venerdì 28 febbraio 2014

intramezzi pubblicitari, ciarlando di felicità

...credo più di voi siano al corrente di questo progettucolo che mi sto portando appresso da ormai ben tre giorni, e se non lo siete è perché non mi seguite sulla mia pagina facebook, e nemmeno su instagram, e siete delle bruttissime persone per codesto motivo...

#100happydays è un hastang di quelli nuovi, che si popoleranno sempre più, senza dubbio, che chiede di scegliere una foto, da postare sui social, che ritragga il motivo di felicità per la giornata in essere.

Questi eventoni di massa mediatica, tendono sempre a piacermi un bel po', sarà perché fondamentalmente non ci ho un cacchiaccio da fare, e me la spasso con ciò che mi è stato dato, ma al di là del cazzeggiamento puro ed insito in me stessa medesima, l'idea di cercare, fotografare e postare un 'idea di felicità al giorno, come cantava il buon Anto-Antonacci, "Mi fa stare bene"!

Quindi proporrò un piccolo anfratto anche qui sul blog, giorno dopo giorno vedrete esempi di personale happiness, sperando non vi rompano le rotule, e, una volta finiti i 100 giorni, tirerò le somme del "cosa sono capace" di percepire come "grazie alla vita"!

E' bizzarro come la gente [e mi ci metto dentro con tutte le scarpe]  abbia bisogno di mettere in piazza tutto, anche la propria felicità esibita, e scelga una strada comunitaria per farlo...

Questo "giochino" porterà agli interminabili selfie, che noi tutti tanto amiamo, e ci facciamo?
O alla sfilza di foto di cibo "bello e impossibile", che regala svalangate di cellulite al primo assaggio?
O ancora, ci troveremo sommersi di scatti di bimbi dal primo vagito all'ultimo grammo di caccona santa?

La felicità.

...dev'essere proprio vero che gli americani sono avantissimi, e sono essi stessi, il sogno di una vita migliore, dato che nella loro stessa costituzione, hanno scritto che la ricerca felicità è diritto inalienabile dell'essere umano...

I negrita, cantando, si chiedevano, che colore avesse.
Will Smith, complice Muccino, la cercava con un cubo di Rubik alla mano.

Io sono stata più terra-terra.
"Save Mister Banks" al cinema con Jn, come prima foto, e l'orologione che scandisce i minuti a Masterchef, come seconda.

Passione=felicità... ?


Mah, fattostà, che oggi è venerdì, e mi ritrovo seduta alla seggiolona del posto di lavoro, intenta a pagare bollette, sistemare fatture e tirare le somme del mese...

Ebbene si, a febbraio 2014 oggi diamo l'estrema unzione, nella speranza possa aver ben seminato, che ciò che è stato è stato, chi ha avuto ha avuto, buttiamocelo alle spalle [a brevissimo il resoconto, che voi tutti aspettate con tanta ansia e trepidazione].

Ho pianto, ho riso, sono caduta e mi sono rialzata.
Ho fatto scoperte su me stessa e sulle mie percezioni, degli altri ma non solo; ho incontrato persone che conoscevo già, ma che sono riuscite a stupirm; ho fatto viaggi mentali pazzeschi, uno vero ed effettivo, e progetto di farne altri.

Sono viva.

Che non vuol dire essere felici, ma vuol dire che uno ci prova, e magari incappa nel successo, e ci riesce.

Boh... 




30 commenti:

  1. premessa: sono una bruttissima persona e appena finisco di scrivere qui corro a rimediare.
    Detto questo: mi piace questa cosa di trovare ogni giorno un motivo diverso per essere felici, bisognerebbe farlo sempre, potrebbe essere un incentivo a veder le cose dal lato positivo e a soffermarsi su quelle che sono veramente importanti... mi piace come idea, è un ottimo lavoro su se stessi che dovrei iniziare a fare per prima!
    Un bacio Pata, buon weekend (e ora finalmente vado a scoprire anche che faccia hai!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. BRI fammi sapere che impressione faccio ;-)
      Ed impara la ragione della felicità, ha un potenziale incredibilmente forte!

      Elimina
  2. Ho conosciuto una persona che sosteneva la non esistenza della felicità. Che ne era così convinta, che ha sempre fatto di tutto pur di smontare la felicità di chi le stava intorno. Forse per gelosia, per rabbia, per odio, per amore, o semplicemente perché il suo personaggio lo richiedeva.
    Una persona mi ha detto che la vendetta più grande sarebbe stata tornare ad essere felice. Nella vendetta io non ci ho mai creduto, ma nella felicità si, e a detta di chi ho accanto, lo sono di nuovo. Forse dovrei chiedere a lui di scattarmi una foto al giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe meraviglioso IO vedere che viso ha la felicità in 100 giorni!

