lunedì 30 settembre 2013

la rubrichetta che ti spetta...

...ebbene si...
SETTEMBRE è già finito.

Non mi lamento, è stato capace di belle soddisfazioni [alla fine] e di qualche colpo inatteso...

Giusto per non farci mancare nulla, e perchè questo monoblog sta diventando una cosa seria [dovreste vedere la faccia allibita che ho io stessa di fronte alla castroneria appena pronunziata!], direi che è giunta l'ora di inaugurare una rubrica:

                          Settembre 2' Patalice


Credo voi viveste nell'attesa di ottenere proprio una chicca di queste da parte mia, e vedete che brava sono?
Non mi sono fatta affatto attendere!!!

Quindi partiamo:

Nella categoria PEGGIOR FILM VISTO vince, a mani basse, COMIC MOVIE
...che io capisco che per campare certa gente debba avere il pomo d'Adamo a forma di scroto e si possa far tutto, anche trasformarsi chirurgicamente, per un amplesso... ma Halle Berry e Hugh Jackman?! No ma che, scherziamo?!

La statuetta al MIGLIOR FILM VISTO vede un parimerito, perché ho dibattuto molto col notaio ed i giudici, e la giuria popolare, ma non siamo usciti dall'empasse, quindi MONSTER&CO-UNIVERSITY e RUSH!
...della serie evviva l'ecletticità, io premio quello che è stato un secondo atto migliore del primo, cosa che in casa Disney accade, ma non è scontata affatto; e poi il film che mi ha riavvicinata a Ron Howard, che non essendo io patita di formula1 probabilmente col ciuffo che sarei andata al cinema, e mi sarei persa qualcosa di veramente ben fatto, ma grazie al mio indimenticato Ricky di "Happy Days" non ho potuto declinare l'invito... quindi...

Ho letto ben 3 libri in un mese [uno a cavallo con agosto, e l'altro lo sto finendo] ma mi sento di poter affidare il PREMIO PATASTREGA a Jane Austen ed il suo "PERSUASIONE".
Romanzo di second'ordine a detta di molti, io ci ho trovato meno sagacia e personaggi decisamente poco memorabili, tuttavia lo premio lo stesso, per la sua estrema modernità anzitempo, e per le atmosfere inglesi sempre deliziose ed invitanti. 
[giusto perché lo si sappia, se l'è battuta con "Notre Dame de Paris" di Victor Hugo e "Cose da salvare in caso di incendio"]

Il miglior ACQUISTO del mese sono un paio di PANTALONI GHEPARDATI da vera panterona che mi stanno bene bene in modo assurdo, a detta esclusivamente mia, e tanto basta!

La mia AVVENTURA settembrina di punta l'ho descritta qui ed è il CASTING per SHOPPING NIGHT, che anche se non mi hanno quasi sicurissimamente presa, dato che c'è il promo sulla rete ma il mio telefono tace, mi ha dato un'adrenalinica botta di vita, che è stata graditissima...

L'effetto EMILY THORNE [per chi non lo sapesse, REVENGE=VENDETTA] va a ME STESSA che venerdì sono andata al controllo e la Dottora mi ha detto testuali parole, dopo aver visto gli esiti delle mie analisi: "Sinceramente non pensavo che ce l'avresti fatta a tornare a questi livelli..."
...mai parole mi hanno fatta tanto contenta quest'anno...

La SCOPERTA del mese non può che essere frutto di un intenso filosofeggiare con lo Strizza, quindi LE COSE ACCADONO QUANDO VOGLIONO ACCADERE, NON PERCHE' LE VOGLIAMO NOI
Che uno può mettere in campo l'armamentario di tutti i meriti ed i demeriti possibili ed immaginabili, tutta la fede e la speranza del caso, ma se poi ci si ferma e si fa un brain storming interiore, che gli vuoi dare torto?!

Per decretare l'OSSESSIONE di settembre dobbiamo diversificare le varie nomination: per la categoria ALIMENTI: a pari merito ZUCCA e FICHI la fanno da padroni; per le AZIONI direi che FOTOGRAFARE LE FOTO DI INSTAGRAM ha il suo monopolio; per quanto concerne la TV il ritorno di UOMINI E DONNE fa il suo tanto, ma mi rendo conto che è stato scalzato da SOS TATA, CUOCHI E FIAMME ed HELL'S KITCHEN... "Real Time" mi deve lo stipendio della Parodi praticamente... 

La SPERANZA del mese se la prende un concetto astratto SMETTILA DI PENSARE AL TUO QUADRETTO DEL CAZZO E A FARCI ENTRARE PER FORZA TUTTI I MEMBRI DELLA TUA ESISTENZA...
...che direi che di spiegazioni non ce n'è bisogno, no?

Il VIAGGIO settembrino non c'è stato, non per me almeno, ma è stato partorito non uno, ma bensì due weekend, più un altro in forse, ergo ci sarà spazio e materiale per aprire i nostri gioiosi orizzonti... 

Il PROGETTO fatto e da far diventare realtà è la LEGGE 104 da ottenere, ed il CORSO di SPINNING da riprendere, segni indelebili di una vita che continua, e anche bene!

La COSA CHE NON TI ASPETTI è stata il CICLO, che ci aveva abbandonate [me, me stessa, il mio sentirmi donna ed il mio ego] ma che è tornato squillando le tube [di fallopio...]


E tra una foglia che cade ed una giornata decisamente più corta, tra un calzone che si allunga ed un cambio d'armadio che incombe vi lascio all'ultimo lunedì targato settembre 2013 con quella che vorrei essere stata la mia colazione odierna, con rammarico, perché sebbene la mia sia stata tutt'altro che disdicevole, a questa manco ci stava accanto!

venerdì 27 settembre 2013

in ritirata...

