lunedì 3 febbraio 2014

Si parla di me

È sacrosanto ch'io dedichi un attimo alla settimana trascorsa, perché un attimo se lo merita proprio. 

Lunedì non sono stata dalla mia amica SvampAle, perché avevo il portfolio da finire, ergo posso dire che SONO UNA PESSIMA AMICA ma ho un BEL PORTFOLIO. 

...e perché mi servisse di più quello di una bella chiacchierata, è presto detto: ho vari e variegati appuntamenti di lavoro, e non potevo presentarmi a mani vuote no?!

Ora, oltre ad uno strepitoso biglietto da visita, posso dare anche un link che porta ad un mondo pazzesco... il MIO e quello di tutto ciò che faccio [per portofoliare tutto ciò che sono servirebbe un'enciclopedia...e non è un merito!]

Martedì sono stata a Milano. 
Ora, io non condivido il luogo comune per il quale il capoluogo lombardo, è un luogo grigio ed inospitale, ma capisco chi dice che ti fa uscire dai gangheri! 

Non ci si può guidare. 
Esci da una mezz'ora del loro traffico con la coscienza sporca, perché sai di aver augurato male a destra e a manca, e questo schernisce il tuo karma. 

Redazione online molto conosciuta ed apprezzata. 
Ambiente sterile, ma a suo modo accogliente, modernissimo e devoto all'essenziale, personalità giovani ed impelagate in questioni webbiche. 

Io mi siedo ed ho il mio colloquio; la fanciulla che me lo fa è una gravida inoltrata ed ha due occhi che mi ricordano qualcuno che non conosco, eppure sono famigliari, si tocca nevrotica la frangetta, ed ha un accento da milanese di provincia. 
Mi piace.
Anche se, per tutta la durata dell'incontro, penso che mi scodellerà il pargolo tra le braccia.
Col traffico che c'è NESSUNA ambulanza arriverà in tempo.

Mi apprezza, dice.
Mi vorrebbe dare un posto in sede con una paga da fame, ma prospettive, dice.
Non accetto. 
Lei rimane colpita. 
Non voglio altri free lance, dice. 
Ne ho che mi avanzano ed hanno nomi ed inquadrature più altisonanti della tua, dice.

A quel punto o faccio la gradassa e vendo fumo che non si fuma ma si può bere, se lo vendi bene, o rendo quelle due ore di traffico nervi e stop, perfettamente inutili. 

"Come sai che non sono quella che ti serve? Come sai che non ti pentirai di non avermi dato una chance? Fammi provare! Se non ti piaccio mi dai il benservito, ma prima leggimi."

Occhi di ghiaccio, mano tra la frangia e la pancia, dischiude un sorriso "Minkia sei fuori!" esclama.

Ho una possibilità. 
Torno a casa, salgo sul tapis, poi mangio ed inizio a scrivere pensando a lei, che mi ha dato una possibilità e che si porta dentro la vita. 

Mercoledì mi accorgo che il quadrante della mia stra maledettissima auto è più illuminato di un albero a natale! 
Olio, benzina ed una macchinina gialla con un cacciavite nel mezzo. 

Cazzo di casino, penso.

Ma è un giorno di nuove prove.
Famigliari oserei dire.
Cerco uno scambio di opinioni con chi mi ha scambiato con qualcun altro, ed ha agito facendomi sentire qualcosa che non mi appartiene... Che non appartiene a nessuno. 
Scambio, solo uno scambio... 
Forse cerco lo scontro, ma so che facendocela ci andrebbe di mezzo il mio cuore, e mi vien male.
E poi per dimostrare cosa?
Che lessicalmente dó la merda al prossimo?
Film già visto e già vissuto, 9 volte su 10 la soddisfazione data non è valso ciò che ci ho perso. 
Alla fine non ci sono ne vinti ne vincitori, perché nessuno vuole la guerra, sebbene abbia trovato qualcuno di ardito e agguerrito innanzi a me, e non me lo aspettavo.
Chiarito si è chiarito, nessuno si è scusato, la vita andrà avanti, ed è la cosa che ci si deve auspicare perché si possa volgere lo sguardo altrove.

