mercoledì 27 novembre 2013

Lezioni dai Lindt

Mi ricordo, a grandi linee, l'intro de "Il Ciclone" il (unico) film di pregio di Pieraccioni.
Diceva che quando il ciclone passa, piglia tutto e porta via, e tu non puoi far altro che star li a ripigliarti...

Ok non so se le parole fossero esattamente questo, ma non siete citrulli, il messaggio l'avete capito.

In natura un ciclone è una calamità, stato di allerta, aiuti nazionali, croce bianca e protezione civile, e via ciarlando.

In Patalice il ciclone non si vede, ma si avverte, non si sente ma ha voce bella forte, pare non cambiare nulla, ma in verità lascia scompiglio invisibile.

Progredendo (ANCORA?!?) nella maturazione di me stessa e del mio riappropriarmi di chi sono, faccio passi azzardati e delle volte lo smarrimento ha il sopravvento.

È vero che mi entusiasma parecchio questo "viaggio", mi sveglio attiva/serena/pronta/vigile, ma è anche vero che lo sconforto non si è dissolto, ha mutato aspetto, ma non stenta a farsi riconoscere.

Sconforto de che?!
Giusta obiezione...
Mettetevi nei miei panni: per TUTTA la vita avete fatto la stessa strada, 28 anni che prendete la vostra macchinina svoltate a destra e vedete il benzinaio sulla sinistra prima di arrivare a casa. Poi, d'un tratto, la strada diventa a senso unico, potete partire da lì, ma per tornare indietro siete obbligati a prendere la parallela. 
E su questa parallela non c'è il benzinaio, ma un laghetto artificiale, corbelleria di un tizio stravagante; la strada non è più lunga, semplicemente è un'altra strada. 
All'inizio, accogliete la cosa con diffidenza, poi capite che vi fa piacere vedere lo stramboide ed il suo laghetto, e vi piace fare quell'altra strada...

Certo, non è che dall'oggi al domani va scemando la sensazione di perdita, alle volte vi manca ciò che conoscete, e vorreste riprendervi quello che non temete di dover riaffrontare.
Dopotutto vi hanno tolto una certezza per Diana, e non la si ricompra al mercato!

Ecco.
Per farvi capire un po', io sono lì!
Rimiro il laghetto artificiale e penso, con curiosità crescente, che dovrei e potrei chiedere al proprietario come gli è venuta quest'idea...
Però ogni tanto, quando mi ritrovo ad essere così contenta per la scoperta del laghetto e del suo padroncino, mi dico: ma sono scema?! 
Ma per ventotto anni perché non ho mai imboccato quella strada? Mica era proibita! 
Avresti potuto prenderla... Hai sempre sprecato opportunità?!

Smarrimento.

Sono la solita menata.
Mi faccio troppe domande e penso troppo.
Dovrei essere decisamente più sciolta...

Si impara da altro, oltre che dai Lindt la scioglievolezza?!

45 commenti:

  1. in effetti, scioglievolmente ti dico: che monata le menate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Monata cosa sarebbe JEANLOUPVERDIER ?!

      Elimina
  2. Io scenderei a fare quattro chiacchiere col tizio strambo ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrò decidermi a scendere dall'auto CLYO

      Elimina
  3. La scioglievolezza...bel modo di raccontarla. E comunque io di fronte a quella tazzona di cioccolata, mi sciolgo alla grande. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se così non fosse VALENTINA non saprei chi ho di fronte, il contrario mi pare abominio!

      Elimina
  4. Cara Patalice, è sempre bello leggere le tue sempre belle cose che racconti.
    Ciao e buon pomeriggio, oggi abbiamo il sole.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero TOMASO c'è un sole bello e luminoso, ma fa freddissimo!

      Elimina
  5. Non importa da quanto tempo hai preso la strada nuova, importa che tu l'abbia fatto! Pensa che la tua Socia scema, invece, ancora fa la stessa strada. E di anni ne sta per fare 29. Porcalapupazzazozza.

    Un bacio Pata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Socia tu sei già dentro la strada nuova, è solo che non è ciò che volevi per te stessa, se non lo so io...
      Ma a breve capirai anche tu PRINCESS che vuoi un istante di quella serenità che prescinde...

      Elimina
  6. Si impara che se vuoi essere logico e leggi gli ingredienti dei Lindor con il cioccolato vero (tipo Amedei) hanno poco da spartire...ma quando li metti in bocca ti sciogli anche tu :-)
    Cioè, nella vita ogni tanto bisogna fregarsene della razionalità e bisogna solo seguire il cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io FEFO al cuore do attenuanti che la mente manco sanno dove stanno...
      Però mi faccio anche un'altra domanda: perché i prodotti più buoni e reclamizzati contengono tante sole quanto bontà?!