Jn parte.
Due giorni di rehab libera da tutto [cellulari, orari, impegni...] e da tutti [me, la SuperMamma, Rocket Man, le sue amiche...].
Ha prenotato in una SPA che pare molto bella, ed il weekend se l'è bell'organizzato! 

Personalmente non so se posso pensarne solo in positivo... 

Non sono legata a doppio nastro a Brivido, certo che non essendo andata via neppure mezza giornata sola con lui, avrei approfittato dell'occasione... 

Ho deciso di non metter becco sul loro ménage, non è giusto ed ognuno crea e trova l'equilibrio perfetto. 
Certo, è strano forte dover pensare che non si aspetti un anello [che non per forza debba dilatare a significare matrimonio, ma impegno forte e fortificato si]; che gli basti una vita al limite dell'adolescenziale coppia che ha etc etc. 

Mi ero detta non avrei giudicato, ma lo sto facendo.
Sto diventando come quelle sorelle maggiori che programmano il matrimonio delle sorelline, senza accorgersi che le loro priorità sono tutt'altre. 

Priorità differenti. 

Ecco cosa divide me e Jn: un ventaglio contrastante di possibilità, sogni, desideri, ed espressione degli stessi.

Non mi ha mai fatto paura la diversità, anzi mi affascina al punto da rendermi preda di incredibile curiosità, ma nei confronti di Jn sento troppo forte una responsabilità auto imposta. 

Stringi stringi vorrei mettere anche lei nel mio quadretto perfetto, la dimensione più possibile conciliante [magari anche la più vicina alla mia...] senza pensare al fatto che lei forse ha già preso giusto spazio nella giusta misura. 

Ci penso e la vedo comunque lei, non particolarmente serena e soddisfatta, e forse nemmeno alla congeniale ricerca di esserlo; tratteggiata con un pastello fluo, fuori dallo schema tradizionale ma non dispiaciuta per questo. 

Nei gesti e nelle discussioni provo a portarla sul mio; ma se non ci volesse stare sul mio? 
Se stesse bene al di la dal confine, alla fossennata esasperazione di una non  convenzionalità a lei congeniale!? 

Io che mi accanisco per farla approdare ad un progetto [a mia immagine e somiglianza] e lei che ha già il suo posto nel mondo: una vita tranquilla, assoggettata ad un continuo volo pindarico, che non ce l'ha nemmeno in mente di venire fuori dal marasma in cui si trova. 

In poche parole, lei il suo piano lo sta forse realizzando? 
Si non è ciò che speravi ne immaginavi tu Patalice, quindi? 

Fanculo il quadretto perfetto, lasciamoci Banderas nella casetta del Mulino Bianco, che gli abbracci a me basta morderli, che ci pensi qualcun altro a prepararli per me!

mercoledì 25 settembre 2013

do list...



Ho fatto la ceretta ai baffetti 
[donna barbuta sempre piaciuta si ma anche no...]
Ho stirato una montagna di roba, compresi 5 e dico 5 e sottolineo 5, paia di pantaloni di Brivido
[come avranno fatto ad accomularsi in un paio di giorni lo sa solo lui....]
Ho appreso che la lavastoviglie non lava come dovrebbe
[trovarsi alle 6.15 a lavarsi una scodella per la colazione è una gran brutta cosa...]
Ho rivalutato "The Carrie Diaries" e me ne sono fatta 5 episodi in un pomeriggio
[diciamocelo: il livello è da "Primi Baci", ma che ci vogliamo fare se sono teeen inside?!...]
Ho passato una nottata in bianco a causa del cagotto di R-Dog
[la cacca dei cani puzza veramente in modo importante, giusto perché voi lo sappiate!]
Ho fatto merenda con 6 fichi, due fette d'ananas, un paio di grisbì al cioccolato e latte e menta
[si, le combinazioni sono ardite, ma il risultato alla fine è di quelli lucculiani]
Ho preparato tutto l'occorrente per fare una tortina di mele, ma ho deciso di rimandare ad oggi quello che potevo fare ieri
[della serie sono una casalinga perfetta si, ma anche disperata!]
Ho dovuto correre a comprare degli assorbenti in una bottega di paese, che li tiene nascosti dietro perché "Non si sta bene a mostrare le cose intime"
[disse la signora che serve la clientela in vestaglia ciabatta ortopedica e calzino della zia peppina.]
Ho appreso che il mio conto in banca è in rosso, non mi era mai accaduto e debbo dire che l'idea dei Dottor Martines e dei due maglioni da Zara per il momento è sospesa
[sarà un momento molto contenuto, anche perché mi rientra qualche soldo tra qualche giorno ed io potrò tirare un sospiro di sollievo, e fuori il bancomat!]
Ho sofferto nel notare che gli episodi che stanno dando su sky (ma anche quelli di Italia1) di "How I meet your mother" sono vecchi... e dato che mi è finito pure "The Big Bang Theory" brancolo nel buio e potrei non rinnovare l'abbonamento...
[bazinga...]
Ho accompagnato una vecchietta che abita accanto a me a trovare la cognata
[in realtà mi ha brancata sotto casa e non ho avuto scelta...]
Ho ripreso in modo quasi completo i miei corsi in palestra, non senza una certa soddisfazione
[riprendere a fare step, e ricordarsi che esistono muscoli laddove non batte il sole, non è stata la migliore delle cose...]
Ho appuntamento dall'oculista perché non ci vedo più una cippalippa
[...il pensiero va all'acquisto di un nuovo fashionissimo paio di occhiali...
sono I R R E C U P E R A B I L E!!!]
Ho quasi finito di leggere "Persuasione" della Austen e sono decisamente innamorata di lei
[l'alternanza tra libro classico e libro moderno mi sta dando soddisfazioni al momento!]
Ho il consueto appuntamento mercoledì rotolo+cinema con la Jn, il film che vorrei vedere io non lo danno, o meglio non nelle vicinanze, l'altro è un po' prestino, quindi mi sa che ci daremo ai Puffi
[detto così sembra che mi dispiaccia...]
Ho letto con piacere i commenti al post precedente, ci ho molto ben riflettuto, ed ho deciso di (provare) a concentrare davvero tutte le forze sulla brioches ed il cappuccino del caso
[che forse sarà anche una promessa da marinaio, ma io mi giuro che mi darò la possibilità di farlo!]

martedì 24 settembre 2013

mi basti tu... ed invece no... ma lo vorrei!

