lunedì 30 dicembre 2013

Costruire un nuovo anno si può

Cercando il bandolo della matassa non possiamo non dire quanto sia stato bizzarro non festeggiare il natale col parentado intero, riunitosi a festa per "quella" volta all'anno, eppure è successo!
...e non è venuta l'apocalisse, dai rubinetti non è sgorgato sangue, e locuste e rane sono state ai propri posti...

Che poi io non sono così falsa e fasulla da dirmi contenta, anzi un pochetto mi è spiaciuto perché è tradizione, ma non è un cambio di programma poi così drammatico. 

Diciamoci che forse nella destabilizzazione da tradizione infranta, c'è una buona premessa per innovativi sospiri da tirare. 

Ora, a me i cambiamenti mettono un'ansia folle, ma dato che l'anno scorso tutto è stato rispettato alla lettera e le cose sono andate come sarebbe stato inauspicabile andassero, questa volta va bene così. 

Per "cose andate come dovevano andare", intendo la Vigilia strepitosa tra famiglia di origine e famiglia d'elezione, il natale baccanoso di parenti a destra e a manca che uno non ce la fa più ma meno male che col 26 ci si ripiglia, ed il 31 scevro di folle divertimento, anche se vissuto con la gente giusta. 

Ecco, quest'annata parte con la consapevolezza che non si partirà con le intenzioni solite, ma si proseguirà alla cieca, raccapezzandosi tra tradizioni vecchie e novità che destano stupore, ma che faremo nostre. 

Sto pensando all'ultimo dell'anno, visto che è domani e che si sa che tra bilanci e propositi, è un bel giro di boa, quello che domani ci toccherà. 

Io al Capodanno non do viscerale importanza, diciamo pure che manco da ragazzina era prioritario per la sottoscritta, eppure si cerca sempre qualcosa che ci faccia sentire in pari col mondo, e con la legge per la quale chi sta solo e non fa un cazzo l'ultimo dell'anno, starà solo e non farà un cazzo tutto l'anno.

Per quel che concerne la sottoscritta, non ricordo particolari fuochi d'artificio che brillano nei cieli dei miei 31 dicembre... 
Ricordo qualche festa, poche ben riuscite, cene sempre sottotono, ma sicuramente perenne giusta compagnia.

Eppure l'anno che cambiò il corso delle cose, iniziò da un primo dell'anno, a dir poco bizzarro: una porzione gigante di sushi e pinzimonio tutto per me, ed un brindisi a casa della SuperNonna, io e lei sole con gazzosa e un lungo abbraccio. 

Dopo quella notte, che per me resterà magica, qualsiasi altra cosa possa pensare di fare, la mia vita cambiò radicalmente...  

Conobbi Brivido e ritrovai me stessa.
Decisi di sposarmi, di cambiare parere, di modificare la routine.
Grazie a quella notte... 

Ovviamente, essendoci il mio adorato maritino, non potremo iniziar l'anno se non insieme, quindi non potrò bissare quel 31 dicembre, anche perché la magia è nata da una spontaneità non studiata ed improvvisata al 100%...

Tuttavia, abbiamo deciso di fare rotta verso un mare nuovo: una compagnia super ristretta [io, Jn, Brivido, Rocket man] una città che non è la nostra ma che amiamo alla follia, una cena in un posto noto [sopratutto per le sue gigantesche cotolette], un brindisino in piazza nel casino di persone sconosciute, e basta...

Non so se mi porterà bene, non mi importa, tanto più che, lo ripeterò allo sfinimento, ho deciso di non fare buoni propositi, forse manco bilanci, di non avere aspettative, e di non esprimere desideri ne chiedere grazie, semplicemnete voglio stare bene nella mia pelle in questo momento, e per farlo scelgo il ripristino...

...e vedremo un po' domani, che questi son mica gli auguri...

11 commenti:

  1. che importa il luogo, la cena?
    l'importante è stare con le persone che ami! allora c'era la nonna .....oggi c'è brivido! e con quel nomignolo vuoi che non sia una notte da sballo?
    io chiudo questo anno piuttosto delusa dal licenziamento inaspettato e non meritato!
    quindi il mio proposito x il 2014 è.........trovare lavoro!
    abbraccione principessa!♥♥♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NADIA ti auguro che succeda, ed auguro a me stessa quel che viene...

      Elimina
  2. Beh, io penso che quando uno vuole, può comunque dare una direzione alle cose.
    Spero per te che anche il 2014 sia un anno foriero di belle novità come l'anno che cambiò in meglio la tua vita!
    Un MozAbbraccio! :D

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo MOZ, siamo artefici del nostro domani!
      Aver preso un 2013 caricando lo di tanto peso non ha fatto che darmi delusioni e malumore, quest'anno scelgo di non chiedere, non faccio la passeggera di nessuno, guido io! Un PatAbbraccio a te

      Elimina
  3. e l'augurio (ma ripasso anche domani eh!) migliore che io ti posso fare è allora proprio quello che ti auguri tu stessa: star bene adesso, che la serenità non ha davvero prezzo. e direi che il tuo programmino per dare il benvenuto al 2014 è come quelli che piacciono a me! auguri cara Pata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un programma che strizza l'occhio a del santissimo egoismo BRI... Ma gli auguri ce lo facciamo domani

      Elimina
  4. C'aveva ragione lo zio scemo Socia mia, non esiste il tempo esistiamo noi, adesso. Gli anni sono convenzioni. Io di proposito ne ho uno solo: essere felice. Ed è quello che naturalmente auguro con tutto il cuore anche a te, in qualsiasi forma la felicità decida di manifestarti nella tua vita.

    Auguri tesoro!

    RispondiElimina
  5. Buon Anno!! Continua a scrivere mi raccomando. L'anno prossimo io dovrò ricominciare tutto da capo...e non vedo l'ora.
    TUTTI IN CORO W PATALICE!!!

    RispondiElimina
  6. Mmmmmmm Colonna?!? Cmq... Avanti tutta 2014! Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Hai scritto delle cose bellissime.

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!