martedì 29 ottobre 2013

un buongiorno estremamente riflessivo il mio...

Il problema è che non ci si pone i giusti problemi.

E, con una frase così, ad effetto e sospesa tra il lusco e il brusco, potremmo anche mettere un punto al post e dedicarci alla vita, con il tarlo di una micro riflessione che grattuggia le meningi, con buon dispendio energetico...

Comunque, perché iniziare così un martedì dalla fortissima banalità?
Beh, perché stamattina, tra la tazza di caffèlatte e la fetta biscottata con la marmellata, leggendo un "Vanity fair" datato, sono incapata nell'intervista della Pascale, first lady della neo ri-nata "Forza italia" il "mitico" partito fondato nel 1994 da Berlusconi, bandiera del centrodestra italico, di quella Italia che viveva appieno e di gusto quegli ultimi anni di splendore socioeconomico.

Non volendo fare di questo post una pagina di propaganda a favore o contro, preferisco concentrarmi sulle parole della mia coetanea, Francesca Pascale, che, a torto o a ragione, condivisibilmente o meno, mostra una ferrea volontà ed una determinazione tali da essere quasi in controtendenza con il carattere e le volontà "normalmente" dimostrate dalla nostra generazione.

Ora, io non sono tra quanti dicono che, le giovani generazioni che si affacciano alla maturità, siano una fascina di legna che sarebbe meglio ardere, prima di ritrovarsi nei guai tuttavia non posso fare lo struzzo, e non vedere quanto forte sia il lassismo generale, quanto ancora preponderante appaia la voglia del "tutto e subito", con uno smaccato distacco dalla realtà in cerca di futile luce riflessa che porti in auge la persona senza troppo sforzo.

Che la Pascale dica o meno la verità, che siano le sue affermazioni pura inventiva, o la realtà dei fatti, non mi è dato di saperlo, viste le mie scarsissime frequentazioni ad Arcore, però ho ammirato la sua strenua decisione di "volere Berlusconi" [stacchiamoci, un istante dal destinatario delle attenzioni della signorina, per cortesia, altrimenti facciamo di questo un post di politica invettiva, che è quanto di più lontano possa esserci dal mio intento], il racconto del "filo" fatto al Cavaliere, la perseveranza nell'accostarsi all'obbiettivo, ed il lavoro fatto per arrivarci.


Guardarmi dentro, con tutto il reticolo di dubbi ed ipocrisie che mi porto appresso, con la paura e la sventura di mille manie e di trenta mila asperità, non mi fanno fiero baluardo dell'intraprendenza determinata che vorrei vantare, anzi...

Sempre più spesso metto avanti a tutto quello che vorrei ottenere, una mandria disordinata di "ma", "però", "tuttavia", "domani", un susseguirsi di scusanti e di promesse fatte e rimandate al futuro... che no, decisamente non mi fanno onore.

Quindi, da tutta questa maifrina, la riflessione delle riflessioni...
Non mi pongo le giuste domande, altrimenti sarei costretta a trovare risposte adeguate.

In controtendenzza con questa parte dell'anno, faccio un fioretto tardivo o anticipato...
Mettermi nei miei panni, vestendoli col giusto rispetto che debbo a me stessa, perché se è vero che è VERISSIMO che le cose, comunque vada accadono, è altrsì vero che se non ci mettiamo un minimo di forza di volontà tutto rimarrà SEMPRE così com'è... 

38 commenti:

  1. non credo che la "ferrea" determinazione sia sempre ammirevole a prescindere.

    la dicotomia tra obiettivo e mezzo per arrivarci, secondo me, è giustificabile fino ad un certo punto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. assolutamente d'accordo con te

      Elimina
    2. Assolutamente d'accordo. Senza perdere di vista che esistono obiettivi "nobili" e altri un tantinello meno.

      Elimina
    3. MAREVA, come spesso accade, concordo in pieno con quanto dici, ci sono obbiettivi più o meno importanti, si quali dare il peso che meritano a seconda di quello che danno e dicono.
      Quindi capisco che JEANLOUPVERDIER ed ANGIE abbiano remore nel leggere differenti pesi mettendo sulla bilancia varie situazioni, ma non posso fare a meno di pensare lecito i mezzi, quando ad applicarli sono persone di e con senno.