...bizzarro...

Ogni giorno Brivido mi insegna qualcosa, lui è un punto fermo, felicità e gioia; e quando è arrivato nella mia vita, l'ha fatto a mo' di uragano, senza darmi la benché minima possibilità di decidere se fosse la cosa giusta o ciò che maggiormente desideravo, ed è stato tutto veloce, bello e rivoluzionario!

Eppure non mi basta.

Mi rendo conto di quanto siano fondamentalmente errati, ingiusti, egoisti e limitati i miei atteggiamenti ed il pensiero... 

Lui non mi basta, a me fa paura l'idea che saremo sempre e solo lui ed io...

Alle volte mi dico che stiamo tanto bene, che siamo tanto belli, che abbiamo tante cose, un intero mondo lui, un intero mondo io, un intero mondo noi; e tutto questo dovrebbe bastarmi...

Ma non è così...
Guardo le fotografie del nostro matrimonio, sebbene ci sia davvero autentica felicità, c'è anche una sorta di inquietudine onnipresente nel mio sguardo, quell'aurea sfuggente che solo l'insoddisfazione dona... 

Già aspettavo di aspettare...
Già pregavo e desideravo...
Già non ero capace di godere di quel folle e bellissimo noi che solo noi sapremmo far diventare qualcosa di speciale...

Che ci sia o meno di mezzo quel mucchietto di guanciotte e ginocchiette pacioccose, con i capelli appena accennati, ed il profumo idilliaco, noi ci siamo....

Vorrei mi bastasse noi...

Vorrei smettere di leggere i blog delle "ricercatrici", fanno male come quelli delle foodblogger quando sei a dieta... 
Perché lì non è l'unione che fa la forza, o forse anche si, però è una forza che alle volte lacera... 
Io quelle gnare lì le amo con la maiuscola, due sopra le altre: una mi commenta sempre, ha la faccia della non protagonista Disney che ammiro di più, perché sa dare senza mai dire una parola nel suo film, film che parla la lingua di noi ricercatrici, senza urlare mai, ma sussurrando amore; l'altra è la mia Socia, pochi giorni fa a preso ad avere a che fare con la Disney lei pure, perché ha adottato un bimbo peloso, ed è un faro meraviglioso, una principessa che se anche non mette la corona non pare meno regale!

Ecco io a voi non vi vorrei più leggere, non vorrei più solidarietà nella mia battaglia a senso unico, non vorrei più gioire dei fiammiferi poco luminosi delle speranze altrui, e vorrei dannatamente amare la vita che faccio rendendola ogni istante più strepitosa e ricca, così com'è! 

Nuovo programmino di settembre...
Vacca Gallina come sto facendo fruttare i propositi di pseudo inizio anno... 

lunedì 23 settembre 2013

dovevo fare la motivational coach da grande....

 ...penso di aver rotto le rotule a tutte le persone che mi stanno vicino, ed anche a quei disgraziati, simpaticamente detti "follower" facebookiani e instagrammosi...

Ho fatto mio il nobile concetto del: se vuoi una cosa smettila di lamentarti e datti da fare per averla.

Un nobile concetto per davvero veramente, che mi fa sentire quasi aulica...

Sicuramente mi dona una dose massiccia di fiducia in me stessa.

O forse è banalmente il mio travestimento da leone in un periodo caprino?

C'è poi questa frasetta, sempre di ordine metanfilosofico, che mi ringalluzisce prepotente, ed è: 
la vita non è complicata, è la gente a renderla tale.

Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo... e via enunciando.

Insomma mi sto dando alle alte sfere della mente umana, elargendo banalità come la peggiore delle coach motivatrici; e sono tutte mie perle di saggezza [fatta eccezione per una, che forse vi sarete accorti non essere proprio farina del mio sacco...] con le quali convivo e che cerco disperatamente di mettere in pratica.

Disperatamente, si, perché non mi è semplice non essere la più menata delle menate, in questo astruso mondo fatto di dinnieghi e divieti; di doveri che sovrastano i diritti; di meritocrazia mancata e di democraticità allo sbando.

Mi chiedo una cosa alla quale non posso fare a meno di dare un peso specifico un pochetto elevato: 
PERCHE' ARRENDERMI?!

Vorrei essere tra quanti riescono ad essere mentalmente tanto superiori da non farsi un cruccio per un fatto imprescindibile, riuscendo ad accettare la concreta effettiva evidenza delle situazioni, senza farsi travolgere dal sentimentalizmo e dalle emozioni.

Ma non sono affatto così!

Sono una che spera.
Una che crede e non molla.
Sono una che il suo mondo lo deve accettare imperfetto giusto perché così può lavorare per farlo diventare tale... 

Son fatta su di merda dai, diciamocela tutta!

Ma non vi piaccio fesssss [come si suol dire nella mia nobile terra natia....] proprio per questa mia incoerente volubilità di pensiero?!

venerdì 20 settembre 2013

...che cos'ho nella testa, che cos'ho nelle scarpeeeee...