La sera vado con Jn.
Rotolo cinema e realtà. 
So che facendoci un bagno di realtà ci faremo male, e all'ultimo desisto. 
Che lei il sabato parte, ed io voglio che sia felice. 
Non lo voglio, lo pretendo. 
Allora niente. 
Comunque vediamo "Philomena" che è delicato, soave e comico, leggero nei punti che richiedono leggerezza e rugoso, ma non in senso negativo, tutt'altro, è una ruga che ride di una verità pungente in un passato scomodo, e altresì così dannatamente reale. 

Giovedì mattina ben due appuntamenti, interessanti, proposte di lavoro che potrebbero farmi crescere, intanto accrescono l'autostima di una giovane intraprendente, che è cosa buona e giusta.
La sera, si va a cena con un gruppo della palestra...
Non vado mai, io, a quelle cene... 
Mi sento sempre un po' fuori posto, "la capa"  che controlla, invece mi diverto, chiacchiero, ampio un giro di semplici conoscenze da reception, e mi faccio del bene.
Non vedo "Masterchef" ed una mail di Vanity mi avvisa chi è uscito, ma il nervoso è attenuato q.b.

Venerdì mattina mi dedico a me stessa.
Dovrei stirare, dovrei davvero, ma me ne vado da Zara a prendere quel paio di stringate che, se c'è ancora il 35 in saldo a più del 50% non possono che essere mie, e mi bevo the caldo alla pesca bianca con una medeline all'arancia, e mi piace il mondo... tanto da farmi dire che sono bella per tutto il giorno da tanti clienti.

Sabato chiacchierata di precisazioni con Paparotto Gigiotto e la SuperMamma, tema: la casa!
Visioni diverse ma un unico intento, averla.
Step by step...
Che un genitore si sbatta per dare un tetto al figlio, sarà una banalità, a qualcuno potrebbe parere retrogrado, ma a me commuove.
Riuscendo ad uscire dalle grinfie del divano e della De Filippi, io e Brivido andiamo al cinema con Olly e Menny. Vediamo "Last Vegas" e ci piace un bel po'... Tutti preoccupatissimi di addormentarsi, vista l'inerzia pressante del clima e del pre film, ci siamo fatti risate a profusione... 
Invecchiare non è bello, ma può esserlo.

Domenica colazione con la SuperMamma, mi tocca fare altro shopping, ahimè, ma il pomeriggio vengo punita con 3 ore nonstop di stiraggio matto e disperatissimo... 
Mi autopremio con latte/nesquik e bucaneve, mi rimangono sullo stomaco, ma non fa molto, anche perché alle 19 sono nuovamente seduta a tavola con altre 3 clienti [diverse da quelle di giovedì] a mangiare un enchilada e pronta per l'ennesimo film della settimana, tocca a "Tutta colpa di Freud", ci piace [parecchio] ridiamo [tanto] mi becco uno shhhhhhhh" [quando sono io la prima a farli], la compagnia è stimolante la conversazione leggera, nel suo vestito migliore.

Ho mille cose da fare.
Pochissime ore dormite alle spalle.
Moltissimi soldi spesi inutilmente.
Concretezza che si va fondando e formando.

Ah, è iniziato anche febbraio, ed io nemmeno mi sono accorto che gennaio è andato ia, non ho fatto in tempo a salutarlo... 

40 commenti:

  1. Mi piace quest'iperattività Socia! Fai cose anche per me che sono costretta a una vita moderata a causa delle pere e dei consigli paterni di SS.

    Bacissimo bellezza mia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stiamo per assistere al primo (?!) caso Socia in cui le pere daranno frutti, stai scialla che io lo so!

      Elimina
  2. non amo il traffico, non amo lo smog, non amo Milano.
    Mi piace il tuo blog invece. e il modo in cui scrivi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MANUELA tranquilla: non mi trasformerò mai in quella cosa inospitale, grigia, smoggosa è trafficata!

      Elimina
  3. Cara Patalice, di te piace tutto!!! il resto solo se è necessario!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il resto, superfluo ed inutile TOMASO, è necessario!

