mercoledì 4 dicembre 2013

Il quadrato costruito sui due cateti?

A me la matematica non è mai piaciuta, ancor meno reggevo la geometria...

 E questo è più che un fatto, è una solida realtà! 

Ho, di contro, un marito, un padre ed una sorella, che ci sguazzano come scrofe nel trogolo, e scusate se è poco... 

Penso che la mia vicinanza a questa tipologia di persona non sia affatto casuale, piuttosto fonte di un ancestrale e mai riconosciutomi abbandono da parte della logica/trigonometria/fisica quantistica... 

Io non li gradivo quand'ero un'innocente scolaretta col grembiulino, la cartella più grande di se ed il caschetto con la frangia, e questi bruti, queste discipline insolenti mi hanno lasciata indietro! 

Ma NON È COLPA MIA se io sono un'anima a tratti naïf, con una forte componente caratteriale che si accentua nel voler fare sempre e solo quello che mi pare e piace!

Io sono un'anarchica ben cammuffata dai miei bei vestitini piccolo borghesi! 

La matematica dice che è così perché è così.
Pitagora è arrivato a morire piuttosto che sentir contestato il suo teorema.
I matematici son persone particolari,nell'asperto di scienziati, ci incucunano facendoci propendere per un'innata simpatia, ma in verità son esseri dittatoriali che non vogliono prosistica ma solo enunciati.  

Eccola qual'è la realtà dei fatti!

Ed io dico no!

Mi ribello al modo e contesto il sistema.

Perché io sono un'esserino fantasioso, che ha bisogno di ampi spazi per potersi esprimere, che non regge la genufletta sudditanza di numeri e iperboli... 

Per di più sono totalmente coerente con la mia contraddittorietà quotidiana, che mi porta a non recintarmi dietro nulla di troppo stabilito, ma che ha un sacco di cadenze e una casistica imprevedibile...

Per dirla alla "pane e salame" sono completamente instabile e volubile come pochi! 

...ma se la mettiamo così "sembra" un mea culpa sussurrato ai 4 giga, e invece sono seria come la mononucleosi alle superiori! 

Mi sono circondata di persone fondamentalmente strutturate e dalle menti perceptionistiche, che fanno di Excel pane quotidiano e sanno calcolare gli sconti in 3 secondi netti [in tempo di saldi Jn è particolarmente apprezzata per codesta velleità!]

Io no.

Non è che non mi ci impegno è che proprio non mi ci approccio manco!

"Ma non capisci?" mi chiede Paparotto Gigiotto mentre calcoliamo l'IVA sulle fatture, e non sa che io mi sono fermata a quando ha detto che l'avremmo fatto... 

"Ci sei Patalice!?" domanda Brivido con il metro in mano, intento a misurare la cucina per vedere se ci sta, ed io penso che sopra le teiere danno confusione. 

No non capisco e non ci sono.
E francamente non me ne frega poi moltissimo...
...ma questo a loro non lo dite che ci tengono tanto!

52 commenti:

  1. eggià, per noi Dreamers la matematica è una zavorra inutile, sulla mongolfiera dei nostri voli pindarici.

    ... va là, che pensierino ti ho regalato stamattina?

    ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però si stabilisca JEANLOUPVERDIER che il pindarico è campo della sottoscritta

      Elimina
  2. A me piaceva la trigonometria perché per risolvere quei problemi non dovevi affidarti ai numeri ma alla fantasia più spinta. La matematica dei sognatori in pratica :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Messa su questo piano potresti quasi cogliermi in fallo e convincermi Socia, ma alla fin delle finite invece no...

      Elimina
  3. La matematica è una mongolfiera su cui pochi hanno il coraggio di salire ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indubbiamente l'ardore di avere a che fare con la matematica non è per tutti MARCO, non da me senza dubbio!

      Elimina
  4. a loro non glielo diciamo, ok, però a te lo posso dire vero che manco io ci capisco e nemmeno io ci sono e, esattamente come te, non me ne frega poi moltissimo? Bacio, Pata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si BRI diciamocelo tra noi altre con gran spolvero di solidarietà femminile...