      Elimina
  7. Mmm, hai scritto Lindt e io... non ha capito più niente!!! Mmm, cioccolatooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco PERSEFONE, ho il tuo stesso handicap di fronte si grandi temi della vita tipo cioccolato...

      Elimina
  8. mmm...penso troppo anche io, sai? Davanti a una tazza così però, non ci si deve pensare su due volte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bere tutto d'un fiato senza rimorso alcuno SIMO, concordo con te!

      Elimina
  9. I Lindt sono la risposta ad ogni domanda! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provato il gusto stracciatella NYU?! Leggendario...

      Elimina
  10. Secondo me ti spieghi molto bene e ti auguro che queste riflessioni personali (al di là anche dello psicologo) ti siano utili:-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo Strizza LIZ è veicolo, ma io lo sfrutto appositamente

      Elimina
  11. La parte che mi piace di più è quando ti chiedi come mai non hai mai imboccato quell'altra strada prima, perchè in effetti era sempre stata lì....illuminante!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un lumino acceso sulla mia demenza ELLIE...

      Elimina
    2. Sulla tua Saggezza, Pata!!! :)

      Elimina
  12. A questo punto ci starebbe bene un bel viaggio da sola...te lo consiglio!!
    Anche solo di un paio di giorni in un posto che non conosci.. Italia o estero.. metropoli o piccolino paesino non importa, conta il DaSola in PostoNuovo!
    Non c'è occasione migliore per "prenderla la strada diversa" ... anche se resti ferma in un bar a sorseggiare un caffè, sei già entrata nel movimento del conoscere e aprirsi!!
    Parlare con una persona sconosciuta, vivere da sole le emozioni del conoscere, aiutano la "scioglievolezza"

    Buona strada
    EleCikis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei avere il coraggio ELENA, essere la donna che impara che per prendersi le cose deve appropriarsi del proprio tempo. Invece, coniglio, mi trovo splendidi alibi che giustificano la paura di fare, facendola apparire con mille maschere differenti...

      Elimina
  13. Si può avere una tazza di quella cioccolata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non si può avere manco quella BAOL...

      Elimina
  14. scendi! Vai e ti togli 'sto dubbio e magari poi penserai che ha fatto bene... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proverò MAFALDA, forse proverò davvero...

      Elimina
  15. E' che quando leggo i post capisco sempre quello che voglio capire. E alla parola ciclone mi si è staccato il cervello...

    RispondiElimina
  16. post sacrosanto... ma la scioglievolezza del lindt non mi ha mai convinta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non mi lascio convincere e manco ci provo SECONDO BINARIO, io approfitto!

      Elimina
  17. non ti sei ancora del tutto calata nello spirito natalizio. Rilassati e goditi una buona cioccolata calda con un po' di musica soft alla luce dell'alberello :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda VIX mi så tanto che quest'anno la sciallatezza. Natalizia non la vedo manco col binocolo!

      Elimina
  18. La vita è un'opportunità per volta (presa) contro una migliaio di altre (perse).
    Lasciateme la cioccolata almeno (ma non nel panettone)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella è una delle poche certezze di mancata delusione LAMPOUR, fa già metà del lavoro

      Elimina
  19. ti consiglio un libricino Chi ha spostato il mio formaggio?
    sulla quarta di copertina promette che cambierà la vita a chi non ama i cambiamenti: a me non l'ha cambiata ma mi ha dato qualche spunto di riflessione molto utile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendo il libro ed accetto il consiglio FEDERICA che male non può fare!

      Elimina
  20. Non è che si mettono dei sensi unici così, senza tenere conto della routine della gente!!!
    ....io mi farei il senso unco in retromarcia....ogni tanto....così.....in memeria dei vecchi tempi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non forzare mai la mia natura scegliendo la strada più semplice PERFEZIONENONFAPERME

      Elimina
  21. Ciao Pata! Si vede che fino a questo momento non era tempo di imboccare quella strada (anche se ora ne sei costretta)... oh, mi hai fatto venir voglia di una cioccolata calda :-D :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Così però mi metti addosso tutte quelle responsabilità che cercavo di scansare NIKO

      Elimina
  22. la scioglievolezza va bene per un momento di relax,per il resto è meglio mettersi in macchina e andare da un altro benzinaio, magari più simpatico e senza laghetti artificiali magari pieni di zanzare intorno...buon fine settimana...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scegliamo noi la strada CHIARA anche se alle volte ci trinceriamo dietro scuse e destini...

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!