sabato 16 novembre 2013

aquile dalle ali spezzate


 La mamma del Paparotto Gigiotto ha avuto un infarto. 

È stata operata e sta recuperando sdraiata in un letto di terapia intensiva.

Stiamo passando ore critiche che determineranno il suo domani, ed intanto aspettiamo. 

Personalmente non ho un legame affettivo tale da essere dispiaciuta ed in pena per lei, però mi strugge Paparotto Gigiotto, che è al suo capezzale pieno di premure e di senso di colpa per non aver agito in modo più incalzante. 

Lei non è stata una "nonna-nonna", nessuna grossa dimostrazione di affetto, non una presenza presente nella mia infanzia, nessuna partecipazione speciale nella mia esistenza o in quella di Jn...

È una donna dal carattere aspro, poco incline al sentimentalismo, assolutamente allergica a dimostrazioni affettuose di ogni genere e sorte, l'hanno temprata le asperità della vita. 

La poliomielite che l'ha colpita da bambina e della quale si è portata appresso il peso di un handicap; una vedovanza precocissima con un figlio di 3 anni ed una di 4; le difficoltà economiche perpetrate... 

Dio solo så quante volte siamo arrivate a parole grosse, lei in particolar modo, perché esulava da lei il concetto di accomodanza.
Mi ha detto cose irripetibili mostrandomi si il suo sdegno, ma anche la sua anzitempo lezione: la libertà!

Una donna di 86 anni, privilegiata da ragazza perché aveva fatto le superiori, ormai logorata dalla senilità, ha l'aspetto fiero di chi si stacca dalla tradizione e dalle convenzioni a beneficio e discapito dei presenti. 

Un inno, il suo, alla totale libertà di agire, parlare e comportarsi, che l'aveva condotta all'isolamento, che però lei viveva come un premio... 

Era moderna in un modo che non andrà mai di moda, per fortuna o purtroppo. 

Volente o nolente le devo quello che è l'uomo più importante della mia vita, che ora si fa piccolo e si farebbe cullare volentieri da braccia che non l'hanno fatto che di rado; ma che, pur senza una canonica famiglia alle spalle, ha saputo iniettare un così profondo senso del valore a me e Jn, il suo patrimonio genetico e morale. 

Ma non è solo questo che me la fa ricordare con un velo di gratitudine: penso che anche lei, con le sue aspre intemperanze abbia contribuito a farmi uscire da un guscio che non so se ho mai avuto.
Penso che lasciare una dimostrazione di indipendenza femminile come lo è stata la sua, sia non da tutti, nonostante le lacune e l'anaffettività... 

Penso che era troppo poco "lei" nell'ultimo periodo, e che come le aquile, non volesse rimanere incastrata in un ambiente dove le sue ali non potessero spiccare il volo... 

36 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Pata... nonostante non sia stata per te una "nonna-nonna" le tue parole sono piene di affetto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che l'acconpagni nel suo viaggio un ricordo in qualche modo positivo WANNABEFIGA

      Elimina
  3. C'è solo da essere orgogliose ad avere una nipote cosi... stanche e provate, ma orgogliose... auguri alla nonna che sentirà il vostro affetto, ancora più intensamente terapico di certe asettiche procedure... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Asettiche e necessarie LAMPOUR, nonostante le sarebbe più semplice vivere un solo viaggio

      Elimina
  4. Cara Patalice, è un piacere sentire parlare il tuo cuore!!!
    Io sono nonno e sarei orgoglioso di avere nipoti come te!
    Un abbraccio forte cara amica, buon fine settimana.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei un uomo profondamente buono TOMASO, i tuoi nipoti parlerebbero di te con molto più trasporto.

      Elimina
  5. Pata, immagino che non sia stato facile il tuo rapporto con questa nonna. In qualche modo assomiglia un pò alla mia nonna paterna, con cui comunque sono andata abbastanza d'accordo ma che non aveva lo spirito nè il carattere nè tutto quanto rendeva speciale e unica la mia nonna materna, che è stata davvero una seconda mamma per me.
    Tu comunque hai saputo descrivere un legame che c'è a prescindere da tutto, dalle incomprensioni e da ciò che è mancato in questo rapporto. Allora ti mando un bacio e spero che le cose vadano meglio possibile per lei, per tuo padre, per te e tutta la vostra famiglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono davvero una scrittrice di livello MARIS allora perché in realtà non sento per lei un coinvolgimento emotivo forte, ma solo umano dispiacere...

      Elimina
  6. Ciao,
    anch'io ho avuto una nonna paterna come la tua.
    Qualche hanno fa è stata male e stava per morire, poi per fortuna si è ripresa. Non è stato facile da una parte mi dice che non potevo star male per una persona che non mi aveva mai dimostrato chissà che, dall'altro canto mi sentivo in colpa per quelle che erano diventate le mie mancanze negli anni, anche se erano una semplice reazione ai suoi comportamenti.
    Buon week end ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jn mi dice sempre che i rapporti famigliari sono una cazzata BORDERLINE, dice che nessuno mai ci può obbligare ad amare... Effettivamente ha ragione lei, ma noi esseri umani siamo pervasi dal senso di colpa perenne...

