giovedì 5 dicembre 2013

il signore al bar


La tazza del caffè macchiata di rossetto scarlatto gli parve sensuale, con un ché di peccaminoso.

Avrebbe voluto raccontarle della reunion della mattina, della promozione della figlia di Stagioni, dell'incarico per acquisire nuove filiali in tutto il paese, dell'aumento di entrate previsto con l'ausilio dei nuovi titoli, ma avrebbe ricevuto uno sguardo stanco, annoiato e disinteressato, lui si sarebbe alterato, lei avrebbe sfoderato l'abito da Povera ragazza indifesa, e vittima e carnefice si sarebbero delineati in breve.

"Hai un profumo diverso" disse invece, lei parve sorpresa, con uno sguardo di maliziosa immoralità, spostò la mano dal croissant, ritraendola per mettersi un dito dallo smalto rosso davanti alle labbra, "Te ne sei accorto".

La voce roca di lei ancora aveva la capacità di squartare la sua rigidità, sciogliendo la sua parvenza ferrea, e si trovò eccitato solo da un pensiero, aperto e spalancato, un pensiero che sapeva cosa fare e dove andare a parare.

Si rigirò tra le mani il bicchiere vuoto di spremuta di agrumi, e la fissò con un sorriso aperto ispirato e stanco: "Sei ancora bella, ancor più bella di quanto non potessi immaginarti quando ti ho incontrata."
"Lo dici con stupore, anima mia...."
"No, stupore no, lo dico con sgomento piuttosto, com'è che la natura con te è così dannatamente generosa, mentre si prende gioco di me, che ho la tua età e potrei sembrare tuo padre?"
"Meriti?"azzardò lei arricciando la bocca dai denti immacolati.
"Meriti? Perché meriti?" chiese piegando il Sole 24ore che non stava leggendo.
"Io non ho coscienza sporcata da nulla, perché non faccio nulla, ho il grande pregio del mio tempo e della mia vita... mentre tu, anima mia, tu te la sporchi in continuazione lavorando con lo sporco, ho il merito scelto di non farlo, tutto qui."

Guardò la moglie dalla pelle ebano, la sua provocante figura, la facilità con la quale regalava ai posteri la sua semplicità affettata e si sentì più vecchio di quanto non fosse.

Lei amava lo stile di vita che lui le concedeva, apprezzava i regali abbondanti e frequenti, adorava i viaggi paradisiaci e l'indipendenza totale concessale dal lavoro che lui faceva; di contro lui stravedeva per la bellezza che sprigionava la compagna e le aveva perdonato sia l'assenza di figli che l'abbondanza di lamentele.

Lui faceva sesso frequente con altre donne, nessun'amante fissa che facesse ripercussioni, o che mostrasse velleità carrieristiche o ambizioni di chissà quale natura, banali incontri fissati in club rispettabili e ben frequentati, dove fare ottimi incontri, anche lavorativi, era ordine del giorno.

Lei faceva iniezioni di collagene sapienti, un chirurgo discreto, una clinica vicina ma non troppo, risultati sempre apprezzabili ma mai invasivi al punto tale da far pensare ad altri che accadessero, fantasmi di episodi che potevano essere addotti, ma che non ricevevano certezza in alcun modo.

Andava bene così e lo sapevano.

Erano una coppia rodata, stavano insieme da tantissimo, si erano scelti e cullati, viziati e visti diventare "grandi", e lo sapevano.
Erano consci che l'amore fosse un'altra cosa, ma non erano nemmeno lontanamente falsi e tendenziosi nei pensieri e negli atteggiamenti, si sceglievano ogni giorno, perché stare insieme era la cosa da fare, e la facevano con impegno encomiabile, come erano encomiabili loro due.

"Questo weekend potresti andare a Sestrierre ad aprire la casa, un giro autunnale per i fasti invernali, che ne dici?", spostò il peso da un fianco all'altro con sensualità e senza sciatteria alcuna, "Vieni con me?" chiese in un sospiro pesante. 
Lui sorrise da dietro gli occhiali spessi "Vorrei. Ti farebbe piacere?" la incalzò cercando un minimo di romanticismo.
Mangiò la foglia velocemente, in quel gioco di situazioni e di malizia "Molto. Farà freddo lassù, non mi va di spaccare legna per scaldarmi..." 