      Elimina
  5. Non dico niente promesso!!!Io se non ho la calcolatrice sono una donna persa...quando ci sono gli sconti poi non so da che parte rifarmi col conto..una tragedia insomma...Paio scema...Ma sono sopravvissuta finora...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noto MANU che, sebbene mi avessero sempre tessuto le lodi sull'urgenza di essere matematicamente edotti, io non mi sono mai sentita da meno non sapendone una beata fava!

      Elimina
  6. Io ti capisco!!
    Sono proprio tarato per queste cose! Nemmeno se ci passi una giornata intera me le riesci a far capire...!! XD

    2+2 fa sempre 4, ma può fare 3 o 5 :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non iniziare a mettere pure i numero MOZ che mi va il cervello a farsi benedire...

      Elimina
  7. W le scrofe nel trogolo!!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Restano le mie persone predilette ANDREA...

      Elimina
  8. ti capisco perfettamente... io non riesco ancora a capire perché dovrei credere alla fisica ma non a Babbo Natale... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meravigliosa questione STRAWBERRY! La farò mia e promulgherò il suo valore per le strade!

      Elimina
  9. Anche io a scuola facevo pena in matematica. Ognuno di noi solitamente sviluppa di più un emisfero del cervello rispetto all'altro. A sinistra stanno i calcoli logico-matematici, a destra la creatività e la fantasia. Avendo intrapreso la strada artistica, io sto decisamente a destra ;)

    Beati coloro che riescono a tenersi bene a cavallo tra i due!

    http://2.bp.blogspot.com/-qYo8QV_e5gQ/Tx8sJrpHoXI/AAAAAAAADLQ/n6AH1Q9TYto/s1600/Mercedes-Benz-Left-Brain-Right-Brain-Paint.jpg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O brave noi IRIDE che abbiamo avuto la coerente forza di scegliere!?

      Elimina
  10. nella matematica ci sono anche cose molto fantasiose....... mai sentito parlare di numeri immaginari e radice quadrata di 2 ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse dal salumiere una volta KERMIT ma ho iniziato a leggere sei polifosfati del prosciutto e non ho più sentito nulla

      Elimina
  11. Cara Patal8ice, mi pare che tu per abitudine ti crei problemi!!! Non lo ha capito, che sei brava basta concentrarsi
    e tutto sarà più facile. Forse mi sbaglio, per che io non ho studiato!!! Scusami.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avrai studiato ma molte persone che hanno lauree & company TOMASO mi leggono dentro peggio di te, quindi...

      Elimina
  12. La matematica è quanto di più creativo la mente dell'uomo sia riuscito a creare. Al pari della letteratura, secondo me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io posso capire che taluni la vedano in questo modo VALERIA, e lo rispetto immensamente, ma per me è una gran castroneria!

      Elimina
  13. Io proprio perché poco la capisco l'ho sempre trovata affascinante, la matematica. Regge il mondo eh, mica pizza e fichi. La vedo come la più sublime delle arti. Anche se poi preferisco perdere le ore a guardare il cielo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei affascinante sotto moltissimi punti di vista MAREVA, hai quel tuo mondo meravigliosamente costruito che ti fa bella

      Elimina
  14. Io odio la matematica. Però sono certa che sia molto importante nella vita. Per qualsiasi cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece SARA mi sono accorta che in 28 anni ce l'ho fatta anche senza nozioni particolari...

      Elimina
  15. La matematica è solo un gioco e tutto è dimostrabile, basta girare e rigirare i numeri, finchè si incastra tutto alla perfezione... ed è bellissimo!
    Però tutto il resto è relativo: ti dimostro un teorema dal nulla, ma sul calcolo dell'Iva sono capace di perdermi....
    Ciao, Tatiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TATIANA so che per gli amanti e gli addetti al lavoro trattasi di una meravigliosa Narnia, sono io che proprio...

      Elimina
  16. matematica? what's???
    Oddio come ti capisco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...avremmo dovuto fare le superiori tutte insieme BETTY, noi matematiche mancate...

