lunedì 10 febbraio 2014

'a famigggghia...

La famiglia è un po' il modo in cui Dio [Allaha, il Big Ben, Batman, scegliete voi in cosa credere ] si diverte a farcela pagare per il resto dei nostri giorni. 

Non fraintendetemi: amo la mia congrega di sangue.
Ha lati nettamente negativi, ma anche stupefacenti sprizzi dalla bellezza inequivocabile. 

Ma è un banco di prova continuo, un teatro che si tinge di rosso/rosa/verde/giallo a seconda che ci sia passione/tenerezza/invidia/gelosia, un cortocircuito dato da dita leggere in prese ammorbanti. 

Il fatto che il CREARSI UNA FAMIGLIA sia una priorità, la dice assai lunga sulla bizzarra inclinazione che ha l'essere umano mentre passeggia nella vita: autocommiserazione e autoflagellazione in primis... 

Vogliamo figli quando sappiamo che ci faranno soffrire.
E non parlo di squarci vaginali, ma di depravazione del sonno e del sono, a favore di un cagone sdentato che ad un buon certo punto preferirà rigettarsi tra le poppe fresche, piuttosto che stare sotto lo stesso tetto decadente, come le poppe che lo nutrirono... 

Eppure ci danniamo l'anima, e ricerchiamo un uomo che ci riscaldi quando abbiamo freddo, o che ci faccia venire i brividi quando siamo pronte; e nonostante, da figlie non facessimo un cacchio in casa, diventiamo stiratrici perfette, e ci accordiamo per uscire quando lui non c'è, così non deve mangiare da solo... Poverino... 

Le poverine siamo noi che cerchiamo un buon motivo per odiare nostra madre, spergiurando non diverremo mai come lei; troviamo presto il pretesto, il particolare che noi "mai e poi mai", e diventa fulcro di un'esistenza intera, per poi trovarci disarmate nel sentircelo rinfacciare alla prima discussione pesante. 
Perché, per osmosi forse, siamo come lei... 

...e stiamo tratteggiando solo i [numerosisssssssimi] difetti della NOSTRA famiglia, ma se analizziamo che creandone una avremo a che fare con un'altra, stiamo freschi... 

...eppure, la famiglia è la famiglia.
Si ammazzano persone per vendicarne l'onore, si perdono senno sonno e capelli pur di averne una, si sogna e insegue nello stesso momento in cui rifuggiamo ed infanghiamo la nostra, o quella in cui c'è chi ci sta a cuore.
Perché, noi possiamo dirne peste e corna, ma non si azzardi nessun altro!

Ho visto "i segreti di Osange County" con Jn mercoledì. 
Meryl Streep e Julia Robers meritano l'oscar promesso.
Si vede che è tratta da una pièce teatrale, perché ha degli spettacolari dialoghi che parlano anche coi silenzi, il chè é un qualcosa che sa di meraviglioso. 
C'è un cast ricco di bravura, con due stelle che gli altri non sapranno mai equiparare, ma ci sta anche questo.
Si ride tantissimo, perché la pazzia altrui, e le nevrosi di qualcun altro, sono rinfrancanti, se si pensa che le nostre non saranno [?!] mai altrettanto, e si piange, per l'incazzatura, e perché lo sapevi che andava a finire così... 

C'è un sanguinolento conflitto di persone e personalità, c'è la rassegnazione del non aver nulla tranne il sangue in comune, c'è un mare di astio che indossa il vestito buono. 

Da vedere.

30 commenti:

  1. L'ho visto giusto ieri e non posso non essere d'accordo con te! Si capisce perfettamente che è tratto da un'opera teatrale, i dialoghi sono eccezionali e il cast è ben più che notevole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente, non essendoci esterni o cambi veloci, il dialogo fatto da un cast eccelso SPENDISPANDI ha il 200% della responsabilità...

      Elimina
  2. Socia questo post è da 10. Hai reso perfettamente l'idea di famiglia. Senza ipocrisie, che è la cosa che apprezzo di più. Verissimo il discorso sulle madri. Io, per esempio, ho fatto salti mortale per essere diametralmente opposta alla mia, ai suoi difetti, soprattutto, per poi rendermi conto che è come guardarsi in uno specchio.
    Un abbraccio tesoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Socia grazie, sai che il tuo parere per me conta.
      Se tua figlia dovesse volersi differente da te le tiro il collo però...