      Elimina
  4. "moltissimi soldi spesi inutilmente" e "concretezza che si va fondando e formando", riuniti nella stessa frase rappresentano la quint'essenza dell'ossimoro, Ciaparat!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voli pindarici a go go JEANLOUPVERDIER

      Elimina
  5. Wao, una settimana decisamente piena! Complimenti, sei una tipa tosta, eh! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo hai scoperto ora MOZ?!
      Guarda che ti do un pugno!

      Elimina
  6. Io si...si..... condivido tutti i luoghi comuni su Milano, tranne uno.... il traffico :p
    Forse son abituato a molto peggio :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono nativa della provincia bresciana BOH, non posso aspirare a traffici casalinghi di tal portata!

      Elimina
  7. Milano che tristezza... io però incrocio sempre le dita per te :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed io sono troppo felice di leggere di questi incrocia menti FEDERICA

      Elimina
  8. "Ho mille cose da fare.
    Pochissime ore dormite alle spalle.
    Moltissimi soldi spesi inutilmente.
    Concretezza che si va fondando e formando."

    MERAVIGLIA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è vero QUELLASTRONZADELLABROOKE"?!

      Elimina
  9. Sono contento che una concretezza si stia formando, ed è bello quando la vita si riempie di cose. In bocca al lupo per il posto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...trattasi di freelanceraggio PIER, ma incrociamo tutti gioiosamente le dita!

      Elimina
  10. Ti stimo fortemente per il tuo colloquio. A volte, un pò di spavalderia, funziona.
    Brava! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...si chiama "faccia da culo" MYP ed io ne sono provvistissima

      Elimina
  11. Febbraio febbraietto corto e concretetto ...

    RispondiElimina
  12. me lo sono letta tutto di un fiato questo tuo post. Che bella la conclusione, mi piace, c'è tutto un work in progress che promette bene. Brava Pata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi spiace essere io stessa un progetto in divenire BRI...

      Elimina
  13. Ma salutiamolo, questo febbraio, come si deve.
    Gennaio mi è parso infinito, non vedevo l'ora terminasse...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me invece non è affatto spiaciuto WANNABEFIGA, ti dirò che ora lasciamo fare a febbraio il suo...

      Elimina
  14. Io adoro Milano, senza macchina. Vivace, piena di cose e di possibilità. A patto di vivere fuori... Mi piacerebbe ritornare ai tuoi momenti pieni di possibilità in divenire... forse... o forse no...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo ci sia mai un "è troppo tardi" a riguardo ROSENUOVOMONDO

      Elimina
  15. Io vorrei che se ne volasse via anche febbraio...Sono stanca dell'inverno...Quanti progetti bollono in pentola...Incrocio le dita per te!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna dare un sacco di mestolate perché si cuociano come si deve, senza fretta con entusiasmo ma bene MEMOLE...

      Elimina
  16. Milano mi manda fuori dai gangheri... però hai avuto una gran settimana! Buon febbraio allora!^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi STRAWBERRY, alla fine riequilibriamo facilmente anche una città caotica...

      Elimina
  17. che bello Compare sentirti così.
    Soprattutto poi la storia di quella concretezza lì.
    E allora inauguriamo con un bacio con la lingua questo Febbraio qui! ahahah :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il limone duro con la Compare racchiude infiniti mondi, che un febbraio può solo immaginarsi!

      Elimina
  18. Credo che gennaio non se la sia presa visto quanto eri impegnata...in bocca al lupo ;)

    RispondiElimina
  19. Wooooow, Pata ma ci sono un sacco di cose!!
    Ma non è che se poi diventi famosa ti dimentichi di noi lettori nicchioni?! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su questo PERSONNE puoi scommetterci!
      Diventerò snob e saccente...
      Molto più di ora, incredibile!

      Elimina
  20. Mi pare tu ti stia dando da fare...brava ragazza!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi dire giuro LIZ, però, in accordo col patto preso da me stessa sull'avere zero aspettative, mi attengo al piano!

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!