Lui guardò il Cartier che aveva al polso, e poi guardò lei bastonato "Tanto mi aspetta la pedicure, vai..." 
Lui si alzò, le baciò la testa spostando gli occhiali sulla testa, e chiese al cameriere di chiamarle un taxi.

La osservò dalla strada, mentre si accendeva una sigaretta coprendola dal vento, era bella davvero quella dannata donna.
La sua rovina avevano pensato in molti, un gran culo avevano detto altri.

Lui sapeva solo che era bella, com'era bella la loro casa in montagna.
E quella al mare.
E le loro due auto.
Ed il guardaroba di lei, e quello di lui.

Per fortuna, o purtroppo loro erano rovinosamente graziati da Dio.

32 commenti:

  1. Uau!!! Personaggi delineati benissimo!!!!!!!!!!!Sono indecisa se amarli, invidiarli o disprezzarli.....BRAVA!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo debbo dire ELLIE: era esattamente il tipo di sensazione che volevo suscitare...

      Elimina
  2. Cara Patalice, racconti e fantasie sono la tua specialità!!! Brava cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una cosetta nella quale mi diletto, il cazzeggio pensavo mi riuscisse meglio TOMASO! Grazie per avermi smentita...

      Elimina
  3. me ignit al lat ai zenòch !! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. KERMIT giuro, non sei obbligato a leggermi...
      a parte il fatto che il latte mi piace a tal punto che essergli paragonata mi pare meraviglioso!

      Elimina
  4. Ahaha, bel racconto.
    Anche io vorrei essere come loro.
    Anche se a loro manca il jet privato :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e tu MOZ bello quello ce l'hai?!

      Elimina
  5. Com'è triste e com'è squallida questa storia. Il tuo stile di scrittura è perfetto per raccontare una storia così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tornata perché d'improvviso, vedendo il tuo nome nel mio blogroll, ho avuto la sensazione che le mie parole non traducessero il mio pensiero. Non quello che tu hai scritto è squallido, ma la sequenza di freddi assurdi scambi della coppia e le tue parole hanno descritto benissimo una situazione non così avulsa dalla realtà.

      Elimina
    2. In realtà, inizialmente, s'era capito che Pata "scrivesse in modo squallido".. ahah

      Elimina
    3. Ahah anche io ho frainteso.
      Alice è stata bravissima. Scrive benissimo :)

      Elimina
    4. Io speravo in un insulto AMBRA che adesso mi state montando la testa, MANUELA e la sua dolcezza in primis. LAMPOUR se la ridacchia perché lui pensa davvero io sia squallida ;-)

      Elimina
  6. Sei bravissima Pata :)
    Ps: adoro il blog versione natalizia!

    RispondiElimina
  7. perchè scrivi così piccolo, che ho già un inizio di congiuntivite?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi prenderò cura dei tuoi bulbi oculari SILVIA, promesso!

      Elimina
  8. non male questo episodio di flash fiction

    RispondiElimina
  9. Crudo e vero. Brava la mia Socia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di una verità socia che non è la mia... Ma mai dire mai...

      Elimina
  10. Tu dovresti scrivere il tuo libro...ma lo sai già vero?
    Complimenti compare! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Compare poi ti toccherebbe prima comprarlo e poi fartelo firmare dalla sottoscritta però, lo sai?!

      Elimina
  11. sei davvero brava....scrivere ormai è diventata una cosa rara...quindi io in generale apprezzo già chi di per se scrive un blog...ma lo scrive davvero e non solo lo riempie di immagini e glitter...ma non posso non apprezzare ancora di più chi scrive davvero bene come te...
    buon week end

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole veramente gentili VENDY, non mi resta che prostrarmi in un gigantesco grazie

      Elimina
  12. Non mi ha convinto alla fine.. troppi Cartier, troppi Sole24Ore, troppi Sestriere... bastava forse meno ad inquadrare la coppia aggraziata da Dio che comunque se ne strafotte... gli balena giusto un vaghissimo sussulto tra un morso al croissant ed il camino dopo cena... ma ha da arrivà la Finanza!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esacerbato dici LAMPOUR?!

      Elimina
    2. .. ma già pentacerbato.. eh eh..

      Elimina
  13. nice story!
    ❤︎
    xxx
    mari
    www.ilovegreeninspiration.com

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!