venerdì 20 dicembre 2013

La vedi la luce in fondo al tunnel?

Ci sono quelle persone, le cui vite vengono stravolte da un qualche grande avvenimento, ed altre che si svegliano al mattino con un'incrollabile determinazione nuova, che venutagli chissà come e perché.

Io, che sono una personcina un tantinello particolare, ho dovuto mangiare un wafer con del latte caldo per arrivarci, illuminata dalle lucine dell'abete decorato, e con la compagnia di R-Dog che, con l'avvento dell'inverno ha scelto di dormire solo ed esclusivamente sotto le coperte... 

Il mezzo, grazie al quale sono arrivata ad una comprensione stravolgente della mia esistenza, mi fa propendere [sperare, forse?] che per me funzionerà di più e meglio!

Comunque, trattasi di rivelazioni.

Che cosa sono le rivelazioni?
Sono quella cosa che è andata pure parecchio di moda, tra ayurvedica e santoni, autosostentamento singolo o gruppi collettivi di sostegno, tutto molto empirico, molto elevato molto sofista, ma che poi, alla resa dei conti di un racconto, o sei Dante, che vede addirittura 3 post dove risiedere una volta tirate le cuoia, oppure è un cazzo di casino. 

Io mi trovo a descrivere una pochezza di situazione dalla sostanza bella ricca, e non è la cosa più semplice da farsi:
A- perché questa sostanza non ha apparenza; ergo, io posso inanellare parole a caso, ma qui si richiede un'abilità non indifferente, per far comprendere un pensiero che non ha un vero e proprio aspetto. 
B- perché son cose che sballottollano queste, quindi per raccapezzarcisi nella narrazione ci vuole un attimino. 

Cioè, rileggendo queste frasi già emerge tutto l'empirico che alberga nella mia personcina... 
...e con questa manfrina vi sto dicendo che se ci capite dentro qualcosa è perché io sono brava vera! 

Ma per fare chiarezza, torniamo a quel delizioso wafer e al latte caldo. 

In tempi antichi, ormai quasi remoti, la Patalice dopo le 22 non avrebbe MAI ingerito un carboidrato, che si sa fanno incicciottinare, ma ormai libera da questa rigidità, mi son ritrovata spesse volte a darmi appuntamento col mio folle amante latticinoso, ecco spiegato il mio connubio serale...

Insomma, son lì che ci puccio un loacker che bontà al cioccolato fondente, e mi si para nel cervellino un immaginario di me stessa che non è quello di oggi. 

Soddisfazione.
Serenità.
Appagamento. 
Consapevolezza.
Contentezza. 
Realizzazione.

Parole bellissime, che rimandano ad una persona bellissimamente fiera ed orgogliosa di se stessa, libera dalle convenzioni e dalla tradizione impostagli da "ciò che è giusto", banalmente fuori dal coro, perché non stonata, magari silente, ma presentissima.

Ecco, io ho pensato a queste parole, tutte in una volta, e le ho identificate, scovandole negli occhi e nelle esistenze di persone che ho attorno, e ci ho visto tanta di quella Grande Bellezza, da rimanerne vittima, inconsapevole ed incolpevole.

Ho sperato di riassumerle io.
Ho sperato di essere io.

Lo so, mi sono ripromessa di non fasciarmi la testa, ovttandola di cotone morbido e profumato, così da non farmi male, ma impedendomi anche di provare qualcosa oltre alle mie (troppo) alte aspettative...

Ma è più forte di me!

Il natale mi riporta a sperare.

Sarà che la parte del Grinch non mi è mai uscita granché bene, ma io non ce la faccio a lasciarmi vivere, che tanto le cose se debbono accadere accadranno ne più e ne meno...

Io sono quella che se la lotta, che se la metti con le spalle al muro con il tallone si scava un varco.
Io sono quella che la vita la affronta, e non ci crede che se non ti ci metti le cose non arrivano.
Io sono quella che tra il marrone del cioccolato ed il bianco del latte ha visto l'arcobaleno...

22 commenti:

  1. Fai a bene a non smettere di lottare Pata.. e si sa, le migliori rivelazioni si hanno sempre mangiando :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente EILS mai pensato a Socrate magro...

      Elimina
  2. "io sono quella che tra il marrone del cioccolato ed il bianco del latte ha visto l'arcobaleno"....
    che tu sei una persona speciale, in quanto tale, non puoi lasciarti vivere.
    che tu sei una persona che sogna ed è per questo che punti la tua asticella sempre più in altro, perchè quei sogni tu li vuoi vedere realizzati e non rimanere di appannaggio esclusivo di Morfeo.