...mi hanno detto che stamattina noi abbiamo tanta tanta voglia di fare...
Le goccioline sul lavandino in bagno ed il pavimento della camera ricoperto di peli di peluches chiamerebbero anche ma... IO NON RISPONDO!!!

Quindi piattino e coltello alla mano, mi sfamo con una bella cinquina di fichi made in zia, e me ne sto in panciolle davanti alla puntata di ieri di "Uomini e Donne".

Mi trovo davanti ad un bivio stranissimo, forse mai vissuto, o forse che si vive in quella dimensione parallela che è l'adolescenza... 

Mi trovo a chiedermi continuamente qualcosa che non c'è...
Chi sono?
Dove vado?

DomandeMenata di prima categoria queste... 
DomandeMenata che non avevo voglia di pormi, pensavo di essere andata oltre... 
...e invece...

Mi rendo conto che mi sto trattenendo dal vivere, ma perché non so che cosa fare!

Weekend che porterai l'autunno, sarai tu la mia salvezza?!
Stay Tuned Patalice... 

mercoledì 18 settembre 2013

confetture, marmellate, cose da fare d'estate... che rima oh!!!!

Penso che: Porca Merda, sabato inizia l'autunno ed io non ho realizzato uno dei grandi progetti che avevo in testa per questa [DISGRAZIATISSSSSIMA] estate.

E mi prende lo sconforto cosmico.

Lo combatto con agilità, asservita al dio ginseng, che ultimamente sta sopperendo molte mancanze, non tutte umane; la combatto con la shopping terapy, ma sta diventando dannatamente costosa la scelta; la combatto anche con maratone televisive di tutto rispetto, ma mysky inizia a piangere abuso...

Combatto ma non sconfiggo...
Quindi, tornando a LA COSA non fatta, vi svelerò l'arcano: voglio fare la MARMELLATA fatta in casa!

Girovago tra i blog delle dirimpettaie foodblogger, e ce ne sono un numero spropositato, con tanto di ricettine tradizionali e di innovazioni gastronomiche di tutto rispetto, ergo mi viene una gran voglia.
Non solo di prepararne, data la mia ormai nota propensione alla Nonna Papera's Style, ma anche proprio voglia voglia, dato che sono una che ne mangia un vasetto ogni 3 giorni!

Faccio un appello pubblico alle foodblogger che hanno pietà di questa fanciull magra come il veleno, che deve rimettere su ciccia ciccietta: 
MANDATEMI LE VOSTRE MARMELLATE!!!
Pago io le spese di spedizione da tutta Italia!
Mi offro come cavia degli esperimenti più ingrati...
Mandatemi i vostri vasettini ed io elogerò le vostre "creazioni" al cybermondo...

Fatta la premessa, e le suppliche iniziali e funzionali alla mia esistenza, debbo esplodere in un disappunto riguardo la mia serata di ieri...

Ero lì a farmi i cazzi di chiunque in quel di facebook e vedo ragazze super apparecchiate che si fanno le foto alla Vogue Fashion Night, altri che cantano e linkano a più non posso dal concerto del liga all'Arena di Verona ed io?!
A casa!
Col marito che coccola il cane sul divano, costretta a guardare la juve!!!!

Ed oggi tutte le piccole ingrate malvagie clienti, che sono state a destra e a manca, mi dicono: "Ma se l'avessi saputo ti invitavo io!"
...ora me lo dici razza di puppazzola?!


martedì 17 settembre 2013

inutilità di qualità... una frase che la dice lunga!

Oggi voglio fare una cosa che non ho mai fatto.
Ma la vita è per chi si propone in cose nuove ed in situazioni poco comuni, no?

Se anche così non dovesse essere io oggi gioco alla "modella"... o alla fashionista stylosona!? o all'aspirante icona?!
Ho sempre immaginato di poter essere un'ispirazione per le altre fanciulle, o per la comunità omosessuale... 
FATEMI FARE LA RETTORE DE VOJARTRI!!!

Penso di avere le carte in regola per questa missione: la mia autostima è di basso profilo, non spendo nulla in abbigliamento ed accessori e non sono per nulla sfacciata, in più so fare benissimo tutto e le luci delle ribalta mi inibiscono timidamente!

...queste non sono forse le regole d'oro della buona Musa?



Proponendomi come tale ho delle grosse responsabilità nei confronti del mondo che mi circonda...
NO alla tuta con le infradito
NO ai capelli sporchi [se non sapientemente cammuffati]
NO alla manicure da pulitrice di carciofi...
...insomma, una vita alquanto impegnativa la mia...

Smaccatamente NON fashionblogger [e questo è vero verissimo, e lo sapete bene che mi sono attratta più e più volte l'antipatia della categoria, definendole come un pochetto noiose... ] ho trovato questo sito qui Stylight, che mi è parso un buon compromesso.

A differenza di tante piattaforme fashioniste, questa è più discreta e democratica, non ha solo bonazze con look che uno dice: "Si ma io non ho la caccia alla volpe ogni martedì pomeriggio, cazzo me ne faccio di quella livrea?!", è piuttosto frendly e si propone bene anche alle sfaccendate amanti dello style come me medesima.

