli si amano anche quando non si è genitori biologici, il motore che muove tutto non può essere solo il tenere un bambino nella pancia e poi partorirlo, il moto è l'affetto, il desiderio. Se si vuole amare, secondo me, è la scelta giusta perchè fa star bene due persone ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. BORDERLINE stiamo sviscerando una necessità, dare amore, e la stiamo sviscerando tra marito e moglie che si amano, ma che biologicamente fanno tanta di quella fatica... Oggi siamo vicini ad una scelta complicata e di pura lotta libera, che ci vede a misurarci con un senso unico momentaneo... Speriamo, per noi stessi

      Elimina
  6. Si tratta di una scelta bellissima. Una scelta che fa la differenza perché scegli consciamente di dare amore a qualcuno che già esiste e che non ti è carnalmente appartenuto ma che diventerà l'essere umano più importante della tua vita.
    Ho molti esempi attorno a me (amici di famiglia) che hanno adottato: dalla Russia, dal sud America, dall'Africa e se li vedessi, be', non metteresti mai in dubbio che sono figli loro. Perché non sono i tratti somatici a renderti figlio. La biologia non conta nulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie MAREVA... Grazie perché sprigioni buon senso da un punto di vista oggettivo e solidale... E magari ne conoscerai una che ha una piccola asiatica dal profilo coordinato a quello di una tua blog friend. Io.

      Elimina
  7. E' una cosa molto bella ed importante.
    Ed è bello che tu ci stia pensando.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E continuo a pensarci da quando ha preso corpo dentro me quest'ideuzza MOZ...

      Elimina
  8. Sono d'accordo con gli altri.
    E' una scelta importante, si, ma bellissima lo stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una di quelle cose che cambiano la vita MISANTROPHIA... In meglio!? Speriamo...

      Elimina
  9. Sono assolutamente d'accordo con te. Non sono i geni che creano quel legame forte che è famiglia. Quello lo fa solo l'amore, incondizionato, un dare senza voler ricevere nulla in cambio, un dare per essere la guida di una persona che porterà avanti la tua storia e il tuo ricordo.
    E' una strada che, anche se dovessi avere dei "figli biologici" e se potrò, mi piacerebbe percorrere.
    Un bacio compare bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io Compare non ci avevo pensato in passato, se non credendo non fosse una buona idea per una persona a tratti egoista come la sottoscritta, ma oggi ho nella testa tutt'altro panorama furiro

      Elimina
  10. Io dopo averne avuto due da me medesima sfornati, sto pensando molto alla possibilità di adottarne un terzo. È una cosa che avrei sempre voluto fare fin da ragazzina.
    Mi spaventano tante cose, su tutte la burocrazia con la quale ho un pessimo rapporto, ma credo ne valga comunque la pena.
    Se le adozioni fossero gestite come lo sono negli States dice tempi e modi sono estremamente semplificati al punto che le adozioni possono essere concordate prima della nascita, permettendo così ai bambini di avere una famiglia da subito senza dover passare per case famiglie traumatiche e tristi, sarebbe tutto più invogliante. Ma questo ovviamente non è in nostro potere cambiarlo.
    Invece, la vita di un bambino quella si, e credo siavun enorme gesto d'amore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo la burocrazia è un tarlo negativo tutto italiano IO... Capisco che semplificare troppo le cose quando si tratta della vita e del futuro di un bambino possa non essere ne semplice ne particolarmente semplificano le, però insomma dai...

      Elimina
  11. Una scelta intima, coraggiosa... non per differenti background, ma per il legame che si desidera creare.

    Un sorriso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia una scelta da prendersi con cura, con la consapevolezza di una maternità differente BLONDEGIRL, ma non meno importante e coincolgente

      Elimina
  12. Una scelta bella e coraggiosa.. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla quale ragionare ben benino CRI...

      Elimina
  13. È bellissimo ed è più che dare la vita, è ri-dare la vita. È coraggioso, impegnativo e bellissimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. STRONZABROOKE non penso che ci siano diversi livelli di maternità, ma sono convinta ci sia di che meritarsi l'amore...

      Elimina
  14. e non so che direzione prendere
    tra gli opposti paesaggi dei miei sensi.
    Come se attraversando una strada dove ho vissuto per anni
    mi salisse alla bocca il sapore del sale
    e perdessi di vista la meta:
    una finestra che ha ridato e preso
    tutto ciò che è familiare; o la punta di quest'isola
    dalla quale posso, finalmente, guardare lontano.
    Lavinia Greenlaw

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conosco quest'autrice GIARDIGNO, ma parla forte e chiaro, sicuramente...

      Elimina
  15. E' un mio grande sogno poter adottare un bambino..ma la burocrazia per ora non me lo fa fare..purtroppo...
    E' una cosa splendida...di grande coraggio...
    bacio

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!