      Elimina
  3. Che voglia di vederloooooooo.
    Che poi a me basta che mi dici Meryl e io mi ci fiondo al cinema. :-)

    RispondiElimina
  4. Ahaha, ok, l'hai messo sul lato femminile ma forse anche per noi cazzodotati è così come dici.
    Solo che resistiamo un po' di più e magari ci accontentiamo di una badante rumena che ci faccia credere che siamo ancora mici belli e bamboccioni, mentre lei si fotte il nostro dinero :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah che belle queste citazioni di Faberiana memoria :)

      Elimina
    2. Apprezzo anche io la citazione MOZ, ed adoro te, che come sempre mi fai notare le mie pecche ioerfemmiste che rasentano il populismo, la realtà è che essendo fatta di tette e vagina mi è stato più facile parlare al femminile

      Elimina
  5. Si è proprio vero, la famiglia è il fulcro di tutto il positivo e il negativo che c'è in noi. Per farcene una nostra dobbiamo risolvere gli squilibri e le follie che quella di origine ci ha creato, se no sono dolori..e comunque di solito sono dolori lo stesso, perchè forse ci sentiremo dire da nostro figlio/figlia che gli abbiamo causato un sacco di squilibri e follie....il film mi attrae tanto, spero di riuscire a vederlo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un cane che si morde la cosa, che ci fa pena e ci affascina al contempo ELLIE...

      Elimina
  6. Non l'ho ancora visto ma dopo questa recensione è sicuramente in programma! Sei fantastica :)

    RispondiElimina
  7. Cara Patalice, questa recensione mi dice che devo vedere queste storie di famiglie.
    Non posso pensare una vita senza la responsabilità di una famiglia, lo so che non è facile!!!
    Ma io ritengo un dovere formare una sena famiglia.
    Buon pomeriggio cara sempre allegra amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna TOMASO, il desiderio e l'applicazione dello stesso, è di molti, altrimenti sai da quanto ci saremmo estinti!? Ciò detto gran bel film davvero

      Elimina
  8. Che strano leggere questo post dopo un fine settimana in cui avrei davvero voluto essere lontanissima dalla mia famiglia, sia quella da cui provengo sia quella che ho creato. Hai detto cose verissime, che a seconda dei momenti possono far ridere o piangere ... come il film che citi che cercherò di vedere al più presto.
    Grazie, mi sento meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I francesi dicono "c'est la vie" MARZIA... Una scrollata di spalle ineluttabile, che quando si parla di famiglia diventa così somigliante alla quotidianità. Non c'è giusto e non c'è sbagliato nella vita, o forse si, ma... Tant'è... Cerca di riuscire a vedere il film, ti piacerà!

      Elimina
  9. e ch'ai molta ragione... non vediamo l'ora di fuggire dalla famiglia per poi inseguirne una nostra e scoprire presto che le dinamiche alla fine sono sempre quelle. Ma forse noi umani siamo fatti così e niente ci possiamo fà!
    Il film l'ho visto anche io e l'ho amato. Ho avuto la fortuna di vederlo in lingua originale e non ci sono paragoni. Julia e Meryl sono impareggiabili. Film da vedere e rivedere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena esce il dvd lo prendo per guardarlo in originale STREGABIANCA perché effettivamente sono curiosa di "sentirle" al 100%, sebbene le doppiatrici siano veramente superlative.

      Elimina
  10. Bellissimo quello ce hai scritto, davvero.
    Bellissimo perché la famiglia oltre un sacco di cose belle è anche frustrazione e incomprensione e vorrei sparissero tutti. Ma solo a comando ché poi, senza loro tre, non saprei che fare.

    RispondiElimina
  11. Io dico sempre… fortuna che ci sono gli amici, che sono la famiglia che ti scegli. E che al limite puoi mandare affanculo e non vedere più.

    RispondiElimina
  12. Scusa Pata, ma mi sono fermata allo squarcio vaginale.
    Grazie per aver estirpato il già scarsissimo senso materno che possedevo :-D

    RispondiElimina
  13. Bella questa tua riflessione sulla famigghia e sulle contraddizioni insite nell'istituzione. Il film non l'ho visto ma mi ispira molto...

    RispondiElimina
  14. La tua recensione mi ha incuriosita!!!
    Io da quando mi sono trasferita e allontanata dalla mia Family devo ammettere che l'ho rivalutata in tutto e per tutto...Alla fine mi sono resa conto che sono le uniche persone su cui posso veramente contare...

    RispondiElimina
  15. Bellissima la tua descrizione di famiglia, riguardo il Film non saprei che dire, è lontano eoni dai miei gusti cinematografici.

    RispondiElimina
  16. Io direi che una famiglia prima o poi bisogna ..farsela (e Moz sa benissimo cosa intenda...). Quanto a I segreti non osage vederlo... troppo chiasso e troppi vaffanculi (dopo The wolf ci vuole un po' di depurazione... )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah che intendi per farti una famiglia?

      Elimina
  17. <3 belloooooooo!! E standing ovation al marito col dodo!!!

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!