      Elimina
  17. Io c'ho provato per qualche anno, iscrivendomi addirittura ad ignegneria (oh yeah). E se prima era una sensazione, ora posso affermare che sono proprio un altro tipo, ma non da matematica! E mi va benissimo così!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però vedi che non hai mollato ed hai provato a vagabondarci in mezzo NILY prima di deciderlo!? Io invece non ce l'ho mai fatta e navigo a vista nel mare delle zuccone ignoranyi

      Elimina
  18. Io per non capire un cazzo di matematica, mi sono laureata in Economia. Ma è stata una rivelazione. La matematica in sé è noiosa è inutile. Se invece è applicata a qualcosa va decisamente meglio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siete in parecchio ad animare la conversazione WANNABEFIGA, splendide donne i cui cervello sono asserviti alla matematica...

      Elimina
  19. Simpatico il tuo post. Anch'io sono sempre stata negata (e lo sono tuttora) per la matematica. Difatti ho fatto lettere.

    RispondiElimina
  20. La mia mente è sempre stata portata x la matematica ma il mio spirito si è sempre rifiutato...un conflitto interiore da non credere, che mi ha fatto fare scelte sbagliate x tutta la vita...ho studiato lettere e lingue straniere x ritrovarmi a fare l'impiegata amministrativa..ma ti rendi conto come sto messa??? Almeno tu 6 riuscita ad espellerla dalla tua vita a priori...ti ammiro!!!!
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho avuto spessissimo un atteggiamento di aut aut nei confronti delle cose ZIA CONSU, fatto che mi ha prerogato parecchie situazioni, ma tant'è...

      Elimina
  21. come ti capisco! con una sorella chimica mi sento spesso dire "ma che ti credevi? che le cose funzionassero per magia?". ovvio che sì

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...perché FEDERICA, non è così!?!

      Elimina
  22. con la matematica ho un rapporto di amore-odio.il calcolo dell'iva è nella fase odio, odio profondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io d'amore non ne provo proprio ANTIPATICA, ma si så che io sono un'estremista...

      Elimina
  23. che bella questa atmosfera natalizia nel blog ;)
    io odio la matematica, soprattutto da quando a causa dell'ultimo esame devo studiarla tutta grrrrrrrrrrrrrrr
    baci baci

    RispondiElimina
  24. Come ti capisco, anche io dopo un pò che si parla di logica e numeri mi rendo conto di perdere completamente la concentrazione e mettermi a pensare ai fatti miei...ho sempre fatto così, fin dalle elementari, e infatti sono sempre stata negata per le materie scientifiche.....in più sono anche l'antiprecisione per eccellenza...e come punizione divina, faccio un lavoro (la modellista) dove i millimetri sono importanti e in cui bisogna essere precise fino alla morte.....è una lotta quotidiana contro la mia natura, una faticaccia....

    RispondiElimina
  25. Io sono proprio come te, se vedo numeri il cervello si annebbia si rifiuta si siede in un angolino remoto del cranio e pazientemente aspetta che papà o fidanzato facciano i conti. Vorrei provarci, anzi ci provo, ma se non riesco a calcolare ne lo sconto ne l'iva sulle merci mi demoralizzo, quindi lascio questo compito ad altri.

    RispondiElimina
  26. A me piaceva anche la matematica ma siccome vado a 'lune' su tutto se me la spieghi adesso il mio cervello si rifiuta categoricamente di comprenderla. Il mio cervello funziona così su molte cose...è una bella lotta! ah che roba le persone scientifiche...per me misteri insondabili XD

    RispondiElimina
  27. Io il calcolo degli sconti non lo so fare manco con la calcolatrice....pensa come sto messa pure io!!
    In compenso ho sposato un ingegnere!!!!!

    RispondiElimina
  28. Post molto ben scritto, anche divertente, che penso dica tanto e non solo sulla matematica.
    Per rimanere in tema, senza appesantire troppo il commento, dirò che in realtà io non ho mai avuto problemi con questa materia, so da sempre che il mio sogno è quello di intraprendere una carriera ricca di numeri, IVA, fatture e così via, ma proprio matematica è l'esame che mi sta dando più pena all'università.
    Però oh, i numeri son quelli, le operazioni pure, prima o poi ci riusciremo :-)
    Buona giornata :)

    RispondiElimina
  29. I matematici sono (i primi) filosofi.
    E quando si è filosofi si rischia proprio di diventare... anarchici.

    RispondiElimina
  30. ... ma allora questo mio fa al casissimo tuo!!!! http://francobattaglia.blogspot.it/2013/11/paradosso-matematico.html

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!