Mi sono quindi divertita a creare un look appositamente per loro, ma anche un po' per la mia vanità da ringalluzzire!!!!
Quindi, facendo finta di non notare la mia faccia da mariapeppinaaddolorata please, vi invito a concentrarvi su quel lezioso dettaglio che è la ghepardatura di cattiveria della manica del blazer [giacca lunga per i neofiti ed i disinteressati], per dirla alla [SempreAmatissimoVeneratissimo] Enzo Miccio accompagnata ad una maglia di seta bianca, un bjoux civettuolo e braccialettazzi ton sur ton; i leggins sono vecchi come il cucco, di Zara ed io li amo, tanto da averne 3 paia neri e svariatio variopinti... Il sandalo è assasssssssino con tante "s" sibilare come Sir Bisssss, e notare lo smaltino piedoso che è come quello manoso... perché io sono una precisa oh!!!! E per finire ecco quella piccola grande meraviglia della mia Borbonese azzurro cielo, un pugno nell'occhio di una grigia gironata pseudo autunnale che mi fa sentire a dir poco DIVINA!!!

Eccola qui la Pata, col suo fashion look settembrino, col suo tagliazzo tattico allo scalpo [che chi mi segue su instagram avrà già preventivamente visto...] che vi augura una buona giornata e vi delizia, come suo solito, con inutilità di qualità!!!

lunedì 16 settembre 2013

WHO ARE YOU... WHO WHO WHO WHO


Sempre parlando di Strizza, mi ha detto una cosa importante, che alla fin delle finite io la sapevo già, ma si sa che nessuno è profeta in casa propria, ed io, sebbene mi abiti, ancora non conosco bene il mio stesso indirizzo...
"Patalice i cattivi servono, sono il cestino dello sporco dei buoni, noi permettiamo ai buoni di essere tali e di realizzarsi, ma così facendo ci si realizza anche noi... 
Non importa che il cattivo perda sempre alla fine della storia, perché riesce comunque a trovare il momento di gloria per emergere e mettere in discussione e difficoltà tutto il resto, e tutto queasto nonostante la sconfitta!
Datti il permesso di essere "cattiva", datti il permesso di non seguire le regole e di andare oltre, di fare quello che vuoi fare e di non fare quello che non vuoi fare...
Come "figlia perfetta inserita nel perfetto quadretto degli altri", hai fallito, disegnati il tuo quadretto e fattelo come cacchio ne hai voglia tu.
 
Si è arrivati ad un punto focale, qualcosa che mi spaventa e mi emoziona tantissimo, 
SCOPRIRE CHI SONO IO.
Trovare, tra il piacere di quel famoso cappuccio e brioches, la gestione della quotidianità, e le mie esigenze, lo spazio per rinascere a vita nuova, una vita mia e solo mia, nella quale quel quadretto che ho sempre pittato dei colori giusti, possa sbavarsi ed essere addirittura brutto, ma MIO dannatamente, schifosamente, egoisticamente, ingiustamente, immeritatamente MIO!
...ah, buon inizio settimana... 
 

sabato 14 settembre 2013

LOVE is [NOT ONLY ] all you need

Io mio marito lo amo.

Ci tengo a specificarlo, perché tra 6/8 secondi inizierò a lamentarmi pesantemente di lui, e non vorrei perdeste il punto focale, quindi lo ribadisco:

Io amo mio marito.

Sono una personcina pragmatica assai, al limite di una sensibilità elefantesca con risvolti da Crudelia De Mon.
È dura che mi beva la favola dell'orso, ed impossibile convincermi di quanto splendido sia il binomio "Due Cuori e Una Capanna", ergo è anche colpa mia se il carico di romanticismo nella mia relazione, è ridotto all'osso...

Io, da donzella indipendente ed anche un po' testona quale son stata e sarò fino alla fine dei miei giorni, mi sono imposta nella relazione con una sorta di corazza cinica, mal avvezza ai tripudi meravigliosi dell'amor cortese, disinteressata al cicci-cicci-picci-picci style, e assolutamente allergica alle esibizioni di pubblico affetto, che andassero oltre un bacino leggiadro.
Per dirla breve NO AI LIMONI SEDUTI AL BAR!

Brivido mi ha presa così.
Ha accettato questa mia modesta natura ben poco rosa.
E, diciamocelo, come un maiale nel fango, si è crogiolato nella situazione godendone enormemente, e sbattendosi per rendere il nostro mondo più pink ZERO!

Lui non  organizza cenette, non escogita gite fuori porta per farmi contenta, non prenota in posticini leziosi e deliziosi, non mi porta regali fiori o cadeaux, non si improvvisa eroe romantico togliendomi mansioni domestiche.

No.

Lui è un uomo brillante.

Lui paga i conti, e non mi lascia sborsare nemmeno il prezzo di una piadina quando siamo in giro!


"Amooooore, andiamo a Disneyland Paris che è l'anniversario e mi piacerebbe da morire?"
"Mmmmh... non so, quando?"
"Si dai, a ferragosto 2 giorni, tanto abbiamo anche l'hotel già pagato dai regali di nozze, mi hanno detto che c'è un'offerta su letbonus per aereo e biglietto dei parchi siamo a posto! Daaaaai...."
"Si va bene, basta che mi dici quando che mi regolo, tieni la carta di credito."

- conversazione di un anno fa -

Voi direte che sono fortunata [ed avete delle ragioni] perché è presente, attento e premuroso, non mi fa mancare nulla, so che se ho bisogno c'è sempre e comunque, e poi...  paga lui!
....ma è proprio vero, e lo è anche per una Strega Cattiva come la sottoscritta, che ci sono cose che non hanno prezzo...

Quando lo dico a Brivido [ebbene si, sono lamentosa a 360° non solo sul blog!] la risposta è sempre che non ci sono sorprese e gesti eclatanti, perché a me non piacciono.

La realtà è che LUI ha deciso che a me non piacciono. 
Ma su questo punto pretendo sia fatta una rettifica: io ADORO i gesti imbarazzanti ed eclatanti.