      Elimina
  2. ih ih tutti di noi facciamo delle promesse a noi stesse ma poi alla fine abbiamo forte scusanti per non farle .. ci si promette sempre qualcosa ma alla fine andare avanti è difficile .. spero tu riesca a mantenere il tuo fioretto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo auguro per me stessa MARIALUISA, l'ultima cosa che vorrei per me stessa è l'ombra di un rimpianto!

      Elimina
  3. che è VERISSIMO che le cose, comunque vada accadono, è altrsì vero che se non ci mettiamo un minio di forza di volontà tutto rimarrà SEMPRE così com'è...

    Verissimo davvero. Altro che destino e cavolate varie :S se non fai niente non puoi aspettarti niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ebbene si FOLLE, la vedo nel tuo stesso identico modo!

      Elimina
  4. In effetti hai concluso in modo giusto il post: è questa la cosa da fare, mettersi nei propri panni, sporcarsi le mani e darsi da fare se no col cavolo che cambiano le cose!
    Baci, riflessiva Pata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre troppo facile legarsi a "deve andare come deve andare" MARIS, io non sono più d'accordo!

      Elimina
  5. Cara Patalice, credo che il tuo carattere sia non sempre facile da controllare!!! ma la cosa bella è che riesci sempre a essere molto simpatica:) buon püomeriggio cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai più che ragione buon TOMASO, non ho un'indole semplice alla quale far fronte!

      Elimina
  6. Sottoscrivo l'ultima frase. In pieno. Trovare l'equilibrio, inseguire con determinazione i propri sogni senza farsi prendere dall'ansia di far accadere cose che non sono in nostro potere. A parole sono bravissima Socia. Magari imparassi sul serio a metterle in pratica! :)

    Ti bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però manco rimanere sempre sul "chi va la" Socia PRINCESS, con la scusa delle scuse del "io sono fatta così" non mi va più...

      Elimina
  7. Sai una cosa? Mi sono trovato un paio di giorni fa nella tua stessa situazione pensierosa, e anche io sono arrivato alla tua conclusione.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo personcine di grande spessore MOZ caro

      Elimina
  8. incespico nella tua stessa riflessione pata, con l'aggravante della fase pre mestruale e un'insoddisfazione personale che non riesco a domare a causa di quel susseguirsi di se, ma e però. Dall'alto della mia presunzione ho grandi progetti, ma escogito scusanti e giustificazioni per non realizzarne nemmeno uno.
    Forse è proprio quella forza di volontà che mi manca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E da qui prende il via la domandina BETTY: si impara la forza di volontà?! La si ottiene?! Mah... Mi auguro che si, ma non ne ho ne la certezza ne un qualdirsivoglia prova. Mi limito a sperarlo, così fa non fare delle mie azioni e della mia strada uno spreco.

      Elimina
  9. Giusto, giustissimo se non ci si da una bella smossa non accade nulla e rimaniamo ancora lì ad osservare ciò che abbiamo dietro senza aver la forza di guardare avanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È normale trovarsi mille attenuanti MICHELA, ma perché?!

      Elimina
  10. se la signorina pascale si fosse trovata a combattere la battaglia che combatti tu TUTTI I GIORNI non avrebbe il sorriso che ostenta in ogni foto di quel servizio. e no acciughina, non lo giustifico sto senso di incompletezza che ti ritrovi. quello è parte della vita. forza di volontà? inadeguatezza? obbiettivi non raggiunti? e allora? io ho quasi 50 anni, tante le cose che sognavo, che avrei voluto che mi spettavano. non ci sono. ma io sono qui. anche io avrei dovuto lottare per fare e avere ma non l'ho fatto. per pigrizia? forse. per timidezza? bo. e poi qualche tempo fa ho capito. Io ho lottato. per avere quello che più di ogni altra cosa mi premeva, mi scaldava, mi rendeva felice. la mia famiglia, la mia vita, me. ora a questo punto non voglio, e non potrei fare un bilancio, sono ancora giovane. ma chi vicino a me era determinata, lottava, combatteva per altro ora ha forse altro e sta bene così. io ho l'amore dei miei figli, l'amore di un compagno, l'amore dei miei fratelli e mia mamma., il ricordo bellissimo di un uomo che mi ha amato e che mi ha fatto dono die miei 4 gioielli. tu combatti una lotta impari. quindi non farti prendere dallo sconforto se non raggiungi obbiettivi che possono sembrarti giusti, lo sono magari, riserva le tue energie a cose importanti, come già fai e continua così...ti voglio bene, ma tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo discorso MGG64 ha quella forza che sà imprimere alle cose solo chi ha lottato, molto e con le unghie acuminate! Non so che ne sarà di me, non so se ho scelto il giusto piano da seguire per risollevare le sorti, ma so che non mi arrendo, so che la mia via ha una sua direzione... La cerco!
      Ti voglio bene anche io