    Per questo ed altri motivi ti dico che tu sei tu e sei bella perchè sei tu. Altrimenti saresti un'altra ma...ecco...ammè quell'altra mica so se mi piacerebbe poi così tanto! :D

    RispondiElimina
  3. Tu sei quella con le palle quadre. Esattamente come me. Sto fatalismo va bene fino a un certo punto, perché per i sogni si lotta, si combatte ed è vero che le cose belle succedono quando cacchio gli pare a loro ma una spintarella, a parer mio, gliela devi dare.

    RispondiElimina
  4. Diciamo che in questo ci assomigliamo: siamo gente che ci spera sempre, in fondo :)

    Moz-

    RispondiElimina
  5. a gusto mio, soffocherei o imbavaglierei tutti i Grinch del mondo: mi sgonfiano le ovaie, come io ovviamente strizzo le balle a loro, indistintamente, a maschi e femmine.
    è che mi piace sognare, a occhi aperti.

    stupenda questa tua frase .. " io sono quella che tra il marrone del cioccolato ed il bianco del latte ha visto l'arcobaleno..."
    .. geniale :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono pervasa da un pressante fancazzismo EN JOY, ed a sprazzi mi sovviene qualche genialata...

      Elimina
  6. Io sono quella che se la lotta, che se la metti con le spalle al muro con il tallone si scava un varco.
    Io sono quella che la vita la affronta, e non ci crede che se non ti ci metti le cose non arrivano.
    Io sono quella che tra il marrone del cioccolato ed il bianco del latte ha visto l'arcobaleno...

    Ma vuoi deciderti ad approdare in libreria? O su Amazon?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon propositi non ne faccio WANNABEFIGA ma prometto sorprese... Anche a me stessa!

      Elimina
  7. La magia del Natale dovrebbe rasserenare anche in queste prospettive. O rivelazioni:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh LIZ, se si parla di "magia del natale" un perché ci sarà, no?!

      Elimina
  8. Ciao Bel Blog ;)

    Se ti fa piacere partecipa al giveaway MAC MODE

    http://fabianadilauro.blogspot.it/2013/12/giveaway-di-natale-con-mac-mode.html
    Ti aspetto
    Faby di My Secretly Blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai partecipato ad un giveway FABIANA, ma sono del partito del "mai dire mai"...

      Elimina
  9. Bella l'ultima frase Pata, vale da sola tutto il post :) E' che tu sei brava vera, in poche parole dici tutto.
    Un abbraccio bella, buonissimo e dolcissimo Natale per te ♥

    RispondiElimina
  10. BELLISSIMO POST!!! Applauso applauso applauso!!! :) :) Mi sembra lo stato d'animo ideale per iniziare il 2014!! Sei forte!!!!

    RispondiElimina
  11. Sei proprio luminosa. Visto? Avevo ragione io. Sei giallo - girasole. Sei fatta per il sole :)
    e condivido tutto. oggi più che mai ho bisogno di leggere che è vero, che la vita bisogna andare a cercarsela, vincerla, possederla e spremerla bene. Io ho lanciato in aria una monetina e mi sto rischiando proprio tutto. le tue parole le prendo come un presagio. Che andrà bene.
    a margine. tu scrivi che è un piacere leggerti :)

    RispondiElimina
  12. Cara Alice mi piaci, sei molto simpatica, e il tuo linguaggio fa capire che non nascondi nulla!!!
    Devo veramente dirti brava... Buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  13. bella la mia acciughina...tanti auguri Pata. Che il tuo 2014 sia luminoso come un arcobaleno. Ti voglio bene.

    RispondiElimina
  14. "E se ci chiudono la porta dei sogni, siamo già morti." ha detto Roberto Benigni. Frase che condivido più che pienamente, virgola e punto compresi.

    RispondiElimina
  15. Che bella la tua riflessione! Mi piace il tuo ottimismo. Il Natale fa sempre sognare e sperare...fa bene al cuore e all'anima. Stupenda la poesia del mio concittadino Umberto Saba. Buon Natale cara e che sia sereno e felice come te lo meriti. Bacione ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avere ancora voglia di resistere SARAY, insistere su una felicità che c'è, basta scavare...

      Elimina
  16. A Natale è giusto fare queste riflessioni, ti dirò, ho una certa dipendenza per questi momenti, io mi ci perdo spesso, son cose che (mi) fan bene :)
    Un bascione

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!