      Elimina
  3. Proprio ieri girovagando su Instagram mi sono accorta di questo tag. Naturalmente, da brava social addicted, mi sono messa in testa di "partecipare". Certo che in questo periodo non sarà facile per me trovare un buon motivo al giorni per essere felice anche se, a ben vedere Socia, la felicità è un attimo ed è fatta di piccole, semplici cose. Basterebbe riconoscerle.
    Ti bacio tresor

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Socia so che non è facile per chi, come te, vede negato un sogno tanto normale e giusto, ma facciamo un passo indietro, sforzandoci di essere felici, ci sarà il giorno in cui ci verrà naturale, pur non avendo proprio ciò che cerchiamo

      Elimina
  4. La felicità ogni giorno e nelle piccole cose: what else?
    il resto verrà!

    RispondiElimina
  5. Avevo intuito qualcosa da Instagram ma ora che ne hai scritto mi è davvero tutto più chiaro.
    Carinissima questa idea! Magari ti seguo che si sa, a noi, piace essere figlie del nostro tempo superficiale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...a me poi MAREVA esce da Dio essere superficiale, diciamocelo!

      Elimina
  6. Essere felici è già una mezza salute:) continua cara Patalice che solo così si potrà dere! La vita è bella.
    Buon fine settimana cara amica, con un abbraccio forte.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amare la vita TOMASO, un concerto tanto giusto, eppure talmente arduo... Mi sono accorta di aver scritto "concerto" al posto di "concetto" ma lo lascio perché la felicità ha una musica meravigliosa...

      Elimina
  7. Io ho sempre avuto un rapporto complesso, sia con gli autoscatti, sia con la felicità.
    Ho imparato però che tutto sommato l'immagine che vedo ogni giorno riflessa allo specchio, mi piace e sopratutto ho imparato nell'ultimo anno, quanto piacesse agli altri. Bastava solo incontrare qualcuno che ti insegnasse a vederti con i suoi occhi.
    La felicità é già un tasto più complesso, perché sono sempre partita del presupposto che essendo esseri imperfetti, sempre ci sarebbe mancato qualcosa per essere totalmente felici. Ho sempre diffidato poi della felicità ostentata.
    Quindi ho puntato nella mia vita, a cercare di rendere felice chi amo. Cosa assolutamente complessa avendo io una marea di difetti da superare.
    Però mi ha sempre appagato il suono delle parole "mi rendi felice" piuttosto che il suono della mia voce che dice "io sono felice" .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. BLOGGERCHE i selfie, nipoti di quelli che chiamavano autoscatti, mostrano verità che fanno piangere e ridere, agitandosi mentre armiamo le flotte per combattere... Certo dirsi felice può appagare meno del rendere felici, ma chissà, tutto è relativo dopotutto... Comunque il progetto non prevede forzatamente scatti di noi stessi, ma anche di cose che ci rendono, banalmente [?!], felici di aver vissuto un dato giorno...

      Elimina
  8. La felicità sta nelle piccole cose, basta solo riconoscerla! Buon fine settimana Pata :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...quanto hai ragione E...
      ...quanto spesso ce ne dimentichiamo...

      Elimina
  9. Non so se esista la felicità Di sicuro c'è la sua ricerca che è già come essere un po' felici nell'assaporare qualcosa che si tenta di raggiungere.
    Se ti va, ti ho nominata qui http://cuorediciccia.blogspot.it/2014/02/un-premio-per-me-e-per-voi.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passo sicuro CUORECICCIA, comunque sul fatto che la ricerca della felicità sia essa stessa felicità è un principio imprescindibile!

      Elimina
  10. La foto di un bicchiere di vino con un panino vale? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovvio STEFANIA, se è la tua felicità ovvio che così soa

      Elimina
  11. Che bello che hai un account istagram! Ed è molto carino questo progetto a cui stai partecipando!
    Vengo a fare la tua conoscenza!
    :)
    emme

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh lá EMME!
      E fatti riconoscere...

      Elimina
  12. La felicità è contagiosa. Rimedio alle mie lacune e ti seguo su fb (anche se il mio nome non ti dirà nulla). Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh e tu fatti riconoscere CICCOLA, no!?

      Elimina
  13. Will Smith è l'uomo che mi sposera',evvai avrò felicità a catinelle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh beh PHIIBI ti si aprirebbero giorni assai felici..

      Elimina
  14. Non posso seguire questo coso che hai descritto perchè sono totalmente al di fuori del mondo tecnologico. Non ho un cellulare con internet, per esempio. Però lo faccio nella mente, se vale lo stesso. La mia felicità di oggi è stata la passeggiata al parco con Carl e Trovatello e una coppia di amici veri, e il panino con la salsiccia che ci siamo mangiati!!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella la mia ELLIE old style, ti lovvo per questo! Comunque come esercizio di felicità vale anche il fatto di fartelo in testa!

      Elimina
  15. Io la foto selfie della felicità me la sono messa sul banner di benvenuto al mio blog... piccole soddisfazioni e ancor più piccole iniziative che accrescono l'autostima... ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ti dirò che io invece LAMPUR, nel mio progetto suo 100 gg felici ancora non ho messo manco una selfata...

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!