venerdì 21 febbraio 2014

...comunque tulipani e ginseng son stati fotonici...

Sono seduta al mio tavolo con un mazzo di splendidi tulipani gialli, che grondano bellezza.

Li ho comprati stamane, al mercato, come una casalinga qualsiasi [ma stylosissima] che si gode un venerdì di eccezionale sole, e non ha voglia di rimanere a casa, tra solitudini e demoni.

Ho bevuto un ginseng con un personaggio del mio nuovo mondo, che adoro, ed ho anche mangiato una pasta di riso, in toto debbo ammettere di aver proprio goduto della mia mattina.

Rifletto su un tempo piccolo, lento, senza scogli, oggi.

Voglio accertarmi che la mia vita sia fatti di momenti, e non di minuti, e voglio darmi da fare per questo...

Perché [almeno] questo, posso deciderlo io.

Sapete cosa è bello?
Avere delle certezze.
Sapere dove si sta andando, decidere di seguire un percorso che non darà dolore.
Ma non si può.
Non si può decidere, non si può avere un tomtom dell'anima, non si può prevenire qualunque ferita.

Dicono che la felicità non abbia vita, e che la tristezza invece ne abbia...

Mi sento incredibilmente viva... 


21 commenti:

  1. Pata, beata te...
    Io riesco a sentirmi viva solo quando ho un traguardo da raggiungere, un obiettivo, un risultato da portare a casa...
    E quando manca mi sento destabilizzata e inutile. :(

    RispondiElimina
  2. Non sai quante volte anxhe io farei cm tu hai fatto stamattina e vorrei bersi un caffè davanti ad un mazzo di fiori comprati al mercato. Grande :)

    RispondiElimina
  3. Stamattina mi sono concessa tre fette biscottate con la marmellata e un succo di pompelmo, di solito li relego al weekend che in settimana son sempre di corsa. Avevo bisogno di coccole.
    Le ferite, ahimè, non si possono prevenire, le puoi solo sentire arrivare e poi ci devi fare i conti. Eppure, se riesci a vedere quello che hai di bello, in mezzo a quelle ferite, allora sei sulla strada verso la felicità. La tua felicità, quella che ti aderisce come una tutina di Beyoncè! :-*

    RispondiElimina
  4. Mi vengono in mente due brani di Oceano Mare, sempre belli da rileggere. Buona vita!

    " Volevo dire che io la voglio, la vita, farei qualsiasi cosa per poter averla, tutta quella che c'è, tanta da impazzirne, non importa, posso anche impazzire ma la vita quella non voglio perdermela, io la voglio, davvero, dovesse anche fare un male da morire è vivere che voglio"

    "Sensazione meravigliosa. Di quando il destino finalmente si schiude, e diventa sentiero distinto, e ormai inequivocabile, e direzione certa. Il tempo interminabile dell'avvicinamento. Quell'accostarsi. Si vorrebbe non finisse mai. Il gesto di consegnarsi al destino. Quella è un'emozione: Senza più dilemmi, senza più menzogne. Sapere dove. E raggiungerlo. Qualunque sia, il destino"

    RispondiElimina
  5. Macchè la felicità non ha vita! La felicità INVADE LA VITA e la rende centomila volte più bella...quindi se ti senti viva sei felice!
    Dai Pata!

    RispondiElimina
  6. Che bel post Pata :) è proprio bello avere delle certezze!

    RispondiElimina
  7. Cara Patalice, telo dice un vecchio che conosce la felicità!!! la vita è bella! il resto è doro.
    Tomaso

    RispondiElimina
  8. Io credo che è la vita stessa ad avere attimi di felicità e tristezza, e dobbiamo saperli prendere entrambi.
    Ma a volte c'è gente che quasi ha paura di saper cogliere le cose belle, ho questa impressione...

    Moz-

    RispondiElimina
  9. Bellissime parole..l'assenza di difficoltà è rilassante, ma non dura tanto...alla fine la nostra vita è tutta una reazione agli impedimenti, agli scogli e alle crisi che incontriamo...come la storia del sollevatore di pesi: se non si allena a sollevare pesi sempre più grossi non diventa forte!

    RispondiElimina
  10. Quanto capisco quel che dici, come al solito Socia. Viviamo i nostri attimi :)

    RispondiElimina
  11. E la cosa inevitabile è che cosi' come la felicità, ci tocca anche una dose di tristezza.
    Ma comunque, vivere di momenti, mi ci sto impegnando anche io eh...non so se ci sto riuscendo ma nel mentre mi impegno!

    un bacione

    RispondiElimina
  12. Le certezze erano quelle piccole cose che avevo,dove potevo fare affidamento e..invece così tutto d'un tratto sono svanite,come fumo.. mi manca avere delle certezze fondate, sulle persone, sull'amore e..sul resto.
    Mai maneater,mi spiace (;

    RispondiElimina
  13. nella vita si hanno poche certezze, qualsiasi strada si intraprenda, si sa l'inizio, ma la percorrenza cambia continuamente. La vita è imprevedibile e ci regala poche gioie, almeno questa è la mia esperienza.

    RispondiElimina
  14. Pata sentiti viva...ma in positivo, godendo di momenti come quelli che hai descritto, tra fiori gialli e ginseng.
    La sfumature grigiastre della tristezza ci saranno sempre, ma tu tieni d'occhio comunque il giallo vivo che c'è dietro :-)

    RispondiElimina
  15. Goditi questo momento...Purtroppo non si possono prevenire dispiaceri e delusioni...Ma se dentro si ha uno spirito positivo si può affrontare tutto...

    RispondiElimina
  16. Oh mio Dio, ma hai un Blog che è una meraviglia! Sul serio, trasmetti molta allegria, mi piace come descrivi l'inverno sopratutto qui a sinistra. Quello che scrivi è unico e non ho parole per rispondere a questo post, è così intenso. Spero di sentirti al più presto!
    Una buona domenica :)

    RispondiElimina
  17. Bella questa descrizione. Non sono della teoria che la certezza dia felicità; l'idea dell'effimero aiuta A farci godere E a fare nostri anche piccoli momenti di piacere. Ciao cara complimenti e grazie per la condivisione
    Federica :-)

    RispondiElimina
  18. I tulipani gialli sono un'ottima idea. Bacio!

    RispondiElimina
  19. Mi piace troppo questo post :*

    RispondiElimina
  20. un venerdì bellissimo!!! :)

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!