...il fatto è che non tutti ci sono portati, e se uno non ci è portato si rischiano abominevoli e colossali cadute di style, o, peggio ancora, abominevoli e colossali delusioni! 

Non sono quella dei fiori, non sono quella delle feste a sorpresa, non sono quella del "prepara una valigia che ti porto via", non sono quella del "un giorno tutto questo sarà tuo", ma porco cacchio anche si! 

E' che vedo troppi film, leggo troppi libri, parlo con troppe persone impegnate a far sentire le proprie donne come le protagoniste di quei film e di quei libri... 
Mi fotte il romanticismo indotto!

Che io che Brivido mi ama tanto tanto lo so, che sono una vera e privilegiata principessa lo so... Ma che lui sia proprio inabile al colpo di scena... Beh io so pure questo! 

...e finita questa lamentosa lamentela, che non arricchirò dicendo che ho organizzato una cenetta romantica solo per noi ANCHE il giorno del mio compleanno, vado a dirvi che spero che almeno diventi schifosissssssimamente ricco, così potrò consumare la mia gioiosa esistenza facendo la mantenuta, senza colpi di scena, ma piena di bellissima roba e di tantissimo tempo libero!

venerdì 13 settembre 2013

tira e spingi escono cappuccino e brioches

Seduta dallo Strizza 2.0
Arriviamo subito al fulcro: pare che io tiri invece che spingere.
Il che va benissimo, ma non se vuoi aprire una dannatissima porta.
Ed io, che quella porta la vorrei spalancata, debbo cambiare registro se voglio superare l'empasse.

Ma andiamo con ordine: me ne vado tutta tronfia dallo Strizza, consapevole del fatto di non sapere come arginare i miei desideri e le mie aspirazioni, ma assolutamente convinta nel volerli.
Si accendono i riflettori [non solo metaforicamente...] ed io mi spertico nella ricerca matta e disperatissima di risposte, e poi lui, con la sua banalità del cavolo mi snocciola il quesito fondamentale, la base di tutte le basi, la pastafrolla della crostata: le cose più belle che hai le hai ottenute lottando con le unghie e con i denti?

8 secondi di riflessione, durante i quali nel mio cervello si scatena un'orda barbarica che non si vedeva dai tempi di Vercingetorige, ed io penso a Brivido.
A quanto tutto sia stato incredibilmente semplice e malleabile con lui, a quanto il nostro rapporto sia sbocciato senza complicazioni, senza menate, senza che io mi dovessi sforzare di essere nessuno... 
Poi penso a Jn, alla nostra amicizia sempre più forte, slegata e scollegata dal vincolo famigliare, ma comunque rinsaldata in esso.
Ed ancora a R-Dog, che ho voluto e scelto, ma che si è rivelato la rivelazione, un cane meraviglioso, che mi riempie di gioia amore ed orgoglio.

Le tre cose più belle della mia vita, in termine di rapporti, non hanno avuto bisogno del mio impegno e della mia cocciutaggine, semplicemente si sono create... 
Certo, ci vogliono impegno e dedizione giornaliere per far si che continuino ad esserci, ma sono venute "così"... perché dovevavno venire.

E stiamo solo trattando di rapporti umani, perché se ampliamo il cerchio potrei addurre altri esempi.

E qui mi si ribalta il mondo, perché io credo nella meritocrazia, nella perseveranza, nella forza della determinazione, nel per avere quello che vuoi devi combattere... e qui pare tutto andare a ramingo, ed io inerme lì, sotto una pioggia di luoghi comuni spazzati via, e neppure un ombrello a proteggermi...

Come si fa a lasciare che le cose capitino?
Come si fa a non pensare ogni giorno a quello che fortissimamente vorremmo?
Come si fa a non crogiolarsi nella mestizia più nera quando ciò che sogniamo non ci viene recapitato a casa, nonostante si sia fatto tutto il possibile?

Risposta: prenditi cappuccino e brioches e gustali come se fossero il primo e l'ultimo della tua esistenza.

...

Se credete che il mio Strizza sia un farneticatore folle, tranquilli, anche io alle volte ho questa visione delle cose, ma l'avermi dato "un compitino" a casa, accettando, da terapeuta, che la mia mente va nella direzione dell'agire per forza, a me fa stare proprio bene.

Ergo imparerò a gustarmi cappuccino e brioches, senza pensare "Che bello lo mangio e metto su un po' di peso", senza pensare nel frattempo cappuccino=latte=allattamento.
NO
SEMPLICEMENTE GODENDOMI STO CAZZO DI CAPPUCCINO E BRIOCHES

...auguratemi buona fortuna...

mercoledì 11 settembre 2013

autunno, scuola, trench e poi basta!

L'autunno sta prendendo forma che noi lo si voglia oppure no.

Lo dico perché non l'ha scritto ancora nessuno sulle pagine del proprio monolocale, ergo volevo essere io a darvi questa sensazionale novità...

Ironia simpatica come il famoso gatto attaccato ai maroni, a parte, debbo dire che monoargomentativamente, più o meno tutti ci stiamo barcamenando sulle considerazioni sull'autunno...

Periodo interessante, debbo dire.

Innanzitutto si smette di sudare a non far niente, che è già gran bella cosa.

Poi si ricomincia col tram-tram, che sarà noioso e ripetitivo, ma personalmente io lo amo all'ennesima potenza, che la finta realtà del periodo vacanziero mi piace si e poi no.

Ci si può permettere il trench, che è un gran bel capo d'abbigliamento, completamente sconclusionato... lo paghi un botto e non lo metti mai!


Come ho già detto in qualche post precedente, ci si può permettere di fare piani e progetti, un po' come se fosse l'inizio dell'anno, ma con la consapevolezza che di lì a 3 mesi si tireranno le somme e si potrà variare e modificare il tracciato...

