venerdì 13 settembre 2013

tira e spingi escono cappuccino e brioches

Seduta dallo Strizza 2.0
Arriviamo subito al fulcro: pare che io tiri invece che spingere.
Il che va benissimo, ma non se vuoi aprire una dannatissima porta.
Ed io, che quella porta la vorrei spalancata, debbo cambiare registro se voglio superare l'empasse.

Ma andiamo con ordine: me ne vado tutta tronfia dallo Strizza, consapevole del fatto di non sapere come arginare i miei desideri e le mie aspirazioni, ma assolutamente convinta nel volerli.
Si accendono i riflettori [non solo metaforicamente...] ed io mi spertico nella ricerca matta e disperatissima di risposte, e poi lui, con la sua banalità del cavolo mi snocciola il quesito fondamentale, la base di tutte le basi, la pastafrolla della crostata: le cose più belle che hai le hai ottenute lottando con le unghie e con i denti?

8 secondi di riflessione, durante i quali nel mio cervello si scatena un'orda barbarica che non si vedeva dai tempi di Vercingetorige, ed io penso a Brivido.
A quanto tutto sia stato incredibilmente semplice e malleabile con lui, a quanto il nostro rapporto sia sbocciato senza complicazioni, senza menate, senza che io mi dovessi sforzare di essere nessuno... 
Poi penso a Jn, alla nostra amicizia sempre più forte, slegata e scollegata dal vincolo famigliare, ma comunque rinsaldata in esso.
Ed ancora a R-Dog, che ho voluto e scelto, ma che si è rivelato la rivelazione, un cane meraviglioso, che mi riempie di gioia amore ed orgoglio.

Le tre cose più belle della mia vita, in termine di rapporti, non hanno avuto bisogno del mio impegno e della mia cocciutaggine, semplicemente si sono create... 
Certo, ci vogliono impegno e dedizione giornaliere per far si che continuino ad esserci, ma sono venute "così"... perché dovevavno venire.

E stiamo solo trattando di rapporti umani, perché se ampliamo il cerchio potrei addurre altri esempi.

E qui mi si ribalta il mondo, perché io credo nella meritocrazia, nella perseveranza, nella forza della determinazione, nel per avere quello che vuoi devi combattere... e qui pare tutto andare a ramingo, ed io inerme lì, sotto una pioggia di luoghi comuni spazzati via, e neppure un ombrello a proteggermi...

Come si fa a lasciare che le cose capitino?
Come si fa a non pensare ogni giorno a quello che fortissimamente vorremmo?
Come si fa a non crogiolarsi nella mestizia più nera quando ciò che sogniamo non ci viene recapitato a casa, nonostante si sia fatto tutto il possibile?

Risposta: prenditi cappuccino e brioches e gustali come se fossero il primo e l'ultimo della tua esistenza.

...

Se credete che il mio Strizza sia un farneticatore folle, tranquilli, anche io alle volte ho questa visione delle cose, ma l'avermi dato "un compitino" a casa, accettando, da terapeuta, che la mia mente va nella direzione dell'agire per forza, a me fa stare proprio bene.

Ergo imparerò a gustarmi cappuccino e brioches, senza pensare "Che bello lo mangio e metto su un po' di peso", senza pensare nel frattempo cappuccino=latte=allattamento.
NO
SEMPLICEMENTE GODENDOMI STO CAZZO DI CAPPUCCINO E BRIOCHES

...auguratemi buona fortuna...

21 commenti:

  1. ah, okay.

    è tutta una roba di destino, attese sulla riva del fiume, carpe diem, "keep calm and...", etc...

    la facevo più difficile ('sta vitaccia).

    bene.

    RispondiElimina
  2. Pare proprio che questi Strizza li facciano con lo stampino Socia cara. Però un pochettino la cosa mi consola. Vuol dire che qualche fondo di verità c'è. Il succo, in soldoni, è: goditi la vita e non farti seghe mentali. Anche io, come te, credo nell'impegno, nella dedizione, nella meritocrazia. Mai creduto nella botta di culo. Forse è il caso che ci rilassiamo un tantinello io e te. Forse così le cose belle arriveranno da sole.
    Poi se non arrivano denunciamo Sciattaman e il tuo Strinzza. Ecco.

    Bacio tesoro

    RispondiElimina
  3. D'accordo con tutti gli Strizza. Il succo della felicità pare stia tutto qui. Non è per niente semplice, ma avete presente i nostri amati cagnolini? Loro quando fanno una cosa, FANNO QUELLA COSA, non la fanno pensando alle prossime tremila cosa da fare o a tutte le conseguenze di quello che fanno, o a tutti i ricordi che fare quella cosa gli fa venire in mente. Loro semplicemente vivono il momento presente e se lo godono alla grande. Io in questo periodo mi sto proprio impegnando a vivere come Trovatello, che è l'equivalente di godersi il cappuccino e le brioches. Non pensando che io in quel momento magari vorrei TANTO una sfogliatella con le mele al posto della brioche. Io ho la brioche, per ora c'è questa, tanto vale mangiarsela con gusto. Bacio...