      Elimina
  11. La determinazione penso sia fondamentale MA deve essere determinazione sana al fine di raggiungere un certo tipo di obiettivi! Ciao cara :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh ELENASOFIA la determinazione è determinazione... Ovvio è che non sempre è legata a nobili obbiettivi, ma quello chi può dirlo?!

      Elimina
  12. mah.... da una che per vivere fa pompini a berlusconi non accetterei consigli ne ispirazioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua risposta KERMIT non è sensata.

      Elimina
  13. La volontà... sarà questa che mi frega...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condizione facile a dirsi WANNABEFIGA, ma assai ardua da viversi

      Elimina
  14. Noi ci crediamo poco, è vero.
    me lo sono scritta ovunque: volere è potere. Senza scuse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È che credere EMME richiede sempre una massiccia dose di impegno, dedizione e lavoro... Una faticaccia insomma!

      Elimina
  15. Pur non condividendo il modello/esempio/musa ispiratrice della tua riflessione, sono d'accordo nella sostanza: per avere ciò che si vuole bisogna impegnarsi. E però a volte non basta, o meglio, a volte le cose non vanno come ci si aspetta che vadano. E allora, io credo, più ancora che la forza di volontà e la determinazione, è importante l'elasticità e la capacità di trasformare ciò che si ha in ciò che si vuole avere, se questo permette di essere felici, anche in modi che fino a quel momento non si era sospettato potessero esistere. Anche questo, anzi forse ancora di più questo, impone un lavoro e una faticaccia incredibili!
    Un bacio a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai detto che la Pascale fosse il mio idolo VALERIA, banalmente ho preso lei ad incipit ideale, ispirata certamente anche da un suo determinato dire.
      Comunque, penso tu abbia colto nel segno parlando di una determinata realtà non assioma assoluto di quella da noi scelta per noi stessi, ma che ci conduce comunque alla felicità!

      Elimina
  16. Se contassi tutti i "ma" che sento dire da me stessa e che sento dire dagli altri ogni giorno penso ci potrei riempire ogni post che scrivo. MA la vita, mia cara Pata, è un'altra cosa. Non è fatta dalla determinazione di una giovane che vuole conquistare il suo obiettivo disgustoso. Quindi ti prego non prenderla come esempio. Che sia lei o che sia qualsiasi altra persona. Di esempi determinati ce ne sono a sfare, dal missionario africano alla baby sitter emigrata in cerca di fortuna all'estero. L'unica cosa che a volte possiamo fare è tirarci su le maniche nella nostra realtà e guardare dritto davanti a noi. In bocca al lupo Pata!
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso non si sia captato ciò che ho scritto MIRTILLO, ma ci sta anche che non si sia davvero letto quanto ho scritto...
      Ciò detto nessun esempio preso a baluardo della mia esistenza, e non mi servono extracomunitari per missionari per rimettere posto nella prioritarieta delle figure dalle quali farmi influenzare, basterebbero i miei genitori, poveri in canna ed orfani, che si sollevano da soli da una polvere di nascita vischiosa ed, apparentemente, inabile al successo!

      Elimina
  17. La riflessione sulla scarsa forza di volontà la faccio spesso quando vedo i miei genitori e tutti i parenti della loro età che hanno fatto davvero sacrifici per avere quello che hanno e spesso solo grazie alla forza di volontà. Io credo di averne abbastanza, non quanta vorrei però. In generale penso che siamo talmente abituati bene (come generazione) che ci adagiamo proprio su quel lassismo di cui tu parli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La famigerata "pappa pronta" SIBONEY ha inficiato in modo del tutto negativo su di noi, ma siamo ancora in tempo per il riscatto!

      Elimina
  18. ciao, grazie della visita al mio blog, verro' a leggere con calma il tuo post molto interessante......
    buona giornata e buon weekend! :)

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!