Insomma ben venga l'autunno, anche quando è così celebrato da tutti i dirimpettai da fartelo quasi entrare in antipatia...

Patalice in versione autunnale ha un non so che di parecchio fico.

Quell'aurea da foglia secca che svolazza sulla testa, le sta divinamente, così come la notoria tazzona di the alla mano [che quando è estate ed è piena di Estathé al limone non è la stessa cosa... ] ed i mille libri da letargo appena accennato... 

Brivido sostiene da sempre che io e lui si è una coppia da mezza stagione, quel tipo di persone che ti piace incontrare e che pensi siano davvero una bella coppia... 
Non sempre però, giusto quando i vari solstizi non si sono ancora acccapparrati le stagioni.
...mah...

Ah, domani ricominciano anche le scuole, fatti gli esami di preparazione, bocciate le capre che andavano bocciate, esortate le menti all'apprendimento, ci ritroveremo le strade mattutine ri-pervase di anime zainettate dall'umore sgallettato.
Io che lavoro a due passi da casa non ne subirò alcun contraccolpo, avrò [spero] solo il rientro delle "mamme" in palestra... 
Quindi tutto buono, tutto bene.
E, giusto per capirci, se qualcuno [studente o insegnante che sia] si azzarda alamentarsi perché è GIA' INIZIATO L'ANNO SCOLASTICO, gli stacco le dita dei piedi... 
...che vi siete fatti 3 mesi a casa malsagomati che non siete altro!

lunedì 9 settembre 2013

quel qualcosa che non c'è, ma val la pena di provarci

Casa Brivido-Patalice.
Ultima settimana di agosto.

...seduta sul divano accendo su di una delle mille puntate arretrate di "Gossip Girl" e faccio quello che mi hanno ORDINATO, una volta rilasciata, MI RIPOSO.

 è mercoledì pomeriggio e sono appena rientrata da una mattinata dedicata al cambio look, mi sento bene, bella addirittura, ed è proprio la buona predisposizione esistenziale che mi sprona a rispondere al telefono che squilla, nonostante non conosca il numero, che non ha neppure lo stesso prefisso che ho io!

"Ciao, Alice? sono Chiara della redazione di "Shopping Night", volevamo dirti che abbiamo ricevuto la tua candidatura per partecipare al programma e vorremmo conoscerti."

...premessa: mesi fa, su facebook, avevo letto l'annuncio dell'apertura casting, e mi ero proposta, tra il serio ed il faceto, non prendendo la cosa sul serio e dimenticandomene totalmente!

Faccio una chiacchierata gioiosa con la simpatica e disponibilissima Chiara, che mi fa domande sul mio look, su quello che per me vuol dire moda, su quali siano i miei capi più amati, e prendo con lei appuntamento per la prima settimana di settembre, nella redazione milanese di "Shopping Night".

Finita la comunicazione mi lascio prendere da un'irrefrenabile contentezza, futile e leggerissima, perché avevo proprio bisogno di una cosa del genere, ed una cosa del genere è proprio arrivata nel modo e nella modalità più sorprendente!

Inizio subito a pensare agli stili che potrebbero fare maggiormente colpo, e a quelli che mi rappresentano con maggior evidenza.

E la settimana scorsa vado con Jn a Milano a fare il provino.

Entro in un reticolo di uffici dai nomi "famigliari" [Masterchef - Hell's Kitchen - XFactor...] ed una volta intercettata da Chiara, compilo un questionario, dopo aver firmato le liberatorie del caso.

Io sono tranquilla, Jn leggermente più euforica, la qual cosa mi fa piacere; purtroppo non lasciano che Jn mi segua nella sala registrazione, avrebbe visto un gran spettacolo...

Con un gonnellino tovaglia a scacchi bianco e blu, una polo bianco immacolata, un paio di zeppe bianche e la mia bella faccina sorridente, mi siedo davanti ad una telecamera e due persone che mi fanno domande alle quali do incalzanti e spiritose risposte, senza titubanze, senza balbettii...

In dieci minuti scarsi finisce il tutto.

Mi chiedono qualche foto e quale variante per la sera mi sono portata, quindi mi dicono che, se dovessi ricevere un'altra telefonata da loro, farò parte del programma!

Come andrà?

Non ne ho idea...

Innamorata come sono di me stessa sono convinta che poche saranno state ficcanti e indimenticabili come la sottoscritta, tuttavia metto in conto la forte convinzione che la sottoscritta ha di se stessa: una fanciulla che o la si ama o la si detesta, bianco o nero...
...quindi...

Ciò detto la situazione è stata paradossalmente tanto tanto bella, mi ha fatto piacere perché ne avevo bisogno in quel preciso istante, ed in quel preciso istante è arrivato il paradosso del quale avevo proprio bisogno per sentire che le cose girano e non sempre in posizione avversa alla mia, bisogna solo e sempre credere fermamente in qualcosa che non c'è!
Perché vivere è un atto di fede.
Ma noi non possiamo, e non dobbiamo, limitarci all'attesa... dopotutto mi sono proposta io dopo aver visto il post su facebook, no?!

sabato 7 settembre 2013

analisi di un delitto...

Sono tornata dallo Strizza.

E' stata una [non] scelta.

S'era daffare, punto e stop.

...la testa non c'entra più na beata mazza col resto, e mi serve il ripristino delle funzioni intellettuali, ergo urge intervento di un professionistissimo di qualità.

E' stato bruttissimo e bellissimo.
A fasi alterne, e la cosa non mi stupisce affatto perché la mia vita è così: tutto nero vs. tutto bianco!