      Elimina
  7. Parole bellissime e una descrizione commovente e toccante. Anche la mia nonna (l'unica che ho conosciuto) non era una nonna di quelle classiche, anzi, molto aspra e quasi scontrosa...da bambina non la capivo e non provavo affezione. Solo col tempo, e quando era ormai troppo tardi, ho capito che era diventata così per i troppi colpi della vita.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei colpevole dal mio punto di vista PERSONNE... Credo che sia proprio vero che si raccoglie ciò che si semina

      Elimina
  8. Gli anziani sono incredibili, sia nella loro cattiveria, sia nell'estrema bontà che possono avere. Io ci penso a volte, a come sarò. Chissà se prenderà il sopravvento la frustrazione di ciò che non ho fatto, di una vita che si sta esaurendo, di un corpo che non mi risponde più o se invece vinceranno la serenità e la gratitudine. Non è mai facile in nessuna stagione della vita.
    E tu l'hai capito e stai prendendo il meglio di questa donna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MAREVA devo ammettere che quando guardo lei e la SuperNonna mi accorgo di quale profondissima differenza esista tra loro. Ed il ritratto è esatto: la bontà assoluta per la gratitudine di aver avuto (poco per altro...) contro un vero inasprimento dell'anima...

      Elimina
  9. Penso che anche se non avevate un classico rapporto nonna-nipote, questo post dimostra quanto tu l'ammiri, la rispetti e, a modo tuo, le vuoi bene. Spero si riprenda, nel frattempo ti abbraccio forte :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ELENASOFIA c'è stato affetto... Non particolarmente spiccato, ma a suo modo vero

      Elimina
  10. Tesoro bello, anche io con la mia nonna paterna non ho mai avuto il classico rapporto nonna-nipote. Lei era piuttosto anaffettiva e pure piuttosto diabolica. Quella povera Mina ne ha passare di tutti i colori a causa sua e forse anche per questo tra me e lei c'è sempre stato un tetto di cristallo. Le volevo bene, certo e quando è mancata ho pianto. In quell'occasione pensai semplicemente che se ci guardassimo da vicino non esisterebbe ne odio ne amore assoluto.

    Un abbraccio a te

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Socia la vita è fatta di sfumature in generali, che si accentuano quando si tratta di rapporti...

      Elimina
  11. Beh, sei onesta ad aver descritto senza filtri la tua storia con la nonna, per un post davvero umano.
    Speriamo bene, dai!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Umano e colpevole ma senza rimpianti MOZ: lei era questo... Punto!

      Elimina
  12. "Un inno, il suo, alla totale libertà di agire, parlare e comportarsi, che l'aveva condotta all'isolamento, che però lei viveva come un premio... " Mi ci riconosco molto.
    Un post molto amaro. Speriamo che si riprenda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si c'è amarezza e consapevolezza GIULIA, sostanze impegnative alle quali far fronte...

      Elimina
  13. le nonne, nel bene o nel male sono sempre esempi per le nipoti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che Dio mi perdono FEDERICA se dico che proprio lei esempio puro non possa esserlo

      Elimina
  14. tua nonna ti ha lasciato una grande eredità!

    RispondiElimina
  15. Mi dispiace...però le fai un bellissimo ritratto, e riesci a cogliere il suo valore nonostante il carattere aspro e poco accomodante. Evidentemente è stata un esempio importante, proprio perchè era così!! Ti abbraccio forte!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stata un esempio negativo o positivo ELLIE non ha importanza...

      Elimina
  16. Mi spiace Pata... anche se non è stata una vera nonna come quelle della tv, di sicuro ha saputo lasciarti una grande eredità... che è un po' quello che fanno i nonni, che siano affettuosi o distanti... le tue parole, nonostante tutto, sono molto affettuose e allora io ti abbraccio perché nella sua distanza è una persona che ha per te un'importanza... stai vicino al tuo paparotto... un abbraccio forte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente STRAWBERRY Paparotto Gigiotto non merita che profondissima vicinanza...

      Elimina
  17. Nessuno è totalmente positivo o negativo e il carattere si modella con i colpi della vita. E' grazie a lei, con i suoi difetti e la sua ruvidità, che tu esisti e hai beneficiato del grande amore di tuo padre. Vi abbraccio tutti e vi mando pensieri leggeri e colmi d'affetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono assolutamente d'accordo con te ROSMJ...

      Elimina
  18. io ho una nonna sola, ha festeggiato 87 anni due anni fa e l'unico merito che le attribuisco è di avermi dato mio padre.
    Lei non è mai stata nonna e non per il suo carattere aspro, ma perchè non ha mai amato nessuno che non fosse se stessa. Lei è una donna egoista, egocentrica e capricciosa. ma è la mamma di mio padre e per questo mi sforzo di volerle bene e forse un po di bene glielo voglio pure, non lo so.
    Penso a quando starà male ed a come reagirò...
    mi metto nei tuoi panni e mi chiedo come sarò io al tuo posto quando toccherà a me...
    e spero di riuscire a fare come te, a trovare il meglio che posso in lei ed a farne tesoro. Anzi, grazie: il tuo post mi fa capire che sono ancora in tempo, anche se il tempo non è tanto, forse ho ancora la possibilità di conoscerla...e di amarla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabbè, ovviamente 87 anni festeggiati due giorni fa...scusa,la vecchiaia incombe...

      Elimina
    2. Non mi sento "quella brava" STRONZABROOKE, tutt'altro... Penso a tutto l'amore che sono capace di dare e mi trovo in difetto nello scusare frammenti di ideologia alla quale aggrapparmi per avere stima di lei...

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!