    RispondiElimina
  4. Pata cara..se sai come rispondere a quelle domande..passami il telefono del tuo strizza.Perchè io sono nella mestizia più nera e sono veramente stanca. Faccio faccio faccio..sacrifici rinunce e che cavolo ho avuto in cambio?Porte chiuse in faccia o porte chiuse a doppia mandata che solo altri posson aprire.
    Io ho lottato con le unghie e coi denti per ogni singola cosa della mia vita,ogni fottutissima singola cosa che per altri era normale,semplice e scontato avere.
    E non riesco a prendere cappuccino e brioche(non digerisco latte e caffè ahimè) pensando solo a gustarmeli senza retropensieri..senza pensare che oggi cappuccino e brioche,domani?

    RispondiElimina
  5. porte da spingere, porte da tirare.
    beati chi hanno porte ad apertura automatica, mi viene da dire.
    eh... oggi gira così, profonda e cerebrale come uno sketch di MrBean.

    RispondiElimina
  6. Se come compito a casa dessero anche a me di mangiare un cornetto con cappuccino, non me lo farei scappare di certo :P
    Comunque sia,
    Buona fortuna :)

    RispondiElimina
  7. Dal bassissimo della mia piccola ed insulsa esistenza, ti dico che le cose capito quando pensi ad altro. Tipo che sei concentrata solo su te stessa e poi così dal nulla ti trovi davanti qualcuno che ti fa vedere il mondo da un'altra prospettiva, e tu non te lo aspettavi mica, ma è capitato.
    Anche io sono assolutamente e fermamente credente nella perseveranza, nella costanza, nel rimettersi sempre in gioco con anessi vari. Però ho imparato che certe volte bisogna semplicemente sedersi e ad aspettare, godendosi quel momento, che altrimenti se sei sempre di corsa, le cose inaspettate come fanno a capitarti? :)

    Un bacio Compare e buon cappuccino e brioche!
    (che fameeeee.... e sono appena le undici e un quarto.....sigh....)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *capito=capitano.
      Sai com'è...pare sia precisina,io. :P

      Elimina
  8. Godersi il momento, sembra di una banalità esagerata, ma seriamente chi di noi gentili pulzelle è in grado di farlo? Penso nessuna!
    Pare che il cervello femminile sia programmato per essere proiettato perennemente nel futuro, pieno di progetti, pieno di idee. Il rischio e che ci si perdono le cose belle, che non ci si goda il cappuccino!
    Io non sono sempre capace di godermi il qui e ora, ma ci provo, cerco di godermi il momento, perchè, come per te anche a me le cose più belle sono arrivate con serenità, senza lotte, Marito è arrivato così, Amica e Amico anche, allora, perchè lottare sempre in ogni momento, per ogni cosa? Certo, non dico di sprofondare nell'apatia più becera del mi becco quello che capita, ma nemmeno nei trip mentali del sarei o dei vorrei, che sono deleteri! "Io sarei più felice se..." "Io vorrei che questa cosa fosse..." .
    La mia strizza diceva che il nostro subsconscio cerca e ottiene quello di cui ha bisogno, se ha bisogno di elaborare una separazione (magari avvenuta in tempi antichi e di cui si è persa la memoria) cercherà un uomo che la lascerà e la tratterà di merda!! Il nostro sub. è un po' stronzo in realtà ( conclusione raggiunta dopo anni di terapia! :)
    E cmq goditi la colazione anche per me che sono a dieta e non mi posso concedere il cornetto.
    V.

    RispondiElimina
  9. Buona giornata cara simpaticissima Patalice!
    Tomaso

    RispondiElimina
  10. Buon cappuccino e brioche mia cara...:) proverò a fare come te anche io, sia mai, che tale compito mi porti ad essere più rilassata... Un bacio e un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Goditi la colazione ;)
    E buona fortuna, mia carissima Pata <3

    RispondiElimina
  12. Goditelo cara. E poi passa ai pancake (la mia ultima fissa).

    RispondiElimina
  13. E andiamo di cappuccino e cornetto, che tutto va alla grande! In bocca al lupo per tutto!

    RispondiElimina
  14. Beh, cappuccino e brioches possono essere il regalino che dobbiamo farci ogni giorno, da gustarci e godere!^^

    Moz-

    RispondiElimina
  15. Buona fortuna!:) Io lo trovo un percorso interessante...ascolta bene il tuo strizza, per me ti dà buoni consigli [Liz che lo dice perché servirebbero anche a lei *cough cough*:D]

    RispondiElimina
  16. Buona fortuna e buona colazione..la prima e l'ultima della tua vita! Quasi quasi mi piace il tuo Strizza..
    la zia Consu

    RispondiElimina
  17. Non saprei.. Forse sì, è fatto meglio ma comunque mi sono affezionata a monsters & co. e quando posso lo riguardo sempre :3

    RispondiElimina
  18. Che poi, sembra facile. Ma per esempio io non ci riesco mai.
    Buona fortuna, Pata.

    RispondiElimina
  19. Buonissima fortuna, Pata, con tutto il cuore!
    E cornetto e cappuccino in santa pace spero che tu te li sia goduti!!

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!