E' venuto fuori un bel reticolo di emozioni, che a pensarci bene bene io mi chiedo dove le tengo in questo metro e cinquanta di simpatia... 

Il punto focale non è facilissimo, tutto ruota intorno alla mia incapacità di accettare che per me... va bene così! 
Nel senso che io vorrei, fortissimamente, strenuamente, dire a me stessa che ciò che ho è già abbastanza e debbo godere di quanto ho... ma poi arriva la botta, quell'irrigidimento stoico e storico e mi dico che COL CAZZO che a me sta bene "solo" quello che ho.

Cioè si ho un marito che mi ama, una famiglia presente, una migliore amisorella per la quale darei ogni organo sano in corpo, sono acuta carina intelligente [e modestissima], ho un lavoro con pecche ma anche virtù, una tetto grazioso sopra la testa, un cane meraviglioso ed un guardaroba invidiabile.

Ma non mi sento completa così.
Sento di potermi permettere qualche desiderio extra. 

E qua di consuma il dramma:
sono i miei desideri troppo grandi ed ambiziosi per la personcina che sono?

Il responso dello Strizza è... SI...

...e questo perché, pare, io guardi le cose da una prospettiva assai sbadata e sbagliata... 

Io mi aspetto dalla mia vita il "Quadretto perfetto", sono impreparata al "colpo di scena" all'eventualità che le cose non vadano esattamente come le voglio io... 

Quindi le cose come le voglio io non si avverano.

Punto.

Questo è il parere del mio Strizza, ed io un tantinello lo detesto profondissimamente...

giovedì 5 settembre 2013

me stessa... modestamente e personalmente CERVELLO BACATO docet...

...come ben sapete non amo il suono della mia voce...
...ho una scarsa autostima, e manco di amor proprio...

...sono timida, e preferisco non divulgare le mie situazioni personali...
...ho pudicizia e riservatezza, e anche un lieve costante rossore a coprirmi le gote...

CAZZATA

mi amo, mi adoro, mi trovo fantastica.
credo moltissimo in me e nelle mie possibilità.

mi piace da pazzi che altri parlino di me, in bene o in male l'importante è non passare inosservata.

Quindi sono stata ben felice ed onoata di essere stata scelta da Cervello Bacato per questa sua intervista ai "danni" della me medesima!

...lui dice di apprezzarmi di più da quando l'ha letta, ditemi se pensate lo stesso... 

GRAZIE CERVELLO BACATO... 
TI LOVVO!!!

mercoledì 4 settembre 2013

...tanto per cambiare si va al cinema, oppure si resta a casa, ma sempre di film trattiamo

Settembre è un gran bel mese...
Anche solo per il semplice affaccendarsi dei distributori cinematografici.
Non ce ne sono di banane, non siamo ASSOLUTISSIMAMENTE pronti alle prime visioni estive.
Laciateci la nostra tanto ben consueta normalità dell'autunno come fulcro delle nuove uscite, perlamordelcielo!!!

Ciò premesso, la Patalice se ne è andata svariate volte via con gli angeli, grazie ai film, al cinema ed in tivù... 


Quindi per il primo mercoledì classico di rientro alla normalità, Jn ed io siamo andate a vedere MONSTERS UNIVERSITY, prequel del famoso "Monsters&co." disneyana favola dolcissima, che in questa versione strizza l'occhio ad un pubblico anche meno bambinesco [questo detto solo per giustificare il fatto che a me e a Jn è piaciuto un casino... tanto da far riflettere mia sorella sulla possibilità di tatuarsi un Mike Wasosky...].
Poi ho trascorso un venerdì sera sola soletta col mio amico Menny, che tra mille e più confidenze, ha scelto un fantasy che forse io avrei tralasciato... 
SHADOWHUNTERS che si preannuncia un connubio tra le saghe di "Harry Potter" e quella di "Twilight", ma che con notevoli discrepanze importantissime:1- i vampiri non sono fighi come i Cullen o come i Salvatore; 2- gli umani si sono evoluti da "babbani" a "mondani" [pur senza frequentare red carpet...ah ah ah babbttutona...] ; 3- l'amico del cuore nerd [a parer mio] è una tacca e mezza sopra il belloccio ossigenato, e non mi stupirebbe se si mettesse a strillare "Relax, take it eeeeeeeasy..."... è la copia di Mika!!!
Ma non è finita qui, perché sabato ho fatto l'ennesima capatina alla multisala con parte della CougarCumpa, e post cena schifida all'Old Wild West, pieno di energia geriatrica con RED2... niente di nuovo rispetto al primo, voglio arrivare all'età di Helen Mirren come Helen Mirren, e voglio limonare almeno una volta nella vita Bruce Wills... ma tolto questo null'altro da segnalare...
Ah giusto per dare a Cesare quel che è di Cesare, mi sono appropinquata nello strambo e scellerato mondo di Woody Allen, con IO E ANNIE, riproposto da quel vulcano di idee che è La7D, o era La5... ?! mmmmh... 
Va beh, fattostà che mi è piaciuto moltissimo... che amo Diane Keaton, sebbene mi chieda come abbia fatto a stare tanto con quel minuscolo psicanalizzato, e che il cinema che fu ha sempre ottimi spunti per me stessa medesima...

Riuscirò a diventare una persona migliore, ad infarcire di novità la mia fantasia, a rimpolpare i polpacci pazzi dell'immaginazione, grazie a tutte queste visioni?
[...o userò questa scusa per poter cazzeggiare ancora molto (e a lungo) nei pressi dei cinemi di tutta Brescia?!]
 




un lunedì che ha, particolarmente, del lunedì

Il lunedì è più una condizione mentale che un giorno della settimana vero e proprio... Diciamo che, volenti o nolenti, ci troviamo un po...